Connect with us
Christian Eriksen: “A Londra era come se fossi la pecora nera del gruppo”

Flash News

Christian Eriksen: “A Londra era come se fossi la pecora nera del gruppo”

Pubblicato

:

Christian Eriksen, dopo sei stagioni con la maglia del Tottenham lascia Londra – non con poche critiche – per accasarsi a Milano, sponda Inter. I nerazzurri, dopo un lungo corteggiamento hanno concluso un affare, per conto di un giocatore in scadenza, pagato quasi un decimo rispetto al proprio valore di mercato, nonché internazionalmente affermato. Il classe 1992, colonna portante della Nazionale danese, maglia con la quale ha partecipato a due Mondiali e un Europeo, si racconta quest’oggi in una intervista per la Gazzetta dello Sport. Come affermato dallo stesso giocatore, la finale di Champions League contro il Liverpool del 2019 ha giocato un ruolo fondamentale in merito al proprio futuro:

“In Inghilterra quando il tuo contratto è prossimo al termine è come se dovessi andartene subito, ho giocato una trentina di partite che rappresentavano una sorta di addio, era come: – Questa sarà l’ultima partita, no questa sarà l’ultima – così, a ruota. Nella mia testa mi sentivo pronto per provare qualcosa di nuovo, ma era come se non arrivasse nulla. Ero dentro e fuori il team, comunque, anche se avessi avuto ancora quattro anni di contratto la stagione sarebbe stata complicata dopo quella finale di Champions.”

Fonte immagine: profilo ufficiale IG @christianeriksen8

GLI ULTIMI MESI A LONDRA

I numeri di Eriksen con la maglia degli Spurs, seppur non coronati dal successo in Premier League o da una competizione europea, descrivono la storia di uno dei migliori calciatori del club con 69 reti in oltre 300 presenze. Nonostante questo, il rapporto durante l’ultimo periodo vacillava in un mare di insicurezze:

Essere in scadenza comporta sentirti come se fossi la pecora nera del gruppo, questo perché in alcune interviste ho detto la verità sul futuro, perché sono stato onesto, a differenza di altri calciatori che nascondono la verità. Ne ho lette di tutti i colori, a proposito del fatto di essere la persona cattiva dello spogliatoio, o del mio rapporto pessimo con Mourinho, ma in realtà la situazione è un’altra. Mourinho disse che era felice delle mie sensazioni, e che mi avrebbe mandato in campo nelle partite in cui fosse sicuro che avrei fatto la differenza.” 

L’ultimo punto verte sul presente, sulla nuova avventura con la maglia dell’Inter che, mediante un interessamento costante ha prodotto un meraviglioso acquisto durante la sessione invernale del calciomercato:

Il Manchester United è stata una possibilità concreta, ma rimanere in Premier sarebbe stato troppo semplice, volevo una sfida nuova. Storicamente è complicato trasferirsi a Gennaio, devi accodarti ad un gruppo che lavora insieme già da qualche mese, devo imparare tante nuove cose.

Fonte immagine in copertina: profilo ufficiale Twitter @Inter

 

Continue Reading
Commenta

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Flash News

Inchiesta Prisma, Sartoriello potrebbe fare un passo indietro?

Pubblicato

:

Novità sull’Inchiesta Prisma per i tifosi della Juventus, secondo quanto riporta il Corriere Dello Sport, le parole del Pubblico Ministero Santoriello sembrerebbero non aver influenzato la Procura di Torino, tant’è che con tutta probabilità non ci saranno modifiche al procedimento. Il quotidiano prosegue evidenziando che lo stesso Santoriello potrebbe fare spontaneamente un passo indietro, richiesta che potrebbe essere respinta con rinnovamento della fiducia al PM e all’imparzialità dell’indagine.

Continua a leggere

Calcio Internazionale

Brutte notizie per Conte: Lloris out almeno un mese

Pubblicato

:

Lloris

Arrivano brutte notizie dall’infermeria del Tottenham: Hugo Lloris sarà out per il prossimo mese. Un duro colpo, in particolare, per Antonio Conte che dovrà fare a meno del suo portiere in vista della doppia sfida di Champions League contro il Milan, in programma il 14 febbraio e l’8 marzo. Stando a quanto riferito dal quotidiano inglese The Telegraph, l’intervento al ginocchio che subirà l’estremo difensore francese potrebbe tenerlo fuori addirittura per due mesi.

Al suo posto giocherà, con ogni probabilità, Fraser Forster, ex Southampton e Celtic. In maglia biancoverde, in particolare, il portiere inglese ha disputato un match di Champions proprio contro i rossoneri, durante la fase a gironi dell’annata 2013-14.

Continua a leggere

Flash News

Le designazioni arbitrali della 22esima giornata di Serie A

Pubblicato

:

Alle porte della ventiduesima giornata arrivano le designazioni arbitrali per una giornata che potrebbe risultare già decisiva per la corsa alla Champions League. Il big match tra Lazio e Atalanta ci saprà dire molto sulla condizione fisica e mentale delle due squadre, una partita che potrebbe rivelarsi molto accesa e sarà condotta da Daniele Orsato di Vicenza. Queste le altre designazioni per l’intero weekend di A:

MILAN – TORINO

AYROLDI

LO CICERO – SCARPA M.

IV:      VOLPI

VAR:     CHIFFI

AVAR:       PRONTERA

EMPOLI – SPEZIA

GIUA

ALASSIO – COLAROSSI

IV:      GARIGLIO

VAR:     DI PAOLO

AVAR:       PATERNA

LAZIO – ATALANTA

ORSATO

PALERMO – MOKHTAR

IV:     RAPUANO

VAR:     PAIRETTO

AVAR:     MARINI

LECCE – ROMA

AURELIANO

VECCHI – PERROTTI

IV:       SACCHI

VAR:      GUIDA

AVAR:       PRONTERA

BOLOGNA – MONZA

ZUFFERLI

BINDONI – PAGLIARDINI

IV:     MASSA

VAR:     MARIANI

AVAR:      DI MARTINO

JUVENTUS – FIORENTINA

FABBRI

MELI – PERETTI

IV:      CAMPLONE

VAR:     MAZZOLENI

AVAR:     MUTO

NAPOLI – CREMONESE

MASSIMI

BERTI – BOTTEGONI

IV:     MARCENARO

VAR:      BANTI

AVAR:       DOVERI

UDINESE – SASSUOLO

PEZZUTO

BRESMES – MASSARA

IV:      DI BELLO

VAR:     MARINI

AVAR:     LONGO S.

SAMPDORIA – INTER

MARESCA

ROSSI M. – ROSSI C.

IV:     FELICIANI

VAR:     DOVERI

AVAR:       PAGANESSI

VERONA – SALERNITANA

VALERI

VIVENZI – DE MEO

IV:       ABISSO

VAR:      ABBATTISTA

AVAR:      MARIANI

Continua a leggere

Flash News

Inter, Cordoba sulla corsa scudetto: “C’è ancora lo scontro diretto col Napoli”

Pubblicato

:

Il campionato di Serie A sta avendo per il momento un solo padrone: il Napoli di Spalletti sembra non volersi fermare più, addirittura a +13 dall’Inter seconda. Un dominio incontrastato, che però secondo Ivan Cordoba, ex difensore centrale nerazzurro, non sarebbe ancora definitivo. Un corsa scudetto che, leggendo le parole del colombiano su La Gazzetta dello Sport, non sarebbe ancora chiusa.

CORSA SCUDETTO – “Loro sanno di essere forti e di poter recuperare terreno, poi c’è anche lo scontro diretto col Napoli, verso la fine, che potrebbe anche essere decisivo tra qualche mese per la corsa scudetto”.

SULL’INTER – “Io dico che l’Inter non mollerà, che ci crederà fino alla fine, come è sempre stato. Se gli altri saranno più forti allora vinceranno, ma dovranno dimostrarlo sul campo visto che manca ancora molto. L’Inter ha vinto un trofeo, è in semifinale di Coppa Italia e pure in Europa può fare strada e giocarsi le sue carte. Io non ho dubbi: l’Inter resterà viva finché l’aritmetica lo permetterà”.

Continua a leggere

I nostri approfondimenti

Giovani per il futuro

Esclusive

Fantacalcio

Serie A

Trending

Scarica L'App

Copyright © 2022 | Testata giornalistica n.63 registrata presso il Tribunale di Milano il 7 Febbraio 2017 | numero-diez.com | Applicazione e testata gestita da Número Diez SRL 12106070969