Dybala alla Del Piero“. É questo il mantra che scorre nelle menti dei tifosi juventini ormai da qualche ora.

Fonte foto: profilo Instagram @paulodybala

Galeotta è stata una foto, pubblicata sul profilo Instagram di Paulo Dybala, in cui l’ex-capitano della Juventus e l’attuale numero 10 bianconero sono insieme. In un’epoca in cui gli indizi social la fanno da padrone per le notizie di calciomercato, questa foto ha subito infiammato la Torino bianconera.

Il pensiero che l’eredità di ADP10 potesse passare nelle mani della Joya, è iniziato a circolare già nel 2017. Dopo un anno di “inutilizzo”, la maglia numero 10 va sulle spalle di Dybala. I paragoni tra Del Piero e Dybala non sono tardati ad arrivare. Specialmente quando, nella prima uscita ufficiale con la 10, l’ex attaccante del Palermo realizza una splendida rete su punizione contro la Lazio, nella finale di Supercoppa Italiana 2017. Un gol che ha ricordato i calci piazzati di Pinturicchio.

Fonte foto: quotidiano.net

L’abilità palla al piede, il ruolo di attaccante “leggero” a supporto di un bomber di razza e, soprattutto, le dimostrazioni di affetto di Dybala verso la Juventus, hanno fatto il resto.

Tuttavia, attualmente, il suo contratto lo lega ai bianconeri fino al 2022. Il desiderio, condiviso da giocatore e società, è quello di continuare insieme per parecchi anni. Le trattative furono intavolate già la scorsa estate, ma si conclusero in un “nulla di fatto”. Pomo della discordia fu lo stipendio richiesto da Dybala: 15 milioni l’anno, molto più dei 10 offerti dalla Juventus. I rapporti tra club e giocatore erano abbastanza tesi e non era da escudere una separazione tra le parti.

Con un anno di ritardo, la situazione sembra rovesciata. Tuttosport fa sapere che la prossima settimana Jorge Antún, agente del numero 10 argentino, è atteso a Torino. Tutto lascia sperare ad un incontro risolutivo tra le parti. E a una fumata bianca per il rinnovo.

COME SI MUOVONO LE PARTI

Da parte della Juventus, c’è senza dubbio la voglia di continuare con la Joya, simbolo della Vecchia Signora nelle ultime stagioni, insieme a Cristiano Ronaldo. Inoltre, bisogna anche valutare una questione prettamente numerica nel reparto offensivo. Esattamente come nel caso dell’argentino, il contratto del fuoriclasse portoghese scade a giugno del prossimo anno e, ad ora, non sussiste ancora qualcosa di concreto per il prolungamento.

Il prestito di Morata è stato rinnovato per un altro anno, ma il diritto di riscatto a 40 milioni potrebbe essere troppo oneroso per le casse bianconere. Chiesa, Cuadrado e Kulusevski sono tre esterni, più utili come ali in un eventuale attacco a tre, che come centravanti o seconda punta. Resta, dunque, solo Dybala, che potrebbe essere la roccia attorno al quale costruire l’attacco del futuro.

 

Fonte foto: transfermarkt.it

D’altro canto, da parte del giocatore c’è un sentimento di amore che lo lega alla Juventus da ormai 7 stagioni, se si considera quella entrante. Dybala vuole continuare ad essere il simbolo della Juventus del futuro e studia per ripercorrere le orme di Del Piero. Con il benestare della tifoseria intera, che non gli chiede altro che questo.

Per arrivare all’accordo, però, ci sarà bisogno di un avvicinamento tra le parti. Le richieste di Dybala devono inevitabilmente ridursi, se non altro per l’emergenza economica dettata dal COVID-19. Ma anche dalla parte della società ci sarà bisogno di grossi passi avanti, se si vuole fare dell’argentino un totem per gli anni a venire.

Un Dybala allaDel Piero? I presupposti ci sono, la voglia anche. Ora manca solo l’accordo scritto.

Fonte immagine in evidenza: profilo Instagram @paulodybala