Connect with us
Croazia, Erlic:"Gvardiol come un fratello, ce ne sono pochi al mondo come lui"

Flash News

Croazia, Erlic:”Gvardiol come un fratello, ce ne sono pochi al mondo come lui”

Pubblicato

:

Frattesi

Martin Erlic, difensore del Sassuolo, è stato l’unico neroverde convocato dalla propria nazionale per Qatar 2022. La sua Croazia è in semifinale e se la dovrà vedere con l’Argentina di Messi per arrivare alla finalissima. Il difensore croato ha parlato ai microfoni della Gazzetta dello Sport, soffermandosi sulla storica finale del Mondiale in Russia e la grande impresa della Croazia in questo mondiale. Di seguito le sue parole.

MONDIALE 2018

“Guardai tutte le partite al bar con gli amici. Poi andai in ritiro con lo Spezia e la sera della finale mi chiusi in camera. Dopo la sconfitta con la Francia piansi, ma ero orgoglioso della mia nazionale e di quel gruppo fantastico“.

SORPRESA CROAZIA

“Che storia eh… Non lo dica al mister, ma per esultare dopo la vittoria contro il Brasile ho fatto lo scatto più veloce della mia vita. Ho avuto paura di strapparmi”.

IL SEGRETO DELLA CROAZIA

“Siamo davvero un gruppo meraviglioso. Basta vedere un allenamento per capire: andiamo più forte che in partita, tutti, per consentire ai titolari di essere al top. E se poi qualcuno entra dalla panchina è prontissimo: contro il Brasile si è visto. I giocatori più esperti come Modric, Brozovic, Kovacic e Lovren trascinano i giovani e il mix è perfetto. E poi c’è il legame con la nostra terra e il nostro popolo, un senso di appartenenza incredibile che ci è stato trasmesso dai nostri nonni. La bandiera per noi è sacra, quando suona l’inno l’emozione è fortissima. La guerra ha lasciato tracce profonde e ci ha dato tanta forza per affrontare la vita. Siamo pochi, ma siamo uniti”.

L’IMPORTANZA DI MODRIC

“Quando parlo di lui mi viene la pelle d’oca per quello che rappresenta e per il modo in cui sta in mezzo a noi e si comporta con i giovani. Merita di chiudere l’esperienza con la nazionale con il titolo mondiale. Contro il Brasile ha fatto 120 minuti da fuori di testa. Luka è nato a Zara, come me: siamo concittadini”.

LIVAKOVIC, IL PARARIGORI

“Prima della partita con il Giappone ci siamo esercitati dal dischetto e lui li parava quasi tutti. Così ci siamo detti, un po’ sconsolati: “come siamo scarsi a tirare…”. Poi abbiamo capito che lui è un fenomeno. Infatti contro Giappone e Brasile noi abbiamo segnato i rigori, ma lui ha continuato a pararli”.

SU GVARDIOL

Come fosse mio fratello. Ce ne sono pochi al mondo come lui. Sono strafelice per Gvardiol, perché ha tutto per fare un’intera carriera da fenomeno. Io sono tranquillo: in allenamento vado al massimo e se mi capiterà di giocare un minuto o trenta secondi, so che darò tutto me stesso”.

SU DALIC

Un maestro e anche un papà. Ci dice di restare umili, di fare le cose per bene, di non sottovalutare gli avversari, ma di avere fiducia in noi stessi. È un uomo molto religioso e ci trasmette la sua fede”.

Continue Reading
Commenta

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Flash News

Buone notizie per il Lecce, Hjulmand torna in gruppo

Pubblicato

:

Hjulmand

Arrivano ottime notizie dal centro sportivo del Lecce con il recupero del capitano Morten Hjulmand e di altri due componenti della rosa.

Come riporta SOS Fanta, il danese è tornato a lavorare in gruppo dopo che era stato ai box per affaticamento muscolare. Allarme rientrato e sfida con la Roma nel mirino per il capitano giallorosso. Lecce che recupera anche Blin e Ceesay, anche loro viaggiano per essere a disposizione di Baroni nel match di sabato pomeriggio.

Recuperi importanti per proseguire un’ottima stagione fin qui disputata dal club salentino.

Continua a leggere

Calcio Internazionale

Sanchez elimina il PSG e sale ad 11 gol: i numeri di una stagione strepitosa

Pubblicato

:

In Italia considerato un calciatore “finito” e con un ingaggio che gli si addiceva poco, poi la rescissione con l’Inter e il trasferimento a parametro zero a Marsiglia con prestazioni straordinarie: la fantastica stagione (fino ad ora) di Alexis Sanchez con i Phoceens.

SANCHEZ-MARSIGLIA: L’EXPLOIT CHE NON TI ASPETTI

Nessuno si aspettava una stagione del genere da Alexis Sanchez con la maglia del Marsiglia: arrivato a parametro zero dall’Inter che oramai non ci credeva più, sta segnando reti su reti per portare in alto il club francese. Quest’ultimo si trova attualmente secondo in campionato a -8 punti da un PSG straripante, ma che lo stesso Marsiglia ha eliminato ieri sera nel match di Coppa di Francia proprio grazie anche al gol di Alexis Sanchez. Anche in Italia ha dimostrato di essere l’uomo delle coppe (siglando la rete a tempi supplementari finiti in finale di Supercoppa Italiana contro la Juventus), ma in Francia sta confermando il tutto segnando a più non posso anche in campionato ed in Champions League.

I NUMERI DI SANCHEZ IN FRANCIA

Attualmente l’ex Inter vanta due reti siglate nella Coppa di Francia, sette gol e un assist firmati nella Ligue 1 e due centri in Champions League: numeri straripanti per l’ennesimo calciatore che in Italia è stato considerato pochissimo.

Continua a leggere

Flash News

La determinazione di Lookman: “In testa ho un obiettivo. Osimhen top player”

Pubblicato

:

Lookman

Autore di una prima parte di stagione ben al di sopra delle aspettative: Ademola Lookman, a suon di gol e giocate, è subito entrato nei cuori dei tifosi dell’Atalanta. Attualmente l’attaccante nativo di Londra, ma nigeriano di nazionalità, si trova al secondo posto della classifica marcatori, 4 gol alle spalle di Victor Osimhen.

A L’Eco di Bergamo, queste sono state le sue dichiarazioni in merito:

SUI RECORD E OSIMHEN – “In testa ho un obiettivo, ma non mi faccio condizionare: in realtà preferisco ragionare una partita alla volta. Ai record non ho mai pensato: voglio continuare a lavorare per migliorarmi, vedremo poi alla fine dove sarò arrivato. Osimhen è il mio rivale nella classifica marcatori:non so proprio chi sarà davanti alla fine. Ma lo conosco bene e posso dire che è un giocatore incredibile, un top player, con caratteristiche eccezionali: dopotutto chiunque, vedendolo, si accorge del campione che è”.

 

Continua a leggere

Flash News

Il Napoli vuole riscattare Simeone, ma non scatterà l’obbligo: la situazione

Pubblicato

:

SImeone

Stagione fin qui da incorniciare per Giovanni Simeone che è riuscito a trovare il suo spazio e ad essere decisivo quando chiamato in causa. L’attaccante è in prestito con obbligo di riscatto a determinate condizioni e, salvo sorprese, a fine stagione l’obbligo non scatterà.

Il Napoli ha pagato 2,5 milioni il prestito oneroso con l’obbligo di riscatto legato alla qualificazione in Champions, decisamente alla portata, e al fatto che il cholito dovrebbe segnare 20 gol in campionato. Una quota difficile da raggiungere con un Victor Osimhen inarrestabile. Questo però non chiude ad un riscatto da parte del Napoli che è molto contento delle prestazioni dell’argentino e a fine stagione discuterà con il giocatore per trovare una soluzione adeguata.

Spalletti stravede per Simeone, un jolly che fin qui ha sempre risposto presente con una media gol da invidia.

Continua a leggere

I nostri approfondimenti

Giovani per il futuro

Esclusive

Fantacalcio

Serie A

Trending

Scarica L'App

Copyright © 2022 | Testata giornalistica n.63 registrata presso il Tribunale di Milano il 7 Febbraio 2017 | numero-diez.com | Applicazione e testata gestita da Número Diez SRL 12106070969