Connect with us

La nostra prima pagina

Differenza impietosa

Pubblicato

:

Sampdoria

Genoa Sampdoria. Ai poli opposti, quest’anno più che mai. Il derby della Lanterna ha visto trionfare, per la terza volta consecutiva, i blucerchiati, grazie alle reti di Ramirez e Quagliarella. Il trionfo delle idee chiare: in campo, sul mercato, in panchina. La Samp ad oggi è una squadra che ha un’identità ben chiara e giocatori di qualità. Il Genoa, come da diverse stagioni ormai, è un puzzle smontato e rimontato con diverse componenti mancanti e altre fuori posto. Naturale conseguenza è la distanza di 17 punti: la frazione blucerchiata di Genova può ambire davvero all’Europa, mentre quella rossoblù deve fare i conti, ancora una volta, con la lotta per rimanere a galla. Mentre Juric è sempre più vicino all’esonero.

LA PARTITA

Il derby del capoluogo ligure si fa sempre apprezzare a prescindere dalle posizioni di classifica. Stadio pieno, ritmi alti e talvolta, come ieri, la pioggia, a dare toni guerriglieri, quasi epici, al match che mette di fronte due delle più antiche rivali d’Italia.

Quello che manca sono forse le occasioni da gol, la miccia per accendere la partita. La prima grande chance arriva infatti dopo 20 minuti di lotta: sugli sviluppi di una palla inattiva, Lapadula cerca di girare in acrobazia dal centro dell’area ma non trova lo specchio di poco. È uno dei pochi palloni che l’ex Pescara riuscirà a sfruttare. Dall’altra parte, invece, c’è un Zapata versione Re Mida, per cui ogni pallone che tocca diventa oro. Nel caso di questa partita, oro per i compagni. Al minuto 24 il colombiano sfrutta un rinvio di Viviano e, con una sponda di testa alla cieca, lancia Ramirez: l’uruguaiano supera con un tocco dolce Perin e porta in vantaggio la formazione di Giampaolo.

http://gph.is/2iwaZAD

Il Genoa prova a reagire sfruttando la superiorità numerica che ha a centrocampo grazie alle corsie, nonostante sia Linetty che Praet facciano un ottimo lavoro in fase di non possesso su Laxalt e Rosi. Proprio Rosi ha tra i piedi la chance del pareggio: cross di Laxalt dal fondo, la palla arriva in qualche modo all’ex Roma che, dopo il controllo, scarica il destro ma colpisce la traversa. Con il rimbombo del pallone sul montante si chiude il primo tempo.

Dopo 11 minuti la Samp va ad un passo dal raddoppio: Rossettini fornisce un assist a Quagliarella con un retropassaggio troppo superficiale, ma il napoletano non inquadra lo specchio dopo aver saltato Perin in uscita. Risponde due minuti dopo la formazione di Juric, con Rigoni che stacca su un cross di Veloso ma manda alto di poco. A dieci minuti dalla fine è invece Alvarez, subentrato al posto di Praet, a spedire a lato da posizione favorevole. Poco male perché all’84’ la Samp mette la parola fine sul match: palla deviata di Torreira per Zapata, il colombiano anticipa Perin mettendo in mezzo per Quagliarella, che a porta sguarnita mette dentro il suo primo gol nel derby di Genova.

http://gph.is/2ixomk8

I MIGLIORI

Per la Samp, la coppia in foto. Anche se altri si sono messi in luce, tra cui il solito geometra Torreira. Per Quagliarella e Zapata una prova di intelligenza e abnegazione al servizio della squadra. E non a caso i gol passano proprio da loro. Il primo, di Ramirez, nasce da una sponda fantastica del colombiano. Il secondo, sempre su assist dell’ex Napoli, lo segna il 27. Mezzo punto in più per il colosso sudamericano, che conferma una netta crescita da quando si è inserito nel contesto blucerchiato.

Sponda rossoblù, è esemplificativo come Taarabt sia la principale luce offensiva. Un giocatore sì ritrovato, con tutti i meriti che ne conseguono, ma pur sempre un giocatore che in due anni al Benfica aveva collezionato 5 presenze in campionato. La qualità, nella rosa del Grifone, si misura col contagocce. Il marocchino non crea pericoli concreti ai blucerchiati ma è la principale fonte delle offensive genoane. Anche Rigoni, pericoloso coi suoi inserimenti in area di rigore, si salva nel marasma.

I PEGGIORI

Su tutti, il trio difensivo del Genoa. Rossettini palesa la sua insicurezza con un retropassaggio suicida non punito da Quagliarella, Zukanovic si fa bucare facilmente da Ramirez in occasione del gol del vantaggio doriano. Izzo meno peggio, anche se un brutto testone su Quagliarella nel primo tempo poteva (e doveva) costargli caro.

CONSIDERAZIONI FINALI

Quanto detto in apertura riassume la situazione delle due squadre. La Samp ha idee e le sa mettere in pratica. Ha operato con saggezza in estate superando le perdite di Skriniar e Muriel puntellando tutti i reparti. E grazie al lavoro di Giampaolo, iniziato già lo scorso anno, ne è emersa più forte di prima.

Il Genoa si avvia verso un altro cambio in panchina e un’altra faticosa stagione. Una confusione che parte, come ogni anno, da un pessimo lavoro sul mercato e che può risultare, stavolta, davvero fatale. Perché di singoli che facciano la differenza rispetto alle altre contendenti alla salvezza ce ne sono davvero pochi.

Continue Reading
Commenta

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Flash News

Tunisia-Australia, le formazioni ufficiali: le scelte di Kadri e Arnold

Pubblicato

:

Osorio

Alle ore 11 di oggi, sabato 26 novembre, si apre la seconda giornata del girone D al mondiale in Qatar. In campo si affronteranno Tunisia e Australia, in una partita già da dentro o fuori soprattutto per i socceroos. Il CT della nazionale nordafricana Kadri conferma ben nove undicesimi della squadra vista contro la Danimarca, con l’inserimento di Khazri al posto di Jebali e con Sliti sulla fascia destra. Dall’altra parte invece Arnold pronto a puntare quasi sugli stessi undici che hanno affrontato la Francia, con Karacic terzino destro con Goodwin e Duke come fari del gioco offensivo australiano. Una partita già fondamentale, soprattutto nel caso in cui la Francia dovesse battere la Danimarca: entrambe le squadre vorranno vincere a tutti i costi.

TUNISIA (3-4-3): Dahmen; Bronn, Meriah, Talbi; Drager, Skhiri, Laidouni, Abdi; Sliti, Khazri, Msakni. Ct. Kadri.

AUSTRALIA (4-2-3-1): Ryan; Karacic, Rowles, Souttar, Behich; Irvine, Mooy; Leckie, McGree, Goodwin; Duke. Ct. Arnold.

Continua a leggere

Calcio Internazionale

L’Inter punta Musah e Thuram per gennaio, ma prima le cessioni

Pubblicato

:

Inter, Marcus Thuram è il primo obiettivo

In attesa della ripresa del campionato, in programma il 4 gennaio, l’Inter si proietta sul calciomercato invernale per cercare di regalare dei rinforzi a Simone Inzaghi. Un obiettivo concreto è Yunus Musah, centrocampista classe 2002 di proprietà del Valencia, per il quale l’Inter vorrebbe proporre agli spagnoli un’offerta sulla base di un prestito oneroso con obbligo di riscatto.

Operazione non semplice, riporta la Gazzetta dello Sport, dato che il Valencia vorrebbe incassare subito dalla cessione dello statunitense e i nerazzurri dovrebbero prima liberare un posto a centrocampo. In tal senso, il primo indiziato a partire è Roberto Gagliardini, con il contratto in scadenza a fine stagione e nessun discorso per il rinnovo fin qui avviato.

SU UN’EVENTUALE PARTENZA DI CORREA

Con un’eventuale partenza di Joaquin Correa, mai davvero convincente dal suo arrivo all’Inter, i nerazzurri potrebbero tentare anche l’assalto per Marcus Thuram, attaccante autore di un grande inizio di stagione con il Borussia Mönchengladbach e vecchio pallino di Marotta e Ausilio.

Il contratto del francese scadrà a giugno 2023, per questo sarà fondamentale giocare d’anticipo per strapparlo subito ad una folta concorrenza.

Continua a leggere

Calcio Internazionale

Il Milan fa sul serio per Ziyech: la formula

Pubblicato

:

I campionati sono fermi da giorni e il Mondiale è ormai iniziato, per questo il lavoro dei club nelle prossime settimane sarà orientato verso il calciomercato invernale. Una delle squadre più attive tra entrate e uscite potrebbe essere il Milan, con la dirigenza rossonera che è pronta a regalare a Stefano Pioli un colpo di spessore nel reparto offensivo e il nome che circola da mesi è quello di Hakim Ziyech.

Secondo quanto riportato dalla Gazzetta dello Sport, Maldini e Massara faranno un tentativo a gennaio sulla base di un prestito con diritto di riscatto fissato a giugno, operazione molto simile a quella che ha portato al Milan Tomori proprio dal Chelsea circa due anni fa. Il marocchino, attualmente impegnato con la sua nazionale in Qatar, è finito ai margini del progetto dei Blues sia con Tuchel che con Potter, ma alla corte di Pioli potrebbe ritrovare la titolarità anche grazie alla sua duttilità sulla trequarti. Queste alcune recenti dichiarazioni di Ziyech dal ritiro con il Marocco:

Difficile dire se sarà addio con il Chelsea a gennaio, non sappiamo cosa succederà ma nel calcio è difficile ipotizzare qualsiasi cosa. Non si sa mai”.

Continua a leggere

Calciomercato

Mercato Roma, proposto Kjaergaard del Salisburgo per il centrocampo

Pubblicato

:

Milan

Tiago Pinto è al lavoro per migliorare la rosa di José Mourinho, in maniera tale da iniziare bene il 2023. Come riporta Gianluigi Longari, esperto di mercato di Sportitalia, un intermediario ha proposto ai giallorossi il profilo di Maurits Kjaergaard. Centrocampista classe 2003, è di proprietà del Salisburgo, prossimo avversario in Europa League dei giallorossi. Tuttavia, il giocatore, nonostante fosse apprezzato dalla dirigenza capitolina, è blindato fino al 2026.

Inoltre, c’è da sistemare la grana Rick Karsdorp, il quale, nel frattempo, è tornato a Roma, ma il suo futuro è sempre più lontano da Trigoria. Su di lui c’è la Juventus, quest’ultima alla ricerca di un esterno per la fascia destra.

Continua a leggere
Advertisement
Advertisement

I nostri approfondimenti

Giovani per il futuro

Esclusive

Fantacalcio

Serie A

Trending

Scarica L'App

Copyright © 2022 | Testata giornalistica n.63 registrata presso il Tribunale di Milano il 7 Febbraio 2017 | numero-diez.com | Applicazione e testata gestita da Número Diez SRL 12106070969