Connect with us

Calcio Internazionale

Vidal e Felipe Melo protagonisti di una rissa in Brasile: i dettagli dell’accaduto

Pubblicato

:

Felipe Melo

Se si pensa ad un derby molto sentito e bollente del Sudamerica, è molto difficile non pensare, in maniera abbastanza diretta, al Fla-Flu. Lo storico derby di Rio de Janeiro, che mette di fronte due delle squadre più iconiche del calcio verdeoro. E che, da decenni, è sinonimo di emozioni, ma anche di episodi molto contestati e di una tensione altissima.

Nell’ultimo Fla-Flu, come se non bastasse, si è aggiunto un’ulteriore motivo di contesa. In un campionato dominato dal Palmeiras, schiacciasassi del raggruppamento, Flamengo e Fluminese occupano la terza posizione, entrambe a 45 punti. A -9 dal Palmeiras primo, -1 dall’Internacional secondo e +1 dal Corinthians quinto.

Il Fla-Flu della 27ª giornata è stata l’occasione per una resa dei conti. E quale migliore ambientazione per un match tale, se non il Maracanà: nell’occasione, casa del Flamengo.

Dopo solo 6 minuti arriva una prima anticipazione di ciò che avverrà nei minuti finali. David Braz, difensore del Fluminense, viene espulso per doppia ammonizione, a causa delle eccessive proteste. Nonostante l’uomo in meno, sono proprio gli ospiti a siglare la rete del vantaggio, con Ganso su calcio di rigore.

Nella ripresa un duro intervento di David Luiz e Arturo Vidal atterra Caio Paulista, indirizzato verso la porta, e fa scoppiare la prima grande polemica della serata, per un rigore non fischiato al Fluminense. Alla mezz’ora della ripresa Nathan ammutolisce i tifosi di casa con la rete del raddoppio. Ma Gabigol, vecchia conoscenza dell’Inter e bomber del Flamengo, accorcia le distanze a 7′ dalla fine. La rete è la scintilla che dà il via a nuove polemiche.

Dal minuto 86 in poi, la situazione diverrà esplosiva. Il centrocampista rossonero Marinho atterra Ganso in maniera dura ed è l’occasione per la prima maxi-rissa della serata. Felipe Melo, in forza al Fluminense, tenta di difendere il suo compagno immettendosi nella mischia e alimentando il parapiglia. Scattano due cartellini rossi: uno per Marinho (Flamengo), l’altro per Manoel (Fluminense).

Felipe Melo la passa liscia e questa cosa lascia qualche ruggine, che invece di placare, infiamma la protesta. Al 90′ proprio Melo arriva faccia a faccia con l’ex-Chelsea David Luiz. Gli animi si scaldano nuovamente, con Arturo Vidal che, in veste di paciere, separa i due giocatori. Al termine di un nuovo confronto fisico tra le due squadre, ancora un rosso per parte: salutano Caio Paulista (Fluminense) e Everton Ribeiro (Flamengo). Felipe Melo riesce a farla franca ancora una volta. Ed il suo Fluminense porta a casa l’intero bottino del Fla-Flu, staccando i concittadini e proseguendo in solitaria la rincorsa all’Internacional. E, ovviamente, al Palmeiras.

Continue Reading
Commenta

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Calcio Internazionale

Messi, proposta importante del PSG per il rinnovo

Pubblicato

:

Chi ha il contratto in scadenza nel giugno 2023

Lionel Messi è sempre un tema caldo e soprattutto in queste stagione ci saranno risvolti interessanti. Il fenomeno argentino è in scadenza di contratto con il PSG e il Barcellona sembra pronto al grande ritorno a parametro zero. Secondo quanto raccolto da El Larguero, però, i parigini sarebbe pronti a una nuova follia economica per avere ancora a propria disposizione le prestazioni del Diez.

Il PSG offrirebbe il rinnovo per un ulteriore anno sempre con un stipendio simile all’attuale intorno ai 30 milioni annui. L’argentino prende tempo prima di formalizzare il tutto e nel frattempo si concentra sull’arrivare nella miglior condizione possibile al Mondiale. La possibilità che sia la sua ultima chance di vincerlo con l’Argentina è concreta e Messi sembra che abbia anche la squadra giusta per provarci seriamente. In Nazionale il rendimento dell’ex Barcellona è stato sensazionale con altre due doppiette nelle amichevoli appena giocate.

Continua a leggere

Calcio Internazionale

Pogba, accuse dall’ex agente di van de Beek

Pubblicato

:

Juve

Paul Pogba è sempre al centro dell’attenzione anche quando è fuori per infortunio. In questo caso è stato accusato da Guido Albers di alcune negligenze ai tempi del Manchester United. L’olandese è l’ex agente di Donny van de Beek, attuale centrocampista dei Red Devils. In un’intervista a Voetbal Primeur ha confessato l’episodio:

“Doveva competere contro Paul Pogba per giocare, ma il francese si è presentato in ritardo in ritiro, si è scusato e gli è stato permesso di giocare di nuovo. Invece Donny si è allenato dieci ore al giorno per otto settimane per dimostrare di essere abbastanza bravo. In Olanda, Donny ha ricevuto tutto l’apprezzamento, si è comportato bene ed è stato molto apprezzato dai tifosi. Al Manchester United non ha mai giocato. Il rapporto tra lui e il club si è davvero raffreddato molto”.

L’episodio è stata la goccia che ha fatto traboccare il vaso e che ha fatto decidere van de Beek nel lasciare il Manchester United. L’ex Ajax, infatti, a gennaio è passato in prestito all’Everton dove ha giocato senza brillare per sei mesi prima di tornare all’ombra dell’Old Trafford.

Continua a leggere

Calcio Internazionale

Henry è apertamente contro il VAR: “Uccide la gioia del gioco”

Pubblicato

:

Thierry Henry, ex leggenda dell’Arsenal e della nazionale francese, è stato intervistato recentemente da Leaders Week sport business, un settimanale londinese.

Uno dei tanti temi trattati dall’ex attaccante anche – tra le tante – di Juventus, Barcellona, NY Red Bull, è stato il VAR. Dalle sue parole si è capito che non è un grande estimatore della nuova tecnologia in sostegno degli arbitri:

Il Var uccide la gioia del gioco, non è abbastanza veloce. Dopo aver segnato, non sai nemmeno se esultare. Esulto? Non esulto? Nel calcio siamo sempre indietro, abbiamo tanto da imparare”.

Insomma, citando un cartone animato, “il VAR si è fatto un nuovo nemico potente”.

Continua a leggere

Calcio Internazionale

In Brasile è nata una nuova stella: chi è Marcos Leonardo del Santos?

Pubblicato

:

Il Brasile è sempre stata una nazione fucina di tante promesse del calcio: oggi andremo a parlare di Marcos Leonardo del Santos. Il giovane attaccante, a soli 19 anni, sta conquistando le attenzioni di tutti grazie ai suoi gol ed alle sue giocate fuori dal normale. Nonostante la stagione non da incorniciare per i bianconeri, attualmente sono noni in campionato, il ragazzo si è fatto valere grazie alle sue reti ed assistenze (9 gol e 3 assist nella Serie A brasiliana).

QUALITA’ TECNICO-TATTICHE

Marcos Leonardo sta facendo bene con il suo Santos grazie alle sue capacità nel rettangolo da gioco. Il suo ruolo preferito è quello della punta centrale che gioca molto tipo “falso nueve ma, all’occorrenza, sa muoversi bene anche a supporto di un attaccante più di peso. Come seconda punta, Marcos, sfrutta la sua velocità, con palla o no tra i piedi, e la sua grande capacità nell’attaccare gli spazi. Per due volte nella sua carriera è stato provato anche come esterno, una volta in attacco e l’altra a centrocampo, sinistro. La pericolosità offensive del ragazzo è data, oltre alla sua bravura nel comunicare con i compagni, anche dalla sua dote nello smarcarsi dall’avversario, tagliando le linee difensive, e facendosi servire libero. Nonostante non sia altissimo (174 cm di altezza) sa essere efficace anche nel gioco aereo grazie ad buona elevazione. Questa sua bravura nei colpi di testa, in questa stagione, si è potuta osservare negli ottavi di Copa Sudamericana, partita poi persa ai rigori dal suo Santos, nella quale Marcos Leonardo ha segnato al Tachira. Il suo piede favorito è quello destro, ma sa segnare anche con il suo mancino. L’unica lacuna di questo ragazzo promettente sono i troppi cartellini gialli: in questa stagione, per esempio, in campionato, ne ha ricevuti nove. Troppi per il delicato ruolo in cui gioca.

MARCOS LEONARDO, UNA VITA CON IL SANTOS

Marcos Leonardo Santos Almeida nasce a Itapetinga, comune nel centro-sud del Brasile, il 3 maggio 2003. Come tutti i ragazzini, Marcos, si divertiva giocando a pallone e, all’età di undici anni, entra nelle giovanili del Santos. Con i Meninos da Vila si fa tutta la trafila delle giovanili. Il 23 ottobre 2019 ha firmato il suo primo contratto professionistico con il club bianconero. Da notare che nel suo contratto il club e lui hanno inserito una clausola rescissoria dal valore di 100 milioni di euro. Nel luglio 2020 è stato promosso in prima squadra all’età di 16 anni. In questa stagione, la prima da titolare indiscusso, in 47 partite disputate, ha segnato 17 volte e fornito 5 assist. In complessivo, invece, ha segnato 30 gol e fornito 6 assist, in 11o partite, con la maglia dei Leão do Mar.

 

Continua a leggere
Advertisement
Advertisement

I nostri approfondimenti

Giovani per il futuro

Esclusive

Fantacalcio

Serie A

Trending

Scarica L'App

Copyright © 2022 | Testata giornalistica n.63 registrata presso il Tribunale di Milano il 7 Febbraio 2017 | numero-diez.com | Applicazione e testata gestita da Número Diez SRL 12106070969