Connect with us
Arteta dopo la sconfitta col Brighton: "Non potevamo più sperare nel sogno"

Flash News

Arteta dopo la sconfitta col Brighton: “Non potevamo più sperare nel sogno”

Pubblicato

:

Arteta Douglas Luiz

Al termine di Arsenal-Brighton, gara di Premier League terminata 3-0 per la formazione allenata da Roberto De Zerbi, Mikel Arteta ha commentato la sconfitta che ha tagliato fuori i suoi dalla corsa per lo scudetto. Queste le dichiarazioni del tecnico dei Gunners.

SCONFITTA – “Al momento è solo frustrazione per la sensazione di aver regalato la partita nel secondo tempo. Abbiamo lottato duramente per essere nella posizione in cui ci troviamo. Oggi eravamo in un momento critico per continuare a sperare in quel sogno”.

Continue Reading
Commenta

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Flash News

Prima il diverbio, poi le scuse e l’abbraccio tra Juric e Italiano: “Ho esagerato, è un amico. Su Ricci…”

Pubblicato

:

Torino-Lecce conferenza Juric, il tecnico ha un dubbio da sciogliere in difesa

Ivan Juric, allenatore del Torino, ha parlato al termine di Torino-Fiorentina. L’allenatore granata si è abbracciato con Vincenzo Italiano dopo il diverbio e il presunto litigio acceso nel finale, con parole anche pesanti che sarebbero volate da parte dell’allenatore croato. Al termine del match, però, Juric si è chiarito con Italiano e i due sono stati immortalati dalle telecamere in un sincero abbraccio. Di seguito le parole di Juric:

“Viviamo la partita con adrenalina a mille, Vincenzo Italiano è un amico: succede di litigare. Sono stato cattivo con lui, ho esagerato e mi scuso. Oggi ho esagerato e sono stato espulso giustamente. Non ho visto nervosismo diffuso, ma un grande Torino che ha creato 5 palle gol nel primo tempo. Ricci è troppo educato, è uno anti cattiveria: espulsione non ci stava”. 

Continua a leggere

Calcio Internazionale

Scoppia il caos a Valencia: Bellingham segna al 98′, ma Gil Manzano aveva fischiato la fine un istante prima

Pubblicato

:

Ancelotti

Finale folle a Valencia. Dopo una partita combattuta e tesissima, l’ultimo secondo di gara ha regalato un episodio incredibile. Il Real Madrid aveva segnato il 3-2 con Bellingham al 98′, ma l’arbitro Gil Manzano non ha convalidato la rete. Il motivo? Il triplice fischio del direttore di gara, arrivato al momento del cross in area di rigore di Brahim Diaz. Ovviamente scoppia il caos, con Gil Manzano costretto a estrarre vari cartellini rossi. Uno dei quali, direttamente verso Bellingham. Ancelotti interviene e in campo si scatena un parapiglia, quasi una caccia all’uomo.

La gara è dunque finita 2-2, con il Valencia che ha sciupato il doppio vantaggio. La rimonta del Real Madrid ha portato la firma di Vinicius, lesto nel ribadire in rete due tap-in e poi “provocatore” nei confronti nel pubblico del “Mestalla” dopo i vergognosi atteggiamenti del pubblico dell’anno scorso. Al 91′, tolto con il VAR anche un rigore al Valencia.

Continua a leggere

Flash News

Il Torino ferma la Fiorentina sullo 0-0 nonostante l’inferiorità numerica: il resoconto

Pubblicato

:

Juric

Cala il sipario a Torino! Il match tra il club granata e la Fiorentina termina sul punteggio di 0-0. I padroni di casa, nonostante l’inferiorità numerica dovuta all’espulsione di Ricci, riescono nell’impresa di fermare la compagine viola.

Con il risultato odierno, il Torino riesce a scavalcare in classifica il Monza, posizionandosi al decimo posto. D’altra parte, la Fiorentina offre la possibilità di raggiungere il settimo posto al Napoli, che domani sfiderà la Juventus al Maradona.

TORINO-FIORENTINA: IL PRIMO TEMPO

La sfida comincia subito in salita per il Torino che, al decimo minuto, perde per infortunio Ilic: probabile si tratti di un problema alla rotula. La partita si presenta molto bloccata nelle prime fasi di gioco: i padroni di casa creano occasioni, ma senza riuscire a sbloccare il risultato. Al 38′ arriva il gol del Torino! I granata si portano in vantaggio per 1-0 grazie a Duvan Zapata. Tuttavia, il direttore di gara Marchetti viene richiamato per una on-field review: dopo il consulto, la rete viene annullata per un fallo del colombiano su Milinković-Savić.

Nei minuti di recupero, accade l’impensabile. Al 49′, Ricci, subentrato a Ilic, viene ammonito per un fallo su Nico Gonzalez. Dopo appena un minuti, Ricci, appena ammonito, si rende protagonista di un’ingenuità senza precedenti. Il centrocampista granata riceve il secondo cartellino giallo per proteste. La sua partita finisce qui, lasciando il Torino in inferiorità numerica per tutto il secondo tempo.

TORINO-FIORENTINA: IL SECONDO TEMPO

Il secondo tempo comincia con il Torino in fase di attacco, nonostante l’inferiorità numerica. Al 63′, Milinkovic-Savic si dimostra determinante nel salvare il risultato: il portiere granata effettua una grande parata su un potente colpo di testa di Bonaventura, mantenendo la porta inviolata. Nei minuti successivi, la Fiorentina continua a pressare con determinazione, sfruttando l’uomo in più in campo e cercando di trovare il gol del vantaggio. Dall’altra parte, i padroni di casa cercano di rendersi pericoloso con rapide ripartenze, capitalizzando la velocità dei propri giocatori per minacciare la difesa avversaria e mantenere viva la propria pericolosità in fase offensiva.

Al 71′, il Torino crea un’occasione pericolosa: dopo un angolo battuto da Gineitis, Zapata si trova dentro l’area di rigore ma non riesce a indirizzare il pallone verso la porta avversaria. Alla mezz’ora del secondo tempo, la Fiorentina tenta una doppia occasione: prima con Nico Gonzalez, poi con Mandragora che prova il tiro dalla distanza. Entrambi i tentativi terminano con un nulla di fatto. Al 90′, si registra l’espulsione di Ivan Juric, che era già stato precedentemente ammonito nel corso del match. Al termine del 5 minuti di recupero, il match si chiude con un pareggio a reti bianche: Torino-Fiorentina finisce 0-0.

Continua a leggere

Flash News

Il papà di Kvaratskhelia: “Si vergogna quando paragonato a Maradona, per me rimarrà a Napoli”

Pubblicato

:

Pronostico Napoli-Monza, statistiche e consigli per la partita

Intervenuto ai microfoni di Radio Serie A, il padre di Khvicha Kvaratskhelia ha parlato del futuro del figlio e il rapporto con il Napoli. Ma non solo: il papà del georgiano ha ricelato anche un particolare retroscena sui paragoni “pesanti” che coinvolgono l’esterno azzurro. Di seguito le sue parole:

NAPOLI E I “GRANDI” PARAGONI – “Ringrazio Napoli e tutta l’Italia per apprezzare e amare mio figlio. Deve decidere lui il suo futuro. Secondo me rimarrà a Napoli ma rispetterò le sue decisioni. Quando viene paragonato a Maradona si vergogna tantissimo, ma ne è felice e non sa come ringraziare i tifosi per questa cosa”.

Continua a leggere

I nostri approfondimenti

Giovani per il futuro

Esclusive

Fantacalcio

Serie A

Trending

Scarica L'App

Copyright © 2022 | Testata giornalistica n.63 registrata presso il Tribunale di Milano il 7 Febbraio 2017 | numero-diez.com | Applicazione e testata gestita da Número Diez SRL 12106070969