Connect with us

La nostra prima pagina

Dove vedere Genoa-Parma in tv e in streaming

Pubblicato

:

Perugia

DOVE VEDERE GENOA-PARMA IN TV E SREAMING – Sabato 3 settembre alle 16:15 andrà in scena il big match tra Genoa e Parma, valido per la quarta giornata di Serie B. Allo stadio Luigi Ferraris in Genova, scenderanno in campo due delle principali contendenti alla promozione in Serie A. Le due squadre si affronteranno dopo più di un anno dall’ultimo scontro, che risale al 19 marzo 2021, a causa della retrocessione del Parma in Serie B al termine della stagione 20/21. Analizzeremo insieme lo stato di forma delle due squadre, e dove vedere GenoaParma in Tv e streaming.

COME ARRIVANO GENOA E PARMA A QUESTO SCONTRO DIRETTO

Entrambe le squadre si presentano a questo incontro ancora da imbattute in questa stagione, con i liguri che hanno totalizzato 7 punti contro i 5 degli emiliani. Nell’ultimo turno di Serie B, entrambe hanno vinto il loro match per 1-0, imponendosi rispettivamente su Pisa e Cosenza. Il Genoa arriva a questo match avendo la miglior difesa del campionato con un solo gol subito, che dimostra la solidità difensiva dei liguri guidati da Blessin. Ma dovranno fare molta attenzione alle manovre offensive del Parma, che vantano tre vittorie negli ultimi tre incontri disputati in casa dei liguri. Gli emiliani tra l’altro sono guidati da Pecchia, che l’anno scorso trascinò la Cremonese in Serie A, ed ora proverà a ripetere la stessa impresa alla guida tecnica del Parma.

DOVE VEDERE GENOA-PARMA IN TV E STREAMING

Il match tra Genoa e Parma, in programma per sabato 3 settembre, con fischio d’inizio alle 16:15, sarà visibile, sia su Sky che su Dazn.

Per quanto riguarda Sky, la partita sarà visibile sul canale Sky Sport (canale 251). Il match potrà essere visto anche in streaming su Sky Go e su NOW TV, per chi è in possesso di questi abbonamenti.

Per quanto riguarda Dazn, la partita potrà essere seguita su vari dispositivi. Sarà possibile vedere la partita su PC tramite il sito di Dazn. Si può scaricare l’apposita app sul telefono o tablet, oppure anche sulle Smart Tv compatibili con l’app. È possibile scaricare l’app anche su console, quali Playstation e Xbox, oltre che sui dispositivi che forniscono Dazn come Google Chromecast, TIMVISION e Amazon Fire TV Stick.

PROBABILI FORMAZIONI

Genoa (4-4-2): Martinez, Hefti, Bani, Dragusin, Pajac, Portanova, Badelj, Frendrup, Gudmundsson, Coda, Ekuban. All. Blessin

Parma (4-2-3-1): Chichizola, Del Prato, Romagnoli, Oosterwolde, Valenti, Estevez, Bernabe, Man, Vazquez, Mihaila, Inglese. All. Pecchia

Continue Reading
Commenta

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Calciomercato

Napoli, l’agente di Demme: “La priorità è che giochi”

Pubblicato

:

Demme

Marco Busiello, procuratore di Diego Demme, ha parlato ai microfoni di CalcioNapoli24 per discutere della situazione del suo assistito, appena tornato convocabile da Luciano Spalletti dopo i problemi fisici. Ecco i passi salienti del suo intervento.

PIENAMENTE COINVOLTO

Diego sta bene, è tornato in gruppo e il problema è alle spalle. Non è stato facile perchè questo problema accusato in allenamento lo ha tenuto fuori per 2 mesi. Detto ciò, è molto contento per i risultati di squadra ed è pienamente coinvolto nel Napoli. Con Spalletti il rapporto è molto chiaro e schietto, di reciproca stima. Chiaramente ogni giocatore vorrebbe giocare di più“.

VALENCIA? GATTUSO LO CONOSCE

Gattuso conosce molto bene Diego ma non c’è stato nulla nell’ultima sessione di mercato. C’è stato qualche club italiano che si è interessato ma dopo l’infortunio tutto si è fermato e non abbiamo approfondito. Per gennaio non ci poniamo il problema, faremo delle valutazioni ma la priorità è che Diego torni a giocare“.

Continua a leggere

I Nostri Approfondimenti

Che fine ha fatto Davide Lanzafame? Dalla Juventus alla rinascita in Ungheria

Pubblicato

:

CHE FINE HA FATTO DAVIDE LANZAFAME? DALLA JUVENTUS ALLA RINASCITA IN UNGHERIA – Il calcio italiano ha da sempre sfornato giovani promesse e permesso loro di diventare grandi, ma non sempre è andata così bene. In alcune circostanze, infatti, il talento non è bastato e molti di loro non sono riusciti ad imporsi in prima squadra dopo l’exploit della Primavera. Uno di loro è senza dubbio Davide Lanzafame, centrocampista dotato di buona corsa e tecnica oltre che molto intelligente.

Alla Juventus emerge, appunto, dalle giovanili della squadra torinese, mettendosi subito in mostra dopo aver vinto un Campionato Berretti, un Campionato Primavera, una Coppa Italia Primavera, una Supercoppa italiana Primavera e un Torneo di Viareggio. Nel corso delle competizioni Lanzafame si traveste da goleador e cattura così l’attenzione della prima squadra. Per lui prima e unica presenza stagionale nel giugno del 2007, successivamente arriva il saluto alla città e si trasferisce in prestito al Bari.

PRIMI SCORCI DI TALENTO IN PUGLIA, POI IL PALERMO

Alla prima stagione da professionista nel campionato cadetto italiano il ragazzo di Torino lascia un’impressione molto positiva. Sono 38 le presenze messe a referto tra Serie B e Coppa Italia e 11 le reti. Un bottino notevole e degno di nota quello racimolato da Davide Lanzafame, il quale lancia un chiaro segnale alle big di Serie A (Juventus compresa). A Bari apprendere molto più di quanto avrebbe continuato a fare nelle giovanili dei bianconeri e questo anche grazie ad Antonio Conte. Durante il suo primo anno in Puglia, infatti, è proprio l’ex allenatore di Juventus e Inter a guidare la formazione biancorossa e lo stesso Lanzafame.

Pronto per il salto di qualità, il giocatore decide di accettare le avance del Palermo e approdare per la prima volta nel massimo campionato italiano la stagione successiva. Ma l’esperienza con la casacca siciliana dei rosanero non è delle migliori e dopo 10 apparizioni e zero reti sceglie di tornare al Bari per giocare con più continuità: da gennaio a giugno totalizza 18 presenze, 2 gol e raggiunge la promozione insieme ai suoi compagni.

L’AVVENTURA AL PARMA E IL RITORNO ALLA JUVENTUS

Nell’estate del 2009 Davide Lanzafame arriva al Parma e mette in scena un’altra stagione superlativa (dopo quella alla prima esperienza con il Bari). Per lui 7 marcature dall’importanza fatale (vedi doppietta con la Juventus) in 28 presenze e l’appellativo di “nuovo Cristiano Ronaldo” che gli si attacca addosso. La sua velocità e la sua strabiliante tecnica, infatti, vedono paragonare il giovane centrocampista italiano al fuoriclasse portoghese, ma nel giro di pochi mesi tutto torna a tacere.

Nel 2010, quindi, dopo aver concordato la destinazione di Lanzafame tra Palermo e Juventus (entrambi proprietari del suo cartellino) il calciatore torna a vestire la maglia della Vecchia Signora. Questa volta per lui 9 apparizioni complessive da giugno a gennaio (di cui 6 in Europa League) e nella finestra di calciomercato invernale lascia definitivamente la squadra che l’ha cresciuto per cercare fortuna altrove.

TANTE METE MA NESSUN SALTO DI QUALITÀ

Negli anni successivi alla Juventus Lanzafame non trova il suo posto nel calcio dei grandi e finisce per girare senza una meta ben precisa. Brescia, Catania, Grosseto, Honved, ancora Catania, Perugia e Novara, tutte destinazioni che hanno contribuito al declino della sua carriera prima della dura decisione di lasciare l’Italia.

Il paragone con CR7 ha decisamente influito con il percorso di Lanzafame, il quale ha prontamente deluso le aspettative e optato per una nuova vita lontano dai trascorsi. Nel 2016, infatti, si trasferisce nuovamente in Ungheria al Honved e poi al Ferencvaros. Da lì il centrocampista ritrova la miglior condizione fisica e mentale: per lui 66 gol in quattro stagioni e valanghe di assist per i suoi compagni. Nel 2020 sbarca sei mesi in Turchia e gioca con la maglia dell’Adana Demirspor prima di tornare in Italia. Al Vicenza, infatti, arriva per aiutare la squadra a raggiungere la promozione in Serie A, ma nel febbraio del 2022 capisce di non poter contribuire al raggiungimento dell’obiettivo e molla tutto. Finisce per lasciare il calcio giocato qualche giorno dopo.

IL SOGNO DI DIVENTARE ALLENATORE

Appesi gli scarpini al chiodo, Lanzafame ha intrapreso il percorso della formazione per poter restare nel mondo del calcio e diventare un allenatore professionista. L’ex centrocampista della Juventus è protagonista a Coverciano per terminare il corso da tecnico Uefa B e ripartire con il suo nuovo impiego. Già da adesso Davide allena una squadra di Budapest che milita nella quarta serie nazionale (il PSK) e presto potrà ambire a traguardi più elevati.

Continua a leggere

Calcio Internazionale

Galtier: “Al PSG bicchiere sempre mezzo vuoto”

Pubblicato

:

Ai canali ufficiali del PSG ha rilasciato un’intervista il tecnico Galtier: l’allenatore ha parlato della situazione attuale in casa Paris-Saint-Germain, togliendosi qualche sassolino dalla scarpa per le eccessive polemiche in seguito a qualche passo falso di troppo.

GALTIER: “QUI DEVI SEMPRE DARE IL MASSIMO”

Ecco le parole rilasciate da Galtier durante l’intervista ai canali ufficiali del PSG:

Un giocatore lo puoi sempre migliorare, più che altro a livello mentale: e se dobbiamo parlare dei miei ragazzi sono tutti molto forti a livello di qualità. Li devo migliorare molto sotto il punto di vista mentale e psicologico dato che il lavoro richiede molto impegno e concentrazione. Inoltre devo migliorarli anche in termine di determinazione. I tifosi e la gente dimenticano quanto il PSG lavora: tutto lo staff tecnico, i preparatori, gli analisti e tutta la squadra lavora molto intensamente e molte persone non se ne accorgono. Questa è una piazza molto esigente e una cosa che ho notato è che qua al PSG si guarda sempre il bicchiere mezzo vuoto: basta veramente poco per scaturire una critica, perciò dobbiamo stare molto attenti“.

Continua a leggere

Calcio e dintorni

Rodrigo Palacio è pronto a lasciare il calcio

Pubblicato

:

Rodrigo Palacio, ex Genoa, Inter e Bologna, è vicinissimo al ritiro dal calcio giocato. Dopo l’ultima esperienza in Serie B con la maglia del Brescia, el Trenza, è rimasto svincolato e pare aver esaurito la voglia e le energie per prolungare ancora la sua lunga e proficua carriera da calciatore, come riportato da ESPN.

Le statistiche del nativo di Bahia Blanca, cresciuto tra Banfield e Boca Juniors, parlano da sole: 206 gol e 110 assist in 618 apparizioni ufficiali tra Serie A, Serie B, Coppa Italia, Europa League, Primera Division e Libertadores.

COSA FARE DA GRANDE

Palacio pare non aver ancora preso una decisione ufficiale sul suo futuro ma sta sicuramente valutando opzioni: lo dimostra il fatto che ha appena fatto un nuovo esordio in un’altra disciplina. Sì, perchè l’argentino è appassionato di basket fin da ragazzo e – nella giornata di ieri – è sceso in campo nella Serie D lombarda di pallacanestro con la maglia del Gerenano. Futuro da cestita per l’ormai ex attaccante?

 

Continua a leggere
Advertisement
Advertisement

I nostri approfondimenti

Giovani per il futuro

Esclusive

Fantacalcio

Serie A

Trending

Scarica L'App

Copyright © 2022 | Testata giornalistica n.63 registrata presso il Tribunale di Milano il 7 Febbraio 2017 | numero-diez.com | Applicazione e testata gestita da Número Diez SRL 12106070969