Connect with us

Generico

Distruggere la storia per rifondare sul futuro

Pubblicato

:

Da un po’ di tempo a questa parte la Milano rossonera e quella nerazzurra stanno cercando una nuova casa per i due top club meneghini. I progetti presentati negli ultimi anni al comune non hanno mai soddisfatto i requisiti necessari per ottenere il via libera ai lavori. Le intenzioni delle due società sono abbastanza differenti: il Milan vorrebbe costruire un nuovo stadio ex novo, difatti nel 2015 si era parlato molto seriamente di rivitalizzare il quartiere del Portello con il nuovo impianto che sarebbe stato il fiore all’occhiello di tutta la città e degli stadi di proprietà italiani. Per quanto riguarda l’Inter, l’intenzione è sempre stata quella di tenere San Siro, ma operando su di esso, attraverso un pesante restyling: abbattere il terzo anello e rimodernizzare tutta la struttura in modo tale da ottenere uno stadio da 60.000 posti, più piccolo ma con una nuova esperienza di spettacolo da offrire al tifoso. Un concetto tipicamente dei nuovi stadi e club inglesi a cui la superpotenza Suning vuole ambire per riportare in alto la beneamata non solo in ambito sportivo ma anche commerciale e di prestigio del brand.

Negli ultimi giorni si potrebbe essere arrivati alla svolta, con le due società che si sono avvicinate per costruire un nuovo impianto insieme, che ospiterebbe entrambe le società, abbandonando così definitivamente lo storico Giuseppe Meazza. L’unico problema è che se questo progetto dovesse prendere forma, San Siro potrebbe essere demolito, il che lo porterebbe ad essere uno dei tanti impianti sacrificati per fare spazio ad uno più moderno, ma quali sono stati gli stadi storici abbattuti in favore di altri più all’avanguardia?

HIGHBURY

L’Arsenal Stadium meglio noto come Highbury per via del quartiere in cui era situato, è stata la casa dell’Arsenal dal 1913 al 2006. L’impianto conteneva 38.419 posti a sedere per assistere alle giocate di Thierry Henry, ai colpi di Dennis Bergkamp, alla grinta di Patrick Vieira e alle parate di David Seaman. Ad Highbury l’Arsenal ha marchiato indelebilmente la propria storia riempiendo la bacheca di successi: 13 campionati, 10 coppe d’Inghilterra, 2 Coppe di Lega, 10 Community Shield, 1 Coppa delle Coppe ed 1 Coppa delle Fiere. L’Arsenal Stadium era conosciuto come “il salotto del calcio inglese” per via della sua facciata che ricorda lo stile decò e sulla quale si trovava il celebre orologio Clock End. Lo stadio non è andato completamente distrutto dato che alcune parti sono state riadattate a complesso residenziale, ridando così nuova vita ad uno degli impianti più iconici del calcio britannico.

L’attuale casa dei Gunners dal settembre del 2006 è diventato l’Emirates Stadium, che dista qualche centinaio di metri dalla precedente struttura. L’impianto è decisamente più moderno e con molta più capienza, sono 60.260 i seggiolini messi a disposizione del pubblico. L’Emirates non è riuscito al momento a portare ancora nessun trionfo rilevante come la Premier League, solo qualche FA Cup, ma avrà ancora molto tempo per poter emulare le gloriose gesta di Highbury.

highbury11.jpg

STADIO DELLE ALPI (1990-2006)

Lo Stadio Delle Alpi ha rappresentato gloria e fallimento per la Juventus nel breve periodo in cui ci ha giocato. La costruzione della struttura è iniziata nel 1988 e terminata nel 1990, anno del sua inaugurazione, ad agevolare i lavori e i procedimente burocratici che ruotano intorno alla costruzione di uno stadio è stata l’assegnazione del mondiale del 1990 da parte della FIFA. L’impianto sportivo conteneva ben 69.295 posti a sedere e completamente coperti, al suo interno tra il terreno di gioco e gli spalti emergeva una pista d’atletica a 8 corsie. La storia del Delle Alpi è abbastanza controversa perché ha rappresentato uno dei periodi più importanti della storia della Juventus e del Torino, in particolareper la società bianconera, l’apice è stato raggiunto con la vittoria della Uefa Champions League della stagione 1995/96. Questo è stato il problema: la struttura presentava parecchie problematiche come la distanza delle tribune dal campo di gioco, la cattiva visibilità dagli spalti, pessimi comfort offerti dalle tribune e l’impianto di irrigazione che allagava il manto erboso. Oltre ai problemi strutturali, lo stadio era troppo capiente rispetto al seguito dei tifosi di entrambe le compagini, non era insolito durante le gare trovare interi settori dello stadio deserti, e i costi di gestione erano decisamente elevati.

Uno dei progetti già insito nelle idee della società bianconera fin dagli anni ’90 era la costruzione di uno stadio di proprietà con conseguente “villaggio Juventus” al seguito, ovvero la costruzione di tutto ciò che ruota intorno alla squadra (centro d’allenamento, centro medico, sala stampa, ecc…). Nel 2009 lo Stadio Delle Alpi è stato raso al suolo e dalle sue ceneri è nato l’attuale Allianz Stadium, impianto decisamente moderno che accoglie le richieste e le esigenze dei tifosi Juventini. La capienza è di 41.507 spettatori, assolutamente piccolo per una società come la vecchia signora, ma che permette di essere sempre tutto esaurito.

STADIO-DELLE-ALPI-TO.jpg

WHITE HART LANE (1899-2017)

Mettersi alle spalle 118 anni di storia è davvero difficile, soprattutto se dopo decenni di mediocrità e risultati deludenti le cose iniziano a girare per il verso giusto. Il Tottenham Hotspur ha deciso di seguire i modelli dei Top Club britannici, ha demolito il vecchio impianto cosicché da ricostruire dalle ceneri un nuovo stadio ex novo e provare a dare un nuovo corso alla propria storia, ripartendo magari dalla nuova casa. Dal 1899 White Hart Lane ha ospitato tutte le gare interne degli Spurs, vedendo trionfare sporadicamente la squadra sia in campionato (2 titoli), in FA Cup (8 coppe) e in Coppa di Lega (4 trionfi). La capienza della struttura era di 36.284 spettatori ed ha sempre avuto un seguito costante nonostante i pochi successi nel suo palmares.

Durante i lavori di costruzione dello stadio “i galletti” hanno giocato le proprie gare interne a Wembley. Il debutto nel nuovo stadio denominato “Tottenham Hotspur Stadium” avverà il 3 aprile contro il Crystal Palace, la struttura è la seconda più capiente d’Inghilterra dietro ad Old Trafford (terza se si conta Wembley) con 62.062 seggiolini. La società londinese sogna che con la costruzione della nuova casa possano susseguirsi anche molti trofei, così da dimenticare in fretta il lutto della demolizione di un impianto storico come White Hart Lane.

135341025-428fe37a-a0bb-4940-a813-98754cdea35a.jpg

STADIO VICENTE CALDERON (1966-2017)

Il Vicente Calderon è stato in tempi recenti uno degli stadi più caldi e tosti di tutta Europa con i tifosi dei colchoneros che lo rendevano un vero e proprio inferno. Il madridismo rappresentato dalla parte rojiblanca della città è sempre stato diverso, ma soprattutto particolare, con il Vicente Calderon che faceva da cornice attiva nell’ideologia e nel tifo di una società che va ben oltre il concetto di futbol. L’impianto è stato inaugurato nel 1966 e prendeva il nome di “Estadio Manzanares” in onore del fiume che passava nei pressi dello stadio e fu il primo all’epoca ad avere tutti i posti a sedere (54.907), ma con solo una tribuna coperta. Successivamente è stato cambiato il nome in onore dell’allora presidente del club Vicente Calderon.

Nel 2017 l’Atletico ha deciso di spostarsi in un nuovo stadio il “Wanda Metropolitano” che è più capiente con 67.703 seggiolini ed oltretutto è interamente coperto. Il nuovo stadio ospiterà la finale di Uefa Champions League dell’attuale stagione 2018/19. Nel frattempo i lavori di demolizione del “Vicente Calderon” sono appena iniziati ed abbatteranno uno dei templi più iconici del calcio moderno. Il Calderon era la casa della Madrid meno gloriosa ma più grintosa, che non si è mai arresa all’idea di essere “l’altra” squadra della capitale.

vicente-calderon-vista-alto.jpg

BOLEYN GROUND (1904-2016)

Uno degli impianti più iconici del campionato inglese è stato senz’altro Boleyn Ground, meglio noto anche come Upton Park e casa del West Ham. Lo stadio ha ospitato gli Hammers dalla sua inaugurazione nel 1904 fino al 2016, quando la società ha deciso di trasferirsi allo Stadio Olimpico di Londra. La celebrità dell’impianto è dovuta certamente alla squadra che ha calcato il prato verde per più di un secolo, ma anche per la tifoseria che dava spettacolo quando tutto le tribune inziavano a cantare l’inno degli Hammers, I’m Forever Blowing Bubbles. La bellezza coreografica di questa usanza è paragonabile a quella di Anfield quando i supporters del Liverpool intonano You’ll never walk alone.

Come già sopracitato la nuova casa del West Ham è diventato il moderno Stadio Olimpico, molto diverso rispetto agli standard britannici, ma decisamente più capiente. Infatti Boleyn Ground riusciva ad ospitare 36.016 tifosi, mentre l’Olimpic Stadium ben 60.000. Nel 2017 Upton Park è stato raso al suolo, ma le note di I’m Forever Blowing Bubbles riecheggiano anche tra i nuovi spalti.

 

 

 

Continue Reading
Commenta

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

ESCLUSIVE

ESCLUSIVA – Luca Toselli sulla Juve: “Giusto confermare Allegri”

Pubblicato

:

Juventus

La Juventus sta attraversando uno dei periodi di maggior difficoltà della sua storia. Risultati che faticano ad arrivare e dimissioni improvvise di tutto il C.D.A., situazioni che non fanno passare nottate tranquille ai tifosi bianconeri. In esclusiva per Numero Diez la voce di Luca Toselli, influencer grande esperto e tifoso della Vecchia Signora seguito da centinaia di migliaia di persone sui propri account social. Di seguito l’intervista.

L’ERA ANDREA AGNELLI

Nove Scudetti, cinque Supercoppe Italiane e cinque Coppe Italia, questi i successi della Juventus nei dodici anni di gestione Andrea Agnelli. Quali parole ti senti di rivolgere nei confronti dell’operato dell’ormai ex presidente?

“Un ringraziamento per gli anni che ci sono stati di vittorie e successi nonostante gli ultimi non siano andati bene. Probabilmente la presidenza di Andrea Agnelli era ormai giunta al termine. Il fatto che si sia arrivati alla divisione per altre cause è un dispiacere ma probabilmente ci stava dopo dodici anni un cambio in cima alla piramide della Juventus”.

LE PREOCCUPAZIONI DEL MOMENTO

Da tifoso che sente la maglia bianconera come una seconda pelle, quali sensazioni stai provando in questo periodo così delicato?

“Confusione e sorpresa. Non mi spaventa il fatto di avere un presidente, bensì la dinamica e le tempistiche nel quale è avvenuto questo cambiamento. Vista dalla nostra prospettiva viviamo questo avvenimento in modo confusionario e, come un qualcosa in continua evoluzione”.

LE POSSIBILI NUOVE FIGURE DIRIGENZIALI

Prima Del Piero poi Trezeguet: due leggende del club che si sono proposte di tornare per aiutare la loro vecchia squadra. Pensi che potrebbero contribuire alla rinascita del club?

“Vedo molto più adatto Del Piero a livello dirigenziale, Trezeguet penso sia maggiormente un uomo da campo. È ovvio che due figure del genere che nel momento più buio della storia bianconera hanno deciso di scendere all’inferno con la Vecchia Signora è un qualcosa che non può fare altro che piacere”.

IL RUOLO DI MASSIMILIANO ALLEGRI

L’unico mai messo in discussione in questi giorni così intensi è stato Massimiliano Allegri. Si è parlato di possibili dimissioni non accettate, condividi la scelta di tenere il tecnico o avresti optato per un altro profilo?

“Riguardo Allegri penso sia un discorso in continua evoluzione. In caso di dimissioni di Agnelli per un nuovo progetto tecnico avrei capito un immediato cambio in panchina ma, in questa situazione di confusione, cambiare anche l’allenatore sarebbe stato un problema per i giocatori. Allegri dovrà tenere il ruolo di collante in questo momento così delicato”.

LA POSSIBILE REAZIONE IN CAMPO DELLA SQUADRA

In conclusione, come credi possa reagire la squadra sul lato sportivo al rientro dalla sosta? Riusciranno i ragazzi a gestire il peso di giocare in queste condizioni?

“Questa è la mia più grande paura. Sicuramente il momento non è felice e, qualcuno, potrebbe avere delle preoccupazioni a livello di campo. Sappiamo tutti benissimo che all’interno del rettangolo verde di gioco la testa conta tanto e, tutta questa situazione extra-campo, potrebbe provocare dei malumori”.

Continua a leggere

Calcio Internazionale

Barcellona, interesse per Onana: le ultime

Pubblicato

:

Onana

Il Barcellona, nonostante i problemi riguardo alla liquidità, agirà sul mercato di gennaio: sono infatti tanti i nomi di Inter e Milan e che piacciono al club blaugrana.

BARCELLONA-MILANO: ASSE CALDO

Al Barcellona piacciono tanti nomi dell’Inter: si comincia da Lautaro e Skriniar concludendo con Brozovic. Ma non si ferma qui, infatti passando all’altra parte di Milano piacciono molto sia Rafael Leao, che Bennacer.

Secondo Tuttosport, però, l’obiettivo principale del Barcellona per gennaio è un portiere che faccia da vice a Ter Stegen: tutti gli indizi portano ad Onana. L’ex Ajax è un obiettivo concreto dei blaugrana, che stanno preparando un piano per sferrare l’attacco finale a gennaio.

Continua a leggere

Calcio Internazionale

Tata Martino non è più il CT del Messico: le ultime

Pubblicato

:

Messico

Nonostante la vittoria del Messico ieri sera, ormai l’esperienza di Gerardo Martino sulla panchina della Nazionale Messicana sta per volgere al termine. Decisiva sembra essere stata infatti la non qualificazione agli ottavi di fiamme dei Mondiali in Qatar.

MESSICO-TATA MARTINO: È FINITA

Lo ha confermato lo stesso Tata Martino ieri sera dopo la partita con l’Arabia Saudita:

Dovrò trovarmi un altro futuro, la mia esperienza sulla panchina del Messico è terminata quando l’arbitro ha fatto il triplice fischio. Il mio contratto con la Nazionale termina qua”.

Continua a leggere

Calcio Internazionale

La Francia non ci sta: reclamo alla FIFA dopo la rete annullata a Griezmann

Pubblicato

:

Francia

Nonostante la Francia fosse già passata, non sono mancate le polemiche ieri pomeriggio al termine del match tra francesi e Tunisia valida per l’ultima partita ai gironi di Qatar 2022. Ha aperto la gara Khazri a cui aveva risposto Griezmann al 98’, ma già al termine della gara l’arbitro ha preso la decisione di annullare la rete  francese. 

POLEMICHE FRANCESI

Secondo quanto riportato dal quotidiano inglese The Mirror, la Federazione Francese è pronta a fare ricorso alla FIFA in segno di protesta per l’annullamento alla rete di Griezmann.

Infatti, al direttore di gara di ieri era stato detto di annullare la rete dell’attaccante dell’Atletico Madrid causa fuorigioco. Ma le regole stabiliscono che un gol non si può annullare a partita già terminata.

Se il gioco è stato interrotto e ripreso, l’arbitro può solo intraprendere una “revisione” e prendere la sanzione disciplinare appropriata, per identità errata o per un potenziale reato di espulsione relativo a condotta violenta, sputi, morsi o estremamente offensivo, offensivo e/o azioni abusive”, si legge nelle regole del gioco dell’IFAB.

In ogni caso la partita di ieri è stata vinta dalla Tunisia, che causa vittoria dell’Australia sulla Danimarca, non è comunque riuscita a passare i gironi della Coppa del Mondo.

Continua a leggere
Advertisement
Advertisement

I nostri approfondimenti

Giovani per il futuro

Esclusive

Fantacalcio

Serie A

Trending

Scarica L'App

Copyright © 2022 | Testata giornalistica n.63 registrata presso il Tribunale di Milano il 7 Febbraio 2017 | numero-diez.com | Applicazione e testata gestita da Número Diez SRL 12106070969