Connect with us

La nostra prima pagina

Eroi

Pubblicato

:

Il portiere per definizione dovrebbe evitare i gol, ma quando stanno scadendo gli ultimi secondi della partita, quando tutto sembra ormai perduto, ci si aggrappa all’ultima chance: ci si dimentica di avere i guantoni e si sale in area avversaria cercando di cambiare un risultato che sembra ormai già scritto.
Oggi 10 agosto 2017 è il compleanno di Michelangelo Rampulla, prima di cominciare la sua vita da secondo alla Juventus, Rampulla difendeva i pali della Cremonese. Lo faceva bene, ma non si accontentava. Così, in una partita contro l’Atalanta del campionato 1991/92, decise di tentare la fortuna in attacco. Svettò sul corner e fece centro, pareggiando la partita. Non il primo né sicuramente l’ultimo direte voi, ma la curiosità dietro questo rete è che il portiere della Cremonese fu il primo nel suo ruolo a segnare un gol su azione in Serie A.

Oggi andremo a vedere non i portieri che hanno segnato di più nella storia del calcio, ma quelli autori di gol importanti, curiosi, decisivi o quantomeno spettacolari.

 

TAIBI

Dopo Rampulla, Taibi. A nove anni dall’incornata di Michelangelo, un altro portiere fu capace di andare in rete. Massimo Taibi giocava nella Reggina, nel 2001, quando segnò di testa contro l’Udinese. Da calcio d’angolo, Taibi si fece trovare pronto sul primo palo, girando in rete il gol del pareggio.

TOLDO

Non si può non menzionare il gol-non gol di Toldo contro la Juventus nell’ottobre 2002. Inizialmente il gol fu attribuito al portiere nerazzurro, successivamente però, grazie ai vari replay venne deciso di assegnare il gol a Vieri. Nel cuore dei tifosi interisti però il gol rimane del portiere azzurro.

AMELIA

Ultimo gol italiano fu quello di Marco Amelia. Il palcoscenico fu addirittura la Coppa Uefa. Con la maglia del Livorno segnò in casa del Partizan Belgrado, permettendo ai toscani di pareggiare una partita che si sarebbe rivelata decisiva per il passaggio del turno. Un gol stilisticamente più brutto rispetto a quelli dei suoi colleghi, ma ugualmente fondamentale.

ANDRES PALOP

Stesso anno e stessa coppa portafortuna dei portieri a quanto pare. Durante la Coppa Uefa del gol di Amelia, ci fu un altro gol da parte di un portiere e forse fu addirittura più importante. Se, infatti, il Siviglia vinse la Coppa Uefa nel 2007, lo deve soprattutto al suo portiere Andrés Palop. E non solo per i tre calci di rigore parati nella finale contro l’Espanyol. Qualche mese prima, nel ritorno degli ottavi di finale contro lo Shakhtar Donetsk, Palop segnò il gol del 2-2 in pieno recupero, portando la sfida ai supplementari che si sarebbero chiusi poi con la vittoria degli spagnoli.

https://www.youtube.com/watch?v=G5AQ2yfy46c

HANSEN

Tutti noi ricordiamo il bellissimo gol in scorpione di Mkhitaryan, nella scorsa Premier League, entrato nella top 3 dei gol più belli dell’ultima stagione. Qualche anno prima però, esattamente l’ 11 agosto 2015, il portiere del Den Haag Martin Hansen, decise di pareggiare contro il PSV in questa maniera. Un gol meraviglioso, realizzato a 30 secondi dalla fine.

BEGOVIC

Come dicevamo all’inizio, generalmente i gol dei portieri arrivano sull’ultima mischia in area di rigore a tempo ormai scaduto. Eccenzion fatta per Asmir Begovic. Quando giocava nello Stoke City, il portiere bosniaco segnò con un rinvio lungo dopo 13 secondi dall’inizio della sfida col Southampton. La curiosità su questo gol? È stato il più rapido della storia nel suo ruolo.

https://www.youtube.com/watch?v=jsrVNd0f710

ROGERIO CENI

Come ultimo portiere goleador abbiamo tenuto il vero portiere goleador. Rogério Ceni. È lui il bomber dei portieri. 120 gol in carriera: numeri da attaccante.
Rogério Ceni, storico estremo difensore del São Paulo, li ha realizzati soprattutto su punizione e rigore. Un destro vellutato, quasi magico. Numero 1 per posizione in campo, ma numero 10 per piedi e gol.
Scegliere una sola rete è un’impresa troppo difficile. E quale miglior modo di chiudere l’articolo se non con le sue migliori punizioni? Buona visione.

https://www.youtube.com/watch?v=WrkCqUB61p0

Continue Reading
Commenta

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Calciomercato

Udinese, Pereyra può essere ceduto: Sabiri come sostituto?

Pubblicato

:

Pereyra

Roberto Pereyra è uno dei giocatori di maggiore qualità dell’Udinese di Sottil e l’ha ampiamente dimostrato in questo inizio di stagione, mettendo a segno una rete e servendo quattro assist. Proprio per questo la sua permanenza in bianconero è tutt’altro che certa. Tra le squadre interessate ci sarebbero la Fiorentina e il Bologna, che potrebbero prenderlo già a gennaio, senza aspettare la scadenza del contratto a fine stagione. Il primo nome per sostituire il fantasista argentino sarebbe quello di Sabiri della Sampdoria, attualmente impegnato al Mondiale con il suo Marocco. L’Udinese avrebbe già avviato i contatti con la squadra ligure in modo da non farsi trovare impreparata in caso di cessione di Pereyra.

Continua a leggere

Flash News

Juve Stabia, Colucci sulle assenze: “Non dobbiamo pensare ai calciatori che mancano”

Pubblicato

:

Juve Stabia

La Juve Stabia è reduce da un buon pareggio ottenuto sul campo del Latina nell’ultimo turno di campionato. Il club campano intende proseguire la striscia positiva di risultati, per rimanere in zona playoff. Domani sfiderà il Potenza, squadra che ha bisogno di punti per distanziare la pericolosa zona playout.

Leonardo Colucci, tecnico dei gialloblu, alla vigilia del match ha rilasciato queste parole in conferenza stampa:

“Abbiamo provato delle soluzioni ma niente da fare. Cinaglia non sarà della partita. Domani abbiamo la rifinitura e farò le valutazioni. Abbiamo necessità ma i ragazzi hanno dato disponibilità. La classifica del Potenza non è veritiera, una rosa importante che gioca bene. Sarà una gara tosta.

Non dobbiamo pensare ai calciatori che mancano altrimenti sembra che vogliamo piangerci addosso. Stiamo pensando a varie situazioni anche di modulo. Vogliamo mettere il vestito giusto per questa situazione. Scaccabarozzi è il mio Jolly.

La partita è tosta ma vogliamo vincere, sarà una bella partita. Vogliamo vincere e fare un regalo ai tifosi. Gerbo è out. Bentivegna e Silipo fanno parte della rosa ma adesso sta giocando D’Agostino. Ci sono momenti. Anche Guarracino meriterebbe di giocare. Sono scelte ma mai bocciature. Zigoni è un calciatore che sa giocare con la squadra, domenica non stava facendo male ma siamo rimasti in dieci ed è cambiato tutto complice anche il cartellino giallo ed è stato sostituito. Tutti sono utili alla causa Juve Stabia. Domani sarà bello avere i ragazzi delle associazioni al Menti”.

Continua a leggere

Flash News

Spagna-Germania, le parole di Luis Enrique: “Sarà sfida alla pari, Gavi può segnare una nuova epoca”

Pubblicato

:

Dove vedere Spagna-Costa Rica

Alla vigilia del big match tra la Spagna e la Germania, partita valevole per la seconda giornata della fase a gironi della Coppa del Mondo di Qatar2022, il ct iberico Luis Enrique è intervenuto in conferenza stampa. L’ex allenatore di Barcellona e Roma tra i vari argomenti ha analizzato gli avversari e ha paragonato il gioco tedesco molto simile a quello delle furie rosse, ecco le sue parole: “La Germania è la squadra che assomiglia più alla Spagna, gioca sempre in attacco cercando di mettere pressione nella metà campo avversaria e avere sempre la palla. La Germania è una squadra che sa competere, ha una storia vincente e alcuni fra i migliori giocatori al mondo, ma noi siamo convinti di poter vincere, ma non dobbiamo essere troppo sicuri di noi altrimenti la fiducia può dare alla testa“.

LUIS ENRIQUE SU GAVI

Il tecnico spagnolo ha poi elogiato una delle sorprese di questo Mondiale Gavi: “La cosa più sorprendente è che qualcuno a 18 anni e 100 giorni abbia quella fiducia in s stesso, abbia l’intelligenza per posizionarsi in campo e dominare gli aspetti tecnici del calcio. Bisogna andarci piano coi giudizi, ma può segnare un’epoca”.

 

Sulla formazione che intende schierare contro la Germania: “Di solito non ripeto lo stesso undici e al momento non ho ancora fatto le mie scelte, le farò domani mattina. I cambiamenti sono fondamentali e io ragiono non sugli undici titolari, ma sui 16 che giocheranno“.

Continua a leggere

Flash News

Le parole di Cordoba sula difesa dell’Inter: “Bisogna puntare su Skriniar e Bastoni”

Pubblicato

:

de Vrij

Ivan Ramiro Cordoba, ex difensore dell’Inter, ha rilasciato un’intervista a Tuttosport in cui analizza i difensori della sua ex squadra, sottolineando come sia importante continuare a puntare su Skriniar e Bastoni, sfruttando anche l’ottimo avvio di stagione di Acerbi.

“Se non punti su giocatori come Skriniar o Bastoni che sono sul futuro su chi devi puntare? Sono il futuro dell’Inter e Alessandro è anche il futuro della Nazionale di Mancini. Acerbi? È una bella conferma. Poteva esserci il dubbio del salto in avanti, del potersi meritare una squadra come l’Inter. Inzaghi lo conosce bene e la sua fiducia lo ha sicuramente aiutato e ha dimostrato di essere un giocatore affidabile. Non sarà il giovanissimo ma da lui sai cosa aspettarti. De Vrij è forte. Può aver avuto un momento no. Ma Stefan non si può discutere”.

Continua a leggere
Advertisement
Advertisement

I nostri approfondimenti

Giovani per il futuro

Esclusive

Fantacalcio

Serie A

Trending

Scarica L'App

Copyright © 2022 | Testata giornalistica n.63 registrata presso il Tribunale di Milano il 7 Febbraio 2017 | numero-diez.com | Applicazione e testata gestita da Número Diez SRL 12106070969