Il coltello tra i denti come marchio di fabbrica, nei duelli in campo e nelle esultanze. Fabio Borini, ormai dal dicembre 2020, è il pirata del Fatih Karagümrük, una società calcistica militante nelle massima serie turca. Una sfida nuova e affascinante quella che il calciatore italiano ha deciso di affrontare: riportare un club con una grande tradizione in Turchia nelle competizioni europee.

Le ambizioni del club mi hanno convinto. Qui c’è un obiettivo importante, andare in Europa League. Ho scelto questa opportunità piuttosto che altre perché non volevo lottare per la salvezza”.

Queste le parole di Borini in seguito alla scelta presa.

MA CHI È VERAMENTE BORINI?

Nel 2001, è Bologna la prima piazza nella quale il giocatore classe 91′ comincia a muovere i primi passi da semi-professionista, prima di approdare alle giovanili del Chelsea. L’anno successivo è subito capocannoniere della squadra delle riserve dei Blues (10 gol in 11 match) e l’allenatore connazionale, Carlo Ancelotti, decide di inserirlo nella lista dei convocati per la sfida di Champions League contro il Porto. L’esordio ufficiale con la prima squadra avviene solo dopo qualche giorno, durante una partita di Premier League.

Da lì in poi il cammino di Borini prosegue in oltremanica: una carriera tra Swansea, Liverpool e Sunderland ma anche due ritorni temporanei in Italia, con Parma e Roma per poi concludere l’esperienza europea (per il momento) passando da Milan e Verona.

Fabio Borini

(Fonte: Instagram account @fabh29)

Artefice della prima storica promozione in Premier League dello Swansea, sotto una buona luce con la maglia dei Reds e contribuente alla salvezza dei Black Cats, Borini viene indicato come promessa del calcio internazionale, suscitando l’interesse di diverse squadre italiane tra cui il Milan.

PARENTESI MILAN

L’ex Liverpool approda, dunque, in Italia e a Milano per soli 500 mila euro venendo preso di mira in una sessione di mercato in cui i rossoneri revisionano (e non poco) la propria rosa. Spese indirizzate agli acquisti di Bonucci (42 milioni), André Silva (38), Conti (24), Calhanoglu (23), Biglia (20), Musacchio (18) e Ricardo Rodriguez (15). Persino prelevare dall’Asteras Tripolis il portiere Antonio Donnarumma costa di più (980mila euro).

Arrivato alla corte di Vincenzo Montella, Borini mette in chiaro la sua disposizione per essere parte integrante del gruppo, e quindi assicura sacrificio in ogni parte del campo. Nei tre anni trascorsi al Milan, il giocatore di Bentivoglio si disimpegna in difese a 3 come a 5, da attaccante come centrocampista, denotando la sua connotazione di grande jolly. Proprio la sua dote di “camaleonte” finisce per attrarre Antonio Conte, che lo escluse sì dai 23 convocati per Euro 2016, ma comunque premiando le sue caratteristiche tecniche, a differenza di Stefano Pioli che, al pari del predecessore Giampaolo, non considera Borini.

Borini

(Fonte: Instagram account @fabh29)

L’OFFERTA DALLA TURCHIA

In seguito alla breve esperienza con il Verona, conclusasi nello scorso agosto con un bottino di 14 presenze e 3 reti in sei mesi, Fabio Borini vola in Turchia al Fatih Karagümrük, che decide di pescare ancora in Serie A. Sì, perché la rosa del club turco vanta di giocatori come Emiliano Viviano, Andrea Bertolacci, Lucas Biglia, Lucas Castro e appunto Borini. Insomma, l’ammirazione verso il calcio italiano sembra non essere poca.

Sono 9 le reti segnate in 20 presenze durante il breve periodo trascorso finora nel Medio Oriente. Al momento l’ex Milan sembra avere tutte le intenzioni per proseguire il percorso attuale, ma sulla domanda posta riguardo ad un possibile ritorno in Italia si è espresso così:

Penso al presente, sono concentrato su questa esperienza. E voglio fare bene. Ma se capiterà, vedremo”.

Di certo Borini non è mai stato un calciatore che ha fatto discutere quotidiani, social e quant’altro ma, tutto sommato, il talento formatosi in Inghilterra, resta un giocatore rispettabile per impegno e dedizione messi a disposizione con i vari club.

Chissà che non possa servire un “camaleonte” in Serie A…

Immagine in evidenza presa da Wikimedia Commons con diritti Google Creative Commons