Connect with us
Fulham, sir Ranieri torna in panchina

Generico

Fulham, sir Ranieri torna in panchina

Pubblicato

:

Tornare in un campionato dove si è riusciti a scrivere una vera e propria favola non è cosa da tutti. Mettersi di nuovo in gioco – col rischio dietro l’angolo di vanificare quanto di buono è stato fatto in passato – è una scelta molto coraggiosa. Ma Claudio Ranieri, o meglio, sir Claudio Ranieri non è il tipo di uomo che guarda alle proprie spalle. Infatti, ha colto al volo l’opportunità di sedersi ancora in panchina. Il tecnico romano ha accettato la proposta di Shahid Khan, proprietario del Fulham.

D’altronde, la Premier League è casa sua. In Inghilterra è stato apprezzato molto più che in Italia, dove la limitata cultura sportiva non permette ad un allenatore di sbagliare, mai. Contrariamente, in UK, i tecnici nostrani, grazie anche al maggior tempo messo a disposizione, riescono sempre a ottenere ottimi risultati: negli ultimi anni ne sono stati una prova Di Matteo, Conte e Sarri.

Ranieri posa al Craven Cottage di Londra.

Ranieri arriva a Londra con la valigia carica di quell’esperienza di cui i cottages hanno dannatamente bisogno. In estate, tra l’altro, la proprietà pakistana non aveva posto limiti alle richieste di Slaviša Jokanović: alla corte del coach serbo sono difatti arrivati calciatori di tutto rispetto: Seri, Zambo Anguissa, Mitrović ed i prestiti di Schürrle e Vietto. La spesa totale è stata di 109 milioni, cifra fuori dai parametri di tutte le squadre italiane, se non per la Juventus. Evidenza del distacco netto e deciso che sussiste fra la Premier e la Serie A.

Nonostante la faraonica campagna acquisti, il Fulham ha raccolto molto meno del previsto, scivolando all’ultimo posto in classifica; la squadra londinese ha ottenuto solo 5 punti nelle prime 12 partite, risultato che è valso l’esonero per Jokanović e l’assunzione di sir Claudio, suo ex allenatore ai tempi del Chelsea. L’obiettivo salvezza è distanze solo 3 lunghezze. Il campionato è molto lungo e siamo certi che, alla fine, il Fulham riuscirà ad evitare la relegation.

Scopriamo insieme come potrebbe scendere in campo il nuovo Fulham targato Ranieri.

CATENACCIO E CONTROPIEDE?

Nel mondo inglese, il 4-4-2 è un evergreen, riproposto a più riprese in tutte le sue varianti. Più della metà della Premier schiera questo modulo o, in alternativa, il 4-3-3. Tuttavia, si sta facendo spazio nelle ultime stagioni la difesa a tre, chiave di volta del Chelsea di Antonio Conte. Anche Jokanović aveva adottato tale disposizione, ma sappiamo bene come sia andata a finire. L’arrivo di Ranieri probabilmente sarà accompagnato da una rivoluzione tattica: al discreto possesso palla della precedente gestione (media del 50,9% a partita), verrà preferita una maggiore compattezza difensiva.

Il 4-4-2 messo in campo da Ranieri ai tempi del Leicester.

Quello di Ranieri è un calcio molto ‘catenacciaro’: predisposizione a soffrire, lasciando il pallino del gioco agli avversari; recuperare il possesso e verticalizzare rapidamente. In un periodo storico in cui l’estetica sta lentamente soppiantando l’efficacia, il gioco di Ranieri è una novità, ma non in Inghilterra. Perché il Regno Unito è l’ultimo baluardo del football kick and run, improntato sui lanci e sulla grande corsa.

CHI GIOCHERÀ?

Non aspettatevi un Leicester 2.0. Almeno non per quest’anno. Ma i foxes possono offrirci un’ottimo esempio di come i londinesi potrebbero scendere in campo. Tra i pali, Sergio Rico dovrà essere sempre pronto a respingere i tentativi avversari. La difesa verrà schierata a quattro: a destra Fosu-Mensah avrà la libertà di scatenare tutta la sua velocità, a sinistra Bryan potrà fare altrettanto; al centro della retroguardia Mawson e Le Marchand, non due armadi a quattro ante come Morgan e Huth, bensì due difensori molto più moderni.

Mitrović, il bomber serbo del Fulham.

A centrocampo Seri e Zambo Anguissa dovranno macinare chilometri per recuperare palloni da servire ai due esterni: Sessegnon, fenomenale classe 2000 in rampa di lancio, e Schürrle, ormai solo un lontano parente dello splendido esterno visto a Dortmund. In attacco, Mitrović sarà il fulcro del gioco, da sfruttare su palle inattive e cross dalle fasce e Vietto, seconda punta dotata di una tecnica sublime, dovrà raccordare i due reparti. La rosa dei cottages è davvero molto profonda, ragion per cui potremo vedere in campo molto spesso anche il capitano Carney. Ma anche Chambers, McDonald e Johansen, che con Jokanović hanno trovato molto spazio.

RITROVARE LA RETTA VIA

Il Fulham, nonostante sia una neopromossa, dispone di un parco giocatori di tutto rispetto. Alcuni hanno reso poco rispetto alle grandi aspettative: Seri e Vietto su tutti. Proprio dal rilancio della rosa e, in particolare, dei calciatori più talentuosi partirà la nuova era Ranieri. Il primo era stato ad un passo dal firmare con il Barcelona, poi l’interesse di Roma e Napoli. Alla fine l’ha spuntata la Black and White army; ma a Londra l’ivoriano non è riuscito a imporsi e a differenza di Vietto che incarna il classico calciatore che difficilmente si adatta ad un gioco fisico come quello inglese, Seri ha tutte le carte in regola per fare davvero bene.

Seri, il faro del centrocampo.

Se da una parte il ragazzo ricorda quel Kantè che abbiamo imparato ad amare proprio grazie a Ranieri, Jean Michaël possiede una tecnica differente, di alto livello. Calcia molto bene dalla distanza ed è pericolosissimo sui calci piazzati. Un mix di qualità fisiche e tecniche che lo rende il più adatto ad illuminare il 4-4-2 che disegnerà sir Claudio.

Discorso diverso per Luciano Vietto, uno che fuori dai confini spagnoli ha trovato le difficoltà che tutti si aspettavano. Il suo talento è cristallino, questo è chiaro, ma probabilmente la Premier non è il giusto palcoscenico in cui esibirsi: starà al nuovo coach farlo brillare insieme al resto del team per questa nuova ed eccitante sfida, sul medesimo sfondo d’Albione che ha già visto accadere miracoli.

Continue Reading
Commenta

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Generico

ULTIM’ORA – Ansia Sassuolo: Berardi esce per infortunio contro il Verona

Pubblicato

:

Sassuolo berardi

Sfortunatissimo Domenico Berardi in Hellas Verona-Sassuolo. Il fuoriclasse neroverde è rientrato oggi da un lungo infortunio che gli aveva fatto saltare sei gare, ma è stato costretto al cambio per un nuovo infortunio. Dopo un rilancio errato di Montipò, Berardi ha controllato il pallone con il petto, ma ha poggiato male il piede al terreno e ha subito chiesto il cambio. La paura più grande è che si tratti di un problema al tendine d’Achille. Chiaramente serviranno accertamenti.

Continua a leggere

Generico

Le parole di Baroni e Carnevali prima di Verona-Sassuolo

Pubblicato

:

Marco Baroni, allenatore dell'Hellas Verona - Serie A

Tra le partite più delicate di questo 27° turno di Serie A c’è indubbiamente il lunch match tra Verona Sassuolo, appaiate in classifica, ma con stati d’animo profondamente differenti. Nel pre-gara, ai microfoni di Sky Sport, si sono espressi al riguardo Marco Baroni, allenatore dei gialloblù, e Giovanni Carnevali, amministratore delegato dei neroverdi.

LE PAROLE DI BARONI

MASSIMA ATTENZIONE – “Dovremo affrontare tutti insieme questa partita, sia coloro che partono titolari, sia quelli che entreranno a gara in corso. Servirà un’attenzione massima per cento e passa minuti, il Sassuolo è conscio del momento che sta vivendo, ma rimane una squadra con grandi possibilità tecniche”.

TUTTE FINALI – “Da qui a maggio tutte le nostre partite saranno delle finali, e la squadra dovrà essere capace di restare sempre dentro la gara, mostrando compattezza anche mentale. Match come questi si risolvono spesso per le piccole cose, e dovremo essere in grado di curare anche i minimi dettagli”.

RESTARE IN PIEDI E CORRERE – “La squadra ha creato le condizioni per restare in piedi in un momento non facile. Adesso dobbiamo iniziare a correre per raggiungere ciò che sembrava impossibile”.

LE PAROLE DI CARNEVALI

BALLARDINI – “In un momento di difficoltà come quello che stiamo vivendo, Ballardini è il profilo adatto per dare la scossa giusta. La squadra ha dei valori, ma indubbiamente ha anche delle carenze; siamo fiduciosi nel fatto che il nuovo allenatore riuscirà a portarci ciò che è mancato prima”.

SERENITÀ – “Continuerò a presenziare agli allenamenti senza stravolgere nulla. Dobbiamo mantenere la serenità e l’equilibrio che non devono mancare in momenti come questo”.

BERARDI – “In undici stagioni di Serie A ci era già capitato un momento come questo, e chiamando Iachini quest’ultimo riuscì a portarci qualcosa di importante. Il ritorno in campo di Berardi può darci tanto anche all’interno dello spogliatoio, è il nostro campione ed è con lui che abbiamo portato a casa risultati e punti. Speriamo rientri in condizione nel miglior modo possibile”.

Continua a leggere

Generico

Tempo di rinnovi in casa Genoa: si lavora per Bani e Badelj

Pubblicato

:

Mattia Bani Genoa Serie A

Il Genoa continua a lavorare sul fronte rinnovi, per blindare i suoi uomini più importanti e confermare la spina dorsale della squadra a disposizione di Alberto Gilardino. Domani sera i rossoblù sono attesi dal crash test di nome Inter. Il Grifone, tuttavia, è nella ristretta élite di squadre che sono riuscite a fermare i nerazzurri in questa stagione. Ma ora l’Inter è in piena ascesa e sembra inarrestabile.

Gilardino tenta l’azzardo e lo farà con due giocatori freschi di rinnovo. Johan Vasquez, importante difensore mancino, e Morten Frendrup, tuttocampista dedito al sacrificio, hanno recentememte rinnovato. Rispettivamente il messicano fino al 2027 e il danese fino al 2028. Dopo queste nuove leve (Vasquez è classe 1998, Frendrup è 2001), i liguri pensano anche allo zoccolo duro di maggiore esperienza. I prossimi nomi sul tavolo, infatti, sono quelli di Badelj e Bani (classe 1989 e 1993), che rappresentano la componente esperta della squadra.

Tuttosport spiega che con Bani è pronto già un accordo fino al 2026. Mentre con Badelj si dovrà ancora discutere, in previsione di giugno 2025 o 2026. Sono da valutare, inoltre, anche le situazioni di Ekuban e Strootman, in scadenza il prossimo giugno. La cosa certa è che il Genoa prosegue sulla strada della continuità di uomini, dopo la promozione dello scorso anno e il buonissimo lavoro che il Grifone sta facendo in questa stagione.

Continua a leggere

Generico

LeBron James nella leggenda: superati i 40.000 punti in carriera

Pubblicato

:

LeBron James Los Angeles Lakers

LeBron James sempre più una leggenda del basket mondiale. Il numero 6 dei Los Angeles Lakers, nella notte italiana, ha infranto un altro record diventando il primo cestista nella storia dell’NBA a superare i 40.000 punti in carriera.

Nel corso della scorsa stagione, contro gli Oklahoma City Thunder è diventato il migliore marcatore della storia della Lega, superando Kareem Abdul-Jabbar e fissando il nuovo tetto di punti momentaneo a 38.390. Questa notte, contro i Denver Nuggets campioni in carica, LeBron James ha infranto la barriera dei 40.000 punti. Al termine dei 48′ di gara, infatti, il suo range è di 40.017.

Tutto il mondo si sta complimentando con questa icona sempreverde e leggendaria dell’NBA, che alla sua 21ª stagione da professionista e dopo aver superato da poco i 39 anni (è nato il 30 dicembre 1985), continua a fare scuola.

Inutile dire che questa statistica sembra a sua volta irraggiungibile. E, ad ora, sembra davvero impossibile pensare ad un cestista che possa superarlo. Tuttavia, a primo impatto sembrava esserlo anche il record di Abdul-Jabbar. Record rimasto invalicato per quasi 40 anni: dall’aprile 1984 fino al febbraio 2023, prima che LeBron James lo agganciasse.

Per ora, King James si riserva un posto in solitaria nel club di tutti coloro che hanno fatto 40.ooo o più punti in NBA. Cioè soltanto lui nella storia.

Continua a leggere

I nostri approfondimenti

Giovani per il futuro

Esclusive

Fantacalcio

Serie A

Trending

Scarica L'App

Copyright © 2022 | Testata giornalistica n.63 registrata presso il Tribunale di Milano il 7 Febbraio 2017 | numero-diez.com | Applicazione e testata gestita da Número Diez SRL 12106070969