Connect with us

Flash News

Curioso particolare sulla preparazione del Liverpool alla finale di Madrid

Pubblicato

:

Da pochi giorni il Liverpool è campione d’Europa. I Reds hanno sconfitto per 1-0 il Tottenham nella finale di Madrid. L’elemento fondante di questo cammino iniziato tre anni fa è senza dubbio Jurgen Klopp. La maniacalità e la cura dei dettagli del tecnico tedesco sono un fatto noto a tutti gli appassionati e agli addetti ai lavori.

Questo particolare emerge ulteriormente da un aneddoto raccolto dal quotidiano portoghese A Bola, che ha intervistato Renato Paiva, mister del Benfica B che ha affrontato il Liverpool pochi giorni prima della sfida del Wanda Metropolitano, in quel di Marbella.

FOCUS TATTICO

Quella che poteva sembrare una semplice amichevole per riprendere il ritmo gara (le due finaliste non scendevano in campo da più di due settimane) si è rivelata essere una vera e propria sperimentazione tattica dell’allenatore ex-BVB. Infatti, Klopp e Ljinders (il suo match-analyst di fiducia) hanno rintracciato moltissime similitudini nello stile di gioco di queste due squadre. A questo punto, il tedesco ha chiesto a Paiva di ricalcare alcune caratteristiche specifiche del Tottenham.

Queste le parole di Paiva:

“Abbiamo replicato due loro movimenti offensivi e due offensivi, oltre alla disposizione che pensavamo avrebbero portato in campo in finale. Abbiamo emulato la costruzione di gioco con portiere e centrali, l’atteggiamento difensivo con Kane a schermare i difensori centrali e il trequartista sul mediano del Liverpool. Vinicius si è comportato “da Eriksen”, Bernardo da Alli e Gomes da Kane. Abbiamo dovuto adattare il modulo sia in fase di possesso che di non possesso, con i mediani che si abbassavano fino alla linea difensiva per attirare il pressing del Liverpool. Il Tottenham avrebbe prediletto trovare spazio dietro la linea di pressione con le punte ed i terzini dopo un giropalla continuo arretrato. Alla fine abbiamo attuato pochissime modifiche al nostro sistema. Alli si alzava ad affiancare Kane di fronte all’altro difensore, Eriksen si inseriva internamente per tagliare fuori il terzino e Trippier copriva l’ampiezza. Più o meno accadeva lo stesso dall’altro lato con Son e Rose. Klopp si è complimentato con noi, in quanto siamo riusciti a superare la linea di pressione per diverse volte nonostante un’intensità notevole.

Il tecnico ha anche precisato il motivo di affrontare una squadra portoghese:

“Non potevano scegliere una squadra inglese poiché le informazioni sarebbero passate subito, né una spagnola poiché Pochettino ha passato tanti anni in Spagna, né una francese poiché Lloris è francese. Così hanno scelto una portoghese”. 

(Fonte immagine di copertina: profilo Instagram Liverpool FC)

Continue Reading
Commenta

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Flash News

Inter-Kessié solo a certe condizioni, dal Mondiale occhi su Preciado

Pubblicato

:

Kessié

Il Corriere dello Sport questa mattina aggiorna la situazione riguardo Franck Kessié e l’Inter: il giocatore sarebbe stato proposto ai nerazzurri che avrebbero aperto al trasferimento, ma solo a determinate condizioni. L’affare dovrebbe essere impostato solamente su un prestito e parte dell’ingaggio dell’ex Milan dovrebbe essere pagato dal Barcellona. Le parti si riaggiorneranno in primavera, per capire quali siano i reali margini della trattativa da imbastire eventualmente in estate.

Sempre secondo il Corriere, l’Inter avrebbe messo gli occhi anche su Angelo Preciado, terzino destro del Genk che ha ben figurato con l’Ecuador al Mondiale mettendosi in mostra come uno dei giocatori migliori della squadra capitanata da Enner Valencia. Il giocatore compirà 25 anni a febbraio, e potrebbe essere la prima chiamata in una big del calcio europeo.

Continua a leggere

Calciomercato

Schulz proposto alla Lazio: le ultime

Pubblicato

:

Lazio

Possibile arrivo a costo zero per la Lazio per sistemare la fascia sinistra, Nico Schulz è stato proposto dal Borussia Dortmund alla Lazio. Come riportato dal Messaggero, il nome è stato proposto a Claudio Lotito durante una cena con il presidente dei gialloneri Michele Puller.

LA TRATTATIVA

Il difensore 29enne è fuori rosa al Borussia Dortmund, non solo per motivi sportivi ma anche per un’ accusa di violenza domestica. L’ultima apparizione su un campo da gioco del terzino sinistro, infatti, risale addirittura al 7 maggio. Il calciatore era arrivato dopo un esborso di ben 25,5 mln dall’Hoffenheim. La soluzione migliore in casa Lazio sarebbe quella del prestito gratuito con obbligo di riscatto, con il Borussia incaricato di pagare la metà dei 6 mln di ingaggio del calciatore tedesco.

Continua a leggere

Flash News

Parte il raduno del Milan, Pioli sorride per i recuperi in attesa di Ibrahimovic

Pubblicato

:

Milan

Parte oggi il raduno del Milan, che si riunirà a Milanello per preparare la ripresa del campionato dopo la sosta per il Mondiale. Pioli ha di che essere contento, poiché rientreranno in gruppo alcuni giocatori cardine come Maignan, Calabria e Saelemaekers, che hanno saltato una parte importante di campionato per i vari infortuni.

Ma non solo: come fa sapere la Gazzetta dello Sport, la notizia che tiene tutti con il fiato sospeso è la data del rientro di Zlatan Ibrahimovic. Lo svedese infatti dovrebbe rientrare in gruppo e cominciare ad allenarsi tra poco più di una settimana, il 10 dicembre. Non comincerà a Milanello la sua preparazione, ma raggiungerà il suo Milan a Dubai.

Buone notizie per i rossoneri, che avranno bisogno di tutti gli effettivi e di un Ibrahimovic in più per continuare la rincorsa al Napoli e inseguire il sogno chiamato “seconda stella”.

Continua a leggere

Calcio Internazionale

Zielinski sugli ottavi: “Atteggiamento da cambiare, contro Mbappé serve più coraggio”

Pubblicato

:

Napoli

La Polonia di Piotr Zielinski si è qualificata agli ottavi di finale del Mondiale, nel girone che li vedeva al fianco dell’Argentina di Messi. Proprio della partita contro l’albiceleste Zielinski ha criticato l’atteggiamento, che contro la Francia agli ottavi dovrà essere diverso. Troppo passivi i polacchi contro l’Argentina secondo il centrocampista del Napoli, che chiede di avere più personalità ai suoi compagni per una partita di protagonismo. Ecco le parole di Zielinski alla Gazzetta dello Sport:

Contro l’Argentina forse abbiamo patito il fatto di sfidare una delle favorite del Mondiale in una gara determinante per la qualificazione. Giocare contro Messi complica le cose perché lui è un genio, fa sembrare tutto semplice. Di sicuro non potremo affrontare la Francia con quest’atteggiamento: serviranno più carattere, più coraggio, più voglia di far male all’avversario che è fortissimo. Dietro a Mbappé sulla sinistra c’è Theo Hernandez: dobbiamo preparare molto bene la gara, magari cambiando il modulo rispetto alla partita con l’Argentina. La Francia è campione del mondo: può succedere di tutto, a patto che ognuno di noi abbia un rendimento migliore“.

Zielinski manda poi un messaggio di vicinanza al popolo di Ischia, per chiudere con una chiosa sul Napoli: “Nel club succede l’opposto di quanto spesso accade in nazionale, vale a dire che la palla la teniamo noi e creiamo tante opzioni di tiro. Voglio mandare anche io come Koulibaly un messaggio a Ischia: auguro a tutte le persone coinvolte di trovare la forza per reagire a quanto accaduto, quell’isola è un luogo meraviglioso. Lo Scudetto? Alla ripresa avremo partite difficili, ma possiamo scrivere la storia”.

Continua a leggere
Advertisement
Advertisement

I nostri approfondimenti

Giovani per il futuro

Esclusive

Fantacalcio

Serie A

Trending

Scarica L'App

Copyright © 2022 | Testata giornalistica n.63 registrata presso il Tribunale di Milano il 7 Febbraio 2017 | numero-diez.com | Applicazione e testata gestita da Número Diez SRL 12106070969