Connect with us

La nostra prima pagina

Crescere ancora

Pubblicato

:

Bereszynski

La Sampdoria è stata una delle piacevoli realtà dell’ultimo campionato di Serie A. La squadra di Giampaolo – che tanto bene aveva fatto sulla panchina dell’Empoli – ha dimostrato di saper giocare un calcio frizzante, veloce ed organizzato. I meriti dell’ottima stagione blucerchiata vanno riconosciuti, oltre che a Giampaolo, soprattutto ai veri interpreti che sono scesi in campo. La dirigenza doriana è riuscita a creare un ottimo abbinamento tra giovani promettenti e talentuosi  giocatori maggiormente esperti e carismatici. In ogni reparto ad un giovane veniva affiancato un elemento di spessore. È successo in difesa, dove Silvestre aveva la responsabilità di guidare e gestire Skriniar. È successo a centrocampo dove, nonostante Torreira avesse in mano le chiavi del centrocampo, l’intelligenza tattica di Barreto era fondamentale. E così è stato anche in attacco, dove non per nulla Giampaolo ha deciso raramente di fare a meno di Quagliarella. Sono state pochissime infatti le occasioni nelle quali è stato schierato il tandem Schick-Muriel. Due fenomeni, due potenziali campioni, ai quali però serviva l’apporto carismatico dell’attaccante partenopeo. 

MALEDETTA ESTATE

Per un’estate che arriva c’è un campionato che finisce, e allo stesso tempo un calciomercato che comincia. La Sampdoria è già stata protagonista in tantissime trattative, sfortunatamente per i tifosi doriani quasi tutte in uscita. Le cessioni ormai confermate di Skriniar, Bruno Fernandes e Schick saranno difficilmente rimpiazzabili, soprattutto per età rapportata alla qualità. In ogni caso la dirigenza doriana ha dimostrato di saper valorizzare i propri giovani e allo stesso tempo di saper monetizzare. Dalle tre cessioni Ferrero ha incassato circa 60 milioni di euro, più qualche contropartita (ad esempio Caprari). Cifre che potranno diventare ancora più esorbitanti nel caso in cui fossero ceduti anche Muriel e Torreira, i gioielli che finora sono stati blindati. In realtà anche il colombiano sembra sul punto di partenza, e anche per lui si parla di cifre altissime.

La Sampdoria ha raccolto i frutti degli investimenti fatti in passato, a dimostrazione del grande lavoro svolto dalla dirigenza per ciò che concerne lo scouting e le scelte tecniche. I collaboratori del presidente Ferrero hanno adottato un metodo combinato. Da una parte hanno cercato giocatori emergenti, provenienti da campionati minori come ad esempio Skriniar, il quale fu prelevato dal MSK Zilina. Dall’altra invece si è deciso di puntare su quei giovani che non avevano ancora brillato in Serie A, o che non avevano ancora dimostrato il loro valore. Le operazioni Muriel e Bruno Fernandes vanno indubbiamente in questa direzione. Il colombiano e il portoghese ad Udine avevano messo in mostra delle qualità, anche se era mancata la continuità. L’aver creduto in questi giocatori ha portato oggi a delle enormi e preziosissime plusvalenze.

OBIETTIVO COERENZA

Nonostante queste cessioni, e quelle possibili che ci potranno essere fino ad Agosto, la Sampdoria deve porsi come obiettivo quello di restare coerente e portare avanti questa filosofia. In questo senso iniziano ad intravedersi i primi segnali anche dal mercato in entrata. Murru e Caprari rappresentano due innesti italiani, giovani e promettenti, che già da qualche stagione dimostrano di poter dire la loro nel massimo campionato. Soprattutto l’ex Pescara – che ha il grande compito di non far rimpiangere Patrik Schick – è stato uno dei pochissimi a salvarsi durante l’annata disastrosa degli abruzzesi. Il fatto che l’attaccante scuola Roma sia arrivato a quota 9 gol, nonostante la formazione pescarese fosse nettamente al di sotto del livello della Serie A, dimostra che il classe 1993 ha le carte in regola per incidere anche alla Samp. L’acquisto di Murru invece rappresentava una necessità. Una necessità pagata anche cara dato che il club di Ferrero ha sborsato circa 7 milioni di euro al Cagliari più Cigarini come contropartita tecnica. Le deludenti prestazioni di Pavlovic e Regini avevano creato il rebus terzino sinistro a Genova, sponda blu-cerchiata. Murru rappresenta la soluzione giusta per migliorare la rosa in quel determinato ruolo.

I nuovi acquisti della Sampdoria Murru e Caprari

Il mercato della Sampdoria però non si ferma solamente all’acquisto di calciatori giovani e promettenti, ma prosegue sondando piste ben più affermate. Gli interessamenti per Ilicic e Sneijder certificano ciò. Lo sloveno e l’olandese, soprattutto, garantirebbero quell’esperienza e quella qualità che al momento manca date le partenze importanti, in particolar modo nel reparto offensivo. Il binomio esperienza al servizio della gioventù, che tanto bene ha portato nell’ultima stagione, sembra quindi esser stato confermato anche nella prossima annata.

VENDERE PER CRESCERE

L’aver venduto i pezzi migliori, quelli pregiati, della propria rosa non dev’essere però una scusante per Giampaolo e dirigenza. Grazie alle ottime plusvalenze ottenute, la Sampdoria ha l’obbligo di confermarsi quantomeno nelle prime dieci posizioni. La qualità c’è ancora (il vero leader difensivo è rimasto ovvero Silvestre, Torreira per il momento non è stato ceduto, Linetty rimarrà sicuramente e ha fatto vedere cose buone) e i soldi incassati dovranno essere reinvestiti per crescere ancora di più. Ovvio, nel caso dovesse partire anche Muriel sarebbe complicato trovare giocatori capaci di rimpiazzare il colombiano e Schick, ma Pradè e Osti hanno dimostrato di saper scovare i migliori talenti europei e non e di saper dare una seconda possibilità a chiunque (Luis Muriel insegna).

Vendere dovrà essere un punto di partenza e non punto d’arrivo. Per crescere e confermarsi ancora.

Continue Reading
Commenta

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Calciomercato

Anche Calafiori nel mirino del Bologna per gennaio

Pubblicato

:

Bologna

Il Bologna si appresta a rinforzarsi nel corso del mercato di gennaio e gli obiettivi principali riguardano le fasce laterali. Negli scorsi giorni si era parlato di un interessamento dei rossoblù per Doig del Verona e Toni Lato del Valencia, ma nelle ultime ore sarebbero emersi nuovi nomi nella lista di Sartori.

Aleksa Terzic della Fiorentina, che ha trovato poco spazio in questa prima parte di stagione, è tra i possibili innesti della squadra di Thiago Motta. Oltre al laterale viola, anche Riccardo Calafiori, attualmente al Basilea, sembra essere entrato nella lista dei desideri del Bologna. Il laterale ex Roma ha dovuto interrompere la sua crescita a causa di numerosi infortuni, ma la squadra emiliana potrebbe essere l’ambiente giusto per rilanciarsi

Continua a leggere

Flash News

Il Napoli torna al lavoro sotto gli occhi di Hamsik: le ultime su Rrahmani

Pubblicato

:

Dove vedere Napoli-Ajax in tv e streaming

Il Napoli è tornato al lavoro senza i giocatori impegnati al Mondiale al Winter Football Series by Regnum. Dopo la fase di riscaldamento, la squadra ha svolto due partite a campo ridotto, accompagnate da alcune esercitazioni per ritrovare la condizione ottimale. Rrahmani e Sirigu si sono allenati solo parzialmente: poco lavoro in campo per il primo, solo piscina per il secondo.

Ospite d’onore all’allenamento proprio Marek Hamsik, impegnato in una gara amichevole con il suo Trabzonspor contro il Regnum Carya.

Continua a leggere

Flash News

Genoa-Cittadella, le probabili formazioni: rischio turnover per Coda

Pubblicato

:

Genoa

Dopo una settimana decisamente movimentata in casa Genoa, il focus è ora tutto sulla sfida di domenica 4 dicembre contro il Cittadella. I rossoblù tornano al Ferraris, che si preannuncia gremito come al solito. La Gradinata Nord, per i primi 15 minuti, protesterà rimanendo in silenzio.

La protesta è rivolta non alla squadra, come la situazione di crisi potrebbe far pensare, bensì contro la giustizia sportiva che ha comminato severe sanzioni ad alcuni tifosi genoani rei di aver violato delle norme esultando in occasione del gol dell’1-2 di Yeboah in Venezia-Genoa. Garantito il massimo sostegno a giocatori e staff dunque, nonostante gli striscioni comparsi in settimana a Marassi e al Pio.

Dal canto suo, il gruppo ha soprattutto pensato a ricompattarsi in questi giorni di preparazione, come testimoniano le dichiarazioni di Bani e Strootman a margine della festa di Natale del settore giovanile. I due hanno dato ragione a Blessin riguardo alle pesanti critiche mosse dal tecnico per l’atteggiamento della squadra e si sono detti concentrati a migliorare il rendimento.

Bisognerà farlo in fretta, poichè dopo la sfida al Cittadella a Genova l’8 dicembre arriverà il Sudtirol. Il weekend seguente, poi, ci sarà la trasferta di Ascoli. Intanto, però, ecco le probabili scelte dei due allenatori per Genoa-Cittadella.

LE PROBABILI FORMAZIONI DI GENOA-CITTADELLA

In ragione del tour de force in arrivo, Blessin pensa a un turno di riposo per Massimo Coda: al suo posto potrebbe giocare Puscas. Il rumeno non ha brillato nella trasferta di Perugia, ma la prima occasione da titolare in casa potrebbe galvanizzarlo. A centrocampo ancora indisponibile Badelj, mentre il ristabilito Sturaro si candida a una maglia dal primo minuto. Dopo l’esito negativo dell’esperimento in Umbria, si dovrebbe tornare al 4-2-3-1.

Nel Cittadella di Gorini sono tre le assenze pesanti: a Felicioli e Baldini si è aggiunto anche Beretta, che non partirà per un problema al polpaccio. Antonucci agirà alle spalle dei due attaccanti, centrocampo a 3 con Carriero, Pavan e Branca.

Genoa (4-2-3-1): Semper; Hefti, Bani, Dragusin, Sabelli; Strootman, Sturaro; Gudmundsson, Aramu, Jagiello; Puscas. All.: Blessin

Cittadella (4-3-1-2) Kastrati; Vita, Perticone, Frare, Cassandro; Carriero, Pavan, Branca; Antonucci; Tounkara,Varela. All.: Gorini

Continua a leggere

Flash News

Le parole d’addio di Mertens a Martinez: “Per sempre nel mio cuore”

Pubblicato

:

Qatar 2022

Dopo l’uscita ai gironi del Mondiale, l’ex attaccante belga del Napoli Dries Mertens ha voluto dedicare un post all’ormai ex Ct Roberto Martinez, che ha detto addio alla nazionale. “Per sempre nel mio cuore. Grazie per i bei momenti”.

Con queste parole il giocatore del Galatasaray ha congedato l’allenatore che ha tenuto le redini del Belgio dal 2016, e che dopo l’ennesimo fallimento con la nazionale belga si ritrova adesso in cerca di una panchina.

 

Continua a leggere
Advertisement
Advertisement

I nostri approfondimenti

Giovani per il futuro

Esclusive

Fantacalcio

Serie A

Trending

Scarica L'App

Copyright © 2022 | Testata giornalistica n.63 registrata presso il Tribunale di Milano il 7 Febbraio 2017 | numero-diez.com | Applicazione e testata gestita da Número Diez SRL 12106070969