Connect with us

La nostra prima pagina

Cinque frammenti di Pepito Rossi

Pubblicato

:

Fiorentina

Pepito Rossi avrebbe potuto essere uno degli attaccanti più forti degli ultimi anni, con tutti gli oneri e gli onori che conseguono da un simile destino: il fato stesso, però, aveva programmi ben più sciagurati. 

UNA STAR!

Giuseppe Rossi era, effettivamente, una star. E non tanto perché questo soprannome fosse molto utilizzato nella sua terra d’origine, (il ragazzo è statunitense per metà) quanto piuttosto per il proprio rendimento ed il proprio peso specifico in campo; chiedere in Spagna dove, di Pepito, hanno un ricordo straordinario. Oggi vi conduciamo per mano in un viaggio attraverso la carriera di un centravanti tanto talentuoso quanto sfortunato; sfortunato, sì, perché se non fosse stato per quel maledetto crociato che gli ha spezzato una carriera, oggi, Rossi sarebbe il cardine della Nazionale Italiana, conquistata magari a suon di goal indossando la camiseta di qualche top club mondiale come Real Madrid, Barcellona, Bayern Monaco o Juventus.

Ma procediamo per tappe.

PARMA vs. TORINO 1-0 (06/07)

Giuseppe Rossi, in prestito dal Manchester United detentore del suo cartellino, viene rilevato dal Parma – club in cui si era formato calcisticamente – durante il mercato invernale; per i gialloblu, il ragazzo si rivelerà fondamentale per la corsa alla salvezza che culminerà con esito positivo: la permanenza del club in Serie A.

L’italostatunitense, appena ventenne, segnerà infatti 9 goal che gli varranno le attenzioni di numerosi club oltremanica. Il più importante arriva proprio all’esordio, quando, contro il Torino, siglerà la marcatura della vittoria attraverso la quale il Parma uscirà dal baratro; il trionfo, in effetti, non arrivava da ben 10 turni di campionato. Il goal, tra l’altro, è una perla pregiatissima che non può lasciar altro che presagire un futuro brillante; Pierluigi Pardo, emozionato per la splendida rete, gli dà il benvenuto in Serie A richiamandone le origini:

‘Rossi, che numero! Uno a zero Parma! È arrivato Giuseppe Rossi! WELCOME!’

VILLARREAL vs. NAPOLI 2-1 (24/2/11)

L’annata 2010/2011 è senza dubbio alcuno il momento più felice dell’intera carriera del ragazzo ex-Manchester United; la punta italoamericana è il perno del reparto offensivo del Villarreal che vede in Giuseppe Rossi il suo miglior marcatore stagionale con ben 32 reti complessive. Il sottomarino giallo, quell’anno, si guadagnerà la qualificazione alla Champions League ai danni del Sevilla ed una storica semifinale di Europa League dove solo uno straripante Porto – vincitore, poi, della Coppa – sarà in grado di arrestare il cammino di Juan Carlos Garrido Fernández ed i suoi.

Durante l’ostico percorso europeo, il Napoli di Walter Mazzarri si rivelerà la squadra – eccezion fatta per il Porto – più pericolosa da affrontare. Dopo lo 0-0 maturato al San Paolo, il momentaneo 1-1 tra le mura casalinghe del Sottomarino Giallo condannerebbe il Villarreal all’uscita dalla coppa; ma è proprio Rossi che, al 47′, si carica i suoi sulle spalle, realizzando la decisiva marcatura del 2-1 che varrà il passaggio del turno ai suoi.

VILLARREAL vs. REAL ZARAGOZA 2-2 (11/12)

Il goal di cui stiamo per discutere ha un valore simbolico. È l’ultima marcatura realizzata da Giuseppe Rossi prima che inizi il calvario che lo segnerà per tutta la carriera. In quello che avrebbe dovuto essere l’anno della riconferma dopo la sua consacrazione, Rossi perde il treno più importante, quello della continuità; un treno che gli sarebbe valso gloria, denaro, successo, titoli. I rimorsi, comunque, sono limitati: com’è possibile fargliene una colpa?

FIORENTINA-JUVENTUS 4-2 (2013-2014)

La Fiorentina, nonostante il ragazzo debba ancora recuperare dal proprio infortunio, decide di scommettere sul suo talento: questa scommessa costerà alla Viola 10 milioni più bonus, una cifra ragionevole considerando il valore del giocatore ormai drasticamente abbassatosi per due motivi: il primo, ovviamente, è la serie di infortuni che lo falcidia; il secondo, è la retrocessione del suo Villarreal che, dopo aver aspettato a lungo il proprio campione, è ormai in Segunda Division e necessita di monetizzare. Esordirà con la nuova squadra durante l’ultima giornata del campionato 2012/2013.

La stagione successiva, Pepito sarà il vero valore aggiunto della squadra guidata da Vincenzo Montella; l’ex Villarreal, infatti, sarà la sorpresa della prima metà di campionato con ben 16 marcature e 4 assist che gli varranno il momentaneo primo posto della classifica capocannonieri. L’apice, quell’anno, lo raggiungerà durante la sentitissima sfida contro la Juventus dei 102 punti; nonostante, infatti, un passivo di due reti tra le mura casalinghe, saranno proprio Rossi e i suoi a rimontare, sfruttando un inspiegabile quarto d’ora di blackout juventino. Il ragazzo con la 49 sulle spalle siglerà una memorabile tripletta che farà impazzire di gioia i tifosi viola, ormai completamente infatuati del loro beniamino.

https://www.youtube.com/watch?v=NekltLjByrE

GENOA-FIORENTINA 2-3 (06/05/2018)

Da Firenze a… Firenze. Con Paulo Sousa, dopo numerosi infortuni ed il ritorno in campo, Giuseppe Rossi non ritrova la continuità di gioco sperata. Il tecnico portoghese gli preferisce altri elementi ed il ragazzo, così, desideroso di poter partecipare al treno che porta ad Euro 2016 decide di chiedere alla società di lasciarlo partire in prestito verso altri lidi. Sarà la Spagna – che ha un gran ricordo di lui – ad accoglierlo; destinazione Levante. Nonostante le ottime prestazioni, però, il club iberico retrocederà.

Rossi, così, troverà a Vigo una nuova destinazione e quando il vento sembrerà essere tornato a favore dopo una bella tripletta in campionato, arriverà, invece, l’ennesimo infortunio grave.

Crederà in lui il Genoa, col quale arriverà il primo goal in campionato alla terzultima giornata, proprio contro la sua Fiorentina. È un goal che sancisce – per l’ennesima volta – il suo ritorno in grande stile. Perché nonostante gli infortuni, Rossi, in sé, non ha mai smesso di credere nemmeno per un secondo. E, cosa più importante, non smetterà di farlo certo ora che l’ennesimo barlume di speranza ha bussato alla sua porta; non è mai troppo tardi per ricominciare a sognare.

Continue Reading
Commenta

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Flash News

Turris-Fidelis Andria, formazioni ufficiali: Di Michele conferma i suoi

Pubblicato

:

Turris

Alle 21 scenderanno in campo allo stadio Liguori di Torre del Greco, Turris e Fidelis Andria, nel match valevole per la sedicesima giornata di Serie C – Girone C. I due allenatori hanno scelto gli undici titolari che si affronteranno a breve. Le due squadre cercheranno la vittoria per allungare la rispettiva striscia di vittorie consecutive.

LE SCELTE DI DI MICHELE E DOUDOU

Di seguito le formazioni ufficiali delle due squadre:

Turris (4-3-3): Perina, Manzi, Boccia, Frascatore, Contessa; Acquadro, Ardizzone, Gallo; Giannone, Longo, Leonetti.  All. Di Michele

Fidelis Andria (4-3-1-2): Savini, Ciotti, Dalmazzi, Zenelaj, Fabriani, Djibril, Arrigoni, Candellori, Pavone, Sipos, Bolsius. All. Doudou

Continua a leggere

Calciomercato

Cucurella fa sognare il Barcellona: “Sarebbe bello tornare”

Pubblicato

:

Cucurella

Continuano ad inseguirsi e moltiplicarsi le voci riguardo il futuro di Marc Cucurella. L’esterno spagnolo, acquistato la scorsa estate dal Chelsea, si è espresso riguardo un suo possibile ritorno al Barcellona. Infatti, Cucurella ha vestito il blaugrana in giovane età, tra il 2012 e il 2018.

Come dichiarato da lui stesso ai microfoni di Cat Radio, starebbe valutando il Barça come prossima tappa della sua carriera. “Se avessi la possibilità in futuro sarebbe molto bello tornare al Barça“.

I catalani tengono d’occhio l’attuale difensore del Chelsea. In futuro potrebbero seriamente prendere in considerazione l’idea di un ritorno in patria per Cucurella.

Continua a leggere

Flash News

Le formazioni ufficiali di Avellino-Juve Stabia

Pubblicato

:

Juve Stabia

Tra pochi minuti andrà in scena la sfida tra Avellino e Juve Stabia, valida per la sedicesima giornata di Lega Pro, Gruppo C. Allo Stadio Partenio di Avellino, si sfideranno le squadre allenate da Leonardo Colucci e Massimo Rastelli.

I padroni di casa sono reduci da una netta vittoria per 4-0 contro il Teramo, mentre le vespe hanno pareggiato 0-0 contro il Potenza. Sei punti distano le due compagini: al momento la Juve Stabia è in zona play off, al sesto posto, mentre gli irpini sono quindicesimi.

LE FORMAZIONI UFFICIALI DI AVELLINO-JUVE STABIA

AVELLINO (4-3-3): Pane; Rizzo, Moretti, Auriletto, Tito; Matera, Casarini, Garetto; Kanoute, Gambale, Murano. All. Rastelli

JUVE STABIA (4-3-3): Barosi; Maggioni, Altobelli, Caldore, Mignanelli; Ricci, Berardocco, Scaccabarozzi; Pandolfi, Santos, Guarracino. All. Colucci

 

Continua a leggere

Flash News

Inghilterra, Ben White lascia Qatar 2022: il motivo

Pubblicato

:

Inghilterra

L’Inghilterra si è classificata prima nel proprio girone davanti agli USA, conquistando dunque, l’accesso agli ottavi di finale di Qatar 2022. Tuttavia il CT Southgate perde pezzi per le fasi finali della competizione, causa abbandono di Ben White.

Il difensore dell’Arsenal, che tanto sta facendo bene in Premier League, è tornato a casa per motivi personali; sfortunatamente non si pensa che possa tornare per le altre partite della sua Nazionale.

Insomma, Southgate perde una buona pedina in difesa che sicuramente avrebbe potuto dare una mano alla causa inglese.

 

Continua a leggere
Advertisement
Advertisement

I nostri approfondimenti

Giovani per il futuro

Esclusive

Fantacalcio

Serie A

Trending

Scarica L'App

Copyright © 2022 | Testata giornalistica n.63 registrata presso il Tribunale di Milano il 7 Febbraio 2017 | numero-diez.com | Applicazione e testata gestita da Número Diez SRL 12106070969