Connect with us

Calcio e dintorni

Como, Henry si presenta come azionista del club

Pubblicato

:

Pandev

Oggi a Como era la giornata di Thierry Henry. L’ex attaccante di Arsenal e Barcellona, infatti, ha rilevato una piccola quota della società diventandone azionista e il club ha voluto accoglierlo ufficialmente con una conferenza stampa: ecco le sue dichiarazioni.

QUI GRAZIE A FABREGAS

Ho parlato con il procuratore, con Cesc [Fabregas] e Zambrotta, cresciuto qui e mio compagno al Barcellona. Però prima di tutti ho parlato con Fabregas. Non so se sarà titolare ma vi posso assicurare che un giocatore del suo calibro darà una mano incredibile. Ritrovare Cesc per me è molto importante e bello. Già a 16 anni lui dominava gli allenamenti, aveva e ha una conoscenza degli spazi intorno a lui incredibile“.

PERCHÈ PROPRIO COMO?

Molto semplice: è un nuovo capitolo nella mia vita. Sono stato calciatore, allenatore, collaboro con il Belgio, lavoro in TV, ma quando mi è stata proposta questa cosa non ho esitato. Conosco quanta passione c’è in Italia. Questo club vanta una grande storia. Nel mondo la gente parla sempre del lago o della bellezza del paese ed è giusto che sia così. Adesso però è importante iniziare a parlare di Como anche di calcio“.

RIMPIANTO JUVE

Io sarei rimasto in Italia se non fosse stato per una persona. Ho amato molto la Juve. Ho avuto tante battaglie in campo con la nazionale francese, ho tanto rispetto per l’Italia: la Juventus è la società calcistica per eccellenza in Italia. Facevo parte della generazione Gattuso, Pirlo etc. Venendo in Italia ho capito la loro mentalità“.

Continue Reading
Commenta

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Calcio e dintorni

Caso Juve, parla Sarri: “Paratici mi chiese di rinunciare a 4 mesi”

Pubblicato

:

Alcuni mesi fa i calciatori della Juventus sono stati interrogati sul caso stipendi risalente alla primavera 2020. Negli ultimi giorni continuano ad emergere nuovi dettagli riguardo a questa questione, in particolare è emersa la versione di Maurizio Sarri, al tempo allenatore dei bianconeri

Nella sua dichiarazione, riportata da gazzetta.it, possiamo vedere come l’allenatore napoletano temesse di essere esonerato: “Parlai al telefono con Paratici perché eravamo in lockdown. Mi disse che c’era già l’accordo con i calciatori e che sarebbe stato opportuno che anche io mi accodassi. A me è stata proposta solo la rinuncia di quattro mesi, con tre mesi che sarebbero stati pagati sul contratto dell’anno dopo. Ma alla fine è stato previsto per me l’incentivo all’esodo in caso di esonero”.

Continua a leggere

Calcio e dintorni

Lotito: “Per il calcio italiano sarà un Natale di cambiamenti”

Pubblicato

:

Lotito

Claudio Lotito, intercettato dai microfoni di FcInter.it all’uscita da un’assemblea della Lega Serie A, ha rilasciato alcune brevi dichiarazioni circa la situazione attuale del calcio nostrano, soprattutto in relazione ai fatti degli ultimi giorni relativi al caso Juventus. Ecco cosa ha detto:

In assemblea abbiamo eletto un consigliere mancante, è Rebecca Corsi. Una donna, il che penso sia un evento storico. Per quanto riguarda la Juventus, non commento fatti che non conosco. Per il calcio italiano sarà un Natale di cambiamenti, c’è la volontà da parte di tutti di riportare la Lega ai vertici del calcio internazionale“.

Continua a leggere

Calcio e dintorni

Il presidente della Liga Tebas ancora contro la Juventus e Agnelli

Pubblicato

:

Juventus

Il presidente della Liga spagnola Tebas, dopo il comunicato pubblicato nei giorni scorsi immediatamente dopo lo scioglimento del cda della Juventus, ha rincarato la dose scagliandosi ancora contro Andrea Agnelli. Ecco le sue dichiarazioni, riportate da Gianluca Di Marzio:

LA JUVENTUS NON CI DIA LEZIONI

La Liga parla di sostenibilità finanziaria dal 2020, ma non ho mai sentito nessuno dei promotori della Superlega, dal Real alla Juventus, parlare di questa cosa in nessuna delle riunioni UEFA, né ad alta e né a bassa voce. Non ci possono dare lezioni i leader della Superlega. La Juventus soprattutto con le notizie di questa settimana“.

AGNELLI? NON CREDO SIA UN LEADER

Non credo che sia un leader per parlare al calcio europeo di sostenibilità finanziaria quando il suo CdA è indagato per aver falsificato i bilanci con dati alla mano e anche con intercettazioni telefoniche“.

LA SUPERLEGA È UNA SCUSA

Non è un formato di competizione. È una scusa, è un concetto ideologico che si è creato in quel gruppo di club nato con Florentino Perez. La base è che i club più ricchi, con ricavi maggiori, comandino il calcio“.

 

Continua a leggere

Calcio e dintorni

Germania eliminata, ma la Federazione aveva già comprato i biglietti di ritorno!

Pubblicato

:

Germania

Ieri abbiamo assistito alla seconda eliminazione consecutiva della Germania ai gironiLa squadra di Flick si è imposta per 4-2 sul Costa Rica, ma non è servito a niente in virtù della vittoria del Giappone sulla Spagna.

In patria già i tifosi si sono alterati per l’eliminazione inattesa contro i nipponici, ma stando alla Bild la situazione è peggiorata per via della Federazione. La Deutscher Fußball-Bund, stando al quotidiano tedesco, aveva acquistato i biglietti di ritorno nella giornata di ieri prima del match decisivo contro il Costa Rica, cosa che ha fatto infuriare tutti i tifosi. Gli uomini di Flick partiranno alle 14:30 direzione Fracoforte, dove sicuramente non ci saranno tifosi contenti ad attenderli.

Continua a leggere
Advertisement
Advertisement

I nostri approfondimenti

Giovani per il futuro

Esclusive

Fantacalcio

Serie A

Trending

Scarica L'App

Copyright © 2022 | Testata giornalistica n.63 registrata presso il Tribunale di Milano il 7 Febbraio 2017 | numero-diez.com | Applicazione e testata gestita da Número Diez SRL 12106070969