Dove trovarci

Chi sono gli eroi del Benin?

Cominciano oggi i quarti di finale della Coppa d’Africa. Tra le ultime otto formazioni a contendersi la coppa c’è una sorpresa: il Benin.

La formazione dell’Africa occidentale che è arrivata fino a questa fase senza vincere una partita: ha pareggiato tutte le tre gare del suo girone, per poi eliminare il (favoritissimo) Marocco ai calci di rigore, dopo il palo colpito al 96′ da Ziyech proprio dagli undici metri. Se si analizzano tutte le ultime tredici partite del Benin in Coppa d’Africa (delle recenti quattro partecipazioni del 2004, 2008, 2010 e quella attuale) non si trova neanche una vittoria: cinque pareggi ed otto sconfitte, un dato incredibile. Oggi alle 18:00 la Nazionale allenata da Michel Dussuyer se la giocherà ancora una volta da sfavorita contro il Senegal, ma i beninesi non avranno nulla da perdere, poiché hanno già raggiunto il punto più alto della storia della loro Nazionale.

Fonte immagine: profilo Instagram della CAF.

GLI UNDICI EROI

Mister Dussuyer ha schierato i suoi ragazzi nell’ultimo match in un 3-4-3 basato sulla solidità difensiva e sulla velocità in ripartenza. In porta il classe ’93 Saturnin Allagbé, che per ora in carriera ha militato soltanto nel Niort, formazione che milita in Ligue 2 francese. I tre centrali sono Moise Adilehou (a segno nell’ultima partita contro il Marocco), attualmente in forza al Levadeiakos (massima serie greca), Khaled Adénon (espulso per somma di ammonizioni l’ultimo match e quindi assente oggi contro Mané e compagni) che gioca da quattro stagioni all’Amiens (retrocesso la scorsa stagione in Ligue 2) e Olivier Verdon, classe ’95 ora al Sochaux (sempre Ligue 2).

Sulla fascia destra di centrocampo corre Seibou Mama, anche lui in Francia ma nella quarta serie calcistica, nel Tolone. Nella corsia opposta gioca Emmanuel Imorou, un classe ’88 in forza al Caen che l’ultima stagione ha raccolto otto gettoni in Ligue 1. La mediana è formata da Jordan Adéoti, 30 anni compiuti lo scorso 19 marzo e reduce da due stagioni all’Auxerre, con 6 gol in 59 presenze. Assieme a quest’ultimo troviamo il giocatore più rappresentativo della nazionale del Benin nonché capitano della squadra, ovvero Stéphane Sessègnon: 35 candeline spente l’1 giugno, in carriera ha militato per tre anni al Paris Saint-Germain (2008-11, gli 8 gol in 77 partite testimoniano l’importanza avuta dal giocatore in squadra), passando poi due stagioni al Sunderland (17 centri in 87 partite) e tre al West Bromwich (79 partite giocate e 8 gol). Dalla passata stagione gioca nel Gençlerbirligi (massima serie turca).

I due esterni d’attacco sono Jodel Dossou (un classe ’92 che gioca nel Vaduz, in seconda serie svizzera e ha trovato ben nove reti nelle 35 presenze della scorsa stagione) e Cebio Soukou, stessa annata di Dossou e militante nella terza serie tedesca, al’Hansa Rostock (nove centri in 26 partite disputate lo scorso anno per lui). Quest’ultimo è nato in Germania da padre beninese per motivi legati allo studio ed è stato convocato in Nazionale per la prima volta lo scorso novembre, per poi esordire il 24 marzo nella partita di qualificazione alla Coppa d’Africa vinta per 2-1 contro il Togo.

Il diez della squadra è la punta centrale Mickael Poté, un esperto classe 1984 che attualmente milita in seconda serie turca, nelle file dell’Adana Dermispor (15 reti in 32 partite l’anno scorso) ed è uno dei migliori tra i beninesi per carriera alle spalle: ha giocato con la maglia del Nizza e con quella dell’Apoel Nicosia. L’allenatore della squadra, come detto in precedenza, è Michel Dussuyer: 60 anni compiuti a maggio, ha dedicato quasi tutta la carriera post-ritiro dal calcio alle Nazionali.

Una sconfitta questa sera contro il Senegal di Mané e Koulibaly non toglierebbe a Sessègnon e compagni un festeggiamento e magari un riconoscimento da parte dello Stato del Benin, perché questi ragazzi la storia l’hanno già scritta.

Ma occhio, perché il bello del calcio sta proprio nell’effetto sorpresa

Fonte immagine: profilo Instagram di Stéphane Sessègnon.

Fonte immagine di copertina: profilo Instagram della CAF.

Lascia un commento

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Altro in Calcio Internazionale