Connect with us

Basket

Di nuovo insieme

Pubblicato

:

Preventivabile che sarebbe andata a finire così. Senza più possibilità di ottenere niente più che un primo turno ai PO, e vedendo l’Ovest di adesso c’è anche dell’ottimismo, le strade di Russell Westbrook ed OKC si separano alla fine dell’undicesimo anno di matrimonio. Il terremoto provocato dalla decisione di George in Oklahoma ha giustamente sconvolto la timeline del progetto di Presti e della carriera di Russell. Le due, in buona sostanza, non avevano più motivo di procedere sullo stesso binario. Chiacchierata a lungo anche la fuga di Chris Paul, voluto così fortemente da mettere nero su bianco un contratto che sapeva di disperato All-In. Con le giuste premesse comunque, avesse avuto la stessa chimica dell’anno scorso ed un CP3 sano un viaggio alle Finals sarebbe stato estremamente possibile.

Strano paradossalmente pensare a come le due entità abbiano trovato poi un accordo. Non tanto per OKC ma pensare che Daryl Morey mettesse le mani (ed a quale costo) su un giocatore diametralmente opposto ai dettami del Moreyball e del gioco di D’Antoni qualche punto di domanda lo alza.

 “I know how to play with Russ and he knows how to play with me”

È stato proprio James, infatti, a convincere e fare sparire le nubi delle perplessità dalla mente di Morey. I due hanno giocato insieme per tre anni ad OKC, quando i Thunder sembravano poter diventare la dinastia che non sono mai stati. Dopo le Finals perse nel 2012 contro i Miami Heat, Harden venne scambiato ad Houston dove è diventato la letale guardia mancina che conosciamo oggi. OKC non ha più raggiunto le Finals da quel momento. Vuoi per gli infortuni, vuoi per la feroce minaccia prima, dominio poi di GSW la creatura di Presti è rimasta fondamentale incompiuta. Il colpo finale alle ambizioni di gloria lo diedero i 73-9 Warriors quando rimontarono da 3-1 nelle WCF (copione crudelmente subito dai Cavaliers nelle Finals) con una Gara-6 che tirò fuori dai giocatore cose fuori dalla grazia del Signore come le 11 triple di Klay Thompson. L’estate appena successiva l’esplosione del cap favorì uno degli altri turning point della storia di OKC e della NBA intera. Durant, infatti, firmò con  GSW portandosi dietro tutti gli strascichi di polemiche che si susseguono ancora oggi. Il momentum costruito pazientemente da Presti si è praticamente arrestato.

Nel frattempo Harden è diventato il fulcro del progetto di D’Antoni diventando, quasi a sorpresa, un giocatore sublime palla in mano con una sinistra tendenza a mantenere USG% vertiginose. Il discorso dello USG% lo rincorreremo quasi certamente per tutta la loro esperienza assieme. Allo stesso modo Russell ha “reagito” a questi abbandoni estremizzando a limiti soprannaturali la sua influenza nel gioco di OKC tirando fuori stagioni da tripla doppia di media (!!!) in cambio di una totale dipendenza delle fortune della franchigia dalle sue lune. La domanda, sebbene Harden abbia assicurato di sapere come fare, è legittima: come potrebbero mai giocare assieme? Difficile rispondere adesso perché neanche con l’arrivo di Chris Paul il discorso sulla conciliabilità di Harden con un altro playmaker aveva assunto così tanta importanza. Il “vecchio” portatore di palla di OKC è un giocatore ed un rebus tattico ancora più diverso da quello che ha rappresentato il “nuovo” (almeno per adesso). Il rapporto tra Harden e Paul, sebbene passasse dal “piuttosto complicato” alla “guerra aperta” nel giro di poco, a livello di campo aveva problematiche nette, possibilità ancor più nette ed un ceiling clamorosamente alto mai raggiunto stabilmente.

Con Westbrook moltiplicate tranquillamente per 10. Per come sono adesso farli lavorare assieme è complicato, le due sfere d’influenza che esercitano sul gioco vadano distinte prima possibile. Mentre con Paul c’è stata la possibilità di esplorare in profondità l’idea di un secondo portatore di palla che desse anche opzioni da catch and shoot, con Westbrook questa idea non può esistere a meno che non sia Harden a farlo. Russell, senza scomodare i numeri, è uno dei peggiori giocatori nella storia dall’arco in rapporto al volume di tiri, è spesso passivo off the ball e vive di fastbreak e penetrazioni, due cose in cui porta a scuola il 99% della Lega. La soluzione più a portata di mano è vedere Harden secondo portatore di palla prendendo idealmente la poltrona di CP3. C’è anche da dire che l’ambiente tattico di Houston sembra cucito a misura sartoriale sul basket di Russell. Con Capela in campo, ha comunque spazio e mani da servire fuori dall’arco. C’è Eric Gordon, c’è PJ Tucker e volendo lo stesso Harden. A portare all’estremo il concetto togli Capela e giochi una specie di 5-out offense con ancora più spazio e bersagli da servire.

Ad OKC tutto questo ben di Dio non lo ha mai avuto, considerando la presenza di Ibaka/Adams (eccellenti lunghi ma non esattamente due mani calde dall’arco) o Sefolosha/Roberson. Presti ha cercato disperatamente tramite draft, trade o altro mani affidabili e difesa perimetrale con risultati non sempre incoraggianti. Houston di questa importante materia prima ne ha da vendere. Altro concetto da tenere in considerazione: il tempo e le energie guadagnate a collaborare in attacco andranno spese in difesa. Un attacco produttivo e divertente non potrebbe comunque sostenere due giocatori totalmente passivi nella loro metà campo con i ritmi odierni. Morey alla fine della fiera ha messo assieme l’All-In dell’anno scorso e ha rilanciato ancor più ardentemente (non dimentichiamo le importantissime 2 pick più 2 swap concessi). La speranza di trovare il “click” giusto per il possibile ultimo grande giro di un progetto interessante ma mai concreto fino alla fine è ancora percorribile. Presti ha fatto 30 con George e 31 con Westbrook, radendo al suolo quanto costruito in 11 anni e prendendo i mattoni necessari al nuovo corso. Adesso sta principalmente a loro due dettare il passo e le fortune dei Rockets come 7 anni fa fecero assieme a Durant ed Ibaka in Oklahoma.

 

(Fonte immagine di copertina: www.defpen.com)

Continue Reading
Commenta

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Basket

Palacio dal calcio al basket, la nuova vita del ‘Trenza’

Pubblicato

:

Cambia lo sport ma non l’entusiasmo per Rodrigo Palacio, l’argentino comincia la sua nuova avventura nel mondo del basket. Ritiratosi dal calcio giocato dopo la parentesi al Brescia nello scorso anno in Serie B, il Trenza si è subito cimentato in una nuova avventura all’età di 40 anni.

Palacio è sceso in campo nella partita di basket del Garegnano Milano, in occasione di un torneo amichevole. La società cestistica milanese milita attualmente nel campionato di Serie D. L’argentino ex Inter e Genoa ha giocato contro il Basket Trezzano, mettendo a referto 4 punti.

Dopo aver segnato 101 gol in Serie A in carriera e aver fatto cantare i tifosi con la palla tra i piedi, per Palacio adesso è giunto il momento di rimettersi in gioco con la palla tra le mani.

Continua a leggere

Basket

DAZN si allarga: arrivano la Serie C e la Serie A di Basket

Pubblicato

:

Peluso

Come riportato sui propri canali social, Dazn allarga i propri orizzonti inglobando ElevenSports. Arriveranno la Serie C e la Serie A di Basket.

NOVITÀ SU DAZN

Dazn assorbe e ingloba ElevenSports all’interno della propria piattaforma. Pare che fosse tutto confermato dallo scorso 25 agosto.

Continua a leggere

Altri Sport

Eurobasket 2022, cosa è mancato all’Italia?

Pubblicato

:

Eurobasket 2022

Mercoledì si è interrotto il sogno azzurro. Per l’Italia l’Eurobasket 2022 è terminato contro la Francia ai quarti di finale, in una maniera a dir poco rocambolesca. A poco più di 2 minuti dalla fine della partita, Fontecchio aveva regalato il +7 azzurro con una tripla impossibile. Da lì in poi l’Italia non si è più mossa. A 14 secondi dalla fine e + 2 Italia, sempre Fontecchio è protagonista, stavolta in negativo, sbagliando entrambi i tiri liberi a disposizione. Heurtel realizza un veloce canestro da 2 punti e pareggia i conti, quindi overtime. Una volta ai supplementari però, l’inerzia era tutta dai francesi, che infatti hanno portato a casa la vittoria. Senz’altro ci sono state cose positive dell’Italia in questo Eurobasket, ma cosa è mancato alla nazionale di Pozzecco in questa folle partita contro la Francia?

I PUNTI DI FORZA DELL’ITALIA

Come ogni cosa, bisogna analizzare i pro e i contro. Si parte quindi prima dalle cose positive, perché comunque ce ne sono state parecchie nel corso dell’Eurobasket 2022. La cosa migliore è stata la forza e l’unione di questo gruppo, memore della bella esperienza affrontata l’anno scorso alle Olimpiadi, conquistate contro la difficile Serbia. La vittoria contro gli stessi serbi si è ripetuta anche nel corso degli europei, nonostante stavolta ci fosse anche il due volte MVP NBA Nikola Jokic.

Chi ha funzionato alla grande è stato Fontecchio, leader indiscusso di questa nazionale. L’infortunio di Gallinari lo ha spinto ancora di più a caricarsi l’Italia sulle spalle. Ha avuto però ottimi guerrieri al suo fianco, soprattutto Nik Melli e Marco Spissu. Il playmaker sardo si è conquistato in questo Eurobasket 2022 il posto da titolare un po’ a sorpresa, ma contro la Serbia è stato fenomenale con la serie di triple realizzate. Ottimo anche Melli, che pur non essendo un centro puro, è riuscito a tenere a bada gente come Jokic, ma ha anche fatto sudare qualche camicia pure a Rudy Gobert.

I PUNTI DI DEBOLEZZA DELL’ITALIA

La cosa particolare di questa nazionale, è che alcuni punti di forza sono allo stesso tempo punti di debolezza. Per esempio Pozzecco ha sicuramente unito ancora di più un gruppo già affiatato, grazie al suo atteggiamento esuberante. A volte però un allenatore deve avere anche del self-control, ma il Poz è davvero troppo emotivo.

C’è poi lo stesso Melli. Per carità, per come ha giocato in l’ Eurobasket 2022, non gli si può dir nulla contro. Sorge però sempre il solito problema della mancanza di un vero centro per gli azzurri. Purtroppo è una mancanza che ci si porta dietro da anni. Tessitori e Biligha non sono all’altezza di certi palcoscenici, e non possono reggere più di qualche minuto in campo contro squadre come la Francia.

Un punto di debolezza purtroppo è stato Fontecchio nell’ultima partita. L’eroe della nazionale è stato lui, ma chissà dove sarebbe ora l’Italia in questo Eurobasket 2022 se avesse realizzato anche solo uno dei due tiri liberi. Probabilmente in finale, dopo aver visto come la Polonia in semifinale è stata spazzata via malamente dai Blues. Nessuno potrà mai dirlo. Questa situazione ricorda per certi versi Baggio al mondiale di USA 1994. Il divin codino fu il migliore dell’Italia, e grazie a lui gli azzurri arrivarono in finale. Quel rigore sbagliato però fu decisivo, proprio come lo sono stati i liberi sbagliati da Fontecchio.

Continua a leggere

Altri Sport

Italbasket, che impresa! Battuta la Serbia di Jokic

Pubblicato

:

L’Italbasket vola ai quarti di finale degli europei di pallacanestro. Gli azzurri, dopo aver vinto contro la Serbia di Jokic, se la dovranno vedere con la Francia di Gobert e compagni. La squadra allenata da Gianmarco Pozzecco si è resa protagonista di una vera e propria impresa. Di fatti, prima del match, nessuno avrebbe mai lontanamente pensato che il quintetto italiano avrebbe potuto battere una delle favorite alla vittoria finale.

Gli azzurri hanno chiuso i primi due quarti in svantaggio di soli sei punti: 51-45. Ma dal terzo quarto in poi, la storia è cambiata. I ragazzi di Pozzecco; espulso per proteste, sono riusciti grazie alle straordinarie prestazioni di Spissu (mvp del match), Melli, Fontecchio e Polonara a guadagnarsi uno storico quarto di finale. Ai serbi non basta l’immensa prestazione di Luka Jovic, autore di una doppia doppia. Adesso, agli azzurri, non rimane che continuare a sognare.

Continua a leggere
Advertisement
Advertisement

I nostri approfondimenti

Giovani per il futuro

Esclusive

Fantacalcio

Serie A

Trending

Scarica L'App

Copyright © 2022 | Testata giornalistica n.63 registrata presso il Tribunale di Milano il 7 Febbraio 2017 | numero-diez.com | Applicazione e testata gestita da Número Diez SRL 12106070969