Connect with us

La nostra prima pagina

Cambiare volto

Pubblicato

:

Focus sull’apporto di Kolarov alla causa giallorossa. 

PROLOGO

Si è rivelata essere una trattativa velocissima quella che ha portato l’abile esterno basso di nazionalità serba nella capitale d’Italia. In verità, il termine corretto da utilizzare, però, sarebbe ‘riportato’, in quanto il ragazzo aveva già vissuto un’intensa esperienza nella capitale la quale, successivamente, l’aveva proiettato ad un livello ancor superiore, consegnandolo al Manchester City in cambio della cospicua cifra di 22.7 milioni di euro (dati rilevati da transfermarkt.it).

La stagione 2016/2017, tuttavia, è stata l’ultima disputata in carriera con addosso la divisa dei Citizens: il tecnico Pep Guardiola, difatti, ha voluto attuare una severa ristrutturazione della squadra ed a farne maggiormente le spese sono stati proprio i terzini, come Zabaleta, Sagna, Clichy e Kolarov; tutti venduti, svenduti o svincolati.

“Kolarov mi ha aiutato molto la scorsa stagione in tante cose, ma ha avuto questa grande possibilità di tornare a Roma, dov’era prima, e ne ha parlato a me e al club chiedendo di partire.

Non mi piace lavorare con i giocatori che non vogliono rimanere, e per questo è la migliore scelta per tutti… Vorrei il meglio per lui perché è davvero un bravo ragazzo, abbiamo avuto un ottimo rapporto. Sono onorato di averlo allenato e auguro il meglio a lui e alla sua famiglia”.

Parole di circostanza o sentite?

Sentite, probabilmente. Il 31enne di Belgrad è stato infatti una vera e propria risorsa per il tecnico iberico durante l’ultima stagione disputata in Inghilterra, tanto da essere impiegato ben 40 volte in campo: 16 da terzino sinistro e 24 da difensore centrale; ruolo affibbiatogli dal coach per necessità tecnica.

AI NASTRI DI PARTENZA

Alexsandar Kolarov torna pertanto nella città che lo aveva fatto divenire grande e che lo aveva visto spiccare il volo una volta consacratosi; la sponda, però, è quell’opposta.

Il suo arrivo suscita, dunque, sentimenti contrapposti: v’è chi sembra felice del suo arrivo per il profilo tecnico, e chi appare scettico a causa del suo passato laziale.

La sua opinione, invece, da grande professionista è tanto basilare quanto corretta:

“La Lazio è stata una bella esperienza, però da oggi loro sono miei rivali sul campo”.

Nulla di più giusto. Cinque milioni di euro al Manchester City, firma e si parte. Un affare impeccabile.

Il ragazzo stesso, nonostante il ruolo non lo aiuti sotto il punto di vista del goal, impiega solo una giornata per entrare nel cuore dei suoi nuovi tifosi che una volta osservava sotto la veste dei rivali. È infatti il 70′ minuto di Atalanta-Roma quando l’ex-Lazio si prende la responsabilità di battezzare in rete una punizione appena guadagnata; quella sarà l’unica rete del match e sancirà una tutt’altro che scontata vittoria sul campo degli orobici. E siamo solo all’inizio…

CAMBIARE VOLTO AD UNA SQUADRA

La Roma di Di Francesco, durante l’attuale stagione, non è mai stata considerata come una delle principali corazzate del campionato italiano: l’addio dell’allenatore, il cambio di dirigenza, l’abbandono di Rudiger, Szczesny e Salah sono tutti fattori che hanno portato – agli occhi della stampa e dei tifosi perlomeno – ad un ridimensionamento eccessivo per sperare di poter puntare allo Scudetto. Per non parlare della Champions League: come superare un girone di ferro con team del calibro di Chelsea ed Atletico Madrid nel medesimo gruppo?

Tuttavia, ad oggi, in rapporto ai pensieri datati agosto 2017, gli eventi sembrano aver preso un’altra piega ed il neo-acquisto della Roma sembra aver contribuito non poco a questo spostamento di equilibri.

La situazione in Serie A vede la squadra giallorossa appaiata a 18 punti, quinta in classifica. Peccato che le manchi una partita da giocare la quale, in caso di vittoria, proietterebbe la squadra ad appena un punto dalla Juventus esacampione d’Italia. Il serbo, sino ad ora, ha recitato un ruolo chiave, portando a Di Francesco & co. numerosi punti in cascina; oltre al gol contro i nerazzurri di Bergamo, Kolarov ha deciso anche la sfida contro il Torino di Mihajlovic, sempre attraverso una punizione al minuto 69′.

Non dimentichiamo, inoltre, il fondamentale apporto fornito contro Verona e Benevento, dove l’ex-Manchester City ha regalato ai propri compagni di squadra ben 3 assist in 2 gare, candidandosi come uno dei migliori esterni bassi del torneo.

Arrivato per rimpiazzare Emerson Palmieri, il serbo ha prepotentemente assunto il dominio della fascia senza alcuna intenzione di lasciarla andare; doveva essere un rincalzo ed, invece, prestazioni e statistiche sono tutte schierati dal suo lato:

89% di passaggi completati con:

  • 15 passaggi chiave messi a segno (8 Ricardo Rodriguez, 4 Alex Sandro e 19 Ghoulam);
  • 17 occasioni offensive create (8 Ricardo Rodriguez, 6 Alex Sandro e 22 Ghoulam);

75% di duelli aerei vinti (75% Alex Sandro, 70% Ghoulam, 36% Ricardo Rodriguez);

12 palloni intercettati (7 Ricardo Rodriguez, 6 Alex Sandro e 10 Ghoulam).

In Champions League, inoltre, il peso specifico del ragazzo si è avvertito in maniera ancor più pesante durante la pirotecnica trasferta vissuta allo Stamford Bridge. Sotto per 0-2, è stato proprio il terzino protagonista di questo focus a dettare la reazione dei suoi attraverso il gol che ha accorciato le distanze e l’assist per la momentanea rimonta del 3-2.

Un vero leader tecnico e carismatico su cui la squadra può fare affidamento nei momenti bui ed in quelli positivi.

http://gph.is/2h1LI1g

Non è stato né Kardsorp, né Gonalons, né Pellegrini, né Under, né Defrel o Schick – nonostante gli oltre 40 milioni spesi – il miglior acquisto dei giallorossi: il top player tanto atteso è arrivato in sordina, mantenendo un basso profilo in sala stampa, ma alzando la testa quando la posta in palio si fa pesante.

Bentornato in Italia, Alexsandar Kolarov.

Un top player silenzioso, ma assai efficace.

 

Continue Reading
Commenta

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Flash News

Sampdoria, CdA confermato: il comunicato ufficiale

Pubblicato

:

Sampdoria

Con un comunicato ufficiale la Sampdoria ha confermato, dopo la riunione che si è svolta nel pomeriggio, l’attuale Consiglio di Amministrazione. Ecco la nota ufficiale del club ligure:

Il Consiglio di Amministrazione di U.C. Sampdoria S.p.a. si è riunito questa mattina, nella sua interezza e alla presenza del Collegio Sindacale, per deliberare l’approvazione della situazione patrimoniale intermedia al 30 settembre 2022 ai sensi dell’art. 85 delle Norme Organizzative Interne della FIGC (NOIF).

Il CdA all’unanimità ha confermato l’attuale governance della società e la piena coesione interna e la massima fiducia nell’operato di tutti i dirigenti che hanno agito e agiscono nell’esclusivo interesse del club. In questo momento storico il CdA ribadisce infine l’importanza di mantenere una imprescindibile unità di intenti tra tutte le componenti“.

Continua a leggere

Flash News

Report allenamento e convocati Turris per la sfida con la Fidelis Andria

Pubblicato

:

Juve Stabia

Domani sera alle 21 andrà in scena allo stadio Liguori, TurrisFidelis Andria, match valevole per la sedicesima giornata di Serie C – Girone C. I corallini proveranno a dare continuità alla vittoria ottenuta contro il Messina davanti ai propri tifosi. Oggi pomeriggio la squadra ha svolto la sessione d’allenamento in vista dell’impegno di domani.

LA TURRIS SI PREPARA ALLA SFIDA CONTRO LA FIDELIS ANDRIA

La Turris domani cercherà di ottenere la seconda vittoria consecutiva, e potrà sfruttare l’entusiasmo della sua tifoseria per spingersi verso un risultato positivo. Poco fa è stato diramato il report sull’allenamento odierno della Turris tramite i canali social della società campana.

“Prosegue la preparazione in vista della gara di domani sera con la Fidelis Andria. La squadra ha svolto un allenamento questo pomeriggio allo stadio Liguori. Il lavoro si è articolato in due fasi. Nella prima il gruppo ha svolto lavoro di attivazione e velocità nell’altra prove tattiche sulla fase di non possesso e sulle uscite difensive. Sessione finale dedicata ai calci piazzati”.

Questo il comunicato in merito all’allenamento svolto nel pomeriggio dalla Turris in vista della sfida contro la Fidelis Andria.

I CONVOCATI DELLA TURRIS PER LA SFIDA CONTRO LA FIDELIS ANDRIA

I corallini oltre al report hanno diramato anche l’elenco dei convocati per la gara contro la Fidelis Andria. Non figurano tra i convocati i seguenti giocatori a causa di un infortunio: Di Nunzio, Santaniello, Taugourdeau, Finardi, Invernizzi, Aquino e Varutti.

Questa la lista dei convocati:

Portieri: Donini, Fasolino, Perina

Difensori: Boccia, Contessa, Frascatore, Manzi, Vitiello

Centrocampisti: Acquadro, Ardizzone, Di Franco, Ercolano, Gallo, Haoudi, Primicile

Attaccanti: Giannone, Leonetti, Longo, Maniero, Nocerino, Stampete

 

Continua a leggere

Flash News

Olanda, parla Van Dijk: “Si può e si deve fare meglio”

Pubblicato

:

Con la vittoria di oggi contro il Qatar, l’Olanda si conferma al primo posto del Gruppo A e passa agli ottavi di finale. Nella conferenza stampa post partita ha parlato il capitano dell’Oranje Virgil Van Dijk, non totalmente soddisfatto delle prestazioni della sua squadra. Ecco le sue parole:

Volevamo acquistare fiducia con questa partita e penso che ci siamo riusciti. Sapevamo di dover far meglio, soprattutto dopo l’Ecuador. È chiaro che non possiamo più permetterci una giornata così negativa. Ovviamente potevamo fare meglio oggi, ma non abbiamo concesso molto e siamo riusciti a concludere la partita senza subire gol. Ci sono stati dei momenti in cui abbiamo lasciato troppi spazi nel mezzo, abbiamo anche perso alcuni palloni rischiosi nei primi venti minuti. La sensazione è che si possa e si debba ancora fare meglio. Lavoreremo per questo. Forse questa fase del torneo ci insegnerà qualcosa“.

Continua a leggere

Flash News

La nota di Allegri: “Ringrazio Elkann, grande amicizia con Agnelli”

Pubblicato

:

Juventus

Prime parole del tecnico dei bianconeri, Massimiliano Allegri, in seguito alla dichiarazione rilasciata oggi da John Elkann. Parole di ringraziamento a cui seguiranno di certo altre dichiarazioni nella prossime ore.

“È sempre molto positivo sentire la vicinanza degli azionisti e, quindi, ringrazio John Elkann per queste parole. In questi anni di lavoro, passione e vittorie, ho sempre potuto contare sul sostegno di Andrea Agnelli, al quale mi lega un rapporto di amicizia, che non si interromperà con la fine della sua presidenza. Andrea e John sono figure di riferimento per il mondo bianconero che deve rimanere concentrato sul lavoro quotidiano in campo per ottenere i risultati che tutti vogliamo”.

 

Continua a leggere
Advertisement
Advertisement

I nostri approfondimenti

Giovani per il futuro

Esclusive

Fantacalcio

Serie A

Trending

Scarica L'App

Copyright © 2022 | Testata giornalistica n.63 registrata presso il Tribunale di Milano il 7 Febbraio 2017 | numero-diez.com | Applicazione e testata gestita da Número Diez SRL 12106070969