Connect with us

Calcio Internazionale

Champions League, tre italiane per tre big match

Pubblicato

:

Dinamo Zagabria

La Champions League sta per iniziare ed il cammino per tre squadre italiane inizia subito con tre sfide complicate. Juventus, Inter e Napoli andranno a sfidare rispettivamente Paris Saint-Germain, Bayern Monaco e Liverpool. In questi anni, siamo ormai abituati a vedere alcune squadre del nostro campionato scontrarsi con le potenze europee per via dello scarso punteggio nel ranking, tolta la Juventus che detiene ottimi risultati e viene sorteggiate nella seconda fascia, e la squadra campione d’Italia, il Milan quest’anno, che viene quindi favorita da un girone più abbordabile. Andiamo a scoprire alcune curiosità di queste importanti sfide che potrebbero in parte addirittura decidere anche il passaggio del turno.

PARIS SAINT-GERMAIN vs JUVENTUS

Probabilmente una delle favorite alla vittoria finale della competizione, il Psg, ospita al Parco dei Principi la Vecchia Signora di Massimiliano Allegri, che non gode in questo momento di ottima forma visti i risultati dal punto di vista del gioco che tardano ad arrivare. Nonostante questo, la Juventus in Champions League negli ultimi anni soprattutto ai gironi ha sempre saputo dire la propria.

“Domani inizia il girone di Champions, dove servono 10 punti per passare il turno. Sono sicuro che faremo una grande partita sotto l’aspetto tecnico. Domani sarà una serata meravigliosa, essere qui a giocarla è un orgoglio per tutti noi. Il Psg è tra i più forti in Europa, per me la favorita numero uno.”

Massimiliano Allegri

Il Psg vive di un grande stato di forma grazie alle sue stelle. Messi, Neymar e Mbappè godono di una grande intesa che fino all’anno scorso non avevano mai trovato. Grazie al lavoro del nuovo tecnico Galtier, i tre attaccanti si divertono e si trovano a meraviglia in mezzo al campo. Nonostante questo grande reparto offensivo, la squadra ha trovato un equilibrio grazie al nuovo modulo del 3-4-2-1.

“Ha esperienza, è difficile da battere. Ora si dice sia in difficoltà, ma considerando la sua organizzazione sarà difficile creare situazioni contro di loro. Fanno un lavoro intenso in difesa e sono molto forti nelle transizioni, vanno in profondità e là davanti hanno Vlahovic…”.

Christophe Galtier

Questa è la prima volta che Psg e Juventus si scontrano nella massima competizione europea. Per questo, bisogna tornare indietro fino al 1997, quando i bianconeri vinsero nella doppia sfida della Supercoppa Europea per 6-1 e 3-1. In totale, lo storico è positivo in favore della Juventus per 6 vittorie, mentre le altre due sfide si sono concluse con un pareggio. Ma chiaramente, parliamo di altri tempi e ora la musica sembra cambiata.

NAPOLI vs LIVERPOOL

Il ritorno in Champions League del Napoli si apre subito con una grande sfida vissuta ben altre due volte negli ultimi 4 anni. Per ben due volte i partenopei sono riusciti ad ottenere la vittoria contro i Reds, prima per 1-0 nel 2018/2019 con una rete al 90′ di Insigne, mentre nella stagione successiva con un 2-0 targato Mertens-Llorente il Napoli sempre con Ancelotti in panchina ha conquistato la seconda vittoria contro il Liverpool quasi nel giro di un anno.

Ora troviamo invece una completa evoluzione della sfida. Il Napoli non ha più tutta quella esperienza degli anni passati ha aperto un nuovo ciclo di giocatori ancora inesperti e che devono addirittura segnare la prima presenza nella massima competizione europea.

Il Liverpool invece ha praticamente lo stesso gruppo guidato da Jurgen Klopp, fatta eccezione per qualche giovane come Nunez, Luis Diaz o Elliott. I favori del pronostico danno per favorita la squadra vicecampione d’Europa e di Inghilterra, ma attenzione al calore del pubblico del Maradona che potrebbe spingere la squadra di Luciano Spalletti all’impresa.

“Conosciamo bene la passione dei nostri tifosi e in questa partita si può fare anche un paragone tra il pubblico. Domani sera l’urlo ‘The Champions’ lo sentiranno fino ad Anfield. Il popolo napoletano farà capire quanto ama questa squadra e chi viene qui è obbligato a recepire questo messaggio d’affetto.”

Luciano Spalletti

INTER vs BAYERN MONACO

La sfida iniziale che vede l’Inter esordire nella Champions League in un girone molto complicato, ha un sapore molto nostalgico. Il Bayern Monaco infatti torna a sfidare i nerazzurri dopo bene 11 dall’ultimo scontro. Nel passato, chiaramente, oltre agli ottavi di Champions del 2010/2011, la mente e il cuore dei tifosi dell’Inter torna alla notte di Madrid del 2010, dove fu coronato il sogno dal Triplete guidato dallo Special One José Mourinho.

La squadra guidata da Simone Inzaghi si presenta in maniera più concreta rispetto all’anno scorso, forte dell’esperienza dei giocatori del club. Mancherà l’acquisto top di questa sessione di mercato come Lukaku, ma come dimostrato ad Anfield nell’ultimo scontro di Champions League, l’Inter può fare paura anche alle grandi d’Europa. In questo caso, a San Siro, ci sarà il Bayern Monaco che ha con un mercato top si candida come seria contendente della competizione.

Sappiamo che dobbiamo fare 10 punti ed è un girone molto più difficile dello scorso anno. Il Bayern è una delle 4-5 squadre candidate a vincere la Champions League. L’anno scorso abbiamo dominato con Real Madrid e Liverpool, avevamo la partita in mano ma poi avevamo perso per piccoli errori. Dovremo essere più uniti e concentrati, giocando insieme fino al 90′. Quest’anno abbiamo un altro girone difficile, ma così è la Champions. È bello essere qua e giocare contro squadre forti”.

Simone Inzaghi 

Nagelsmann ed il suo calcio offensivo fatto di giocatori tecnici e rapidi senza un vero riferimento come poteva essere Lewandowski lo scorso anno sembra aver trovato la formazione che cercava, grazie all’entrata anche di Sadio Manè. Anche in questo non è la squadra italiana ad essere favorita, ma l’Inter dopo anche la sconfitta nel derby ha l’occasione di rifarsi e mettersi subito in mostra con una delle big europee.

Continue Reading
Commenta

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Calcio Internazionale

Messi, proposta importante del PSG per il rinnovo

Pubblicato

:

Chi ha il contratto in scadenza nel giugno 2023

Lionel Messi è sempre un tema caldo e soprattutto in queste stagione ci saranno risvolti interessanti. Il fenomeno argentino è in scadenza di contratto con il PSG e il Barcellona sembra pronto al grande ritorno a parametro zero. Secondo quanto raccolto da El Larguero, però, i parigini sarebbe pronti a una nuova follia economica per avere ancora a propria disposizione le prestazioni del Diez.

Il PSG offrirebbe il rinnovo per un ulteriore anno sempre con un stipendio simile all’attuale intorno ai 30 milioni annui. L’argentino prende tempo prima di formalizzare il tutto e nel frattempo si concentra sull’arrivare nella miglior condizione possibile al Mondiale. La possibilità che sia la sua ultima chance di vincerlo con l’Argentina è concreta e Messi sembra che abbia anche la squadra giusta per provarci seriamente. In Nazionale il rendimento dell’ex Barcellona è stato sensazionale con altre due doppiette nelle amichevoli appena giocate.

Continua a leggere

Calcio Internazionale

Pogba, accuse dall’ex agente di van de Beek

Pubblicato

:

Juve

Paul Pogba è sempre al centro dell’attenzione anche quando è fuori per infortunio. In questo caso è stato accusato da Guido Albers di alcune negligenze ai tempi del Manchester United. L’olandese è l’ex agente di Donny van de Beek, attuale centrocampista dei Red Devils. In un’intervista a Voetbal Primeur ha confessato l’episodio:

“Doveva competere contro Paul Pogba per giocare, ma il francese si è presentato in ritardo in ritiro, si è scusato e gli è stato permesso di giocare di nuovo. Invece Donny si è allenato dieci ore al giorno per otto settimane per dimostrare di essere abbastanza bravo. In Olanda, Donny ha ricevuto tutto l’apprezzamento, si è comportato bene ed è stato molto apprezzato dai tifosi. Al Manchester United non ha mai giocato. Il rapporto tra lui e il club si è davvero raffreddato molto”.

L’episodio è stata la goccia che ha fatto traboccare il vaso e che ha fatto decidere van de Beek nel lasciare il Manchester United. L’ex Ajax, infatti, a gennaio è passato in prestito all’Everton dove ha giocato senza brillare per sei mesi prima di tornare all’ombra dell’Old Trafford.

Continua a leggere

Calcio Internazionale

Henry è apertamente contro il VAR: “Uccide la gioia del gioco”

Pubblicato

:

Thierry Henry, ex leggenda dell’Arsenal e della nazionale francese, è stato intervistato recentemente da Leaders Week sport business, un settimanale londinese.

Uno dei tanti temi trattati dall’ex attaccante anche – tra le tante – di Juventus, Barcellona, NY Red Bull, è stato il VAR. Dalle sue parole si è capito che non è un grande estimatore della nuova tecnologia in sostegno degli arbitri:

Il Var uccide la gioia del gioco, non è abbastanza veloce. Dopo aver segnato, non sai nemmeno se esultare. Esulto? Non esulto? Nel calcio siamo sempre indietro, abbiamo tanto da imparare”.

Insomma, citando un cartone animato, “il VAR si è fatto un nuovo nemico potente”.

Continua a leggere

Calcio Internazionale

In Brasile è nata una nuova stella: chi è Marcos Leonardo del Santos?

Pubblicato

:

Il Brasile è sempre stata una nazione fucina di tante promesse del calcio: oggi andremo a parlare di Marcos Leonardo del Santos. Il giovane attaccante, a soli 19 anni, sta conquistando le attenzioni di tutti grazie ai suoi gol ed alle sue giocate fuori dal normale. Nonostante la stagione non da incorniciare per i bianconeri, attualmente sono noni in campionato, il ragazzo si è fatto valere grazie alle sue reti ed assistenze (9 gol e 3 assist nella Serie A brasiliana).

QUALITA’ TECNICO-TATTICHE

Marcos Leonardo sta facendo bene con il suo Santos grazie alle sue capacità nel rettangolo da gioco. Il suo ruolo preferito è quello della punta centrale che gioca molto tipo “falso nueve ma, all’occorrenza, sa muoversi bene anche a supporto di un attaccante più di peso. Come seconda punta, Marcos, sfrutta la sua velocità, con palla o no tra i piedi, e la sua grande capacità nell’attaccare gli spazi. Per due volte nella sua carriera è stato provato anche come esterno, una volta in attacco e l’altra a centrocampo, sinistro. La pericolosità offensive del ragazzo è data, oltre alla sua bravura nel comunicare con i compagni, anche dalla sua dote nello smarcarsi dall’avversario, tagliando le linee difensive, e facendosi servire libero. Nonostante non sia altissimo (174 cm di altezza) sa essere efficace anche nel gioco aereo grazie ad buona elevazione. Questa sua bravura nei colpi di testa, in questa stagione, si è potuta osservare negli ottavi di Copa Sudamericana, partita poi persa ai rigori dal suo Santos, nella quale Marcos Leonardo ha segnato al Tachira. Il suo piede favorito è quello destro, ma sa segnare anche con il suo mancino. L’unica lacuna di questo ragazzo promettente sono i troppi cartellini gialli: in questa stagione, per esempio, in campionato, ne ha ricevuti nove. Troppi per il delicato ruolo in cui gioca.

MARCOS LEONARDO, UNA VITA CON IL SANTOS

Marcos Leonardo Santos Almeida nasce a Itapetinga, comune nel centro-sud del Brasile, il 3 maggio 2003. Come tutti i ragazzini, Marcos, si divertiva giocando a pallone e, all’età di undici anni, entra nelle giovanili del Santos. Con i Meninos da Vila si fa tutta la trafila delle giovanili. Il 23 ottobre 2019 ha firmato il suo primo contratto professionistico con il club bianconero. Da notare che nel suo contratto il club e lui hanno inserito una clausola rescissoria dal valore di 100 milioni di euro. Nel luglio 2020 è stato promosso in prima squadra all’età di 16 anni. In questa stagione, la prima da titolare indiscusso, in 47 partite disputate, ha segnato 17 volte e fornito 5 assist. In complessivo, invece, ha segnato 30 gol e fornito 6 assist, in 11o partite, con la maglia dei Leão do Mar.

 

Continua a leggere
Advertisement
Advertisement

I nostri approfondimenti

Giovani per il futuro

Esclusive

Fantacalcio

Serie A

Trending

Scarica L'App

Copyright © 2022 | Testata giornalistica n.63 registrata presso il Tribunale di Milano il 7 Febbraio 2017 | numero-diez.com | Applicazione e testata gestita da Número Diez SRL 12106070969