Connect with us
Da Lloris a Pellegrini, da Chiellini a Laporte: il punto sugli infortuni

Generico

Da Lloris a Pellegrini, da Chiellini a Laporte: il punto sugli infortuni

Pubblicato

:

Riecco la pausa nazionali, la seconda dopo quella di settembre. Il momento migliore per ricaricare le pile, riorganizzare le idee e rimettersi in pista ancora più competitivi dopo un pit stop doveroso. Per alcune squadre, costituisce una autentica manna dal cielo. Perché, riposo psico-fisico a parte, implica la possibilità di recuperare dai vari infortuni e riprendere confidenza col campo senza pressione alcuna. Anche se, in alcuni casi, quelli più gravi, la settimana di stop pare quasi irrilevante, specialmente nel momento in cui si ha a che fare con infortuni gravi, che prevedono lunghe convalescenze e consegnano ai box per molto tempo i giocatori.

Dopo i primi atti dei vari campionati europei, la lista dei calciatori costretti allo stop è già molto lunga. E in diversi casi, si tratta di nomi non completamente nuovi ai vari bollettini medici. Per molti di loro si allontana la concreta possibilità di rivedere il campo prima del nuovo anno, altri sprintano sulla corsia di accelerazione nel tentativo di mangiare il panettone e farcela prima della pausa natalizia. Ecco i casi di infortuni più gravi, con particolare attenzione a quelli che sono i tempi stimati per il recupero.

AYMERIC LAPORTE

Nella gara interna dello scorso 31 agosto contro il Brighton, il baluardo transalpino dei Citizens è stato costretto ad uscire dal campo in seguito a un brutto scontro con un avversario. Risultato? Danni alla cartilagine ed al menisco esterno del ginocchio destro. Il classe 94′, recatosi a Barcellona per i vari controlli di rito, è stato poi sottoposto all’intervento al menisco laterale della gamba destra. Il francese, tra l’altro, sognava l’esordio in Nazionale per le qualificazioni ai prossimi europei, con lo stesso ct Didier Deschamps che aveva deciso di dargli fiducia per premiare l’ottimo trascorso alla corte di Guardiola. Per quanto concerne i tempi di recupero, si parla di un possibile rientro per i primi di febbraio. Il giovane centrale ex Athletic Bilbao dovrà quindi conquistarsi la sua Nazionale in poco più di tre mesi e sprintare verso gli europei.

Fonte immagine: Profilo Twitter di Aymeric Laporte

GIORGIO CHIELLINI

Il difensore bianconero è pronto all’ennesima battaglia della sua vita professionistica. Perché, all’alba dei 35 anni, la rincorsa verso un rientro post infortunio pare un Everest. Metteteci anche che, nella rifinitura pre-Napoli, la colonna della Nazionale si è rotta il crociato anteriore del ginocchio destro, con conseguente ricostruzione dell’intero legamento. Che poi sembra un po’ un vero e proprio filo conduttore della carriera del centrale toscano, che conosce i box neanche fossero casa sua e, per l’ennesimo anno consecutivo, dovrà guardare i suoi compagni dal televisore per un bel po’ di tempo. Dovrebbe tornare anche lui a febbraio, anche se i tempi potrebbero allungarsi ulteriormente. Ma il Gorilla, come lo chiamano dalle parti di Vinovo, non è andato in letargo, ma si sta solo preparando al rush finale di una carriera coi fiocchi. Ne siamo certi, vincerà, ancora una volta, la sua voglia di Juve… e di Nazionale. Perché a giugno ci sono gli Europei anche per lui, e la fascia di capitano qualcuno dovrà pure indossarla.

Fonte immagine: Profilo Instagram ufficiale della Juventus

DAVIDE ZAPPACOSTA

Un altro che conosce i box come le sue tasche, è Davide Zappacosta, il terzino della Roma prelevato dal Chelsea nell’ultima finestra estiva di calciomercato. Ironia della sorte, la squadra capitolina aveva deciso di puntare sul classe ’92 proprio per metter riparo ai vari infortuni, che avevano colpito anche Florenzi e Spinazzola. Dopo un risentimento muscolare che lo aveva costretto al forfait nel derby contro la Lazio della seconda giornata, come un fulmine a ciel sereno (più o meno) è arrivata la condanna definitva: altro crociato rotto, come da tradizione in casa Roma, che, da quando ha cominciato a collezionarli, ne conta ben 15 rotti in 5 anni. Una vera e propria maledizione, giunta ora all’ennesimo capitolo. Il terzino ex Torino è stato sottoposto, come da accordo tra Roma e Chelsea, ai ferri delle abilissime mani del dottor Mariani, a Villa Stuart. Dalle parti di Trigoria si spera in un ritorno per il prossimo gennaio, subito dopo la sosta. Davide sprinta, come su quella fascia destra che l’ha congedato troppo in fretta.

Fonte: profilo Instagram ufficiale di Zappacosta

HUGO LLORIS

Due francesi e due italiani. Stavolta non è una barzelletta, né tantomeno se ne avvicina. Quando l’infortunio ti priva di club e Nazionale il rammarico è doppio, per calciatori e tifosi. Tottenham e Francia dovranno quindi gaurdarsi attorno per cercare di rimpiazzare al meglio Hugo Lloris, portierone di Nizza, che, guarda un po’ il destino, contro il “solito” Brighton, è scivolato ai danni del suo gomito, che ha fatto crack. Fortuna nella sfortuna, il portiere 32enne della compagine londinese, non dovrà sottoposrsi ad alcun infortunio, ma, l’interessamento dei legamenti potrebbe dilatare i tempi di recupero. Dovrebbe rivedere il campo anche lui per l’anno che verrà, senza sconti alcuni. Il suo rientro è previsto tra la fine di gennaio e i primi di febbraio. Nel frattempo, il mondo del calcio si stringe attorno al Campione del Mondo: sui social, i colleghi Courtois e De Gea su tutti, hanno dimostrato massima solidarietà verso il loro avversario (ma solo in campo).

https://youtu.be/16AP4ZExGcs

LORENZO PELLEGRINI

Sul più bello, quando tutto sembrava andare per il meglio. Si dice “batti il ferro finché è caldo”, e il cammino di Lorenzo Pellegrini verso la consacrazione sembrava, a suon di prestazioni, progressivamente accorciarsi di partita in partita. Finché il ferro del centrocampista romano non si è spezzato, e sotto ai ferri ci è finito lui, dopo la vittoria al Via del Mare di Lecce che ha doto in dote ai capitolini, oltre ai tre punti, anche la frattura del quinto metatarso del tuttofare giallorosso. Con Fonseca aveva trovato habitat perfetto tra le linee, alle spalle di Dzeko, dove tecnica di base e visone di gioco erano ottime carte in regola per far bene. Ma il numero 7 non demorde mica: lavora ogni giorno per tornare al più presto, perché ha troppa fantasia per restare nel “carcere” dei box, e ha una questione in sospeso, a proposito di consacrazione. Un discorso che avrà modo di riprendere dal prossimo novembre, quando verrà reintegrato nella rosa di Fonseca. La sensazione è che all’interno dello scacchiere giallorosso, il posto per lui ci sia sempre. In Azzurro, però, ha una maglia da conquistare… Il fisico, dopo l’ennesimo stop, per ora non lo accompagna, ma “il ragazzo si farà, anche se ha le spalle strette, quest’altr’anno giocherà con la maglia numero sette”.

Fonte immagine: Profilo Twitter ufficiale della Nazionale di calcio Italiana

(Fonte immagine in evidenza: Profilo Instagram di Giorgio Chiellini)

Continue Reading
Commenta

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Flash News

Fiorentina, quanta imprecisione: tre rigori consecutivi sbagliati

Pubblicato

:

Nico Gonzalez

Un dato che farà discutere, quello dei rigori della Fiorentina. Nel 2024 i viola ne hanno già falliti 4 tra campionato e Supercoppa. Sono 3 gli errori consecutivi dal dischetto per la Fiorentina che anche stasera contro la Lazio non è riuscita ad andare in rete dagli 11 metri. Nico Gonzalez, dopo aver sbagliato il rigore contro l’Inter, ha fallito nell’intento anche stasera. Oggi è stato il palo a fermare l’argentino. È un dato piuttosto triste quello dei rigori della Fiorentina. Sono ben 3 i rigoristi differenti negli ultimi 4 sbagliti nel 2024.

FIORENTINA E RIGORI NON VANNO D’ACCORDO: IL DATO

Al 6 di gennaio è arrivato l’errore di Bonaventura che fallì un rigore contro la Fiorentina. Partita poi persa per 1-0. In Supercoppa è stato pesantissimo l’errore di Ikone che sul 1-0 per il Napoli fallì dal dischetto a pochi minuti dalla fine del primo tempo. Il Napoli avrebbe poi vinto la partita per 3-0 accedendo alla finale della competizione, poi persa contro l’Inter. Il terzo errore è proprio contro i nerazzurri. Dagli 11 metri ci va Nico Gonzalez che con un rigore molto debole consegna la vittoria all’Inter. Sempre Nico Gonzalez ha sbagliato di nuovo anche stasera nel posticipo del lunedì sera contro la Lazio. Fortunatamente per lui, i viola sono riusciti a portare a casa i tre punti facendo pesare meno questo rigore sbagliato.

Continua a leggere

Calcio Internazionale

La FIFA pensa a un nuovo progetto pilota per le amichevoli internazionali: i dettagli

Pubblicato

:

Gianni Infantino, presidente FIFA

La FIFA ha promosso un nuovo progetto riguardante le amichevoli internazionali che partirà a marzo. Il progetto pilota prenderà il nome di FIFA Series e prevede gare tra quattro nazionali di confederazioni diverse che saranno ospitate in unico Paese.

L’obiettivo è quello di far incontrare nazionali diverse tra loro per costruzione. Questa proposta rappresenterà delle opportunità a livello commerciale, economico e di immagine per le nazioni partecipanti.

La fase di prova vedrà la partecipazione di Algeria (CAF), Andorra (UEFA), Bolivia (CONMEBOL), Sudafrica (CAF), Azerbaigian (UEFA), Bulgaria (UEFA), Mongolia (AFC), Tanzania, (CAF), Arabia Saudita (AFC), Capo Verde (CAF), Cambogia (AFC), Guinea Equatoriale (CAF), Guyana (Concacaf), Bermuda (Concacaf), Brunei Darussalam (AFC), Guinea (CAF), Vanuatu (OFC), Sri LankaBhutan (AFC), Repubblica Centrafricana (CAF), Papua Nuova Guinea (OFC).

In concomitanza con il lancio del progetto sono arrivate le parole del Presidente della FIFA Gianni Infantino, entusiasta di intraprendere questo nuovo percorso.

LE PAROLE DI INFANTINO

Le FIFA Series sono un passo avanti davvero positivo per il calcio delle squadre nazionali a livello globale. Le nostre associazioni affiliate ci hanno espresso da tempo il desiderio di mettersi alla prova contro le loro controparti di tutto il mondo, e ora possono farlo nell’ambito dell’attuale calendario delle partite internazionali maschili. Partite più significative consentiranno un’interazione calcistica molto più preziosa per giocatori, squadre e tifosi, e daranno un contributo concreto allo sviluppo del gioco”.

Continua a leggere

Generico

Gasperini in conferenza dopo Milan-Atalanta: “Fischiato un rigorino, conquistato un buon punto”

Pubblicato

:

Gasperini

Un pareggio che tutto sommato può star bene all’Atalanta quello conquistato a San Siro contro un ottimo Milan. Il tecnico bergamasco Gasperini ha commentato la partita in conferenza stampa. Queste le sue dichiarazioni dopo l’1-1 contro i rossoneri.

PUNTO GUADAGNATO – “Quando esci da queste partite con un punto sei soddisfatto. È stata una partita difficile, e il pareggio premia l’attenzione e la voglia di fare risultato”.

MILAN – “Il Milan è una squadra forte, questa sera abbiamo subito la loro qualità e la loro condizione. Non abbiamo mai mollato, portiamo a casa un punto che muove la classifica”.

SCALVINI – “La spalla è uscita e rientrata, domani lo valuteremo“.

EUROPA – “Non ragioniamo sul lungo, dobbiamo lavorare sul breve periodo. Ci aspettano due settimane difficilissime e dovremo pensare partita per partita. Faccio fatica a fare delle previsioni, essere usciti stasera con un punto deve renderci felici. Per noi è importante l’Europa League come il campionato e la Coppa Italia. Cercheremo di andare fino in fondo in tutte le competizioni”.

DE KETELAERE – “Abbiamo fatto fatica sulle fasce e in attacco, abbiamo cercato di cambiare qualcosina con Lookman ed è andata un po’ meglio. In altre partite riusciremo a far di più, poche volte abbiamo subito come questa sera“.

CALCIO DI RIGORE – “Fa parte di quei ‘rigorini’. Ormai ce ne sono tanti, ci sono dei rigori che non vede nessuno e poi tira fuori il VAR. Un rigore così non lo avevamo da tanto tempo, oggi ce lo prendiamo. Vengo da una generazione per la quale il rigore deve essere una cosa seria, evidentemente alle TV piace un altro calcio. Noi siamo comunque in credito”.

SCAMACCA – “Scamacca ha dato contributi importanti, questa sera sicuramente meno ma da occasioni come queste trai gli spunti per fare meglio nelle partite successive“.

Continua a leggere

Generico

Pioli ribadisce in conferenza dopo Milan-Atalanta: “Mai rigore quello di Holm, Leao è questo”

Pubblicato

:

Pioli

Si è conclusa con il pareggio tra Milan e Atalanta la domenica della 26esima giornata di Serie A, in attesa di Roma-Torino e Fiorentina-Lazio. I rossoneri disputano una buona gara, ma vedono aumentare il gap con Inter e Juventus. Al termine della partita, Stefano Pioli è intervenuto in conferenza stampa. Queste le sue parole raccolte dalla pancia di San Siro.

SENSAZIONI – “Quando la squadra gioca così bene deve vincere e noi purtroppo non ci siamo riusciti. C’è delusione ma anche soddisfazione per come la squadra ha interpretato questa partita. Siamo stati compatti e aggressivi, sporcando tutti i loro palloni e facilitando gli interventi difensivi. È mancata solo la vittoria“.

RIGORE – “Il rigore non c’era, ma fa la differenza. Holm si mette le mani in faccia ma il contatto era più in basso. Per il metro di Orsato questo non era e non sarà mai rigore“.

RIGORI SUBITI – “A volte siamo stati ingenui, attacchiamo tanto ma non prendiamo quasi mai rigori. Forse dobbiamo essere più scaltri”.

RIPARTIRE – “Ripartire è facile. Guarderemo insieme alla squadra la partita, ma è una questione di dettagli. Se ripeteremo prestazioni del genere probabilmente vinceremo diverse partite da qui alla fine del campionato”.

LEAO – “Credo che sia stata una delle prestazioni più belle da quando lo alleno. Ha aggredito, ha puntato continuamente. Questa prestazione per lui deve essere un punto di riferimento. Gliela farò pesare, perché lui ha questo potenziale. Parlerò con lui per capire cosa ha messo di diverso rispetto alle altre volte”.

 

Continua a leggere

I nostri approfondimenti

Giovani per il futuro

Esclusive

Fantacalcio

Serie A

Trending

Scarica L'App

Copyright © 2022 | Testata giornalistica n.63 registrata presso il Tribunale di Milano il 7 Febbraio 2017 | numero-diez.com | Applicazione e testata gestita da Número Diez SRL 12106070969