Connect with us

Generico

Come gioca il nuovo Ajax di Ten Hag

Pubblicato

:

Fonte immagine: account Twitter dell’Ajax

Per l’Ajax ripetere il cammino dello scorso anno sarà difficile, quasi impossibile. Le squadre forti sono ancora più pericolose e, come in ogni nuova edizione, non mancheranno le outsider. Perché la Champions League è così: è una strettoia e spesso la differenza la fanno le situazioni, i centimetri, la capacità di sfruttare ogni singolo episodio. Guai però a pensare che quanto fatto qualche mese fa da Ten Hag ed i suoi ragazzi sia soltanto frutto del caso, una volontà del destino. Non è così che si buttano fuori, in successione, Real Madrid e Juventus. E se quel pallone a Lucas Moura non fosse mai arrivato (a proposito di centimetri), la storia sarebbe potuta cambiare. Chissà.

La delusione post-Tottenham è stata smaltita dalla vittoria in campionato (e se pensate che sia facile vincere l’Eredivisie, vi sbagliate di grosso), l’ultimo regalo di due giocatori che, molto probabilmente, lasceranno il segno in questa epoca del calcio e nelle successive: Matthijs de Ligt e Frenkie de Jong. Impossibile, davvero, per l’Ajax trattenerli: per una questione economica sì, ma anche di ambizioni. Ad Amsterdam lo sanno bene: mai tarpare le ali a chi ha la possibilità di volare molto in alto. Se il difensore sta crescendo pian piano in un calcio difficile come quello italiano, l’altro ha già in mano le chiavi del centrocampo del Barcellona. Pochi dubbi: faranno le fortune dei loro club.

Fonte immagine: account Twitter dell’Ajax

TEN HAG FA LA DIFFERENZA

Ma il “sanguinoso” mercato in uscita dei Lancieri non si ferma qui perché è andato via anche Lasse Schöne, direzione Genoa: fondamentale per gli equilibri dell’Ajax, lascia l’Olanda dopo aver conquistato il record di straniero con più presenze. Non parliamo di un fenomeno assoluto, ma di un calciatore molto utile perché intelligente, duttile e con tanta qualità. Con queste tre pesanti cessioni, qualsiasi altro club avrebbe fatto fatica a ricomporsi. Ma non ad Amsterdam, non all’Ajax, non con Ten Hag allenatore. Ecco, siamo arrivati al punto: Ten Hag. Che, a differenza di quanto è successo a molti altri, non finirà nel dimenticatoio, almeno non presto. Se parliamo di certezze, lui c’è. Perché sa adattarsi alle situazioni. Ed è esattamente ciò che ha fatto in questo inizio di stagione, senza tre pedine chiave del suo scacchiere.

Rispetto allo scorso anno, stavolta Ten Hag sembra aver già trovato la quadra. In questo senso, Ajax-Lille di martedì sera ci ha dato un’impostazione più chiara sul piano tattico. Di base l’idea di calcio è sempre la medesima: possesso palla, densità, imprevedibilità ed accelerazioni improvvise. Dušan Tadić confermato nel ruolo di falso nove, ma ora con Quincy Promes che gli gira intorno: l’ex Siviglia, nel 4-2-3-1 iniziale, parte da trequartista centrale, ma è il primo ad attaccare lo spazio quando il serbo viene a prendersi il pallone. In sostanza: come per il Barcellona di Pep Guardiola, con le giuste proporzioni, anche nell’Ajax di Ten Hag il centravanti è uno spazio vuoto. A Promes, Ziyech e David Neres il compito di riempirlo e, soprattutto, coprirlo. Senza dimenticare Donny van de Beek, al momento infortunato. Ma non è finita qui.

Fonte immagine: account Twitter dell’Ajax

L’EVOLUZIONE DI ALVAREZ ED IL RITORNO DI VELTMAN

In estate i Lancieri hanno acquistato Edson Álvarez, un difensore centrale messicano molto interessante. Sarebbe dovuto diventare l’erede di De Ligt e, invece, ha preso il posto di De Jong davanti alla difesa insieme a Lisandro Martinez, altro difensore schierato a centrocampo. L’interpretazione del ruolo, però, ha una chiave di lettura diversa: de Jong era il costruttore di gioco, mentre Alvarez è un mediano con ‘licenza di colpire’.

Ne è un esempio proprio l’ultima gara disputata dalla compagine olandese: Neres che da destra viene in mezzo al campo, vede e serve l’inserimento del messicano, gol del 2-0. Un lavoro che l’ex América ha svolto numerose volte durante la partita e che va ad aumentare la densità di uomini in area di rigore. A questo, poi, si aggiunge un’ottima capacità di interdizione ed una buona tecnica per la prima costruzione. Con l’inserimento totale di Răzvan Marin, il rumeno ingaggiato dallo Standard Liegi, si capirà la struttura definitiva del centrocampo, per ora concetrata su questa variante.

Per sostituire De Ligt, invece, Ten Hag ha puntato sul recupero totale di Joel Veltman: una vita intera nell’Ajax, dalle giovanili fino alla prima squadra, tante aspettative nei primi anni, l’ombra di Matthijs; poi diversi infortuni, alcuni anche molto gravi, che ne hanno condizionato la carriera. Ora è pienamente recuperato e, dopo aver giocato spesso da terzino destro, rientra nella sua posizione originale da difensore centrale, per affiancare Blind e non far rimpiangere il neo juventino. Non sarà facile, è chiaro, ma lui conosce l’ambiente e ha l’appoggio della tifoseria, oltre a quello dell’allenatore. E non è cosa da poco.

A proposito di difesa: Nicolás Tagliafico dovrebbe essere il terzino sinistro ma in realtà è un’ala aggiunta in questo 4-2-3-1 che si trasforma continuamente. Dieci partite finora, quattro gol, di cui uno in sforbiciata al volo in campionato. Da vedere e rivedere. Così come le partite dell’Ajax, sempre belle e ricche di spunti interessanti.

No, la semifinale dello scorso anno non è un caso.

Continue Reading
Commenta

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Calciomercato

La Roma blinda Pisilli: rinnovo fino al 2026

Pubblicato

:

Dybala

Arriva un rinnovo importante in ottica futuro per la Roma. Secondo il noto giornalista Nicolò Schira, il giovane talento Niccolò Pisilli, classe 2004, ha prolungato il suo contratto fino al 2026.

Per il  giovane centrocampista italiano, che al momento milita ancora in primavera, si prospetta un futuro tutto giallorosso. 

Continua a leggere

Flash News

Spagna-Germania, le parole di Luis Enrique: “Sarà sfida alla pari, Gavi può segnare una nuova epoca”

Pubblicato

:

Dove vedere Spagna-Costa Rica

Alla vigilia del big match tra la Spagna e la Germania, partita valevole per la seconda giornata della fase a gironi della Coppa del Mondo di Qatar2022, il ct iberico Luis Enrique è intervenuto in conferenza stampa. L’ex allenatore di Barcellona e Roma tra i vari argomenti ha analizzato gli avversari e ha paragonato il gioco tedesco molto simile a quello delle furie rosse, ecco le sue parole: “La Germania è la squadra che assomiglia più alla Spagna, gioca sempre in attacco cercando di mettere pressione nella metà campo avversaria e avere sempre la palla. La Germania è una squadra che sa competere, ha una storia vincente e alcuni fra i migliori giocatori al mondo, ma noi siamo convinti di poter vincere, ma non dobbiamo essere troppo sicuri di noi altrimenti la fiducia può dare alla testa“.

LUIS ENRIQUE SU GAVI

Il tecnico spagnolo ha poi elogiato una delle sorprese di questo Mondiale Gavi: “La cosa più sorprendente è che qualcuno a 18 anni e 100 giorni abbia quella fiducia in s stesso, abbia l’intelligenza per posizionarsi in campo e dominare gli aspetti tecnici del calcio. Bisogna andarci piano coi giudizi, ma può segnare un’epoca”.

 

Sulla formazione che intende schierare contro la Germania: “Di solito non ripeto lo stesso undici e al momento non ho ancora fatto le mie scelte, le farò domani mattina. I cambiamenti sono fondamentali e io ragiono non sugli undici titolari, ma sui 16 che giocheranno“.

Continua a leggere

Generico

L’agente di Bayeye apre al mercato: “Al Torino non gioca, andrà via a gennaio”, poi il retroscena su Juric

Pubblicato

:

Bayeye

Tra i primi acquisti della campagna estiva, Brian Bayeye dopo le amichevoli del pre-campionato, non ha più giocato con il Torino: solo una presenza in partite ufficiali, contro il Palermo in Coppa Italia, quando è subentrato a Singo, al 37′ del secondo tempo.

A riguardo, il suo agente Vincenzo Pisacane, a TorinoGranata.it, ha parlato della situazione del suo assistito: “Il problema è alla base perché in realtà Bayeye doveva andare in prestito già quest’anno: questa era l’idea con il Torino. Avevamo Reggina, Palermo, Modena e Ternana che lo volevano, poi però purtroppo Juric gli ha detto “non andare via che mi servi qui, resta con noi e non ti preoccupare che troverai il tuo spazio”. Invece gli ha fatto perdere sei mesi. Juric dice che il giocatore non ha perso sei mesi perché Brian ha imparato molto. Ma io penso che un giovane come lui debba sempre giocare e che sia meglio andare in una categoria inferiore e giocare sempre piuttosto che stare in Serie A e non giocare mai. Quindi sicuramente Bayeye andrà in prestito da qualche parte a gennaio“.

Sulla possibile nuova destinazione, Pisacane non si è sbilanciato: “Ci sono un po’ di squadre che l’hanno visto, però il mercato è a gennaio e siamo a novembre, quindi aspettiamo un attimo e vediamo“.

Continua a leggere

Calcio Internazionale

Haller, un passo in più verso la guarigione

Pubblicato

:

Haller

Il mondo del calcio si stringe attorno a Sebastian Haller, attaccante del Borussia Dortmund. Il giocatore francese naturalizzato ivoriano è, ormai da diversi anni, alle prese con un tumore ai testicoli e ha completato nella giornata di oggi la seconda operazione chirurgica. A rendere pubblico l’esito positivo dell’intervento è lo stesso calciatore attraverso il suo profilo Instagram.

IL MESSAGGIO

Haller, attraverso un breve messaggio pubblicato sotto ad una foto che lo ritrae sorridente sul suo letto d’ospedale, ha voluto rassicurare così i suoi tifosi e seguaci: “Completata una nuova tappa. L’operazione numero 2 è andata a buon fine! Un grande grazie al team medico per l’aiuto quotidiano, non vedo l’ora di passare allo step successivo”

Dopo un lungo calvario iniziato nell’estate dello scorso anno, Sebastian Haller sembra finalmente essere sulla strada della riabilitazione. 

Continua a leggere
Advertisement
Advertisement

I nostri approfondimenti

Giovani per il futuro

Esclusive

Fantacalcio

Serie A

Trending

Scarica L'App

Copyright © 2022 | Testata giornalistica n.63 registrata presso il Tribunale di Milano il 7 Febbraio 2017 | numero-diez.com | Applicazione e testata gestita da Número Diez SRL 12106070969