Connect with us

Calciomercato

La stagione dell’Empoli, tra più alti che bassi

Pubblicato

:

Empoli

Com’è risaputo, nella Serie A italiana purtroppo per salvarsi bisogna saper giocare le partite “sporche”, ma ogni tanto le eccezioni alla regola fanno bene. É il caso dell’Empoli di Andreazzoli, capace di salvarsi proponendo un calcio offensivo e soprattutto bello da vedere. Scelta non sempre vincente. Infatti, lo stesso Empoli, in più di un’occasione ha emulato il calcio della Jugoslaviatanta bellezza e poca concretezza. L’ultima retrocessione (19/20) non è stata l’unica che grida vendetta. Dieci anni prima, anche Gigi Cagni non riuscì per un solo punto a salvare una talentosa quanto sfortunata squadra, che aveva in rosa giovani destinati a fare strada: Ignazio Abate, Sebastian Giovinco e Claudio Marchisio. L’Empoli ha concluso la sua stagione al 14esimo posto a quota 41 punti, soprattutto grazie ad un girone d’andata fantastico. Una delle squadre più belle da veder giocare capace di divertirsi contro chiunque, grazie ad una miscela di giovani ed idee.

LE PREMESSE

“Voglio vedere una squadra che vorrebbe esprimere se stessa nel rispetto degli altri e di cosa sanno fare”. Queste furono le parole di Andreazzoli alla vigilia della partita contro la Lazio, valida per la prima di campionato. Da quel momento, gli azzurri hanno cominciato a macinare punti e togliersi le prime soddisfazioni. Solo alla seconda sono riusciti ad espugnare lo Juventus Stadium con la rete di Leonardo Mancuso.

Dopo la vittoria del campionato cadetto lo scorso anno, Alessio Dionisi ha lasciato per ambizioni diverse la panchina dei toscani per Sassuolo. La scelta dei dirigenti azzurri è ricaduta su Andreazzoli, al suo secondo mandato. Lo stesso tecnico si è sentito lusingato per la chiamata dichiarando che ”ha un significato particolare lavorare dove lo hai già fatto, vuol dire che c’è stima e riconoscenza”. Del resto, la sua filosofia di gioco votata all’attacco, ma senza oscurare i singoli, è molto apprezzata in Toscana.

 

BEATA GIOVENTÙ

Osservando la rosa dell’Empoli la prima cosa che balza all’occhio è sicuramente la giovinezza. Nella vittoria dell’Empoli ai danni del Bologna, valida per la sesta giornata di campionato, i toscani hanno fatto registrare un’età media bassissima. L’undici titolare aveva un’età media di 24.3 anni, la più bassa della sesta giornata di Serie A. Dando uno sguardo globale all’inizio di 2021-22, l’Empoli è nella top 10 delle squadre più giovani d’Europa. Non è un caso che tantissimi calciatori tra le fila toscane provengono dal vivaio di Monteboro: Tonelli, Viti, Asllani e Ricci, Ekong, Baldanzi, Damiani.

A questi vengono aggiunti calciatori del calibro di Pinamonti, VicarioBajrami o Cutrone. Proprio il bomber in prestito dall’Inter, è stato il trascinatore di questa squadra con ben 13 goal all’attivo. I tifosi toscani hanno reso omaggio al loro numero 99 conferendogli il premio ‘Leone d’Argento’. “Voglio ringraziarli, questo premio mi rende molto felice. Ci hanno sostenuto tutto l’anno, ci è servito molto”. Queste le sue parole dopo il premio.

 

SODDISFAZIONE E DELUSIONI

É stata una stagione con più alti che bassi quella della formazione toscana. Grandi soddisfazioni e soprattutto record. L’Empoli è riuscita a mettere a segno 6 vittorie esterne per la prima volta nella massima serie: Juventus, Cagliari, Sassuolo, Salernitana, Napoli, Atalanta. Ma non solo, è riuscita a vincere con tantissime big, due su tutte Napoli e Juve. Il tutto sempre mantenendo la propria identità di gioco. Ma le cose non sempre andate nel modo sperato, infatti il girone di ritorno non è stato esaltante come quello d’andata. I toscani hanno avuto una battuta d’arresto e non sono riusciti a vincere per 17 gare di seguito. Record in negativo, ma per fortuna con una salvezza tranquilla raggiunta grazie ai risultati maturati precedentemente.

 

 

TIRARE LE SOMME

“Per me è difficile darmi un giudizio. Credo che io e il mio gruppo di lavoro ci siamo dati tanto da fare e lo abbiamo fatto con costrutto. Ci sarebbero cose da migliorare ma è normale questo. Sono soddisfatto e non parlo solo del risultato”. Queste le parole di Andreazzoli per la stagione appena conclusasi. Alla fine dei conti l’Empoli è riuscita a salvarsi in modo agevole con tre giornate d’anticipo non rischiando quasi mia la retrocessione. Soprattutto con un calcio propositivo e divertente. La stagione degli azzurri può considerarsi più che positiva.

IL FUTURO

Dopo la salvezza raggiunta per l’Empoli è tempo di progettare il futuro. In conferenza stampa Andreazzoli ha posticipato i discorsi sulla prossima stagione, ma l’idea della società appare abbastanza chiara. Oltre al capitolo allenatore, c’è anche quello dei gioielli azzurri, tutti più o meno cercati dai club di A e non solo. L’idea della società è quella di vendere per poi investire sul mercato. Ci si aspetta un’estate vivace attorno a BajramiViti, Parisi e Asllani. “Dai calciatori mi è stata regalata una targa e compariva la parola favola. Il capitano mi ha detto che la stagione è cominciata e finita con questa parola. Da subito abbiamo capito che eravamo con la sintonia e le ambizioni giuste”.

 

 

Continue Reading
Commenta

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Calciomercato

Il ds della Reggina avvisa l’Inter per Fabbian

Pubblicato

:

Fabbian

Se la Reggina comanda la classifica di Serie B, il merito è anche di Giovanni Fabbian, centrocampista in prestito dall’Inter. Classe 2003, Fabbian con 3 gol è il miglior realizzatore della squadra di Filippo Inzaghi. Numeri importanti per un centrocampista, che ha segnato anche quest’oggi con la Nazionale italiana U20. Sul giocatore è intervenuto a Video Touring il ds degli amaranto, Massimo Taibi, che non ha escluso una permanenza del giocatore anche nella prossima stagione: “Parleremo con l’Inter. A volte i prestiti con diritto di riscatto sono mascherati da opzioni di controriscatto a cifre in cui il guadagno è basso“.

Continua a leggere

Calciomercato

Juventus, il Sassuolo pensa a Fagioli per gennaio

Pubblicato

:

Nicolò Fagioli alla fine è rimasto alla Juventus nonostante le numerose richieste di mercato, ma a gennaio potrebbe dire addio ai bianconeri per cercare maggiore minutaggio altrove. Il Sassuolo sarebbe molto interessato al giovane centrocampista italiano e lo starebbe visionando già da diversi mesi, fin dai tempi in cui Fagioli militava nella Cremonese. Oltre ai neroverdi persiste l’interesse proprio dei grigiorossi, e anche di Empoli e Salernitana.

Secondo Tuttosport il Sassuolo sarebbe intenzionato persino ad acquistare Fagioli a titolo definitivo, anche se al momento pare difficile che La Vecchia Signora lo lasci andare via con questa formula viste le qualità tecniche dimostrate in estate e in questo inizio di campionato.

 

Continua a leggere

Calciomercato

Trattativa per il passaggio di CR7 all’Al-Hilal: il retroscena di mercato

Pubblicato

:

Ronaldo

C’è stata una reale trattativa per il passaggio di CR7 in Arabia Saudita. È tutto vero e il retroscena lo svela proprio il presidente del club interessato, l’Al-Hilal, Ben Nafel.

In un intervento all’interno del canale Youtube Thamanya ha spiegato cosa ha bloccato il trasferimento della leggenda portoghese Cristiano Ronaldo:

Abbiamo trattato con Cristiano Ronaldo. Il problema non è mai stato economico, l’Al-Hilal può prendere tutte le stelle del mondo. Il problema è legato alla decisione del Tribunale Arbitrale dello Sport che ci ha impedito di acquistare giocatori”.

Fino a questo momento non sono ancora arrivate smentite sulla vicenda ma non è escluso che possano arrivare a breve.

Continua a leggere

Calciomercato

Nuovo ostacolo per il Milan nella trattativa per il rinnovo di Leao

Pubblicato

:

Leao

Il Milan è alle prese con il difficile rinnovo di Rafael Leao, anche se le ultime dichiarazioni rilasciate da Paolo Maldini hanno dato un cauto ottimismo a tutto l’ambiente rossonero.

Il contratto dell’asso portoghese scadrà il 30 giugno 2024 e il dt ha detto che c’è ancora margine per intavolare una trattativa. Infatti sia il Milan che il numero 17 vogliono proseguire insieme, ma il potentissimo procuratore Jorge Mendes non intende abbassare le sue pretese per il rinnovo che sono ferme sui 7,5 milioni di euro.

Serve che il nuovo proprietario Gerry Cardinale alzi l’asticella per blindare il giocatore più importante della rosa del club meneghino. Uno sforzo necessario per respingere tutti i corteggiatori di Leao come Chelsea, Psg e City che fiutano l’affare.

L’OSTACOLO SPORTING LISBONA

Le prossime settimane potrebbero essere decisive per capire se ci saranno dei passi in avanti nella trattativa, ma c’è un secondo problema che proviene dalla questione legata al caso Sporting Lisbona. Al club portoghese spetterebbero infatti 16 milioni di euro  per via dello svincolo prima dell’approdo di Leao al Lille.

Stando alle ultime notizie provenienti dal Portogallo, il Milan si starebbe muovendo per cercare di risolvere la questione. Come riportato da Abola, ci sono stati due incontri avvenuti tra le parti, ma senza fumata bianca. Il numero uno del club lusitano, Frederico Varandas, infatti, non avrebbe alcuna intenzione di rinunciare nemmeno ad un milioni di quanto gli spetterebbe dall’attuale giocatore rossonero.

La trattativa per Rafael Leao va avanti su più fronti, ma la strada è ancora piena di ostacoli.

Continua a leggere
Advertisement
Advertisement

I nostri approfondimenti

Giovani per il futuro

Esclusive

Fantacalcio

Serie A

Trending

Scarica L'App

Copyright © 2022 | Testata giornalistica n.63 registrata presso il Tribunale di Milano il 7 Febbraio 2017 | numero-diez.com | Applicazione e testata gestita da Número Diez SRL 12106070969