Connect with us
Diogo Dalot, un nuovo treno per il binario destro del Milan

Calciomercato

Diogo Dalot, un nuovo treno per il binario destro del Milan

Pubblicato

:

Il mercato che da poco si è concluso ha incastrato nel puzzle rossonero un ultimo tassello, quello del terzino polivalente Diogo Dalot. Il portoghese classe ’99 è il secondo colpo del Milan con la formula del prestito secco, già adoperata per il trasferimento dell’ex Madrid Brahim Diaz. Maldini e Massara hanno agito secondo il diktat societario: rinforzare l’asset con giocatori che possano diventare un patrimonio economico oltre che tecnico; creare un profitto importante per le casse dell’azienda Milan. Naturalmente, come già dichiarato dallo stesso Maldini, l’accesso in Champions cambierebbe tutto: Milan, Manchester e Real si aggiorneranno durante la stagione per discutere dell’eventualità di un trasferimento definitivo.

LA SVOLTA

All’alba di un progetto ambizioso, il Milan viaggia a passo spedito verso la costruzione di un gioco moderno. La svolta è arrivata nel burrascoso pomeriggio di dieci mesi fa, quando l’Atalanta travolgeva per cinque a zero i rossoneri. Da quel momento, il contatore della storia del Diavolo si è azzerato e il club, nella sua interezza, ha compreso che la gloria del passato non poteva bastare più a tenere alto il nome del Milan. E così è cominciata la ricerca ossessiva di un calcio propositivo, dominante in fase di possesso palla e asfissiante quando l’oggetto dei desideri finiva tra i piedi degli avversari.

La straordinaria striscia di risultati utili consecutivi post-lockdown ha permesso ai tifosi rossoneri di ammirare picchi elevatissimi di questo calcio. Gran parte del merito va certamente a Stefano Pioli, umile nell’intravedere proprio nella schiacciasassi Atalanta, il modello da perseguire per imporsi in Italia e in Europa. E proprio dai nerazzurri il tecnico ha appreso che la svolta la forniscono esterni a tutta fascia, velocissimi ma anche dotati di buona tecnica e  soprattutto forza fisica. E a questo identikit rispondono gli esterni del Milan, nel nome di Theo e del nuovo gioiello rossonero, Diogo Dalot.

A TUTTO GAS

Il mercato del Milan era cominciato con la ricerca quasi ossessiva di un terzino destro, che garantisse più spinta di Calabria e Conti. I due azzurri sono molto stimati da Pioli ma il tecnico ha sempre ritenuto che mancasse qualche cavallo nelle loro gambe, oltre che una discreta continuità. Ad onor del vero, Calabria in questo inizio di stagione è sempre stato tra i migliori in campo e diverse sgroppate in avanti hanno sorpreso l’allenatore stesso. Dalot però era un profilo necessario per completare la rosa e fornire più soluzioni tattiche.

Il portoghese ha una struttura fisica possente (184 cm, 75 kg) che gli permette di dominare tutta la fascia, proprio come il francese Hernandez a sinistra. A differenza del transaplino però, Dalot nel biennio in Premier League ha lavorato molto sul posizionamento e la fase di copertura. Per questo il Milan si aspetta di trovare un giocatore già pronto e non grezzo come il Theo sbarcato a Milano più di un anno fa. In grado di ricoprire entrambe le fasce, Dalot ha trovato però nella corsia di destra la sua zona di comfort. Esterno in un centrocampo a 4 o terzino, su quel lato del campo è arrivato il 60% della sua produttività offensiva, con un totale di 4 goal e 7 assist, numeri rimpolpati da 1 goal e 6 assist realizzati da esterno sinistro con le maglie di Manchester United e Porto.

NEL MONDO ROSSONERO

Il quesito più interessante da porsi riguarda certamente quello che Dalot può dare in più a questo Milan. Sicuramente il suo elevatissimo tasso tecnico può essere un’arma in più per il reparto offensivo. L’ex United ama venire a giocare dentro al campo, duettando con gli esterni e allo stesso tempo favorendoli con l’apertura di ampi spazi. In questo senso, la svolta tattica del Milan passa da una fascia destra costituita da Dalot e Brahim Diaz. Il folletto rossonero sta già conquistando il cuore dei tifosi a suon di strappi e giocate da lustrarsi gli occhi. Ma oltre alle doti da funambolo, il trequartista trarrebbe giovamento dagli inserimenti di Dalot che, attaccando la profondità, gli permetterebbe di puntare con più facilità la porta.

psgmun | Tumblr

Allo stesso tempo, Dalot porta ulteriore fisicità ad una squadra che nell’ultimo periodo sembrava subire eccessivamente l’impeto delle avversarie proprio sul piano degli uno contro uno. Il Milan dallo scorso anno, in particolare con Kjaer e Ibrahimovic, ha guadagnato quei centimetri in più che lo mettono nelle condizioni di poter fronteggiare chiunque. I rossoneri però non vogliono rinunciare neanche alla qualità e in questo senso il binomio di forza e tecnica trova la sua massima espressione nella coppia Bennacer-Kessié. In questo contesto, Dalot può sicuramente dare grande apporto alla manovra del Diavolo, con un puntuale lavoro in copertura per dare maggior equilibrio.

La grande prova da superare resta quella sul piano della personalità. L’approccio alla Serie A sarà decisivo. Con la giusta cattiveria agonistica e quel pizzico di supponenza, indispensabile per chi ha grandi mezzi tecnici, non ci sono dubbi sul fatto che sarà un grande protagonista. Altrimenti, il rischio è quello di essere bollato come promessa senza exploit. E allora il treno Dalot, partito dalla Stazione Centrale, è già ad un bivio: rispondere alle attese è l’unica strada.

Continue Reading
Commenta

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Calciomercato

Galliani sul mercato: “Di Gregorio? Non ho parlato con nessuno”

Pubblicato

:

d'alessandro

Al suo arrivo alla sede della Lega Calcio per l’assemblea odierna, l’AD del Monza Adriano Galliani è stato intervistato dai giornalisti presenti sul momento della squadra di Palladino, sul futuro del tecnico e della rosa. Nelle ultime settimane girano infatti voci di mercato che in Brianza riguardano tra gli altri Palladino e Di Gregorio.

GALLIANI – LE PAROLE DEL DIRETTORE SUL CAMPIONATO

SUL MOMENTO – “Il Monza va avanti di partita per partita sperando di fare sempre meglio. È il miglior momento, ma ricordiamoci i 51 punti in 32 partite dell’anno scorso, perché poi noi dopo 6 partite avevamo un punto“.

SUI GOL DI PESSINA E MALDINI – “Per me è molto romantico il fatto che i due gol di Salerno li abbiano segnati due ragazzi uno nato a Milano l’altro a Monza, uno cresciuto nel settore giovanile del Milan e uno nel Monza, per me è il massimo. La prima telefonata l’ho fatta a Paolo e gli ho detto che finalmente ho un Maldini che fa gol invece del terzinaccio che avevo prima e che non segnava mai (ride, ndr)“.

SUL SCENDERE A 18 SQUADRE – “La nostra posizione è chiara. Non capiamo perché se il calendario è stato reso fitto da competizioni FIFA e UEFA ci debba rimettere il nostro campionato. Per due squadre che devono giocare di più, dobbiamo cambiare un formato che va avanti da 20 anni?“.

GALLIANI IN LEGA CALCIO – LE PAROLE SUL MERCATO

SU PALLADINO – “Palladino e io abbiamo detto che ci saremmo parlati il 27 di maggio. Questi sono i patti e si cercano di rispettarli nella vita“.

SU DI GREGORIO –Io non sto pensando a nessuno e non ho parlato ancora con nessuna squadra. Il giocatore ha ancora 3 anni di contratto e il procuratore Belloni è una brava persona. Vale 20 milioni? Non lo so, prenderò un consulente finanziario (ride, ndr). Io ragiono di anno in anno, ho sempre fatto così anche al Milan. Figuriamoci se parlo adesso di mercato, il giocatore ha un contratto

Continua a leggere

Calciomercato

Dopo Provedel la Lazio punta a blindare Zaccagni e Romagnoli

Pubblicato

:

Mattia Zaccagni, calciatore della Lazio e della Nazionale italiana (Italia) - Serie A

Tempo di rinnovi in casa Lazio, già iniziati con la firma di Provedel. Il portiere ex Spezia si è legato alla società biancoceleste fino al 2028, accordandosi per uno stipendio di 2,4 netti a stagione, bonus compresi. Come riporta TuttoSport, l’obiettivo della dirigenza laziale è quello di andare a blindare altri big che stanno andando incontro alla fine del loro accordo. Su tutti spiccano i nomi di Romagnoli, Zaccagni e Felipe Anderson.

RINNOVI LAZIO – CHI POTREBBE RIMANERE

Mattia Zaccagni è arrivato alla corte di Lotito nel luglio del 2022, dopo un’ottima stagione con la maglia dell’Hellas Verona. Con il tempo ha dimostrato di poter essere, a livello tecnico, comparabile a quelli che sono i nomi più importanti della rosa biancoceleste. Con la maglia laziale ha già superato le 100 presenze, realizzando 19 gol e 18 assist, dati che spingono verso un prolungamento del suo contratto, che attualmente è in scadenza nel 2025. Sempre secondo TuttoSport, per lui sarebbero pronti 3 milioni di euro per 5 anni.

Romagnoli è arrivato a Formello nella stessa estate di Zaccagni, facendolo però a parametro zero dal Milan. Su di lui non ci dovrebbe essere una grande fretta, calcolando che l’attuale accordo terminerà nel 2027, ma la dirigenza vuole blindare uno dei pilastri della rosa quanto prima.

RINNOVI LAZIO – CHI POTREBBE ANDARE VIA

Appare più complesso trattenere Felipe Anderson invece. Sul brasiliano la Lazio ha reso chiara la volontà di trattenerlo, offrendogli un aumento di ingaggio come chiave per convincerlo. 3.5 milioni di euro netti a stagione più bonus, questa la cifra pattuita dalla dirigenza come adatta al valore del giocatore. A far restare in stallo la trattativa è la volontà dello stesso Felipe Anderson, che potrebbe svincolarsi dai capitolini quest’estate e passare alla Juventus, principale corteggiatrice dell’esterno ex West Ham.

Continua a leggere

Calciomercato

Liverani già a rischio: La Salernitana valuta un clamoroso ritorno di Inzaghi

Pubblicato

:

Cagliari, Liverani sprona i suoi alla vigilia della sfida contro il Perugia

La Salernitana sta vivendo una stagione da incubo, ferma all’ultimo posto e a 7 lunghezze di svantaggio dalla zona salvezza. Inoltre vi sono già stati 2 esoneri in stagione e adesso, dopo la sconfitta con il Monza, si parla già di un nuovo cambio in panchina. Dall’arrivo del nuovo tecnico Liverani, la squadra ha trovato 2 sconfitte con 6 gol subiti e 0 realizzati e soltanto 3 tiri in porta in appena 180 minuti di gioco.

POSSIBILE RITORNO DI INZAGHI

Secondo quanto riportato da Il Mattino, Liverani dopo appena 2 partite potrebbe già dire addio alla Salernitana. La dirigenza granata sta seriamente valutando la possibilità dell’esonero, pensando ad un clamoroso ritorno di Filippo Inzaghi. Situazione che evidenzia notevolmente la situazione complicata che sta vivendo la squadra di Salerno.

Scenario clamoroso ma comunque possibile, viste le valutazioni della società che nelle prossime ore riguarderanno calciatori e staff tecnico. Se inizialmente Liverani, per stessa ammissione dell’amministratore delegato Milan, non era in discussione essendo arrivato in panchina da pochi giorni, adesso le carte in tavola potrebbero cambiare.

Continua a leggere

Calciomercato

Chiesa, rinnovo lontano: agente a Torino e la Juventus valuta due sostituti

Pubblicato

:

Le probabili formazioni della 24ª giornata

La Juventus, reduce dalla vittoria in extremis nei minuti di recupero con il Frosinone, torna a pensare al rinnovo di Federico Chiesa, autore di un’altra prestazione opaca e sostituito al minuto 62 con i ciociari. L’esterno italiano sta vivendo una stagiono complicata, complice qualche acciacco fisico di troppo. Ieri il suo agente, Fali Ramadani, era presente allo Juventus Stadium per assistere al match. Probabile un nuovo confronto con la società bianconera per un prolungamento di contratto, attualmente in scadenza il 30 giugno 2025.

LA JUVE VALUTA GUDMUNDSSON E FELIPE ANDERSON

La Juventus spera di trovare un accordo con Chiesa, tuttavia non sembra un’operazione scontata e senza il rinnovo potrebbero seriamente prendere in considerazione la sua cessione dinanzi ad una buona offerta. Secondo quanto riportato dalla Gazzetta dello Sport, infatti, oltre all’esigenza di voler blindare Kenan YildizLa Vecchia Signora sta valutando due sostituti. La dirigenza sta seguendo con attenzione Albert Gudmundsson e sta sondando per Felipe Anderson.

Continua a leggere

I nostri approfondimenti

Giovani per il futuro

Esclusive

Fantacalcio

Serie A

Trending

Scarica L'App

Copyright © 2022 | Testata giornalistica n.63 registrata presso il Tribunale di Milano il 7 Febbraio 2017 | numero-diez.com | Applicazione e testata gestita da Número Diez SRL 12106070969