Connect with us

Generico

Dalla Champions League alla Serie B

Pubblicato

:

16 maggio 2010: in una stagione che si rivelerà trionfale per il calcio italiano grazie all’impresa dell’Inter di Mourinho in Champions League, la Sampdoria di Luigi Del Neri, Giampaolo Pazzini e Antonio Cassano raggiungerà il quarto posto in classifica accedendo ai preliminari di Champions League, ventun anni dopo l’ultima volta. I goal di Cassano e Pazzini, rispettivamente nove e diciannove in Serie A, accompagnarono i blucerchiati fino al quarto posto grazie alla vittoria contro la Roma alla quartultima giornata, chiudendo la stagione imbattuti tra le mura amiche e come miglior difesa casalinga tra i maggiori campionati europei; solo 10 i goal subiti a Marassi per la Samp di Del Neri, meglio di Barcellona (11) e Manchester United (12).

CHAMPIONS LEAGUE

18 agosto 2010: Inizia l’avventura in Champions League per una Samp galvanizzata dal risultato ottenuto nella stagione precedente: l’impatto con l’Europa è però di quelli da dimenticare finendo nel tritacarne del Werder Brema che demolisce le certezze blucerchiate con un netto 3-1. A una settimana dal ritorno, inizia a incrinarsi qualcosa dalle parti di Bogliasco.

24 agosto 2010: Pazzini e Cassano, Cassano e Pazzini. La coppia che Garrone ha eletto a sua salvatrice porta la Sampdoria sul 3-0 al minuto 85 tra le mura di Marassi, e la sentenza della rinascita blucerchiata sembra si stia per incidere sulla lapide del Werder Brema. É prima Rosenberg, in pieno recupero, a spezzare i sogni di gloria blucerchiati mandando la sfida ai tempi supplementari segnando il goal che riporta la sfida in equilibrio dopo il risultato dell’andata. Si può così dire che lo psicodramma sampdoriano inizi proprio qui: nei primi minuti dei supplementari dove le certezze granitiche divennero macigni insopportabili, quando lo stadio amico fino alla stagione precedente diventa un girone infernale dal quale sembra non esserci ritorno. É Pizzarro a svegliare Cassano e compagni da un sogno lungo una stagione, ricacciando la Sampdoria in fondo al tunnel chiamato Europa League, in quella crisi psicologica che sfocerà nel dramma sportivo del maggio successivo.

Fonte immagine: profilo Instagram ufficiale di Cassano

I COLPI DI GRAZIA

3 Gennaio 2011: Colpo di grazia alla stagione già compromessa della Sampdoria lo infliggerà il mercato di riparazione delle grandi di Italia. Prima Cassano, il 4 gennaio, passerà al Milan dopo una furente lite con Garrone andando a vincere l’ultimo scudetto del diavolo. Poi sarà il turno di Pazzini, autore di sei goal in campionato (che sommati ai 19 della stagione precedente portano il totale a 25 in un anno e mezzo) che raggiungerà i campioni d’Europa in carica dell’Inter in piena corsa scudetto contro il Milan di Allegri. Sarà la prima vera rivoluzione economica che la Sampdoria post quarto posto affronterà, rinunciando ai due autori di cotanta impresa. Dopo i 41 punti conquistati nel girone di ritorno della stagione precedente, ecco che la seconda parte di quella in corso si preannuncia come lotta per la sopravvivenza nella massima serie.

8 maggio 2011: l’ultimo, definitivo, colpo che affonda la nave blucerchiata è il derby della Lanterna dell’8 maggio 2011. La Samp, in corsa per ottenere punti validi per sperare nella salvezza, si gioca con il Lecce di Chevanton l’ultimo piazzamento per rimanere in Serie A. Nella sfida tra Lecce e Napoli al Via del Mare però, Chevanton regala ai pugliesi il goal vittoria che condannerebbe, anche se non matematicamente, i rivali blucerchiati alla serie B. Nella notte di Marassi il Genoa, già vittorioso nel derby d’andata e decimo in classifica, potrebbe accettare le voci di una combine che accontenterebbe tutti, sindaco compreso. La città ha bisogno di due squadre in Serie A e la torta consentirebbe alla Sampdoria di rimanere ancora a galla per la giornata successiva, quando avrebbe affrontato il Palermo  a Marassi giocandosi tutto davanti ai propri tifosi.

La partita scivola lenta e l’1-1 maturato alle soglie dei minuti di recupero fa pensare che effettivamente, a Genoa e Samp vada bene così, e che non ci sia motivo per infierire sulla terribile stagione vissuta dai concittadini. É il minuto 82, e Ballardini, tecnico del Genoa, concede pochi scampoli di match a Mauro Boselli, argentino di Buenos Aires giunto a Gennaio e autore di sei reti fino a quel momento con la maglia rossoblù. Doveva essere nient’altro che una comparsa all’interno di un copione già scritto, un attore non protagonista su un palcoscenico che stava per spegnere le luci su un pareggio che lasciava ancora speranza di redenzione. Divenne il retrocessore in quel lasso di tempo che gli bastò a stoppare il pallone verticalizzato da Milanetto e a girarlo con precisione irripetibile all’angolino lontano dove Da Costa non immaginava potesse finire il pallone. La bolgia che si scatenò a Marassi dopo il goal coinvolse il tifo rossoblù che, grazie a quell’argentino, vinse il secondo derby stagionale e condannò, almeno virtualmente, la Sampdoria alla retrocessione.

15 maggio 2011: Termina lo psicodramma blucerchiato con la sfida al Palermo in cui tutte le speranze sono riposte in uno stadio che un tempo aveva costituito la roccaforte da cui costruire i propri sogni europei. La sconfitta ad opera dei rosanero è devastante, la Samp retrocede davanti ai propri tifosi dieci mesi dopo aver fatto risuonare la musica della Champions League tra le mura del Ferraris.

CASO ISOLATO?

Non è però un caso isolato quello della Sampdoria: accadde che, nel 2006/07, quando il Milan vinceva la sua ultima Champions League, il Chievo di, ironia della sorte, Del Neri, approdasse ai lidi della Champions League per poi retrocedere in serie B. I fatti di calciopoli della stagione 2005/06 portarono i clivensi al quarto posto in classifica spedendo la squadra dell’allora tecnico Pillon in Bulgaria, precisamente contro il Levski Sofia che, proprio come il Werder Brema, distrusse le speranze europee della squadra di Verona nei tempi supplementari. La stagione, deludente in Europa e tragica in campionato, si spegnerà progressivamente verso una retrocessione sancita dalla sconfitta nello scontro diretto con il Catania, dopo sei anni dalla conquista della Serie A.

Fonte immagine: profilo Instagram ufficiale del Chievo (@acchievoverona).

Psicodrammi societari con riflessi calcistici, questo l’unico plausibile motivo per una caduta verticale di questo tipo nell’arco di dodici mesi: Sampdoria e Chievo ritornano in Serie A l’anno successivo, appena in tempo per etichettare come episodiche stagioni drammatiche come queste.

Continue Reading
Commenta

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Flash News

La Cremonese giocherà l’8 dicembre contro il Salsomaggiore: i dettagli

Pubblicato

:

Castagnetti

Tra i club di Serie A impegnati in amichevoli di vario tipo, fondamentali per non far perdere il ritmo ai calciatori, non fa eccezione la Cremonese; i grigiorossi infatti, oltre al match dal sapore natalizio contro il Torino il 23 dicembre, si starebbero muovendo per disputare qualche altro incontro. Come riportato da La Provincia, sarebbe già in programma per l’8 dicembre una partita col Salsomaggiore, militante in Serie D.

Continua a leggere

Flash News

Napoli in ritiro in Turchia: due giocatori si allenano a parte

Pubblicato

:

Pronostico Liverpool-Napoli

Approdato tre giorni fa a Belek, in Turchia, il Napoli prosegue gli allenamenti che dovranno preparare Osimhen e compagni a difendere la leadership solitaria in campionato, ottenuta nei mesi scorsi; il 7 dicembre i ragazzi di Spalletti affronteranno l’Antalyaspor, seguito dal match di quattro giorni dopo contro il Crystal Palace.

Parallelamente agli allenamenti del gruppo prosegue il piano di recupero di Amir Rrahmani Salvatore Sirigu, che si stanno allenando a parte, rispettivamente in campo ed in piscina.

Continua a leggere

Flash News

L’Empoli va a Marbella: amichevoli con Sturm Graz e Wolverhampton

Pubblicato

:

Destr

La visita dell’Empoli a Marbella ha ben poco a che fare col turismo balneare; in Andalusia, dove è approdata due giorni fa, la squadra toscana è infatti attesa da due partite amichevoli, di cui la prima si giocherà domani, contro lo Sturm Graz. Quattro giorni dopo ad affrontare i ragazzi di Paolo Zanetti toccherà al Wolverhampton; è già in programma inoltre una terza amichevole, contro il Monaco al Castellani il 16 dicembre.

Tutti test probanti per scaldare i motori in vista del ritorno in Serie A nel 2023. La prima sfida dell’Empoli sarà contro l’Udinese, in terra friulana.

Continua a leggere

Flash News

Lecce, Dermaku prosegue il lavoro differenziato: i dettagli

Pubblicato

:

Lecce

Prosegue in casa Lecce la preparazione in vista di quello che sarà un intenso 2023 di Serie A; i salentini, nonostante 8 rassicuranti punti di vantaggio sulla Cremonese terzultima, sono ancora ben lontani dal raggiungere l’obiettivo salvezza, per la quale servirà una rosa il più al completo possibile.

In questa direzione lavora dunque Kastriot Dermaku, difensore albanese che sta proseguendo il proprio programma di lavoro differenziato per recuperare dal recente infortunio al bicipite femorale della coscia (lesione di primo grado).

Nell’allenamento di ieri ha continuato a prendere confidenza con il campo, e in questo senso proseguirà la sua preparazione al primo match del 2023 del suo Lecce, in casa contro la Lazio.

Continua a leggere
Advertisement
Advertisement

I nostri approfondimenti

Giovani per il futuro

Esclusive

Fantacalcio

Serie A

Trending

Scarica L'App

Copyright © 2022 | Testata giornalistica n.63 registrata presso il Tribunale di Milano il 7 Febbraio 2017 | numero-diez.com | Applicazione e testata gestita da Número Diez SRL 12106070969