Il Capitano della Juventus manca sul campo dal 30 agosto, giorno in cui si è rotto il crociato durante l’allenamento nella vigilia del big match contro il Napoli. Dopo l’intervento perfettamente riuscito è arrivata la notizia ufficiale: recupero in 6 mesi. Capitan Chiello tornerà infatti a difendere la porta bianconera verso febbraio o marzo del 2020. A confermarlo sono state proprio le sue parole durante un’intervista di Walter Veltroni per La Gazzetta dello Sport:

Torno per l’anno nuovo, sicuro. Febbraio, marzo… dipende. Quando si parla di un infortunio così serio si fanno delle stime perché si va su una media di recupero fisiologica. Ci sono tanti step da fare. È una battaglia che si vince ogni giorno. Ma già ora sto lavorando tanto e bene. Combatto il dolore con il sorriso“.

E ancora aggiunge ai microfoni della Rosea:

Io sono stato veramente felice di vivere oggi questa sfortuna. In qualche misura sono stato fortunato. Perché a 35 anni conosci bene il tuo corpo e hai la maturità per capire e accettare una sfida della vita. Me ne sono reso conto la sera dell’incidente — a parte la speranza che fosse solo il menisco e non il crociato —, ho capito subito che era una cosa seria, che ci sarebbe voluto tempo e volontà. È stato più doloroso dirlo alla famiglia che viverlo, per me

Infine poi svela qualche dettaglio sul futuro: il suo addio ha tutte le qualità per essere uno dei più leggendari del calcio italiano e per questo aumenta il fermento in vista del momento in appenderà le scarpe al chiodo.

Quanto giocherò ancora? Un paio d’anni. Non di più“.

Fonte immagine in evidenza: profilo ufficiale Giorgio Chiellini.