Connect with us

Calcio e dintorni

Capello punzecchia Allegri: “Max smetti di fare il battutista”

Pubblicato

:

Capello

Iniziata la stagione, la Juventus di Max Allegri ha raccolto cinque risultati utili consecutivi: in sostanza, non ne ha ancora persa una. Detto questo però, è sotto gli occhi di tutti che la formazione bianconera non stia di certo brillando in quanto al gioco espresso, e i tifosi juventini stanno incominciando a spazientirsi. Una delle ultime critiche mosse ad Allegri arriva direttamente da Fabio Capello.

“MAX SMETTI DI FARE IL BATTUTISTA”

“Guardo la classifica e la Juve è a due punti dalla prima, pensa se giocasse anche bene! Max, smetti di fare il battutista. Ti vogliamo bene, facci vedere una Juve più bella. Se la partita più importante è col Benfica, perchè con la Fiorentina non gioca Vlahovic?”

Queste le dichiarazioni di Capello rilasciate a Sky, riportate da Mirko Nicolino su Twitter. Nei prossimi appuntamenti vedremo una Juventus più spregiudicata o sempre un po’ con la paura di rischiare? Soltanto il campo parlerà.

Continue Reading
Commenta

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Calcio e dintorni

Non solo Chiesa, anche Pogba ricomincia a correre

Pubblicato

:

Pogba

Oltre alle buone notizie relative a Federico Chiesa, il tecnico della Juventus, Massimiliano Allegri ha potuto riabbracciare anche Paul Pogba, che ha ripreso ad allenarsi. Come riportato da TMW, il francese, fermo ai box da luglio, ha iniziato a correre sul campo, seppur in modo blando, ma che dimostra come il recupero proceda bene.

Nonostante tutto questo, i tempi di recupero restano incerti e le speranze per Pogba di partecipare al Mondiale con la Francia sono molto poche. La Juventus, dal canto suo, ha nel mirino gennaio per il ritorno del Polpo, quando la Serie A ripartirà dopo la sosta per la campagna iridata.

Continua a leggere

Calcio e dintorni

Roma, cambio di programma nel progetto stadio: le novità

Pubblicato

:

Sin dall’arrivo dei Friedkin, successori di Pallotta, in casa Roma c’è stato un entusiasmo che non si vedeva da tempo. La nuova dirigenza ha portato nella capitale Mourinho, il quale ha portato i giallorossi a vincere un trofeo europeo e tanti nomi importanti del calcio mondiale.

Tutti gli acquisti dei capitolini portano la firma dello Special One, dei Friedkin e di Tiago Pinto, con tutti i tifosi entusiasti di ciò che sta facendo la propria squadra dopo anni difficili. Oltre ai risultati sportivi e ad un calciomercato stellare, la nuova presidenza americana vuole lo stadio di proprietà in zona Pietralata. Stando alle ultime notizie, in caso di approvazione a tutti i passi dell’iter, l’idea è quella di terminare i lavori nel 2026 ed inaugurare lo stadio per il centenario del club capitolino nel 2027.

CAMBIO DI PROGRAMMA

Nel progetto iniziale, come scrive il Messaggero, presentato al sindaco della capitale Gualtieri, la misura dello stadio era indicata tra i 55 ed i 60 mila posti. Il popolo giallorosso, però, ha presentato delle perplessità sul numero dei tifosi ritenuto esiguo. Negli ultimi tempi, infatti, la Roma ha spesso fatto registrare il sold out all’Olimpico, stadio da 68530 posti a sedere, con i Friedkin che hanno aumentato di 5 mila posti l’idea iniziale, passando da 60 mila a 65 mila.

OGGI DAL SINDACO, L’ITER LEGISLATIVO

Proprio in questo momento, l’amministratore delegato della Roma, Pietro Berardi, si trovà in Campidoglio per consegnare formalmente a Gualtieri lo “studio di fattibilità” per il nuovo stadio in zona Pietralata. 

 

Il Messaggero scrive: “Di questo nuovo progetto emergono, per ora, pochissimi dettagli: sarà presentato al Comune ai sensi della “legge stadi” (la 147 del 2013 con tutte le successive modifiche). Il che significa che la Roma dovrebbe anche depositare, insieme al progetto, la formale richiesta al Campidoglio di indire la Conferenza di Servizi preliminare. Quindi, in teoria, da oggi scattano i 90 giorni di tempo che la legge attribuisce al Comune per concludere questi lavori tecnici: i funzionari del Campidoglio, quelli di Regione, Città Metropolitana, Soprintendenze, Ministeri, Società dei pubblici servizi, dovranno sostanzialmente rispondere a due quesiti. Il primo, se esistono motivi ostativi insormontabili e irrisolvibili all’approvazione del progetto. Se questi non ci sono, il secondo quesito è quali sono le prescrizioni di base dei vari Enti per ottenere l’assenso finale all’opera”.

In caso di esito positivo alla conclisione della Conferenza di Servizi pleliminare sarà fatto il verbale della conferenza direttamente dalla Giunta Gualtieri con una delibera. Questo verbale poi sarà presentato alle Commissioni Consiliari competenti del IV Municipio (municipio in cui si trova Pietralata). Le Commissioni Consiliari sono: Urbanistica, Lavori pubblici, Mobilità, Ambiente, Patrimonio, Sport.

Infine, in caso di approvazione, toccherà all’Assemblea capitolina: “Votare il testo, attribuendogli, quindi, la validità di pubbblico interesse.

POSSIBILE NODO OSPEDALE

Nel quartiere di Pietralata, vicino a dove i giallorossi vorrebbe far sorgere il suo nuovo stadio, è presente l’Ospedale Sandro Pertini. Durante gli incontri, il Campidoglio ha detto chiaramente agli emissari della Roma che si occupano del progetto che deve essere garantito l’accesso e l’uscita dei mezzi di soccorso dall’ospedale. Inoltre, un altro problema potrebbe essere l’inquinamento acustico. Esso non deve disturbare ospedale e pazienti. Non dovrebbe sussistere invece il problema della mobilità pubblica. Per raggiungere lo stadio c’è nelle vicinanze la famosa stazione Tiburtina (Bus, treni regionali, treni alta velocità, treni da e per Fiumicino), oltre alle stazioni metro B (Tiburtina, Quintiliani) le quali garantiscono il trasporto pubblico.

Continua a leggere

Calcio e dintorni

Inter, quanto costerebbe esonerare Inzaghi

Pubblicato

:

Inzaghi

In casa Inter c’è in corso una vera e propria tempesta. I nerazzurri,  dopo ver perso lo scorso scudetto contro i cugini del Milan, hanno iniziato la stagione a rilento. Nell’ultima di campionato è arrivata la sconfitta contro la Roma di Mourinho, la quale si è aggiunta ad altre 4 sconfitte in questo inizio di stagione, con conseguenti indiscrezioni di un esonero di Inzaghi. nerazzurri, attualmente noni in classifica, hanno perso contro Lazio, Milan, Udinese, Bayern Monaco e domani affronteranno in casa il Barcellona. Calcio e Finanza ha fatto un’analisi sull’eventuale impatto a bilancio di un esonero del tecnico.

L’ANALISI DI CALCIO E FINANZA

Inzaghi, dopo un ottimo cammino con la Lazio, è sbarcato a Milano come successore di Antonio Conte. L’attuale tecnico del Tottenham ha riportato l’Inter alla vittoria di uno scudetto, rompendo l’egemonia della Juventus, e succederlo sicuramente non era facile. Simone Inzaghi è approdato in nerazzurro firmando un contratto fino al 2023 a 4,5 milioni netti a stagione, circa 8,3 milioni lordi. L’anno scorso, dopo la vittoria della Coppa Italia e della Supercoppa Italia, ha rinnovato il contratto fino al 2024 a 5,5 milioni a stagione, circa 10,1 milioni lordi.
Attualmente, dopo i 3 mesi di campionato già trascorsi, Inzaghi deve ricevere ancora 9,6 milioni di euro netti. Questi 9,6 milioni sono divisi in 4,1 per il resto di questa stagione e 5,5 della prossima, per un valore lordo di 18 milioni di euro.

Questa è la cifra complessiva che l’Inter dovrebbe versare al tecnico a meno di un accordo per buonauscita. Quest’utlimo sarebbe un accordo per una rescissione ad una determinata cifra stabilita tra club e tecnico. Un eventuale esonero di Inzaghi, in caso, dovrebbe arrivare prima dell’approvazione definitiva del bilancio da parte dell’assemblea dei soci. Negli scorsi giorni infatti il CdA dell’Inter ha approvato il progetto di bilancio con un rosso di 140 mlioni di euro per la stagione 2021-2022. L’ok definitivo a questo progetto di bilancio arriverà per fine ottobre, quando l’assemblea dei soci si riunirà di nuovo per dare l’ok definitivo.

PER QUALE MOTIVO BISOGNEREBBE METTERLO SUBITO A BILANCIO

L’Inter, così come la Roma, è finita nel mirino della UEFA per il fair play finanziario e sarà obbligata nel triennio che va dalla stagione 2023/2024 alla stagione 2025/2026 a non far registrare perdite superiori ai 60 milioni di euro. Un esonero di Inzaghi subito permetterebbe all’Inter di inserire questa spesa a bilancio di una stagione che non sarà esaminata dalla UEFA per il fair play finanziario. 

Continua a leggere

Calcio e dintorni

Florentino Perez fa il punto sulle casse del Real: i dati

Pubblicato

:

Real Madrid

Florentino Perez ha aperto l’assemblea generale dei soci del Real Madrid e ha parlato dello stato economico del club campione d’Europa.

Durante il suo discorso il presidente blanco ha spiegato come durante la pandemia il Real abbia dovuto rinunciare a 127 milioni di euro di introiti e ad altri 200 milioni a causa delle partite giocate a porte chiuse.
Durante la scorsa stagione, però, gli introiti del club sono stati di 722 milioni: il 10% in più rispetto alla stagione precedente, ma di 100 milioni in meno rispetto all’ultima stagione pre-pandemia.

Florentino Perez ha anche difeso il ricorso alle “leve economiche” che hanno portato il Real Madrid all’accordo con Sixth Street Legends. L’accordo ha visto il Real Madrid cedere al fondo statunitense, esperto nella gestione di eventi sportivi, l’organizzazione degli eventi al Santiago Bernabeu per i prossimi 20 anni dietro un pagamento di circa 360 milioni di euro.

La gestione del club è stata concentrata sulla riduzione delle spese. Per questo motivo ci siamo associati a Sixth Street Legends per realizzare la gestione dello stadio, aumentare gli introiti e renderlo più conveniente. Loro sono i migliori al mondo e realizzare differenti eventi nello stesso stadio ci farà ottenere una stabilità finanziaria”, ha detto Perez.

Riguardo i costi del restauro dello stadio Bernabeu, Perez ha anche precisato che l’attività del club non sarà compromessa dal pagamento per i lavori.
Il presidente ha anche spiegato che l’obiettivo è di completare il nuovo stadio entro la prossima estate.
Perez vuole rendere la nuova casa del Real Madrid uno dei centri per l’intrattenimento più attrattivi d’Europa.

Continua a leggere
Advertisement
Advertisement

I nostri approfondimenti

Giovani per il futuro

Esclusive

Fantacalcio

Serie A

Trending

Scarica L'App

Copyright © 2022 | Testata giornalistica n.63 registrata presso il Tribunale di Milano il 7 Febbraio 2017 | numero-diez.com | Applicazione e testata gestita da Número Diez SRL 12106070969