Connect with us

La nostra prima pagina

Cina in Serie D tedesca: la svolta epocale!

Pubblicato

:

Adesso è ufficiale: l’under 20 cinese giocherà in Serie D tedesca.

Eh?! Come? Avete capito benissimo. Dalla prossima stagione i giovanissimi della rappresentativa cinese saranno chiamati a difendere la propria nazione ogni settimana prendendo parte alla quarta divisione del campionato tedesco.

E COME?

La selezione sarà inserita nel girone sud-ovest della Serie D e le altre diciannove squadre hanno accettato l’iniziativa, che senz’altro aiuterà il calcio asiatico ad integrarsi con quello europeo.

Ovviamente la Cina giocherà sempre in trasferta e le partite “casalinghe” si disputeranno a Heidelberg, cittadina tedesca situata sulle rive del fiume Neckar.

La rappresentativa prenderà quindi parte della Regionaliga Sudwest (così è chiamato il campionato), preannunciando un cambiamento radicale: mai è accaduto un avvenimento simile nel mondo del calcio.

QUEL PROGETTO AMBIZIOSO

La Cina si presenta così al suo ambizioso (forse troppo) progetto di inizializzazione: dopo la mancata qualificazione ai mondiali del 2018, avrà un occasione per riscattarsi.

Inserita nel girone A, forse il più difficile dei due, è già ufficialmente eliminata con due giornate d’anticipo: nello stesso raggruppamento di Iran, Sud Corea, Uzbekistan, Siria e Qatar, ha racimolato la miseria di sei punti in otto partite, frutto di una vittoria, tre pareggi e quattro sconfitte.

Il progetto del presidente Xi Jinping, però, non è naufragato con la mancata qualificazione, ma ha portato a nuove iniziative per integrare la Cina nel calcio che conta.

L’idea principale sarebbe quella di riuscire ad ospitare un Mondiale entro il 2050 con la Cina pronta a presentarsi come una delle nazionali favorite.

SOLDI A PALATE

Se prima si parlava del calcio europeo come la maggior fonte di visibilità e guadagno, qualcosa ora sta cambiando. Se come vetrina il vecchio continente resta ancora imbattibile, dal punto di vista economico la Cina si sta facendo prepotentemente avanti: in pochissimo tempo giocatori come Oscar, Lavezzi e Tevez hanno lasciato squadre molto più blasonate per il dio denaro. Lo stesso ha fatto Graziano Pelle dopo l’Europeo giocato da protagonista in Francia nel 2016.

Stipendi che fanno quasi paura: Alex Texeira, mai definitivamente esploso a grandi livelli, percepisce circa 12 milioni di euro annui, pressapoco la stessa cifra che percepiscono sempre in Cina Ramires e Jackson Martinez. Hulk a fine anno ha nel suo conto ben 20 milioni di euro, quasi come Oscar che ne ritira ben 24 di milioni.

Il più paperone di tutti resta però Tevez che percepisce 40 milioni di euro annui, quasi il doppio del guadagno annuale del campione Lionel Messi compreso di bonus e sponsor.

TANTE IDEE

Non fermiamoci però solo ai soldi perché il presidente cinese ha obiettivi molto più grandi e a lunga durata rispetto, per esempio, alla MLS che oggi ha raggiunto lo status definitivo di “ambita meta di fine carriera”.

L’obiettivo è quello di rendere la Chinese Super League il campionato più bello e entusiasmante del mondo in dieci anni al massimo.

Puntare su grandi nomi significa far parlare il mondo del campionato e allo stesso tempo vendere magliette di campioni. Ma il progetto non si ferma qua: in ventimila scuole fra elementari e medie si tengono lezioni di calcio.

PERCHÈ TUTTO QUESTO?

La leggenda narra che nel 2013, dopo l’incontro Thailanda-Cina che terminò 5-1 a favore dei primi, il presidente cinese – che proprio quel giorno compieva 60 anni – vide la sconfitta come un umiliazione diretta a lui.

Il giorno dopo uscì questo post sui social:

“Noi, 1,3 miliardi di cinesi, abbiamo perso con la Thailandia, 65 milioni di abitanti,  un quarto militari, un quarto monaci, un quarto trans e solo il resto utile per il vivaio calcistico”

Scattò quindi una rivoluzione: si iniziò a parlare di “vergogna nazionale” e il presidente Xi Jimping inserisce come riforma culturale obbligatoria lo “sviluppo del calcio”.
Non solo: pianifica anche un investimento di circa 850 miliardi in dieci anni per portare la Cina in vetta al mondo calcistico.
Diciamo anche le cose come stanno, però: l’investimento sul mondo del calcio non è solamente una risposta d’orgoglio quanto anche un possibile enorme rientro economico.
Il calcio in Europa, oggi, è uno dei maggiori fattori di guadagno e non a caso il mondo orientale si è buttato a capofitto – nel nostro caso – su Inter e Milan, pianificando importanti investimenti che assicureranno introiti certi.

IL MONDO IN PUGNO

Non solo però solo le milanesi ad essere sotto controllo orientale: in Inghilterra squadre come Aston Villa, Bimingham, West Brom e Wolverampthon hanno presidenti cinesi; altre squadre sotto controllo asiatico sono, per citarne alcune, Granada, Atletico Madrid (solo il 20%), Sochaux, Nizza, Ado Den Haag e Slavia Praga. 
Un europa che sta venendo piano piano colonizzata dal mondo orientale e che presto o tardi sposterà gli equilibri verso la Chinese Super League, che ha come obiettivo quello di essere in breve tempo il miglior torneo del mondo e il più visto.
Zimmermman, responsabile della Regionalliga, è stato chiaro:
«Ci sono già stati i pareri positivi delle altre 19 squadre che giocheranno nel girone della Cina U.20 e quindi si tratta solo di definire bene il tutto». 
Diciamo la verità: anche il “gentile incentivo” di 15 mila euro ad ogni squadra di quel torneo donato gentilmente dalla Cina avrà senz’altro aiutato la decisione, ma quel che è certo è che dall’anno prossimo assisteremo ad una svolta epocale.

 

Continue Reading
Commenta

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Flash News

Zanetti dispiaciuto per Lukaku: “Gli ho scritto, mi dispiace molto”

Pubblicato

:

Inter

Javier Zanetti, ospite ai microfoni di ESPN, ha espresso tutto il suo dispiacere per Romelu Lukaku dopo la prestazione disastrosa contro la Croazia che ha sancito l’eliminazione del suo Belgio:

“Gli ho scritto dopo la partita, mi dispiace molto per lui perché ha fatto tanto per esserci. Veniva da un infortunio lungo, il Belgio lo ha aspettato e alla fine ha giocato un tempo. Sono partite così per un attaccante, lo dicevo anche per Lautaro con l’Arabia Saudita: quando segni, tutto cambia nella tua testa. Esce dal Mondiale dopo aver avuto tante occasioni da gol, sia di piede che di testa; ha preso anche un palo. L’ultima palla? Non se la aspettava, aveva un avversario davanti”.

Continua a leggere

Calciomercato

Il Sassuolo sfida l’Atalanta per Stipe Diuk

Pubblicato

:

sassuolo

Stipe Diuk è uno dei talenti in crescita nell’Hajduk Spalato, e ha cominciato ad attrarre l’interesse di molte squadre europee. L’esterno d’attacco classe 2002 in questa stagione ha messo a segno due reti in tutte le competizioni, fornendo anche due assist. Tra le squadre interessate c’è il Sassuolo di Dionisi, che però dovrà vedersela con l’Atalanta. La squadra di Bergamo punta a cedere Malinovskyi, per poi investire la cifra ricevuta sull’esterno croato e soffiarlo ai neroverdi.

Continua a leggere

Calciomercato

Anche Calafiori nel mirino del Bologna per gennaio

Pubblicato

:

Bologna

Il Bologna si appresta a rinforzarsi nel corso del mercato di gennaio e gli obiettivi principali riguardano le fasce laterali. Negli scorsi giorni si era parlato di un interessamento dei rossoblù per Doig del Verona e Toni Lato del Valencia, ma nelle ultime ore sarebbero emersi nuovi nomi nella lista di Sartori.

Aleksa Terzic della Fiorentina, che ha trovato poco spazio in questa prima parte di stagione, è tra i possibili innesti della squadra di Thiago Motta. Oltre al laterale viola, anche Riccardo Calafiori, attualmente al Basilea, sembra essere entrato nella lista dei desideri del Bologna. Il laterale ex Roma ha dovuto interrompere la sua crescita a causa di numerosi infortuni, ma la squadra emiliana potrebbe essere l’ambiente giusto per rilanciarsi

Continua a leggere

Flash News

Il Napoli torna al lavoro sotto gli occhi di Hamsik: le ultime su Rrahmani

Pubblicato

:

Dove vedere Napoli-Ajax in tv e streaming

Il Napoli è tornato al lavoro senza i giocatori impegnati al Mondiale al Winter Football Series by Regnum. Dopo la fase di riscaldamento, la squadra ha svolto due partite a campo ridotto, accompagnate da alcune esercitazioni per ritrovare la condizione ottimale. Rrahmani e Sirigu si sono allenati solo parzialmente: poco lavoro in campo per il primo, solo piscina per il secondo.

Ospite d’onore all’allenamento proprio Marek Hamsik, impegnato in una gara amichevole con il suo Trabzonspor contro il Regnum Carya.

Continua a leggere
Advertisement
Advertisement

I nostri approfondimenti

Giovani per il futuro

Esclusive

Fantacalcio

Serie A

Trending

Scarica L'App

Copyright © 2022 | Testata giornalistica n.63 registrata presso il Tribunale di Milano il 7 Febbraio 2017 | numero-diez.com | Applicazione e testata gestita da Número Diez SRL 12106070969