Connect with us

Calcio e dintorni

FA – Football Addicted #31! “Scozia e Galles puntano al Mondiale, prime volte in Inghilterra e Irlanda del Nord”

Pubblicato

:

kane

QUESTA È FA – FOOTBALL ADDICTED, LA RUBRICA D’APPROFONDIMENTO TARGATA NUMERO DIEZ DEDICATA ESCLUSIVAMENTE AL CALCIO D’OLTREMANICA. OGNI SETTIMANA, AL MERCOLEDÌ, VI RACCONTEREMO UNA STORIA D’ATTUALITÀ O DEL PASSATO, CONDIVIDENDO CON VOI LA NOSTRA PASSIONE PER IL FOOTBALL MADE IN UK! OGGI PARLIAMO DELLE NAZIONALI UK: SCOZIA E GALLES PENSANO AL MONDIALE, INGHILTERRA E IRLANDA DEL NORD A NUOVI DEBUTTI.

Con i maggiori campionati fermi per la pausa Nazionali, nella puntata odierna di “FA – Football Addicted” non possiamo che concentrarci sugli impegni che vedranno coinvolte le selezioni del Regno Unito da qui a fine marzo.

Il Galles sarà impegnato nei delicatissimi play-offs per provare a strappare un pass per il prossimo Mondiale che si terrà in Qatar dal 21 novembre al 18 dicembre di quest’anno. Un risultato che sarebbe storico per il Cymru.

La Scozia dovrà rinunciare alla sua semifinale play-off contro Ucraina, rimandata al prossimo giugno a causa dell’invasione dell’esercito russo nel Paese confinante. La Tartan Army scenderà allora in campo contro la Polonia in un’amichevole dal significato molto speciale.

A giocare delle amichevoli saranno anche Inghilterra e Irlanda del Nord.

I Tre Leoni si sono già assicurati un posto alla prossima Coppa del Mondo e in questi giorni Gareth Southgate si concentrerà soprattutto sull’analisi di nuovi esordienti che potrebbero tornare utili alla sua Nazionale in Qatar.

La Green & White Army al Mondiale invece non ci andrà e le prossime amichevoli saranno dunque l’occasione giusta per far debuttare nuovi giovani talenti.

GALLES: SOGNO MONDIALE

Andiamo con ordine e iniziamo parlando della Nazionale del Regno Unito che nei prossimi giorni – come anticipato – si giocherà la posta in gioco più alta: la possibilità di partecipare al prossimo Mondiale.

Si tratta del Galles di Robert Page, impegnato il 24 marzo contro l’Austria al City Stadium di Cardiff, in una delle semifinali play-offs.

Chiuso il Gruppo E di qualificazione al Mondiale in Qatar al secondo posto, alle sole spalle del Belgio, il Cymru si è conquistato il diritto di sfidare gli austriaci in una gara da dentro o fuori, con la vincente di questa sfida che si guadagnerà poi la chance di giocarsi un posto alla Coppa del Mondo in finale contro la vincente di Scozia-Ucraina.

Un match delicatissimo, dunque, per i Draghi, che al Mondiale mancano dal 1958, quando l’allora Coppa del Mondo Jules Rimet venne giocata in Svezia.

Un’edizione ricordata soprattutto per la vittoria del Brasile e l’esplosione di un giovanissimo Pelé, che proprio contro il Galles diventò il più giovane marcatore nella storia di un Mondiale (alla fine del torneo diventò poi anche il più giovane Campione del Mondo della storia: 17 anni e 249 giorni, ndr).

Assicurarsi un biglietto per il Qatar per il Galles sarebbe dunque un risultato storico, con la Nazionale di Page che a questo appuntamento contro l’Austria arriva con tanta fiducia, vista l’ottima serie di risultati positivi ottenuti negli ultimi anni.

Il Cymru nelle partite casalinghe è imbattuto da ben 16 gare, con l’ultima sconfitta che risale al match perso contro la Danimarca nel novembre del 2018.

Una striscia positiva che i Draghi sperano possa essere di buon auspicio, visto che la semifinale contro l’Austria (arrivata a questo appuntamento attraverso la Nations League, ndr) si terrà a Cardiff.

Nel girone di qualificazione chiuso alle spalle del Belgio, il Galles in otto gare ha poi perso solamente in un’occasione, proprio contro i Diavoli Rossi, ribadendo ancora una volta di essere una Nazionale dal grande talento.

Non vanno infatti dimenticate le apparizioni convincenti nelle ultime due edizioni degli Europei, dove il Galles ha sempre ben figurato.

A Euro 2016 l’allora Nazionale allenata da Chris Coleman arrivò fino alle semifinali, venendo eliminata per 2-0 dal Portogallo (poi vincitore del torneo), dopo aver superato Irlanda del Nord e Belgio negli ottavi e nei quarti di finale.

A Euro 2020 il cammino dei Draghi di Robert Page si è fermato invece agli ottavi di finale, a seguito della netta sconfitta per 4-0 contro la rivelazione della competizione: la Danimarca.

GALLES: INCOGNITE E CERTEZZE

Battere l’Austria e continuare a sognare di poter giocare il prossimo Mondiale per il Galles non sarà, però, per nulla facile.

Il CT Page è chiamato a fare delle scelte importanti, dal momento che i suoi due migliori talenti non sono in uno stato di forma ottimale per una partita così delicata.

Gareth Bale sta attraversando una delle stagioni più difficili della sua carriera.

Tornato al Real Madrid, dopo la buona esperienza in prestito al Tottenham lo scorso anno, il fuoriclasse gallese quest’anno ha collezionato solamente cinque presenze e un goal nei Blancos di Carlo Ancelotti, per un totale di 270 minuti giocati.

Da settembre a oggi i minuti accumulati in campo sono stati solamente 77, con i vari infortuni a ginocchio, polpaccio e schiena che lo hanno tenuto praticamente spesso ai box (ai quali si aggiunge poi il periodo passato in isolamento per positività al Covid-19, ndr).

Proprio il problema alla schiena è il più recente, con Bale che non è nemmeno stato convocato da Ancelotti per l’ultimo Clasico perso per 4-0 contro il Barcellona al Bernabeu nell’ultimo weekend.

Il gallese, secondo quanto dichiarato dal tecnico italiano, non era infatti in grado di scendere in campo.

Page lo ha però convocato lo stesso e ora starà a lui decidere se impiegare o meno il suo capitano dal primo minuto contro l’Austria.

D’altronde per Bale questa è verosimilmente l’ultima possibilità in carriera per provare a partecipare a un Mondiale e questo stimolo potrebbe dargli la spinta giusta per superare il dolore derivante dai problemi fisici e aiutare i suoi compagni in campo.

Stesso obiettivo Mondiale impresso nella mente di Aaron Ramsey, secondo grande talento del Galles che quest’anno sta faticando molto.

Lasciata la Juventus a gennaio, dopo aver collezionato più presenze in infermeria che allo Stadium di Torino, il gallese si è unito ai Rangers di Glasgow, dove sta provando a ritrovare l’entusiasmo perso in Italia.

Dal suo arrivo in Scozia le partite giocate sono state però solamente tre, con la prima apparizione da titolare che è arrivata domenica scorsa, quando Ramsey è riuscito a segnare anche il suo primo goal con la maglia dei Gers negli 84 minuti giocati in trasferta contro il Dundee FC.

Il suo stato di forma resta però non ottimale, con Ramsey che già in passato ha però dimostrato in più occasioni di riuscire a trasformarsi quando si ritrova a indossare la maglia della sua Nazionale.

Chi sicuramente non sarà presente in campo è invece Danny Ward. Il portiere del Galles, nonché vice di Kasper Schmeichel al Leicester City, si è sottoposto infatti a un intervento chirurgico al menisco del ginocchio e a sostituirlo in campo dovrebbe essere così Wayne Hennessey.

Leggenda dei Draghi, l’estremo difensore del Burnley potrebbe così collezionare la sua presenza numero 99 con la Nazionale, avvicinandosi alle 100 partite collezionate solamente da altri due connazionali prima di lui in carriera: Chris Gunter e Gareth Bale.

Esclusi dalla lista dei convocati anche gli infortunati Kieffer Moore, Tyler Roberts e James Lawrence, con Rabbi Matondo che fa invece il suo ritorno in Nazionale dopo l’esclusione punitiva dagli ultimi Europei a causa del mancato rispetto di alcune regole. L’attaccante di proprietà dello Schalke 04 sta infatti ben impressionando quest’anno con il Brugge, dove si trova in prestito.

SCOZIA: NIENTE UCRAINA

Altra Nazionale del Regno Unito che in questi giorni si sarebbe dovuta giocare una semifinale play-offs per accedere al prossimo Mondiale è la Scozia, la quale si troverà invece in campo solamente per delle amichevoli.

A seguito dell’invasione militare della Russia di Vladimir Putin in Ucraina, il match in programma per il prossimo 24 marzo tra la Tartan Army e la Nazionale giallo-blu è stato infatti rinviato al prossimo giugno (la data precisa è ancora da destinarsi, ndr).

Una decisione inevitabile e di solidarietà nei confronti dell’Ucraina.

La Scozia vuole infatti giocarsi la possibilità di essere presente alla prossima Coppa del Mondo, ma vuole farlo sul campo, quando la situazione politica e di guerra lo permetterà, dando così giustamente anche all’Ucraina la possibilità di giocarsi le proprie carte.

La vincente di questa semifinale, quando si terrà, affronterà poi la vincente di Galles-Austria, in una finale che decreterà chi andrà in Qatar e chi no. Il tutto avverrà, con ogni probabilità, nel prossimo mese di giugno.

Presente per l’ultima volta a un Mondiale nel 1998, dopo aver partecipato a Euro 2020, la Scozia sembra ora pronta per provare a saltare l’ostacolo più alto e difficile.

Ne è sicuro Steve Archibald, attaccante scozzese degli anni ’70-’90, in cui vinse diversi titoli con Aberdeen, Tottenham e Barcellona. Parlando al The Press and Journal, l’ex Spurs ha promosso infatti la Nazionale allenata da Steve Clarke:

“Questa squadra ha tutto per arrivare al Mondiale. C’è un grande senso di appartenenza, un bel gruppo. La squadra sa tenere palla, ha una difesa forte, ha un portiere d’esperienza. È ora o mai più”.

Presente ai Mondiali giocati dalla Scozia in Spagna nel 1982 e in Messico nel 1986, Archibald non ha dubbi su quale sia il sogno di ognuno dei suoi connazionali:

“Se sei uno scozzese, vuoi giocare per la Scozia. Poi vuoi giocare ad Hampden Park e a Wembley. E poi vuoi giocare un Mondiale”.

Come detto, la sfida play-offs contro l’Ucraina è però stata messa momentaneamente in stand-by, con la Tartan Army che nei prossimi giorni si terrà impegnata allora con due amichevoli.

La prima sarà contro la Polonia, il 24 marzo, la seconda contro la perdente della sfida tra Galles e Austria, il 29 marzo. Un doppio appuntamento importante a testare lo stato di forma del gruppo e a far esordire, perché no, qualche nuovo giocatore.

SCOZIA: PER L’UCRAINA

Concentriamoci sulla prima amichevole, quella dal significato più importante.

Non potendo scendere in campo contro l’Ucraina, la Scozia giovedì sera ospiterà allora ad Hampden Park la Polonia, ammessa in automatico alla sua finale play-offs (contro la vincente di Svezia-Repubblica Ceca) a seguito dell’esclusione della Russia dalle competizioni FIFA (la Polonia avrebbe dovuto giocare la propria semifinale proprio contro la Nazionale di Mosca, ndr).

Una amichevole, quella tra Scozia e Polonia, dal grande significato, visto che entrambe le squadre giocheranno a sostegno dell’Ucraina.

Dieci pounds sul costo di ogni biglietto venduto verranno donati infatti all’UNICEF, come fondo d’emergenza per la popolazione ucraina, ai quali si aggiungerà un pound per ogni copia acquistata del match programme ufficiale della partita.

La Nazionale scozzese dovrebbe poi scendere in campo con un logo speciale. Per l’occasione lo stemma raffigurante un leone sarà colorato di giallo-blu, come già visibile sui canali social ufficiali della Scozia.

Un chiaro riferimento alla bandiera dell’Ucraina.

La partita contro la Polonia e il successivo incontro contro una tra Galles e Austria, saranno poi le occasioni giuste per il CT Clarke per provare nuovi giocatori all’interno della sua Nazionale.

L’esterno del Bologna Aaron Hickey ha infatti ricevuto la sua prima convocazione, avendo ben impressionato nelle 27 partite già accumulate in questa stagione con i rossoblù di Sinisa Mihajlovic.

Autore anche di quattro goals e un assist in questa Serie A, il diciannovenne cresciuto nelle giovanili di Heart of Midlothian e Celtic non ha lasciato indifferente il proprio Commissario Tecnico.

“Per come sta giocando al Bologna, Aaron al momento è uno dei giovani più interessanti in Europa. Per me sarà bello osservarlo da vicino, nel contesto della Nazionale”.

Clarke ha poi convocato per la prima volta anche il difensore degli Hearts Craig Halkett e l’attaccante del Sunderland Ross Stewart, altri due giovani interessanti che potrebbero debuttare contro la Polonia.

Chi non ha ricevuto una chiamata dal CT è invece Ryan Fraser.

Protagonista quest’anno di buone prestazioni con il Newcastle United, lo scozzese è stato molto probabilmente escluso per scelta punitiva.

Il giocatore lo scorso novembre aveva infatti rifiutato una convocazione in Nazionale per un infortunio, ma poi in quegli stessi giorni era stato fotografato mentre si allenava normalmente con il proprio club.

Un comportamento che non è piaciuto al CT Clarke, il quale ha poi parlato con Fraser, stabilendo che d’ora in poi la sua convocazione dipenderà esclusivamente dal suo reale stato di forma.

INGHILTERRA: NUOVI DEBUTTI?

Già sicura di un posto al prossimo Mondiale, avendo vinto da imbattuta il proprio girone di qualificazione, l’Inghilterra sfrutterà le prossime due amichevoli per mettere alla prova nuovi talenti.

I Tre Leoni saranno impegnati il 26 e il 29 marzo a Wembley contro Svizzera e Costa d’Avorio, con il CT Gareth Southgate che per l’occasione ha convocato per la prima volta tre nuovi giocatori.

Il primo è Marc Guehi, ventunenne che in questa stagione si sta affermando come uno dei pilastri del nuovo Crystal Palace di Patrick Vieira.

Già capitano dell’Under 21 inglese, Guehi quest’anno ha collezionato già 33 gare e 4 goals da difensore centrale, scendendo in campo per tutti i 90’ nelle 29 gare di Premier League nelle quali è stato impiegato (su 29 giornate).

Un insostituibile dunque per Vieira, a dimostrazione dell’eccellente investimento fatto dal Crystal Palace la scorsa estate.

Cresciuto nelle giovanili del Chelsea e con un’esperienza allo Swansea City alle spalle, Guehi è arrivato alle Eagles pochi mesi fa per 23 milioni di euro e ora è già un leader dello spogliatoio.

A sottolinearlo è stato lo stesso Vieira nella conferenza stampa pre-partita del match di FA Cup vinto poi per 4-0 dal suo Palace sull’Everton. Una partita che ha visto il suo risultato sbloccarsi proprio grazie a una rete di Guehi.

“La convocazione in Nazionale per Marc era uno degli obiettivi personali, una sua ambizione. Siamo contenti per lui e orgogliosi come club. Migliora ogni partita. Ha anche indossato la fascia da capitano in diverse occasioni quest’anno, prendendosi tante responsabilità. Per lui è solo l’inizio. Deve continuare a lavorare bene”.

Guehi non è però l’unico giocatore del Palace a essere stato convocato da Southgate.

I giocatori delle Eagles presenti nella Nazionale dei Tre Leoni per gli appuntamenti contro Svizzera e Costa d’Avorio sono infatti tre.

È presente ovviamente Conor Gallagher, talento che in questa stagione è indiscutibilmente il miglior giocatore del Crystal Palace e che ha già fatto il suo debutto con l’Inghilterra contro San Marino lo scorso novembre.

È presente, da qualche ora, anche Tyrick Mitchell, chiamato dopo che Trent Alexander-Arnold e Reece James hanno dovuto declinare la convocazione per infortunio.

Così come Aaron Ramsdale e Tammy Abraham, sostituiti da Sam Johnston, Ollie Watkins e Kyle Walker-Peters, di cui parleremo tra poco.

Terzino sinistro di 22 anni, Mitchell vanta già 33 presenze con il Crystal Palace quest’anno. Ha giocato tutte e 29 le gare di Premier League, saltando solamente gli otto minuti finali della partita contro il Tottenham.

Ha fatto due assists contro Newcastle e Watford ed è stato Giocatore del Mese di novembre per il club.

Prodotto delle giovanili delle Eagles, dopo una parentesi anche in quelle del Brentford, Mitchell con le sue prestazioni ha così attirato l’attenzione di Southgate.

“Siamo stati impressionati dalle sue partite. Difende molto bene e ha giocato in maniera convincente anche contro squadre di prima fascia in Premier League”.

Sebbene fosse nell’aria, la prima convocazione in Nazionale ha comunque sorpreso Mitchell, che in carriera non aveva mai collezionato alcuna presenza in nessuna categoria giovanile dell’Inghilterra. Una grande gioia, dunque, spiegata così a Palace TV.

“Sono al settimo cielo. Senza parole. Ho aspettato l’ufficialità prima di dirlo a mia mamma. Vedermi giocare a Wembley è uno dei suoi sogni”.

Stesso entusiasmo che sta provando al momento Kyle Walker-Peters, terzo nuovo innesto nella Nazionale di Southgate.

Indossata la maglia dell’Inghilterra U21 in 9 occasioni, per il terzino sinistro è la prima convocazione in Nazionale maggiore.

A 24 anni è ormai un volto noto della Premier League e le sue ottime prestazioni accumulate nelle ultime due stagioni con il Southampton lo hanno portato a questo risultato tanto atteso.

Lasciato il Tottenham, dove si è formato nelle giovanili del club, è proprio a Southampton che ha trovato l’ambiente giusto nel quale continuare a crescere.

Prima in prestito, da gennaio a giugno del 2020. Ora a titolo definitivo, dopo che i Saints hanno deciso di acquistarlo due estati fa.

28 presenze, 2 goals e 4 assists i suoi numeri di questa stagione. Niente male per un terzino che all’occorrenza viene usato da Ralph Hasenhüttl anche come esterno di centrocampo a destra.

Guehi, Mitchell e Walker-Peters. Tre giovani molto interessanti e sui quali focalizzeremo le nostre attenzioni in questa pausa Nazionali. In attesa di un loro, molto probabile, debutto.

IRLANDA DEL NORD: GIOVANI PROMETTENTI

Chi in Qatar quest’inverno non ci sarà è l’Irlanda del Nord, unica Nazionale del Regno Unito a non essere ancora in corsa per un posto al Mondiale.

Chiuso il proprio girone di qualificazione al terzo posto, alle spalle di Svizzera e Italia, la Nazionale allenata da Ian Baraclough si concentrerà così nei prossimi giorni su un paio di gare amichevoli.

Lussemburgo (il 25 marzo) e Ungheria (il 29) le avversarie, con la Green & White Army che potrà utilizzare questi due appuntamenti per testare nuovi ragazzi, in un discorso analogo, dunque, a quello fatto per l’Inghilterra.

Il CT ha convocato per la prima volta Caolan Boyd-Munce, centrocampista che sta ben figurando al Middlesbrough negli ultimi mesi.

Iniziata la stagione con il Birmingham City, a gennaio il ventiduenne nordirlandese si è trasferito al Boro, dove Chris Wilder lo ha già impiegato in un match di Championship contro il Barnsley e in uno di FA Cup contro il Mansfield Town. Era in panchina anche contro il Chelsea sabato scorso, nel quarto di FA Cup vinto dalla squadra di Thomas Tuchel.

Tra i Blues di Birmingham e il Middlesbrough quest’anno Boyd-Munce ha poi collezionato anche 12 presenze in Premier League 2, campionato giovanile creato per far crescere giocatori U23.

Passato anche per le giovanili del Glentoran, il suo compito sarà quello di sostituire Matty Kennedy, infortunatosi recentemente con l’Aberdeen.

Oltre a Boyd-Munce, a ricevere la loro prima convocazione in Nazionale maggiore sono stati poi Paddy Lane e Trai Hume.

Prodotto delle giovanili del Blackburn Rovers e dell’Hyde United e con una parentesi in prestito al Farsley Celtic, Paddy Lane a 21 anni sta imparando il mestiere sui campi della League One inglese, dove gioca con il Fleetwood dalla scorsa estate.

Centrocampista centrale, abile a ricoprire anche il ruolo di trequartista, quest’anno ha collezionato 33 presenze, mettendo a referto anche 5 goals e 8 assists.

Lo scorso anno debuttò con la Nazionale U21 dell’Irlanda del Nord. Ora è pronto a fare lo stesso con quella maggiore.

Sogno che spera di realizzare anche Trai Hume, che la maglia della Green & White Army l’ha già indossata a livello U17, U18, U19 e U21.

Terzino destro di soli vent’anni, è cresciuto nei settori giovanili di Ballymena United e Linfield in Irlanda del Nord, prima di volare in Inghilterra lo scorso gennaio.

Ha firmato infatti con il Sunderland, con qui ha collezionato fin qui due presenze in League One.

Delle sue 27 presenze stagionali, la maggior parte – 17 – sono arrivate in Premiership nordirlandese, con il Linfield, con cui ha giocato anche un match di qualificazione alla Champions League e ben quattro alla Conference League.

Oltre che come terzino, Baraclough potrà schierarlo anche come centrale in caso d’emergenza.

Emergenza che potrebbe però essere rientrata, dato che Jonny Evans ha fatto il suo ritorno a sorpresa in Nazionale.

Fermo dallo scorso dicembre a causa di un infortunio al tendine del ginocchio, il difensore del Leicester City è tornato in campo nell’ultimo weekend di Premier League, subentrando al 64’ al posto di Timothy Castagne contro il Brentford.

Un ritorno inaspettato e che ha portato come conseguenza l’immediata chiamata in Nazionale di Evans. Il CT nordirlandese ha già annunciato che il giocatore delle Foxes sarà dunque disponibile per il match contro il Lussemburgo, mentre resterà a riposo contro l’Ungheria.

IRLANDA DEL NORD: NO ALLA RUSSIA!

Chiudiamo il nostro focus sulle Nazionali del Regno Unito sottolineando la presa di posizione netta della Federcalcio nordirlandese nei confronti della situazione che si è creata in Ucraina dopo l’invasione militare da parte della Russia.

L’Irish Football Association ha dichiarato che la Nazionale dell’Irlanda del Nord non giocherà alcuna partita contro la Russia nel prossimo futuro. A nessun livello.

Il match tra le due Nazionali in programma per il 29 marzo prossimo e valido per le qualificazioni all’Europeo 2023 dell’U21 è stato cancellato, con la selezione nordirlandese che scenderà in campo contro la Francia in un’amichevole il 28.

Un netto NO alla Russia, quindi, con una decisione simile che è stata presa anche da Galles, Scozia e Inghilterra.

Il Regno Unito del calcio si schiera compatto contro la guerra.

And now – once more – let’s grab a pie and a beer, mates. Enjoy!

Alla prossima puntata di ‘FA – Football Addicted’!

 

Recupera le puntate precedenti di ‘FA – Football Addicted’ QUI

[INTERAGISCI CON NOI! Hai in mente una particolare storia di calcio britannico di cui vorresti leggere un nostro approfondimento nella rubrica FA – Football Addicted? Lascia un commento in risposta alle nostre stories Instagram o scrivici un messaggio. Il tema della prossima puntata potresti sceglierlo tu!]

Continue Reading
Commenta

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Calcio e dintorni

Il presidente della Liga Tebas ancora contro la Juventus e Agnelli

Pubblicato

:

Juventus

Il presidente della Liga spagnola Tebas, dopo il comunicato pubblicato nei giorni scorsi immediatamente dopo lo scioglimento del cda della Juventus, ha rincarato la dose scagliandosi ancora contro Andrea Agnelli. Ecco le sue dichiarazioni, riportate da Gianluca Di Marzio:

LA JUVENTUS NON CI DIA LEZIONI

La Liga parla di sostenibilità finanziaria dal 2020, ma non ho mai sentito nessuno dei promotori della Superlega, dal Real alla Juventus, parlare di questa cosa in nessuna delle riunioni UEFA, né ad alta e né a bassa voce. Non ci possono dare lezioni i leader della Superlega. La Juventus soprattutto con le notizie di questa settimana“.

AGNELLI? NON CREDO SIA UN LEADER

Non credo che sia un leader per parlare al calcio europeo di sostenibilità finanziaria quando il suo CdA è indagato per aver falsificato i bilanci con dati alla mano e anche con intercettazioni telefoniche“.

LA SUPERLEGA È UNA SCUSA

Non è un formato di competizione. È una scusa, è un concetto ideologico che si è creato in quel gruppo di club nato con Florentino Perez. La base è che i club più ricchi, con ricavi maggiori, comandino il calcio“.

 

Continua a leggere

Calcio e dintorni

Germania eliminata, ma la Federazione aveva già comprato i biglietti di ritorno!

Pubblicato

:

Germania

Ieri abbiamo assistito alla seconda eliminazione consecutiva della Germania ai gironiLa squadra di Flick si è imposta per 4-2 sul Costa Rica, ma non è servito a niente in virtù della vittoria del Giappone sulla Spagna.

In patria già i tifosi si sono alterati per l’eliminazione inattesa contro i nipponici, ma stando alla Bild la situazione è peggiorata per via della Federazione. La Deutscher Fußball-Bund, stando al quotidiano tedesco, aveva acquistato i biglietti di ritorno nella giornata di ieri prima del match decisivo contro il Costa Rica, cosa che ha fatto infuriare tutti i tifosi. Gli uomini di Flick partiranno alle 14:30 direzione Fracoforte, dove sicuramente non ci saranno tifosi contenti ad attenderli.

Continua a leggere

Calcio e dintorni

La Torres cade ancora in casa: sconfitta 0-1 contro il Fiorenzuola

Pubblicato

:

Juve Stabia

LEGA PRO TORRES FIORENZUOLA – Continua il periodo opaco della Torres, sconfitta al Vanni Sanna per 0-1 contro il Fiorenzuola. I rossoblù non vincono da quasi un mese (2-1 contro il Montevarchi), ma rimangono ancora al dodicesimo posto del Girone B di Lega Pro.

CRONACA DEL MATCH

I sassaresi giocano una buona gara, al pari della squadra – fin qui – rivelazione del campionato. Dopo una prima frazione equilibrata, nel secondo tempo la Torres entra più concreta. Sorgente, entrato al nono della ripresa, è l’uomo più pericoloso: al 68’ e al 73’, con due buone occasioni, va vicino alla rete del vantaggio.

Gol che, invece, trovano gli ospiti due minuti dopo: al 75’ Mastroianni impatta bene un cross arrivato dall’out mancino, insaccando a fil di palo.

Dopo la rete gli animi si accendono: arriva anche un’espulsione al 79’ per gli ospiti, con Quaini condannato dal doppio giallo.

Nel finale i padroni di casa tentano il tutto per tutto, forti anche della superiorità numerica ma non basta: i piacentini passano a Sassari. Per la squadra di Greco, ora, si avvicina pericolosamente la zona playout, con soli 3 punti di vantaggio.

Continua a leggere

Calcio e dintorni

Lega Pro, alle 17.30 Torres-Fiorenzuola: come arrivano le due squadre

Pubblicato

:

Modena

Reduce dal pareggio in terra marchigiana contro l’Ancona, per la Torres arriva a Sassari il Fiorenzuola, per il turno infrasettimanale del Girone B di Lega Pro.

I rossoblù non vincono dal 5 novembre (2-1 al Montevarchi) e sono in piena emergenza, per lo più nel reparto offensivo, privo degli infortunati Ruocco e Sanat e dello squalificato Diakite. Il centrocampista dei sassaresi, Alessandro Masala, ha presentato così la gara: “Sarà sicuramente una partita impegnativa, loro hanno fatto benissimo nel girone di andata. Il Fiorenzuola è una squadra che gioca molto palla a terra, dovremo essere bravi e attenti. Noi sfrutteremo le nostre caratteristiche per riuscire a portare a casa il risultato. Siamo in casa nostra daremo il massimo”

Gli ospiti, rivelazione del campionato, si presentano al Vanni Sanna forti della loro fase difensiva: con solo 9 reti subite i rossoneri hanno infatti la terza miglior difesa dopo Siena (6 gol subiti) e Cesena (8), anche se di queste ben 7 sono arrivate in trasferta. Da tenere d’occhio Mattia Morello, che ha segnato sin qui 4 reti con la maglia del Fiorenzuola.

I PRECEDENTI

Solo nella stagione 99/00 si sono affrontate le due compagini, annata che terminò con la promozione dei rossoblù. Nella gara di andata, disputata a Sassari il 28 novembre, gli uomini di Leonardi vinsero per 1-0 grazie alla rete di Luca Amoruso. Grande trionfo invece in Emilia, con una netta vittoria rossoblù per 1-4 con doppietta di Karasavvidis, gol di Riccardo Chechi e ciliegina finale di Luca Amoruso, che raggiunse il bomber greco come miglior marcatore nella brevissima storia di questa sfida, che martedì andrà di nuovo in scena, ventidue anni dopo.

Continua a leggere
Advertisement
Advertisement

I nostri approfondimenti

Giovani per il futuro

Esclusive

Fantacalcio

Serie A

Trending

Scarica L'App

Copyright © 2022 | Testata giornalistica n.63 registrata presso il Tribunale di Milano il 7 Febbraio 2017 | numero-diez.com | Applicazione e testata gestita da Número Diez SRL 12106070969