Connect with us
Croazia-Brasile 5-3 d.c.r., le pagelle: Livakovic nella storia, Modric guida il gioco

Calcio Internazionale

Croazia-Brasile 5-3 d.c.r., le pagelle: Livakovic nella storia, Modric guida il gioco

Pubblicato

:

Croazia-Brasile

Il Brasile è fuori da Qatar 2022. I verdeoro cadono contro una Croazia cinica e mai rassegnata, capace di recuperare il momentaneo svantaggio e portare la partita ai calci di rigore. Decisivi per la vittoria croata gli errori dagli undici metri di Rodrygo e Marquinhos. 

La partita nel primo tempo vede la formazione allenata da Dalic prevalere sugli avversari, i quali subiscono il cauto possesso palla condotto da Modric e Brozovic. La Selecao fatica a rendersi pericolosa e vive di fiammate isolate che non impensieriscono Livakovic.

Nella ripresa l’11 di Tite prende coraggio e la Croazia cede terreno. A salvare la squadra finalista di Russia 2018 è un Livakovic in stato di grazia, il quale chiude la porta e consente ai suoi di arrivare al triplice fischio sul risultato di 0-0. 

Nei tempi supplementari il Brasile ne ha di più e riesce a forzare il meccanismo difensivo avversario con una bella triangolazione che libera Neymar nell’area piccola: non sbaglia il fantasista che smarca il portiere e fa esplodere di gioia i sudamericani. A rispondere al numero 10 del PSG e a shockare i verdeoro ci pensa Petkovic, il quale nei minuti finali raccoglie l’assist di Orsic e batte Alisson. Decisiva nell’occasione la sfortunata deviazione di un Marquinhos fino a quel momento impeccabile.

La lotteria dei calci di rigore è amarissima per i brasiliani. Livakovic si rende di nuovo protagonista parando il tiro poco angolato di Rodrygo. Non sbagliano i croati che realizzano tutti i calci piazzati, sbaglia Marquinhos che centra il palo e condanna i suoi alla sconfitta.

Il Brasile cade dal paradiso all’inferno, in semifinale ci va la Croazia.

LE PAGELLE DELLA CROAZIA

Livakovic 9:  Continua il suo eroico mondiale. Nei minuti regolamentari salva il risultato sulla deviazione di Gvardiol e chiude la porta in più occasioni a Neymar e Paquetà. Tiene viva la Croazia con una parata su Casemiro al 119’ e ai rigori manda in paradiso la sua nazione. Sicuramente il migliore in campo.

Juranovic 7: Prestazione sontuosa quella del laterale destro. Nel primo tempo si propone bene con fiammate notevoli, nel secondo abbassa i giri ma continua a coprire bene e forza la sostituzione di Vinicius. Rodrygo nel finale lo mette a dura prova, lui risponde presente e tiene testa anche al classe 2001.

Lovren 6: Difende con attenzione, non sfigura accanto al collega di reparto. In occasione del gol subito viene aggirato dal fraseggio brasiliano e non può fare altro che rimanere a guardare, al termine dei 120’ la sua è una prestazione sufficiente.

Gvardiol 7: Elegante e preciso nel primo tempo, statuario nel secondo. Salva il risultato in più occasioni e quando serve si avventura con carattere verso la metà campo per creare superiorità.

Sosa 6: il Brasile gioca poco su Raphinha e quando lo fa trova la sua opposizione. Non si propone offensivamente per non lasciare spazi alle frecce verdeoro, ne consegue una prestazione sufficiente ma anonima. (dal 109’ Budimir s.v)

Modric 8: È il signore del centrocampo. Manda a vuoto il pressing brasiliano giocando a due tocchi e guida il gioco della Croazia. Nei tempi supplementari non da segni di fatica e continua ad insegnare calcio, è sua l’apertura da cui nasce il pareggio di Petkovic.

Brozovic 6.5: Nell’Inter è abituato ad essere il faro della manovra, in nazionale lascia il timone al collega del Real Madrid, facendo comunque bene da cerniera tra i reparti. Pesa sul bilancio dell sua gara l’errore nel primo tempo supplementare, quando spara alle stelle l’assist meraviglioso di Petkovic. (dal 113’ Orsic 7: servito da Modric è bravo ad alzare la testa e servire Petkovic, il suo è un assist che pesa come un macigno)

Kovacic 6.5: completa bene il trio di centrocampo, è solido in difesa e bravo a dialogare a due tocchi massimo. (dal 105’ Majer s.v)

Pasalic 5.5:  Nel primo tempo è poco lucido e non riesce ad entrare in gara, sbagliando qualche controllo facile. Nella ripresa trova coraggio ma non lascia il segno sulla partita. (dal 72’ Vlasic 6.5: entra bene in campo nonostante il momento di sofferenza, è abile nel tenere palla e far respirare i suoi. Dal dischetto è glaciale e spacca la porta)

Kramaric 5.5: Partita non facile per lui. Riesce a giocare di sponda ma non a rendersi pericoloso, è annullato dai difensori della Selecao. (dal 71’ Petkovic 7: fa il suo ingresso in punta di piedi e inizialmente viene mangiato da Thiago Silva e Marquinhos. Nel primo tempo supplementare illumina l’Educational City Stadium con una giocata stellare ai danni di Alex Sandro, poi mette a segno la rete più importante della sua carriera.)

Perisic 6: Una scheggia in attesa di impazzire. Contenuto bene per tutto il primo tempo non riesce a indirizzare in rete una palla comunque difficile da impattare al meglio. Nella ripresa paga il momento difficile della Croazia ed è utile più in fase difensiva che in quella offensiva.

LE PAGELLE DEL BRASILE

Alisson 5Fino al gol subito non è mai chiamato in causa, ma quando c’è da farsi trovare pronto il portiere del Liverpool non si rende protagonista. Non è colpevole sulla rete di Petkovic ma ai rigori non ne prende una: da lui ci si aspetta di più.

Militao 6: in una partita dove le difese la fano da padrone non commette errori degni di nota. Complice una completa assenza di minacce da parte dei croati non ha molto lavoro. Sfiora il vantaggio con un tiro deviato che sfila di poco al lato. (dal 105’ Alex Sandro s.v)

Marquinhos 5: Nel corso dei 90’ è impeccabile, ma passerà alla storia come uno dei protagonisti della disfatta brasiliana. Devia il tiro di Petkovic mettendo fuori tempo Alisson, è suo il rigore sbagliato che condanna i verdeoro alla debacle.

Thiago Silva 6.5: La sua è una prestazione perfetta. Elegante, signorile: non è mai fuori tempo e detta bene i tempi della manovra.

Danilo 6: rischia di fare il pasticcio con un intervento killer al 25’ su Juranovic, il resto della gara lo vede padroneggiare sulla fascia.

Casemiro 5: il suo inizio è poco brillante, corre a vuoto e non riesce a fare da cerniera tra i reparti. Il confronto tra centrocampisti lo vince la Croazia.

Paquetà 5.5: viene messo in mezzo dai tre mediani per tutto il primo tempo. Nella ripresa complice il calo dei suddetti esce fuori, ma spreca una ghiotta occasione quando colpisce in pieno Livakovic nell’area piccola. Tiro centrale da buona posizione, poteva far meglio. Grandioso assist per Neymar sul gol. (dal 105’ Fred s.v)

Neymar 7: Prestazione da 5, gol da 10. Nel corso dei 120’ riesce ad inventare come sa fare ma mette a segno un gol da fuoriclasse. Il suo mondiale ha un epilogo infelice, ma nell’ultimo atto di Qatar 2022 O’Ney ci ha regalato una perla.

Raphinha 5: si vede poco e non entra mai in partita. I brasiliani per attaccare scelgono sempre la fascia di Vinicius, Tite ne fa a meno dopo solo 10’ nella ripresa. (dal 55’ Antony 6: i suoi detrattori gli chiedono concretezza in campo, lui entra e dopo 10’ da fantasma si mette in luce per una simulazione evidente. Nei tempi supplementari alla forma aggiunge la sostanza e il suo rendimento migliora)

Vinicius 5.5: suo il primo guizzo della gara, ma strozza la conclusione e non chiude in bellezza. Juranovic lo annulla e Tite sceglie di lanciare il collega dei blancos. (dal 63’ Rodrygo 5: entra con decisione e serve un assist intelligente per Paquetà che non sfrutta. Partecipa al dialogo che porta al gol di Neymar, conferma la sua capacità di entrare sempre con il piglio giusto. Pesa come un macigno l’errore dal dischetto: calcia piano e non angola)

Richarlison 5: Impalpabile, viene completamente annullato da Gvardiol. Il suo primo e unico squillo è l’assist servito a Neymar. (dall’83’ Pedro 5: dal suo ingresso in campo l’attacco del Brasile si accende, ma non per causa sua. Fatica a prendere posizione e l’unica palla che gli arriva la spreca cercando l’acrobazia)

Continue Reading
Commenta

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Calcio Internazionale

Chi è Doué, il gioiello 2005 del Rennes

Pubblicato

:

CHI E’ DOUE’, IL GIOIELLO 2005 DEL RENNES – Sta nascendo una nuova stella in Ligue 1? In un campionato pieno di giovani talenti una delle squadre che da più spazio ai giovani è sicuramente lo Stade Rennais, che negli ultimi anni ha fatto emergere giocatori come Ousmane Dembélé, Eduardo Camavinga, Mathys Tel, Raphinha, Armand Laurienté, Edouard Mendy, Kamaldeen Sulemana e tanti altri.

Negli ultimi mesi al Rennes sta prendendo sempre più spazio il classe 2005 Désiré Doué, che ha incantato tutti nell’ultimo match di campionato, giocato contro lo Stasburgo, servendo l’assist a Gouiri per il gol del 2-0 e siglando il terzo gol del match, che ha chiuso definitivamente la partita.

CHI E’ DOUE’ – CARATTERISTICHE DEL GIOCATORE

Si tratta di un trequartista, che può svariare in tutti i ruoli della trequarti: a destra, a sinistra, al centro; in questo momento sta giocando come Ala Destra nel 433 di Bruno Génésio. Abbina buona tecnica a velocità e ottima capacità di inserimento a visione di gioco, insomma ha tutte le carte in regola per diventare uno dei futuri craque del calcio mondiale. All’occorrenza può essere impiegato anche come centrocampista centrale, ovviamente con caratteristiche offensive. Il suo piede preferito è il destro, anche se ha comunque buona padronanza del sinistro.

Benjamin Bourigeaud, uno dei leader del Rennes, ha parlato del giovane compagno in un’intervista a Téléfoot: “Ha l’abilità di tenere la palla e farsi spazio con il proprio dribbling. Buona capacità nei piedi, è robusto per la sua età: ha un gran futuro, quindi cerchiamo di guidarlo il più possibile”.

Anche l’allenatore Bruno Génésio si è espresso sul suo gioiellino dopo la partita con la Dinamo Kiev, nella quale Doué ha trovato il primo gol in una competizione europea. Ecco le parole del mister: “Ha carattere e sicurezza nei suoi mezzi, che gli permette di segnare gol così. Doué è molto giovane, ma quello che sta facendo quest’anno alla sua età dimostra che c’è un potenziale già a questo livello così alto“.

CHI E’ DOUE’ – LA CARRIERA

Ha già 21 presenze in questa stagione, di cui 15 in Ligue 1, 5 in Europa League e 1 in Coppa di Francia, con 4 gol e 1 assist all’attivo.

Con la rete segnata al Nantes il 9 ottobre scorso è diventato il primo 2005 a segnare un gol nei top 5 campionati europei.

Ha già diverse presenze anche con la nazionale francese, prima nell’under 17 poi nell’under 19, con 8 gol in 21 partite.

Da segnalare la vittoria (da protagonista e con la 10 sulle spalle) del campionato europeo under-17 nell’edizione dell’estate 2022, con una doppietta nella fase a gironi e un assist nella finale.

Dall’età di 5 anni il giocatore fa parte del vivaio del Rennes, e dopo 11 anni passati tra le varie squadre giovanili ora è stabilmente impiegato in prima squadra.

CHI E’ DOUE’ – IL FUTURO

Il calciatore ha firmato, il 2 novembre 2022, il contratto da professionista con il Rennes che lo terrà legato ai rossoneri fino a giugno 2025, ma il 17enne è già attenzionato da diverse big europee, chissà quindi se nei prossimi mesi arriverà un’offerta importante da parte di un top club europeo per anticipare al concorrenza e assicurarsi uno dei prospetti più interessanti del calcio mondiale?

Continua a leggere

Calcio Internazionale

Luca Pellegrini entra nella lista della Lazio per la Conference League

Pubblicato

:

pellegrini

Il neo-acquisto della Lazio, Luca Pellegrini, entra a far parte della lista Uefa per la Conference League dei biancocelesti. A fargli posto è una bandiera del club, ovvero Stefan Radu. Segnale di fiducia da parte di Sarri verso l’ex Juventus, che è stato acquistato in prestito con diritto di riscatto fissato a 15 milioni dopo il prestito all’Eintracht Francoforte.

Di seguito la lista completa della Lazio:

Portieri: Provedel, Maximiano

Difensori: Romagnoli, Patric, Gila, Casale, Hysaj, Lazzari, Marusic, Pellegrini

Centrocampisti: Milinkovic, Cataldi, Luis Alberto, Vecino, Basic, Marcos Antonio

Attaccanti: Immobile, Felipe Anderson, Zaccagni, Romero, Pedro, Cancellieri

Continua a leggere

Calcio Internazionale

UFFICIALE – Martinelli rinnova con l’Arsenal

Pubblicato

:

Arsenal

Gabriel Martinelli questa mattina ha prolungato il proprio contratto con l’Arsenal. Il club inglese, tramite i propri canali social, ha annunciato l’accordo con il brasiliano per la permanenza a Londra dell’attaccante.

Il nuovo contratto di Martinelli avrà durata fino al 2027, segno di fiducia reciproca, specie vista la straordinaria stagione dell’Arsenal di Arteta che sta dominando in Premier League.

19 presenze in Premier e 7 reti, a cui devono aggiungersi anche 2 assist per il classe 2001, che si è conquistato sul campo la proposta di rinnovo con i Gunners. Si attende solo l’ufficialità dunque, che arriverà nei prossimi giorni.

Continua a leggere

Calcio Internazionale

Benzema sta per rinnovare con il Real Madrid: accordo ad un passo

Pubblicato

:

Benzema

Buona notizia per il Real Madrid. Secondo quanto riportato da Nicolò Schira, Karim Benzema, ultimo vincitore del Pallone d’Oro, sta per rinnovare con i Galacticos. Il francese estenderà il proprio contratto fino a giugno 2024: accordo ad un passo.

In seguito all’infortunio che l’ha costretto a saltare Qatar 2022, Benzema è tornato in campo a gran livelli. Infatti, dopo la sosta ha totalizzato sette reti in nove presenze. Ieri sera, nella sfida contro il Valencia, ha contribuito al successo del Real Madrid con due assist vincenti. Dunque, con ogni probabilità Benzema continuerà a vestire la camiseta blanca nella prossima stagione, per guidare il club verso nuovi e prestigiosi successi

 

Continua a leggere

I nostri approfondimenti

Giovani per il futuro

Esclusive

Fantacalcio

Serie A

Trending

Scarica L'App

Copyright © 2022 | Testata giornalistica n.63 registrata presso il Tribunale di Milano il 7 Febbraio 2017 | numero-diez.com | Applicazione e testata gestita da Número Diez SRL 12106070969