Connect with us

Flash News

Che cos’è la “Tottilatria”?

Pubblicato

:

Dopo essere entrato nel cuore di milioni di appassionati di calcio, Francesco Totti è entrato a far parte dell’Enciclopedia Treccani. Lo ha fatto con una terminologia tutta sua che fin da subito si differenzia rispetto al resto del vocabolario, proprio come se ricalcasse letteralmente tutto ciò fatto in carriera: un calciatore diverso, per caratteristiche tecniche ma soprattutto per passione dimostrata ai tifosi, che non ha avuto eguali né sul campo né ora, metaforicamente, nel dizionario.

TOTTILATRIA

Più di 26 anni di carriera, tutti vissuti con una sola maglia, indossando sempre gli stessi colori e portando in alto un solo grido, quello di Roma. Sono forse questi i motivi che hanno spinto la Treccani, la più famosa enciclopedia in lingua italiana, nonché il portale del sapere, a scrivere nero su bianco una nomenclatura tutta per Francesco Totti.

Per alcuni è simbolo di riconoscenza verso chi ha scritto pagine e pagine di storia del calcio italiano. Per altri, invece, questo vocabolo nuovo rappresenta un neologismo morto sul nascere per la poca validità letteraria. Ma tra pro e contro, cosa vuol dire realmente “Tottilatria”?

La Treccani, con un post su Facebook, ha così motivato la decisione:

Risultati immagini per tottilatria

“Un capitano c’è solo un capitano. Così cantano i seguaci di Francesco Totti, mentre avanzano in corteo. Molti trovano rassicurazione stringendo in mano il simbolo sacro nel quale si riconoscono: il cucchiaio. Il suffisso ‘-latrìa’ deriva dal greco ‘latréia’ (servitù, culto) ed è spesso usato come secondo elemento in parole composte, per indicare adorazione pressoché religiosa. Nel caso di neologismi come ‘tottilatria’, ovviamente, l’uso del termine è iperbolico”

Un’icona dai canoni religiosi, quindi. Perché Francesco Totti, ancora oggi più di ieri, è una reminiscenza del passato glorioso di Roma, una rappresentazione dell’uomo a cui ispirarsi, prendere esempio, vantarsi ed esserne orgogliosi.

COME LUI

Ma non è l’unico caso di personaggi del mondo calcistico ai quali viene coniato una terminologia tutta particolare. Non andando tanto in là con la mente, ricordate ad inizio settembre scorso il primo trofeo stagionale, si fa per dire, di Maurizio Sarri? Arrivò direttamente dalla Treccani, ovvero il riconoscimento di una filosofia di gioco ormai nota a tutti come “Sarrismo”, che l’Enciclopedia italiana spiegò così:

Risultati immagini per sarrismo

“Il termine deriva dalla filosofia di gioco dell’allenatore nato a Napoli, sempre dedita all’attacco ed allo spettacolo, e che non si pone come obiettivo primario la vittoria, ma che cerca di arrivare ad essa attraverso possesso palla e schemi tattici”

 

 

Continue Reading
Commenta

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Flash News

Bellanova: “Inter-Napoli? Fondamentale, decide una stagione”

Pubblicato

:

Inzaghi

Al termine dell’amichevole vinta per 1-6 dall’Inter contro lo Gzira United, Raoul Bellanova, autore di una rete, ha parlato in zona mista ai microfoni di TMW: Era importantissimo iniziare nel migliore dei modi, dobbiamo prepararci per la ripresa della stagione. Abbiamo una partita fondamentale che può decidere una stagione, noi cerchiamo di dare il 100% in allenamento e nelle amichevoli e vedremo come arriveremo a questa gara. Se si sente la sosta? Come la stiamo vivendo noi, lo stanno facendo tutti gli altri quindi non dobbiamo aver scuse. Dobbiamo solo allenarsi al 100% e vedere come riprenderemo in campionato”.

Infine, Bellanova ha dichiarato: “Non mi aspetto nessuna seconda parte di stagione, cerco di dare il 100% come faccio in allenamento e farmi trovare pronto quando il mister mi chiama in causa”.

Continua a leggere

Flash News

Onana, l’esclusione dal Mondiale finisce in Parlamento: i dettagli

Pubblicato

:

Onana

L’esclusione del portiere dell’Inter Onana durante i Mondiali di Qatar 2022 è diventato un caso nel paese africano. L’addio del portiere Andrè Onana dopo la seconda giornata dei gironi di Qatar 2022 è diventato un vero e proprio caso tanto da essere giudicato in Parlamento. Sui social sono circolati diversi audio che smentiscono i fatti finora conosciuti dagli appassionati di calcio e del Camerun.

Secondo tali nuove prove, l’estremo difensore classe 1996 avrebbe criticato la convocazione del difensore Nicolas N’Koulou direttamente al ct della nazionale africana Rigobert Song. La discussione sarebbe stata riportata dal portavoce della federazione del Camerun direttamente al presidente Samuel Eto’o che avrebbe richiesto l’allontanamento di Onana. Secondo alcune voci ciò sarebbe dovuto al fatto che N’Koulou è il marito della cugina del presidente Eto’o. Il caso finirà addirittura in Parlamento: alcuni membri di quest’ultimo avrebbero chiesto chiarimenti sulla vicenda e sul ruolo di Eto’o in essa.

Continua a leggere

Flash News

Addo, ex tecnico del Ghana: “Ringraziamo Dio per l’opportunità”

Pubblicato

:

Livakovic

Otto Addo, oramai ex ct del Ghana, ha parlato a distanza di tre giorni dalle dimissioni, arrivate dopo la mancata qualificazione agli ottavi ai Mondiali in Qatar. Di seguito le sue dichiarazioni: Dobbiamo ringraziare Dio Onnipotente per averci dato questa opportunità e averci dato una squadra come questa. Sono molto, molto orgoglioso dei ragazzi, hanno dato il massimo. A volte ci sono le circostanze sfortunate, ma fa parte del calcio. A volte sei fortunato, a volte no. Abbiamo fatto tutto il possibile ma a volte il destino non è nelle tue mani”.

Continua a leggere

Flash News

Chi è Ilario Monterisi, il difensore col vizio del gol

Pubblicato

:

Ilario Monterisi è un calciatore originario di Trani che si sta facendo conoscere nel campionato cadetto italiano a suon di buone prestazioni. Dal Bari fino al Frosinone, dalla Serie C alla Serie A, passando per la sua duttilità e una maturità, calcistica e non, da grande calciatore.

GLI INIZI E L’ESORDIO IN SERIE A

Ilario Monterisi muove i suoi primi passi calcistici nel settore giovanile del Bari, compiendo tutta la trafila con il club biancorosso. Nel 2018 è il Lecce ad accaparrarselo ed ufficializza il passaggio di Monterisi a titolo definitivo, venendo poi spostato in Primavera 2. Il suo fisico strutturato (1,90 cm) e la pulizia nei contrasti permette al calciatore classe 2001 (di dicembre) di scalare le gerarchie fino a farsi notare dall’allora allenatore del Lecce, Fabio Liverani. Il tecnico in un primo momento lo convocherà, con una certa regolarità, in prima squadra facendo sempre panchina. Arriva, però, negli ultimi due minuti di Serie A di un Lecce ormai retrocesso, l’opportunità per Ilario, di scendere sul manto erboso in un match di Serie A: Lecce-Parma terminato 3-4. Il 2 agosto 2020 è la data che fa di un ricordo, la prima grande pietra miliare nella carriera di Monterisi.

 L’ESPERIENZA IN SERIE C

Ilario viene mandato a “farsi le ossa”: c’è il Catanzaro ad aspettarlo a braccia aperte in Serie C il 31 agosto 2021. Il “centraloneitaliano scende per la prima volta in C, ma l’esperienza con i giallorossi non durerà molto. Monterisi con il Catanzaro giocherà solamente in 3 occasioni, segnando anche un gol, venendo rilegato spesso in panchina. A gennaio, per lui, si fa avanti un’altra squadra di Serie C: la Fidelis Andria. “L’U.S. Lecce comunica di aver risolto con il Catanzaro la cessione in prestito del calciatore Ilario Monterisi e di aver ceduto contestualmente, a titolo temporaneo, il diritto alle prestazioni sportive del difensore classe 2001 alla Fidelis Andria.” Questo il comunicato ufficiale del club ai primi di gennaio. Con la Fidelis Ilario giocherà 13 delle 15 gare disponibili mettendo a referto una marcatura.

IL FROSINONE E IL PRIMO GOL IN B

Terminato il prestito all’Andria, il Lecce decide che un altro prestito farebbe al caso di Monterisi: ci pensa il Frosinone, in piena gestione Fabio Grosso. L’ex campione del mondo intuisce che le capacità del ragazzo, pulizia di contrasto e capacità di passaggio più che positiva (percentuale dell’83%), possono valere anche da terzino destro, ruolo che verrà impiegato dal classe 2001 ad inizio stagione 22-23 con il Frosinone. 4 ad oggi i match con la maglia gialloblù e un gol per Monterisi. Il primo gol in B non è scontato, perché è arrivato nell’ultima uscita del Frosinone, contro il Sudtirol, match terminato sull’1-1: la marcatura ha permesso agli 11 di Grosso di acciuffare un punto all’ultimo secondo. Primo posto consolidato e punto spartito con i padroni di casa solamente al 95′. Primo gol indimenticabile sotto tutti gli aspetti. Chissà se lo rivedremo in Serie A, con il Frosinone o con il Lecce si intende, perché la maturità di Monterisi emerge ogni partita di più.

Continua a leggere
Advertisement
Advertisement

I nostri approfondimenti

Giovani per il futuro

Esclusive

Fantacalcio

Serie A

Trending

Scarica L'App

Copyright © 2022 | Testata giornalistica n.63 registrata presso il Tribunale di Milano il 7 Febbraio 2017 | numero-diez.com | Applicazione e testata gestita da Número Diez SRL 12106070969