Dove trovarci

Conte e Mourinho, il difficile rapporto fra due forze in eterno conflitto

Non è sicuramente una sorpresa che Conte e Mou non si siano mai stimati reciprocamente, e questo sin dai tempi del Chelsea, quando lo Special One allenava il Manchester United. Ma per risalire al giorno in cui i due si incontrarono per la prima volta, si deve tornare al dicembre 2009. l’attuale allenatore dell’Inter sedeva sulla panchina dell’Atalanta, mentre il portoghese allenava i nerazzurri, destinati a vincere, pochi mesi dopo, il Triplete.

un confronto fra Conte e Mou, da Eurosport.it

LE PRIME TENSIONI

I due allenatori arrivano allo scontro verbale per la prima volta nell’ottobre 2016, quando il Chelsea asfalta 4-0 il Manchester United di Mourinho. Il tecnico pugliese esulta al gol di Kanté, che fissa il punteggio definitivo. Lo Special One non la prende bene, e al saluto finale rivolge a Conte le parole seguenti: “Così si festeggia un 1-0, non un 4-0, altrimenti per noi diventa umiliante”.

Pochi mesi dopo, precisamente a febbraio, Mou attacca nuovamente Conte, accusando il Chelsea di giocare in difesa e di segnare in contropiede e sui calci piazzati. Nell’aprile del medesimo anno l’italiano, ormai quasi certo della vittoria del titolo, ne approfitta per criticare City e United per le esorbitanti spese di calciomercato, incuranti del fair play finanziario.

 

GUERRA APERTA

Nella fase pre-campionato della Premier League 2017/2018, Conte dà inizio alle ostilità citando l’esonero di Mourinho dopo il precedente campionato, che aveva deluso i vertici del Manchester Utd. Quest’ultimo non esita a ribattere a quelle parole, e afferma: “Potrei rispondere in molte maniere, ma non perderò i capelli per parlare di Conte”, tirando chiaramente in ballo un argomento delicato e personale.

I due tecnici insistono con una serie di botta e risposta su vari temi: sulla questione infortuni del Chelsea, sulle lamentele eccessive di Conte e molto altro. I venti di confitto sembrano placarsi fino a dicembre, ma ad inizio gennaio Mourinho attacca l’ex allenatore della Juventus, accusandolo di “fare scena” a bordocampo e di comportarsi spesso in maniera immatura ed inopportuna. Il pugliese, stizzito, replica: “Forse dovrebbe rivedere quello che ha fatto in passato. A volte ci si dimentica di quel che si è fatto in precedenza, che è quel che fa lui. Non so come si dice, forse demenza senile…”.

Parole pesanti e dal peso specifico enorme, che scatenano l’ira di Mou. L’ex tecnico dell’Inter rilascia una dichiarazione in cui condanna Conte per lo scandalo delle partite truccate che lo aveva coinvolto ai tempi del Siena, definendolo un comportamento sporco e immorale. Il rapporto tra i due non è mai stato così teso, ma Conte rincara la dose e afferma: “Quando giocheremo contro lo United voglio incontrarlo faccia a faccia nel suo ufficio, vediamo se mi spiega questi commenti quando siamo solo io e lui”.

FRA RECENTE PASSATO E FUTURO…

L’incontro tra i due avverrà a Giugno 2018, in occasione della FA CUP. Il Chelsea gioca all’Old Trafford e i due tengono una conversazione nell’ufficio di Mourinho, che sancisce di fatto la fine della guerra verbale.

I due si ritroveranno nuovamente da avversari nel prossimo campionato: il portoghese alla guida della Roma, mentre Conte resterà proprio all’Inter, dove lo Special One conquistò il Triplete nel 2010. Sarà altresì curioso vedere da che parte si schiereranno i tifosi dell’Inter; da una parte Conte, che li ha portati allo scudetto dopo 11 anni. Dall’altra Mourinho, il leggendario allenatore del Triplete nerazzurro. Chi la spunterà?

 

immagine in evidenza da Eurosport.it

Lascia un commento

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Altro in Archivio generico