Connect with us
Europeo Under 21: la situazione degli azzurrini

Generico

Europeo Under 21: la situazione degli azzurrini

Pubblicato

:

Manca sempre meno al Campionato Europeo Under 21, al via il 16 giugno. Il torneo si svolgerà in Italia ed avrà termine il 30 giugno con la finalissima alla Dacia Arena di Udine.

I GIRONI

Questa la composizione dei gironi dell’Europeo U21. Gli azzurrini di Di Biagio affronteranno la Spagna, tra le favorite del pronostico, medaglia d’argento uscente dagli ultimi Europei U21 nel 2017 in Polonia. Iberici che avevano proprio eliminato l’Italia in semifinale con il risultato di 3-1. Più abbordabili ma comunque insidiose le partite con Polonia e Belgio. Nel gruppo B la Germania, campione in carica, verosimilmente comanderà il girone. Spicca nel gruppo C il match tra Francia e Inghilterra. La formula prevede il passaggio alle semifinali delle prime classificate dei tre gironi e della migliore seconda.

SITUAZIONE PORTIERI

Emil Audero (Sampdoria), Alex Meret (Napoli), Simone Scuffet (Kasimpasa). Questi i 3 portieri che, con ogni probabilità, comporranno la rosa della nazionale di Di Biagio. Probabilmente il titolare sarà Emil Audero, che quest’anno, in forza alla Sampdoria, ha alternato prestazioni ottime ad errori clamorosi. Forse un po’ di inesperienza che viene compensata però da una grande reattività. Possibile il ballottaggio con il portiere dei partenopei Alex Meret, con il blucerchiato favorito. Ruolo secondario invece per Scuffet, che paga l’esperienza turca che non gli permette di mettersi in mostra. Situazione particolare quella riguardante Gigio Donnarumma, che potrebbe essere convocato a discapito di Scuffet per diventare di diritto il titolare della nazionale. La presenza del portiere classe ’99 del Milan però è tutt’altro che sicura anche se farebbe molto comodo al c.t Di Biagio portando con sé molta esperienza e solidità.

REPARTO DIFENSIVO

La fase difensiva è sicuramente quella che ha funzionato meno bene nei test di Marzo contro Austria e Croazia. Situazione aggravata dal recente infortunio del titolarissimo terzino rossonero Davide Calabria. Il difensore ha rimediato la rottura del perone che molto probabilmente lo escluderà dal torneo. Di Biagio perde quindi un pezzo importante, 66 presenze in Serie A sulle sue spalle e un futuro roseo all’orizzonte. Sicuri del posto Bastoni (Parma), Bonifazi (SPAL) e Mancini (Atalanta). La corsia di sinistra sarà probabilmente occupata da Giuseppe Pezzella (Genoa), le alternative potrebbero essere Federico Di Marco (Parma) oppure Luca Pellegrini (Cagliari). Sulla fascia destra invece Claud Adjapong (Sassuolo) dovrebbe prendere il posto dell’infortunato Calabria. Sempre sulla stessa fascia potrebbe operare Arturo Calabresi (Bologna), adattandolo come nell’amichevole contro la Germania del Novembre scorso. Tra gli altri possibili convocati Sebastiano Luperto (Napoli) e Filippo Romagna (Cagliari). Possibile la convocazione del centrale della Lazio Luiz Felipe, brasiliano con passaporto italiano.

CENTROCAMPO DA TOP

A centrocampo la situazione appare ottima, questi i probabili convocati: Nicolò Barella (Cagliari), Manuel Locatelli (Sassuolo), Rolando Mandragora (Udinese), Lorenzo Pellegrini (Roma), Sandro Tonali (Brescia), Nicolò Zaniolo (Roma). Un centrocampo composto da giocatori tutti titolari nelle rispettive squadre di Serie A, ad eccezione di Tonali che gioca nel Brescia capolista nel campionato cadetto ma con un piede in A. Il centrocampista bresciano ha attirato su di sé l’interesse dei maggiori top club e potrebbe essere il metronomo degli azzurrini. Ballottaggio con Mandragora da play-maker, in un ipotetico centrocampo a 3. Mezz’ala sinistra con tutta probabilità Barella, a destra duello tra Pellegrini e Zaniolo. Alternativa duttile Manuel Locatelli che potrebbe essere schierato in tutte le posizioni a seconda della necessità. Tra i possibili convocati ma con meno chance  Cassata (Frosinone),  Depaoli (Chievo Verona) e Murgia (Spal).

ATTACCO: TRIDENTE O DOPPIA PUNTA?

Anche per quanto riguarda l’attacco, Di Biagio ha molta scelta e può contare sui big della nazionale maggiore. Le parole di Mancini hanno sicuramente fatto piacere al c.t degli azzurrini:

“Penso che Kean al 99% farà il doppio turno con l’Italia e poi con l’Under 21. Può essere l’attaccante titolare della Juventus e della Nazionale, dove peraltro c’è già. Anche Zaniolo andrà agli Europei? Avremo le nostre partite di giugno e poi quattro o cinque giocatori potranno andare con Di Biagio per cercare di dare una mano a vincere”.

Kean sarà quindi quasi sicuramente convocato e sarà uno dei titolari. Esterno in un ipotetico tridente o in coppia con la punta centrale che sarà Patrick Cutrone (Milan) che, con la nazionale, è a digiuno dall’ottobre 2017. Sull’altra fascia, nel caso venisse convocato, il titolare sarà sicuramente Federico Chiesa (Fiorentina). Alternativa sulla fascia Riccardo Orsolini (Bologna). Potrebbe invece essere Vittorio Parigini (Torino) a completare il reparto offensivo. Potrebbero giocarsi una chance Pinamonti (Frosinone) e Moncini (Cittadella), convocato per la prima volta a Marzo dopo una serie di prestazioni molto positive.

LE ASPETTATIVE

Italia che arriva agli Europei casalinghi come una delle favorite. Come già detto gli ostacoli maggiori saranno Francia, Inghilterra e Germania senza considerare la Spagna che incontrerà già nel girone. Occhi puntati sui big, tra tutti Zaniolo e Kean, giovani protagonisti di Roma Juventus che sono esplosi durante questa stagione. A centrocampo grandi aspettative per  Barella, maturato definitivamente e già presente per 5 volte con la nazionale maggiore, e Tonali che sarà un protagonista principale del mercato estivo. Importante sarà la presenza di Federico Chiesa, talento assoluto della viola che potrebbe essere l’uomo in più in fase offensiva, classe ’97 con già 22 gol 21 assist all’attivo con la Fiorentina. Servono invece conferme in difesa, dove Bonifazi dovrà cercare continuità al fianco di Mancini che dovrà a sua volta dimostrare di poter guidare una difesa dopo una stagione straordinaria con l’Atalanta.

Una nazionale sicuramente ben dotata tecnicamente e con la giusta esperienza che potrebbe regalarci grandi emozioni. Si comincia il 16 giugno, contro la Spagna a Bologna, in un match che ci dirà già tanto sul futuro della competizione. Questo era stato il cammino degli azzurrini ad Euro 2017, la speranza è quella di andare ancora più avanti e magari sollevare il trofeo nel cielo di Udine.

 

Continue Reading
Commenta

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Generico

ULTIM’ORA – Ansia Sassuolo: Berardi esce per infortunio contro il Verona

Pubblicato

:

Sassuolo berardi

Sfortunatissimo Domenico Berardi in Hellas Verona-Sassuolo. Il fuoriclasse neroverde è rientrato oggi da un lungo infortunio che gli aveva fatto saltare sei gare, ma è stato costretto al cambio per un nuovo infortunio. Dopo un rilancio errato di Montipò, Berardi ha controllato il pallone con il petto, ma ha poggiato male il piede al terreno e ha subito chiesto il cambio. La paura più grande è che si tratti di un problema al tendine d’Achille. Chiaramente serviranno accertamenti.

Continua a leggere

Generico

Le parole di Baroni e Carnevali prima di Verona-Sassuolo

Pubblicato

:

Marco Baroni, allenatore dell'Hellas Verona - Serie A

Tra le partite più delicate di questo 27° turno di Serie A c’è indubbiamente il lunch match tra Verona Sassuolo, appaiate in classifica, ma con stati d’animo profondamente differenti. Nel pre-gara, ai microfoni di Sky Sport, si sono espressi al riguardo Marco Baroni, allenatore dei gialloblù, e Giovanni Carnevali, amministratore delegato dei neroverdi.

LE PAROLE DI BARONI

MASSIMA ATTENZIONE – “Dovremo affrontare tutti insieme questa partita, sia coloro che partono titolari, sia quelli che entreranno a gara in corso. Servirà un’attenzione massima per cento e passa minuti, il Sassuolo è conscio del momento che sta vivendo, ma rimane una squadra con grandi possibilità tecniche”.

TUTTE FINALI – “Da qui a maggio tutte le nostre partite saranno delle finali, e la squadra dovrà essere capace di restare sempre dentro la gara, mostrando compattezza anche mentale. Match come questi si risolvono spesso per le piccole cose, e dovremo essere in grado di curare anche i minimi dettagli”.

RESTARE IN PIEDI E CORRERE – “La squadra ha creato le condizioni per restare in piedi in un momento non facile. Adesso dobbiamo iniziare a correre per raggiungere ciò che sembrava impossibile”.

LE PAROLE DI CARNEVALI

BALLARDINI – “In un momento di difficoltà come quello che stiamo vivendo, Ballardini è il profilo adatto per dare la scossa giusta. La squadra ha dei valori, ma indubbiamente ha anche delle carenze; siamo fiduciosi nel fatto che il nuovo allenatore riuscirà a portarci ciò che è mancato prima”.

SERENITÀ – “Continuerò a presenziare agli allenamenti senza stravolgere nulla. Dobbiamo mantenere la serenità e l’equilibrio che non devono mancare in momenti come questo”.

BERARDI – “In undici stagioni di Serie A ci era già capitato un momento come questo, e chiamando Iachini quest’ultimo riuscì a portarci qualcosa di importante. Il ritorno in campo di Berardi può darci tanto anche all’interno dello spogliatoio, è il nostro campione ed è con lui che abbiamo portato a casa risultati e punti. Speriamo rientri in condizione nel miglior modo possibile”.

Continua a leggere

Generico

Tempo di rinnovi in casa Genoa: si lavora per Bani e Badelj

Pubblicato

:

Mattia Bani Genoa Serie A

Il Genoa continua a lavorare sul fronte rinnovi, per blindare i suoi uomini più importanti e confermare la spina dorsale della squadra a disposizione di Alberto Gilardino. Domani sera i rossoblù sono attesi dal crash test di nome Inter. Il Grifone, tuttavia, è nella ristretta élite di squadre che sono riuscite a fermare i nerazzurri in questa stagione. Ma ora l’Inter è in piena ascesa e sembra inarrestabile.

Gilardino tenta l’azzardo e lo farà con due giocatori freschi di rinnovo. Johan Vasquez, importante difensore mancino, e Morten Frendrup, tuttocampista dedito al sacrificio, hanno recentememte rinnovato. Rispettivamente il messicano fino al 2027 e il danese fino al 2028. Dopo queste nuove leve (Vasquez è classe 1998, Frendrup è 2001), i liguri pensano anche allo zoccolo duro di maggiore esperienza. I prossimi nomi sul tavolo, infatti, sono quelli di Badelj e Bani (classe 1989 e 1993), che rappresentano la componente esperta della squadra.

Tuttosport spiega che con Bani è pronto già un accordo fino al 2026. Mentre con Badelj si dovrà ancora discutere, in previsione di giugno 2025 o 2026. Sono da valutare, inoltre, anche le situazioni di Ekuban e Strootman, in scadenza il prossimo giugno. La cosa certa è che il Genoa prosegue sulla strada della continuità di uomini, dopo la promozione dello scorso anno e il buonissimo lavoro che il Grifone sta facendo in questa stagione.

Continua a leggere

Generico

LeBron James nella leggenda: superati i 40.000 punti in carriera

Pubblicato

:

LeBron James Los Angeles Lakers

LeBron James sempre più una leggenda del basket mondiale. Il numero 6 dei Los Angeles Lakers, nella notte italiana, ha infranto un altro record diventando il primo cestista nella storia dell’NBA a superare i 40.000 punti in carriera.

Nel corso della scorsa stagione, contro gli Oklahoma City Thunder è diventato il migliore marcatore della storia della Lega, superando Kareem Abdul-Jabbar e fissando il nuovo tetto di punti momentaneo a 38.390. Questa notte, contro i Denver Nuggets campioni in carica, LeBron James ha infranto la barriera dei 40.000 punti. Al termine dei 48′ di gara, infatti, il suo range è di 40.017.

Tutto il mondo si sta complimentando con questa icona sempreverde e leggendaria dell’NBA, che alla sua 21ª stagione da professionista e dopo aver superato da poco i 39 anni (è nato il 30 dicembre 1985), continua a fare scuola.

Inutile dire che questa statistica sembra a sua volta irraggiungibile. E, ad ora, sembra davvero impossibile pensare ad un cestista che possa superarlo. Tuttavia, a primo impatto sembrava esserlo anche il record di Abdul-Jabbar. Record rimasto invalicato per quasi 40 anni: dall’aprile 1984 fino al febbraio 2023, prima che LeBron James lo agganciasse.

Per ora, King James si riserva un posto in solitaria nel club di tutti coloro che hanno fatto 40.ooo o più punti in NBA. Cioè soltanto lui nella storia.

Continua a leggere

I nostri approfondimenti

Giovani per il futuro

Esclusive

Fantacalcio

Serie A

Trending

Scarica L'App

Copyright © 2022 | Testata giornalistica n.63 registrata presso il Tribunale di Milano il 7 Febbraio 2017 | numero-diez.com | Applicazione e testata gestita da Número Diez SRL 12106070969