Dove trovarci
Giroud

La nostra prima pagina

Cinque perle di Olivier Giroud nel 2017

Cinque perle di Olivier Giroud nel 2017

Si sa, difficilmente Olivier Giroud fa gol banali. L’attaccante francese in questi anni ci ha abituato ad esecuzioni spettacolari di vario genere: acrobazia, tacco, tiro da fuori, colpo di testa. Il senso del gol continua ad essere una sua peculiare caratteristica, capace di fargli trovare la coordinazione anche in situazioni nelle quali appare impossibile.

La parola “impossibile” per Giroud è quasi sconosciuta, come dimostrano alcuni dei suoi gol negli ultimi anni. L’ultimo siglato, in Europa League contro la Stella Rossa, si aggiunge ad altre perle del francese in questo anno solare.

Ma andiamo con ordine.

01-01-2017: ARSENAL – CRYSTAL PALACE, IL GOL PIÙ BELLO DELL’ANNO

Il primo gol dell’anno, probabilmente il più bello della stagione. Finalista e papabile vincitore del PUSKAS AWARD 2017, il gol contro il Crystal Palace è una sintesi tra follia e capacità tecnica, in una parola: Olivier Giroud. L’attaccante francese segue il suo compagno e attende il pallone in area.

Sanchez lo tradisce rientrando e facendogli perdere un tempo di gioco. Il cross arriva quando ormai il centravanti dell’Arsenal ha il corpo posizionato in avanti rispetto alla linea della palla, Giroud però la colpisce tentando uno scorpione volante: palla all’incrocio e gol più bello dell’anno.

05-04-2017: ARSENAL – WEST HAM, IN TUTTA TRANQUILLITÀ

Un altro gol in campionato, un altro pezzo di bravura. Il gol contro il West Ham ci mostra tutta la tecnica di Giroud, capace di mettere la palla dove vuole. In tutta tranquillità il francese riceve palla sul lato destro del campo, e aspetta il rientro del difensore che gli lascia fare quello che vuole.

L’attaccante dell’Arsenal fa due tocchi, mira l’angolino e con l’interno la mette proprio lì. La palla scende improvvisamente e si insacca alle spalle del portiere avversario: anche Giroud sa fare gol di precisione.

09-06-2017: SVEZIA – FRANCIA, ELEGANZA E POTENZA

Un gol semplicemente fantastico quello di Giroud in Nazionale contro la Svezia. La perfetta unione tra l’efficacia e la grazia, tra eleganza e potenza. La bellezza del gesto è tutta nell’esterno sinistro con il quale il francese si alza il pallone che rimbalza in area: indirizza la sfera verso l’esterno per poterla colpire con il collo del piede. Ancora una volta la capacità di coordinazione dell’attaccante è da maestro. Giroud osserva la palla, aspetta il momento giusto per colpirla e, proprio quando è a mezz’aria, scaraventa un bolide che si infila nell’angolino opposto.

Un tiro perfetto a incrociare, un altro gol che entra di diritto tra i più belli della stagione, una marcatura spettacolare: la traiettoria sembra uscire dallo specchio della porta, ma il giro che Giroud riesce a dare alla palla lasciando andare il piede, permette alla sfera di insaccarsi in porta. Palla colpita tra il collo e l’esterno del piede: una conclusione splendida, elegante ed efficace.

11-08-2017: ARSENAL – LEICESTER, LA PARTITA INFINITA

Una partita infinita, la prima gara stagionale di questa Premier League, almeno fino a quando è proprio Giroud a mettere la parola fine sul match. Tanta voglia di fare bene, ma anche molta impreparazione e qualche errore di troppo per due squadre che si trovano sul 3-3 a ridosso del novantesimo. Il pareggio sarebbe il risultato giusto per quello che si è visto in campo, ma Giroud non ha ancora lasciato il segno nella prima uscita all’Emirates, estasiato dalle giocate del nuovo acquisto Lacazette. Giroud vuole dimostrare di essere ancora uno dei protagonisti dei Gunners, vuole vincere quella partita.

Viene battuto il calcio d’angolo e il francese è marcato a uomo dall’avversario. Vince lo scontro fisico mettendo in mostra un’altra dote che, in questo caso, è tutto merito di Madre Natura. Maguire non riesce a contenerlo e cerca disperatamente di trascinarlo a terra tirandogli la maglia, ma l’attaccante resiste e vince anche il duello aereo con Morgan, che salta al posto del suo compagno ormai a terra. Giroud in posizione precaria riesce ad avere la forza di girare il cross del suo compagno: indirizza la palla verso la porta e la sfera supera la linea dopo aver toccato la traversa. Emblematico il gesto di stizza di Schmeichel, che capisce di aver perso una partita infinita.

19-10-2017: STELLA ROSSA – ARSENAL, LA FINALIZZAZIONE PERFETTA

Arriviamo all’ultimo gol segnato da Giroud con la maglia dell’Arsenal, l’altra sera in Europa League. La partita è bloccata fino agli ultimi dieci minuti, fino a quando il francese segna il gol vittoria. E che gol.

L’azione è bellissima, ma anche un po’ improvvisata nella costruzione. Walcott cerca Wilshere e si fionda in mezzo all’area. Il centrocampista centrale dell’Arsenal, come spesso è solito fare, gliela restituisce di prima con l’esterno e a quel punto il compagno, chiuso dal ritorno del difensore, non può far altro che cercare di appoggiare la palla di testa a Giroud, che occupa la zona centrale dell’area. Il francese invece che provare ad arpionare la palla con il destro, attraverso un movimento istintivo si gira e rovescia verso la porta con il sinistro. Il gol è bellissimo, la capacità di coordinarsi in situazioni difficili la fa ancora da padrone.

In situazioni difficili, sì, perché quelle impossibili per Giroud non esistono.

Giroud può trovare il gol in qualsiasi occasione.

Lascia un commento

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Altro in La nostra prima pagina