Connect with us
Sampdoria in crisi, Roberto D'Aversa a rischio esonero. Chi lo sostituisce?

Flash News

Crisi Sampdoria: Roberto D’Aversa è già ai titoli di coda?

Pubblicato

:

Girelli Sampdoria

Nove punti in dodici partite e quattro sconfitte nelle ultime cinque. Il destino della Sampdoria e del suo allenatore Roberto D’Aversa sembra già appeso ad un filo. La squadra presentata ad inizio stagione aveva fatto credere a qualcosa di più di una deprimente lotta salvezza. Il gioiello Damsgaard, dopo l’europeo da protagonista, aveva deciso di rimanere a Genova. L’arrivo di Ciccio Caputo in coppia con capitan Quagliarella avrebbe garantito solidità offensiva. Qualcosa, più di qualcosa non ha funzionato. In pochi meritano la sufficienza in questo inizio di stagione. Difesa esclusa, in cui stanno comunque emergendo le figure di Yoshida e Colley. Dalla cintola in su, invece, il solo Antonio Candreva sembra aver già ingranato la marcia, ma il numero 87 non basta.

ROBERTO D’AVERSA SEMPRE PIU’ VICINO ALL’ESONERO

La sconfitta di quest’ultima giornata, in casa con il Bologna, probabilmente è l’ultima di mister D’Aversa sulla panchina blucerchiata. Il DS Faggiano si è già messo al lavoro per trovare dei possibili sostituti. La sosta per le Nazionali permetterà alla dirigenza di scegliere con più calma il nuovo allenatore. Il calendario dopo questa pausa dice: Salernitana, Verona, Fiorentina, Lazio e Genoa. L’obiettivo è presentarsi al meglio delle possibilità per il Derby della Lanterna il 10 dicembre.

Chi potrebbe sostituire l’allenatore ex Parma? Si parla di diversi nomi, chi più probabile e chi rimane più una romantica suggestione. I primi in lista sono certamente Marco Giampaolo e Beppe Iachini. Per il primo sarebbe un gradito ritorno. Alla Sampdoria ha vissuto il suo momento più brillante da allenatore, poi una serie di esperienze negative lo hanno allontanato dai campi per diverso tempo. A Genova, tra i blucerchiati, ritroverebbe certamente la sua comfort zone. Il secondo è Beppe Iachini. Anche lui ha allenato la Sampdoria per una stagione, ma parliamo di dieci anni fa. Da allora tutto è cambiato, ma la voglia di mettersi in gioco dell’allenatore è rimasta sempre la stessa.

Abbiamo parlato anche di nomi più romantici: il primo è Gigi Di Biagio, ex allenatore della Nazionale Under 21 e fermo da diverso tempo. Il secondo sarebbe Daniele De Rossi, alla sua primissima esperienza da allenatore. Forse troppo rischioso gettarlo nella mischia della Serie A così in fretta, soprattutto guardando gli errori già commessi in passato con Pippo Inzaghi e Andrea Pirlo.

Continue Reading
Commenta

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Flash News

Il Genoa blinda Frendrup: accordo per il rinnovo fino al 2028

Pubblicato

:

Genoa Bologna Zirkzee Frendrup Badelj

Sono pochi in questo momento gli ambienti a trasudare più serenità di quello del Genoa, protagonista di un campionato di alto profilo, e capace di creare una pressoché totale identificazione con il proprio pubblico. Osservando la classifica, oltre che le partite, si tende quasi a dimenticare che i rossoblù sono una neopromossa, e le ambizioni della proprietà americana fanno sognare i tifosi.

Il club ha infatti tutta l’intenzione di blindare contrattualmente uno dei propri gioielli più luminosi, ossia Morten Frendrup. Il ventiduenne danese si sta infatti consacrando come una delle mezzali più interessanti del nostro campionato, in cui ha già messo a segno un gol e fornito 4 assist, oltre a una quantità indefinibile di palloni strappati agli avversari (tutte doti di cui si è accorto Cristiano Giuntoli).

Secondo quanto riporta Sky Sport dunque, Frendrup ha messo la firma su un nuovo contratto che lo legherà al Genoa fino al 2028; manca dunque solo l’annuncio ufficiale da parte del club calcistico più antico d’Italia, che del resto non intende limitarsi unicamente a quest’operazione.

A far da contraltare al giovane Frendrup c’è infatti il suo anziano socio di centrocampo Milan Badelj, il cui contratto scadrà al termine di questa stagione. Il Genoa tuttavia non intende privarsene a cuor leggero, e sarebbero dunque partite le trattative per un’estensione annuale.

 

Continua a leggere

Flash News

Dimarco: “Dobbiamo fare pochi calcoli. Sul rigore di Lautaro Inzaghi mi ha detto questo”

Pubblicato

:

Dimarco

C’è gloria anche per Federico Dimarco nell’ennesima dimostrazione di forza di un’Inter straripante. Quella contro l’Atalanta è infatti la terza vittoria consecutiva per 4-0, dopo quelle ai danni di SalernitanaLecce, e testimonia un momento di condizione fisica e mentale quasi surreale per una squadra che, oltre a uno scudetto sempre più vicino, potrà mettere nel mirino anche la Champions League, sfuggita di poco l’anno scorso. Nel postpartita, Dimarco ha dunque rilasciato le seguenti dichiarazioni ai microfoni di DAZN.

LE PAROLE DI DIMARCO

NIENTE CALCOLI – “Noi pensiamo a preparare una partita alla volta, non si sa mai quando potremmo approcciare male una gara. Meglio fare pochi calcoli, visto che c’è un bel clima, stiamo andando bene e dobbiamo continuare così. Quest’Inter è davvero bella da veder giocare”.

INZAGHI E LAUTARO – “In occasione del mio gol, quando Lautaro è andato sul dischetto, Inzaghi mi ha detto di partire laterale, e la palla mi è arrivata proprio lì. Sui rigori ho sempre fiducia nei miei compagni, ma quando il mister parla occorre ascoltarlo, poiché accade sempre qualcosa”.

DOPO ISTANBUL – “Stiamo bene e ci divertiamo; di fatto, è stato dopo la finale di Champions della scorsa stagione che ci siamo resi conto di essere così squadra”.

Le parole di Dimarco confermano dunque l’impressione generale di un gruppo sereno e perfettamente consapevole della propria forza, che si identifica al meglio nella figura del proprio allenatore, giunto alla definitiva maturazione nella sua terza stagione nerazzurra.

Continua a leggere

Flash News

Dionigi: “Mi aspettavo di più dalla Sampdoria, sarà una stagione di transizione”

Pubblicato

:

Sampdoria report allenamento

Sta arrivando il momento caldo anche per quanto riguarda il campionato di Serie B. Si iniziano a tirare le somme e a capire qualcosa in più sugli obiettivi delle varie squadre. L’ex calciatore della Sampdoria, ora allenatore senza squadra, Davide Dionigi, intervenuto a TvPlay, ha parlato del momento dei blucerchiati, che stanno vivendo una stagione deludente visti gli obiettivi della vigilia.

La squadra di Andrea Pirlo paga un brutto inizio, al quale ha fatto seguito un periodo florido per poi ripiombare in risultati non all’altezza. La classifica è preoccupante visto che la Sampdoria, sulla quale grava il peso dei due punti di penalizzazione, si trova ad appena due punti di distacco dalla zona playout, rappresentata da Ternana e Ascoli dopo la sconfitta dello Spezia contro la Feralpisalò.

LE PAROLE DI DIONIGI

SULLA LOTTA RETROCESSIONE – “La vittoria della Ternana ieri sera a Palermo ha scombussolato le carte in tavola per la lotta alla salvezza. Dal Cosenza in giù sono tutte coinvolte per un eventuale play-out o addirittura retrocessione diretta”.

LA STAGIONE DELLA SAMPDORIA – “Mi aspettavo di più dalla Sampdoria. È vero che hanno avuto tanti infortuni e probabilmente quest’anno sarà una stagione di transizione, ma l’organico è importante e almeno provare a centrare i play-off era il minimo. Trovarsi oggi a rischiare la retrocessione non è sicuramente una situazione semplice. Abbiamo avuto esempi come il Benevento l’anno scorso: ora si va verso le ultime giornate e tempo di recuperare non ce n’è più, quindi chi sbaglia paga, e la zona retrocessione è molto delicata”.

Continua a leggere

Flash News

Il figlio di Sarri: “Fiorentina? Possibilità a fine carriera per mio padre”

Pubblicato

:

Maurizio Sarri, Lazio CHampions League Lotito Serie A

In casa Lazio continua a tenere banco la questione legata al futuro di Maurizio Sarri. Un tema delicato, quello della permanenza dell’allenatore toscano sulla panchina dei biancocelesti, tornato in auge negli scorsi giorni in seguito a un alterco avvenuto con il presidente Claudio Lotito. Riguardo a ciò (e a molti altri argomenti) si è soffermato Nicolè Sarri, figlio del tecnico della Lazio, nel corso di un’intervista concessa a FirenzeViola.it.

Nicolè ha da poco assunto la carica di presidente dell’ASD Figline 1965, club militante nel girone E di Serie D. La squadra gialloblù è attualmente situata in ottava posizione in campionato, a quota 36 punti. Di seguito riportiamo le sue parole.

SARRI ALLA FIORENTINA“Questo dovremmo chiederlo a lui. Secondo me a fine carriera può essere una possibilità, anche se devo dire che fare il profeta in patria è sempre problematico”.

FIGLINE“Conosco gran parte dei ragazzi che ci sostengono e li voglio ringraziare. Avere anche un piccolo seguito di 50 ultras è tanta roba. Questo ci dà grande mano, ci seguono un po’ ovunque ed è un valore aggiunto. Preferisco andare avanti per fatti. Non prometto niente se non massimo sacrificio e serietà. La richiesta che ho da fare ai tifosi è quella di darci una mano, anche solo venendo allo stadio. La Serie D per una piazza come Figline non è banale”.

TIFO PER LA FIORENTINA DURANTE L’INFANZIA? – “No, non ho mai tifato per la Fiorentina. Ma non ho mai tifato nessuna squadra di calcio, anche perché lo seguivo pochissimo fino a che mio padre non è entrato nei professionisti. Poi diciamo che tendenzialmente ho seguito lui, ma non ho mai avuto una squadra del cuore”.

Continua a leggere

I nostri approfondimenti

Giovani per il futuro

Esclusive

Fantacalcio

Serie A

Trending

Scarica L'App

Copyright © 2022 | Testata giornalistica n.63 registrata presso il Tribunale di Milano il 7 Febbraio 2017 | numero-diez.com | Applicazione e testata gestita da Número Diez SRL 12106070969