Connect with us

Generico

Chi è Omar Richards, il nuovo competitor di Davies al Bayern

Pubblicato

:

Dopo anni in cui ha dominato il mercato interno e formalizzato cospicui affari internazionali, il Bayern Monaco negli ultimi anni sta dando sempre più peso al proprio scouting con importanti risultati. Alphonso Davies e Jamal Musiala, talentino classe 2003 prelevato dal Chelsea due estati fa, sono la prova lampante di come la nuova strategia bavarese stia dando i suoi frutti.

Risposte importanti che hanno portato i vertici societari a spingere su questo piano. In questo senso si legge l’innesto di Pirmin Schwegler, ex calciatore tra le altre di Bayer Leverkusen, Eintracht Francoforte e Hoffenheim, nella formazione degli scout.

Il 34enne svizzero si è presentato in Baviera giocando un ruolo fondamentale nell’operazione Omar Richards, talento che dal 1° luglio diventerà di proprietà del club campione d’Europa in carica.

Fonte foto: profilo Twitter Reading FC

Un’altra stuzzicante scommessa di un Bayern Monaco che si sta evolvendo per continuare a fare la voce grossa in Europa.

CARRIERA

Omar Richards è nato all’ombra del “Big Ben” il 15 febbraio 1998 e ha dato i primi calci al pallone nel Fulham. Proprio nell’anno (2013) in cui la prima squadra è tornata in Championship dopo 13 stagioni consecutive in Premier League, il club londinese lo ha lasciato partire direzione Reading. La squadra biancoblu è retrocessa nella serie cadetta nella stagione del Fulham mantenendo la categoria fino ad oggi.

Nella contea del Berkshire, a più di 60 km da Londra, Richards ha trovato l’ambiente ideale per la sua crescita. Al Reading David Dodds, all’epoca allenatore dell’Under 18, ha cambiato la sua carriera trasformandolo da un esterno d’attacco a un terzino sinistro, ruolo che non ha più abbandonato.

Fonte foto: profilo Instagram Omar Richards

Un’altra figura importante per la formazione del ragazzo è stata Jaap Stam, ex difensore di Milan e Lazio, che nella stagione 2017-18 lo ha fatto debuttare in Championship. Nello stesso periodo il giovane terzino ha firmato un contratto di 4 anni, occasione in cui l’allenatore ha espresso parole di elogio per il suo allievo:

Omar è un terzino sinistro con molta qualità con la palla, ritmo e una vera spinta in avanti, e quelle sono caratteristiche che ogni squadra nel calcio cerca in un giocatore

Nella sua prima annata con i “grandi” l’inglese si è alternato tra la prima squadra e l’Under 23, trovando comunque 2 reti in 13 partite nella Serie B inglese. Il copione non è cambiato nella stagione successiva, complici anche dei ripetuti cambi in panchina.

La svolta è arrivata nello scorso campionato, in cui Richards si è conquistato il posto in prima squadra totalizzando 28 presenze. La maggiore possibilità di esprimersi ha permesso al classe ’98 di emergere con prestazioni convincenti, non ultime quelle che gli hanno permesso di essere inserito nella Top 11 settimanale di Whoscored.

Dopo essere stato inseguito per tre lunghi mesi, ha firmato un prestigioso contratto con il Bayern Monaco che avrà durata dalla prossima estate, quando il suo attuale accordo con il Reading sarà scaduto.

CARATTERISTICHE TECNICHE

Omar Richards è un terzino sinistro – che all’occorrenza può fare anche l’esterno di centrocampo – in grado di esibire imprevedibilità ed esplosività in avanti e aggressività e solidità nella fase difensiva. Un terzino dallo stile moderno, frizzante, proprio di questi tempi, con una potenzialità importante in entrambe le fasi di gioco che appare come una risorsa preziosissima in prospettiva.

Il nazionale inglese ha nelle corde soprattutto delle pericolose progressioni palla al piede in cui mette in mostra una grande intensità di gioco, abilità a saltare l’uomo, dribbling e capacità a creare occasioni da gol. Spicca particolarmente la sua predisposizione al dribbling, che tenta con frequenza e con il quale riesce a uscire dal forsennato pressing avversario riuscendo clamorosamente a saltare più di un uomo. Questa sua dote nell’uno contro uno gli consente spesso di fare tanto la differenza aprendosi spazi invitanti da attaccare con velocità.

È molto forte a imporre il ritmo sulla sua corsia di competenza, che gli consente di sfuggire alle chiusure avversarie e divorarsi gli spazi liberi. Per lo più cerca il fondo, delle volte anche attraverso un uno-due col compagno per arginare la copertura avversaria, per arrivare al cross, che realizza con eccellente efficacia.

Il classe ’98 possiede una grande forza nel piede che gli permette di sviluppare il gioco offensivo anche dal basso ricorrendo a lanci lunghi o a verticalizzazioni profonde. In questa stagione ha eseguito in media 1.5 passaggi lunghi precisi, un dato non eccezionale che comunque certifica come sia una delle armi a sua disposizione.

Richards compie anche delle buonissime prestazioni dal punto di vista difensivo. Porta tanta aggressività sul portatore di palla andando spesso a contrasto – è il giocatore che tenta più contrasti nella Championship 2020/21 – con interventi puliti sul pallone.

https://twitter.com/ChampChatPod/status/1367856175249846277

È molto bravo anche nei recuperi palla (1.3 a partita) sfruttando la sua abilità a leggere in anticipo la giocata. Altro statistica interessante è quella relativa alle palle spazzate, che sono 1.5 ogni 90 minuti.

SFIDA CON ALPHONSO DAVIES

Il profilo di Omar Richards è simile per caratteristiche a quello di Alphonso Davies, che sarà il competitor dell’ex Fulham sulla fascia sinistra. Il Bayern Monaco, infatti, ha chiuso l’affare per il calciatore inglese per coprire il buco aperto da Alaba, che non rinnoverà il contratto in scadenza quest’estate. In questo modo Richards occuperà la casella di riserva di Davies permettendo a Lucas Hernandez di tornare a fare il centrale difensivo.

La sfida per il posto sulla corsia mancina con il passare dei mesi è destinato ad affascinare non poco il grande pubblico. Richards, sfruttando la somiglianza tecnica con il canadese, potrà prenderlo come un modello per limare alcuni aspetti, dovuti anche al salto dalla Serie B inglese alla massima serie tedesca e alla Champions League.

Fonte foto: profilo Twitter Reading

Se nell’arco delle settimane l’inglese dovesse ripetere il percorso d’integrazione di Davies, i bavaresi avrebbero una fascia sinistra a dir poco temibile.

Continue Reading
Commenta

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

ESCLUSIVE

ESCLUSIVA – Luca Toselli sulla Juve: “Giusto confermare Allegri”

Pubblicato

:

Juventus

La Juventus sta attraversando uno dei periodi di maggior difficoltà della sua storia. Risultati che faticano ad arrivare e dimissioni improvvise di tutto il C.D.A., situazioni che non fanno passare nottate tranquille ai tifosi bianconeri. In esclusiva per Numero Diez la voce di Luca Toselli, influencer grande esperto e tifoso della Vecchia Signora seguito da centinaia di migliaia di persone sui propri account social. Di seguito l’intervista.

L’ERA ANDREA AGNELLI

Nove Scudetti, cinque Supercoppe Italiane e cinque Coppe Italia, questi i successi della Juventus nei dodici anni di gestione Andrea Agnelli. Quali parole ti senti di rivolgere nei confronti dell’operato dell’ormai ex presidente?

“Un ringraziamento per gli anni che ci sono stati di vittorie e successi nonostante gli ultimi non siano andati bene. Probabilmente la presidenza di Andrea Agnelli era ormai giunta al termine. Il fatto che si sia arrivati alla divisione per altre cause è un dispiacere ma probabilmente ci stava dopo dodici anni un cambio in cima alla piramide della Juventus”.

LE PREOCCUPAZIONI DEL MOMENTO

Da tifoso che sente la maglia bianconera come una seconda pelle, quali sensazioni stai provando in questo periodo così delicato?

“Confusione e sorpresa. Non mi spaventa il fatto di avere un presidente, bensì la dinamica e le tempistiche nel quale è avvenuto questo cambiamento. Vista dalla nostra prospettiva viviamo questo avvenimento in modo confusionario e, come un qualcosa in continua evoluzione”.

LE POSSIBILI NUOVE FIGURE DIRIGENZIALI

Prima Del Piero poi Trezeguet: due leggende del club che si sono proposte di tornare per aiutare la loro vecchia squadra. Pensi che potrebbero contribuire alla rinascita del club?

“Vedo molto più adatto Del Piero a livello dirigenziale, Trezeguet penso sia maggiormente un uomo da campo. È ovvio che due figure del genere che nel momento più buio della storia bianconera hanno deciso di scendere all’inferno con la Vecchia Signora è un qualcosa che non può fare altro che piacere”.

IL RUOLO DI MASSIMILIANO ALLEGRI

L’unico mai messo in discussione in questi giorni così intensi è stato Massimiliano Allegri. Si è parlato di possibili dimissioni non accettate, condividi la scelta di tenere il tecnico o avresti optato per un altro profilo?

“Riguardo Allegri penso sia un discorso in continua evoluzione. In caso di dimissioni di Agnelli per un nuovo progetto tecnico avrei capito un immediato cambio in panchina ma, in questa situazione di confusione, cambiare anche l’allenatore sarebbe stato un problema per i giocatori. Allegri dovrà tenere il ruolo di collante in questo momento così delicato”.

LA POSSIBILE REAZIONE IN CAMPO DELLA SQUADRA

In conclusione, come credi possa reagire la squadra sul lato sportivo al rientro dalla sosta? Riusciranno i ragazzi a gestire il peso di giocare in queste condizioni?

“Questa è la mia più grande paura. Sicuramente il momento non è felice e, qualcuno, potrebbe avere delle preoccupazioni a livello di campo. Sappiamo tutti benissimo che all’interno del rettangolo verde di gioco la testa conta tanto e, tutta questa situazione extra-campo, potrebbe provocare dei malumori”.

Continua a leggere

Calcio Internazionale

Barcellona, interesse per Onana: le ultime

Pubblicato

:

Onana

Il Barcellona, nonostante i problemi riguardo alla liquidità, agirà sul mercato di gennaio: sono infatti tanti i nomi di Inter e Milan e che piacciono al club blaugrana.

BARCELLONA-MILANO: ASSE CALDO

Al Barcellona piacciono tanti nomi dell’Inter: si comincia da Lautaro e Skriniar concludendo con Brozovic. Ma non si ferma qui, infatti passando all’altra parte di Milano piacciono molto sia Rafael Leao, che Bennacer.

Secondo Tuttosport, però, l’obiettivo principale del Barcellona per gennaio è un portiere che faccia da vice a Ter Stegen: tutti gli indizi portano ad Onana. L’ex Ajax è un obiettivo concreto dei blaugrana, che stanno preparando un piano per sferrare l’attacco finale a gennaio.

Continua a leggere

Calcio Internazionale

Tata Martino non è più il CT del Messico: le ultime

Pubblicato

:

Messico

Nonostante la vittoria del Messico ieri sera, ormai l’esperienza di Gerardo Martino sulla panchina della Nazionale Messicana sta per volgere al termine. Decisiva sembra essere stata infatti la non qualificazione agli ottavi di fiamme dei Mondiali in Qatar.

MESSICO-TATA MARTINO: È FINITA

Lo ha confermato lo stesso Tata Martino ieri sera dopo la partita con l’Arabia Saudita:

Dovrò trovarmi un altro futuro, la mia esperienza sulla panchina del Messico è terminata quando l’arbitro ha fatto il triplice fischio. Il mio contratto con la Nazionale termina qua”.

Continua a leggere

Calcio Internazionale

La Francia non ci sta: reclamo alla FIFA dopo la rete annullata a Griezmann

Pubblicato

:

Francia

Nonostante la Francia fosse già passata, non sono mancate le polemiche ieri pomeriggio al termine del match tra francesi e Tunisia valida per l’ultima partita ai gironi di Qatar 2022. Ha aperto la gara Khazri a cui aveva risposto Griezmann al 98’, ma già al termine della gara l’arbitro ha preso la decisione di annullare la rete  francese. 

POLEMICHE FRANCESI

Secondo quanto riportato dal quotidiano inglese The Mirror, la Federazione Francese è pronta a fare ricorso alla FIFA in segno di protesta per l’annullamento alla rete di Griezmann.

Infatti, al direttore di gara di ieri era stato detto di annullare la rete dell’attaccante dell’Atletico Madrid causa fuorigioco. Ma le regole stabiliscono che un gol non si può annullare a partita già terminata.

Se il gioco è stato interrotto e ripreso, l’arbitro può solo intraprendere una “revisione” e prendere la sanzione disciplinare appropriata, per identità errata o per un potenziale reato di espulsione relativo a condotta violenta, sputi, morsi o estremamente offensivo, offensivo e/o azioni abusive”, si legge nelle regole del gioco dell’IFAB.

In ogni caso la partita di ieri è stata vinta dalla Tunisia, che causa vittoria dell’Australia sulla Danimarca, non è comunque riuscita a passare i gironi della Coppa del Mondo.

Continua a leggere
Advertisement
Advertisement

I nostri approfondimenti

Giovani per il futuro

Esclusive

Fantacalcio

Serie A

Trending

Scarica L'App

Copyright © 2022 | Testata giornalistica n.63 registrata presso il Tribunale di Milano il 7 Febbraio 2017 | numero-diez.com | Applicazione e testata gestita da Número Diez SRL 12106070969