Connect with us
Fanta-Obiezione della 26ª giornata: i casi Lukaku, Theo e non solo

Fantacalcio

Fanta-Obiezione della 26ª giornata: i casi Lukaku, Theo Hernandez e non solo

Pubblicato

:

Fanta-Obiezione della 26ª giornata

La 26ª giornata di campionato è ormai storia. Tuttavia, in ottica fantacalcio, sono ancora tante le polemiche in merito alle valutazioni discordanti elaborate dalle varie redazioni di riferimento. Se da un lato regna sovrana la soggettività, dall’altro però bisogna riconoscere quanto alcuni profili vengano troppo spesso lodati/penalizzati rispetto alla reale dimensione della prestazione fornita.

Diamo un’occhiata, qui di seguito, ai casi più eclatanti del turno appena concluso.

ROMELU LUKAKU

VOTO GAZZETTA: 5
VOTO FANTACALCIO.IT : 6

La Gazzetta dello Sport valuta l’operato del belga nettamente insufficiente: gol su rigore a parte, per lui “prestazione molto al di sotto delle aspettative” poiché “sbatte ripetutamente” contro la difesa spezzina e “non riesce a liberarsi praticamente mai in area di rigore avversaria. Fantacalcio.it molto più accomodante nel giudizio, che premia il bomber nerazzurro soprattutto per la freddezza dimostrata in occasione del tiro dagli 11 metri. Nonostante risulti “confusionario e assente” per buona parte della gara, ha il merito di rispondere presente laddove chiamato in causa. Per noi il gol non salva Big Rom dall’ennesima uscita stagionale non proprio esaltante: avulso dalla manovra e poco incisivo negli ultimi 16 metri, appare lontanissimo dal giocatore straripante ammirato durante la sua prima esperienza nerazzurra.

THEO HERNANDEZ

VOTO GAZZETTA: 6.5
VOTO FANTACALCIO.IT : 5.5

Per La Gazzetta dello Sport il pendolino rossonero è autore di una prova estremamente positiva, poiché risulta essere il più attivo e pericoloso dei suoi per buona parte del match. Taglia la difesa avversaria con grande continuità ed efficacia; i suoi movimenti creano scompiglio a più riprese, nonostante fondamentalmente gli manchi il guizzo vincente. Fantacalcio.it fornisce una visione totalmente opposta riguardo la sua performance, definendola “deludente“. Ha il demerito diaccendersi di rado e non applicarsi al massimo delle sue possibilità”: nel finale ci prova in maniera più decisa, ma nel complesso poca roba. In questo caso per noi la verità sta nel mezzo: Theo per noi è da 6 pieno perché nonostante non incida direttamente in zona gol, è comunque uno dei più propositivi ed  attenti tra le fila milaniste.

STEPHAN EL SHAARAWY

VOTO GAZZETTA: 5
VOTO FANTACALCIO.IT : 6

La Gazzetta dello sport drastica e diretta nei confronti del faraone, protagonista di una gara tutto sommato deludente: “sono ben 17 le palle perse” dall’ala giallorossa, che risulta spenta ed inconcludente. Tanti gli errori tecnici in fase di disimpegno, come per esempio l’appoggio a Bove in occasione del primo gol di Laurienté. Di tutt’altro parere la redazione di Fantacalcio.it, che dipinge il numero 92vivo e sempre sul pezzo. Nonostante la Roma faccia fatica a creare gioco, lui si distingue per l’abnegazione e l’assist servito nell’occasione del gol di Dybala. Per noi prova da sufficienza striminzita per il classe ’92, sempre utile con le sue sgasate, ma sicuramente meno preciso e lucido di quanto dimostrato nel corso dell’ultimo mese e mezzo.

GIANLUCA CAPRARI

VOTO GAZZETTA: 5.5
VOTO FANTACALCIO.IT : 6.5

Per La Gazzetta dello Sport prestazione palesemente sottotono quella del numero 17 brianzolo, addirittura “da scuotere il capo”. Tenta di rendersi pericoloso ma senza produrre particolari sussulti; nettamente insufficiente, ancora lontano dagli standard di rendimento evidenziati nella passata stagione. Fantacalcio.it invece lo definisce “elettrico”, poichè l’unico nelle file del Monza capace di accendere la luce” con la sua qualità. “Mette lo zampino sul gol dell’ 1 a 1 e si vede annullare la rete del sorpasso” per il tacco galeotto di Petagna in fuorigioco. Ecco perché, nel complesso, 6.5 più che meritato. Valutazione, quest’ultima, con cui siamo totalmente d’accordo: nonostante la partenza a rilento, il fantasista ex Verona sale in cattedra con il passare dei minuti e dimostra tutto il potenziale a disposizione.

MARTIN SATRIANO

VOTO GAZZETTA: 5
VOTO FANTACALCIO.IT : 6

Per La Gazzetta dello sport tanto movimento ma poca incisività” per l’attaccante empolese, che svaria su tutto il fronte d’attacco ma viene contenuto senza troppi patemi dalla solida retroguardia friulana per tutti i 90 minuti. Viene meno l’aspetto fondamentale: la concretezza. Per Fantacalcio.it invece rendimento pienamente sufficiente, considerato il “grande impegno” profuso: “si sacrifica, torna e viene a cucire il gioco” rendendosi pericoloso ”con un colpo di testa angolato che impegna severamente Silvestri”. Dal nostro punto di vista prova da 5.5 in pagella: la generosità è encomiabile, ma poi serve sicuramente quel guizzo in più in area di rigore indispensabile per determinare.

A cura della redazione @Fanta__Boom

Continue Reading
Commenta

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Fantacalcio

Fanta-Obiezione della 27ª giornata: i casi Leao e Strefezza

Pubblicato

:

fanta-obiezione

La 27ª giornata di campionato è ormai storia. Tuttavia, in ottica fantacalcio, sono ancora tante le polemiche in merito alle valutazioni discordanti elaborate dalle varie redazioni di riferimento. Se da un lato regna sovrana la soggettività, dall’altro però bisogna riconoscere quanto alcuni profili vengano troppo spesso lodati/penalizzati rispetto alla reale dimensione della prestazione fornita.

Diamo un’occhiata, qui di seguito, ai casi più eclatanti del turno appena concluso.

RAFAEL LEAO

VOTO GAZZETTA: 5
VOTO FANTACALCIO.IT : 6

La Gazzetta dello Sport giudica nettamente insufficiente l’operato del portoghese, un calciatore a dir poco irriconoscibile rispetto ai suoi standard di rendimento. Spento e poco lucido, risulta sempre “ai margini della manovra”, non riuscendo in nessun modo a trascinare i suoi. Non crea quasi mai la superiorità numerica e si rende pericoloso soltanto in un paio di occasioni. Per fantacalcio.it invece il classe ‘99 strappa una striminzita sufficienza: nonostante non brilli particolarmente per efficacia, ha il merito di guadagnarsi il rigore del momentaneo pareggio ed è l’unico tra le file rossonere a provarci fino in fondo. In questo caso ci schieriamo dalla parte della Rosa, in quanto giudichiamo il suo apporto decisamente al di sotto delle aspettative. Da uno del suo calibro ci si aspetta sicuramente più di qualche guizzo sporadico.

GABRIEL STREFEZZA

VOTO GAZZETTA: 5.5
VOTO FANTACALCIO.IT : 6.5

Per La Gazzetta dello Sport prova piuttosto negativa quella dell’esterno italo-brasiliano che, nonostante si attesti come l’uomo più arrembante dei pugliesi in zona offensiva, non riesce ad incidere concretamente sul match e perde addirittura il  “sanguinosopallone che dà il là alla ripartenza viola dell’1 a 0. Per Fantacalcio.it invece il numero 27 giallorosso è “sgusciante: sempre nel vivo dell’azione, è da lui che arrivano i principali pericoli per la retroguardia toscana. Inventa, rifinisce e funge da trascinatore, pur non riuscendo a sovvertire le sorti della gara. Per noi performance tutto sommato positiva quella del fantasista salentino, in netta crescita rispetto alle uscite incolore che hanno caratterizzato il suo cammino pre-sosta. È l’ultimo ad arrendersi, giocatore indispensabile nei meccanismi di Baroni.

ADAM MARUSIC

VOTO GAZZETTA: 5
VOTO FANTACALCIO.IT : 6.5

La Gazzetta dello Sport etichetta il terzino biancoceleste come il peggiore in assoluto dei suoi, ponendo l’attenzione soprattutto sulla scriteriata espulsione raccolta nel concitato finale del derby. “Nonostante nella Lazio non ci sia una vera e propria nota stonata, Marusic s’impegna” e riesce ad essere protagonista in negativo, rimediando una squalifica evitabile. Di tutt’altro avviso Fantacalcio.it che lo descrive solido ed incisivo, sempre preciso in fase di marcatura (tiene a bada senza troppi problemi Spinazzola) e propositivo in zona d’attacco (contribuisce proficuamente alle azioni offensive). Per noi prestazione assolutamente convincente quella del serbo, che non commette sbavature nell’arco dei 90 minuti e disputa una gara autorevole (su cui l’espulsione a fine gara non incide in alcun modo).

MATTEO DARMIAN

VOTO GAZZETTA: 5
VOTO FANTACALCIO.IT : 6

Per La Gazzetta dello Sport prova da 5 in pagella quella del difensore nerazzurro: utilizzato come braccetto, non riesce a garantire sicurezza al reparto e paga la presenza quasi nulla di Dumfries in fase di copertura. Troppo spesso isolato e in balia delle onde, non riesce a contenere a dovere Kostic. Diverso il punto di vista offerto da fantacalcio.it che, al netto di qualche errore di troppo, dipinge il classe ‘89 un soldato. Prezioso e attento nel svolgere le due fasi, si distingue per un paio di interventi essenziali in ripiegamento e risulta complessivamente uno dei più continui di casa Inter. Per noi invece prova leggermente sotto la sufficienza, poiché pur ricoprendo diligentemente il ruolo, viene ripetutamente “messo in mezzo” e fa fatica a trovare la posizione giusta in più di un’occasione (come per esempio nell’azione della rete che decide il match).

STEFAN POSCH

VOTO GAZZETTA: 6.5
VOTO FANTACALCIO.IT : 5.5

La Gazzetta dello Sport valuta in maniera estremamente positiva la gara disputata dal difensore austriaco contro la Salernitana. Ennesima prova di “solidità ed attenzione”, per una delle maggiori rivelazioni di questo campionato: elemento sicuro ed affidabile, ormai vera e propria garanzia. Giudizio diametralmente opposto quello emesso da fantacalcio.it, per cui il felsineo risulta “insicuro ed incerto” soprattutto in fase di possesso. Non riesce quasi mai a sganciarsi con pericolosità ma soprattutto appare rivedibile quando chiamato a chiudere su Kastanos e Bradaric. In questo caso ci schieriamo indiscutibilmente dalla parte della Rosa poiché convinti dal rendimento del bolognese che, seppur meno arrembante del solito, offre esperienza e stabilità a tutto il reparto

 

A cura della redazione @Fanta__Boom

Continua a leggere

Fantacalcio

Top e flop della 27ª giornata di Serie A

Pubblicato

:

Top e flop della 27ª giornata

TOP E FLOP DELLA 27ª GIORNATA – Si è appena conclusa una 27ª giornata ricca di tensioni e polemiche.

Continua la marcia trionfale del Napoli, che schianta a domicilio il Torino e mette una serie ipoteca sul terzo scudetto della sua storia (+19). Sale al secondo posto la Lazio, che si aggiudica di misura la stracittadina e allunga sulle dirette concorrenti in zona Champions. Crollano le milanesi: l’Inter cede il passo alla Juventus, che con un gol di Kostic sbanca San Siro e torna ad alimentare speranze europee. Notte fonda per il Milan, a dir poco irriconoscibile nella trasferta della Dacia Arena. Vince nel finale l’Atalanta, che resta attaccata al gruppetto di testa (5 squadre in 7 punti).

Nella parte bassa perdono Spezia e Verona, rispettivamente quartultima e terzultima; sussulto della Samp, che vince la sua prima gara interna stagionale e si porta a quota 15 punti. Chiude la classifica la Cremonese, che strappa un buon pari in casa del Monza.

Ora però diamo uno sguardo più approfondito alle prestazioni dei singoli che più si sono distinti (nel bene e nel male) durante questo turno di campionato.

TOP

OSIMHEN: (voto 8)

Il nigeriano versione 22/23 è una sentenza, un’ira di Dio. Con la doppietta al Torino fa 21 gol in campionato, eguagliando il record di Eto’o come miglior africano in Serie A. Strapotere fisico impressionante, velocità supersonica ed implacabile fame di bonus: calciatore pazzesco. Imprendibile negli spazi aperti, inarrestabile in percussione, dominatore incontrastato nei duelli aerei: anche Schuurs (fino a domenica uno dei migliori interpreti del ruolo nella stagione in corso) ha dovuto alzare bandiera bianca dinanzi a cotanta furia. Se Napoli sogna, gran parte del merito è del suo capocannoniere. Attualmente è senza dubbio uno dei migliori centravanti in circolazione.

Devastante.

GABBIADINI: (voto 7.5)

MVP per distacco, sia per l’incisività dimostrata in zona bonus che per il grande sostegno offerto in fase di manovra per tutti i 90 minuti. Il bomber blucerchiato fa ammattire la difesa scaligera, svaria su tutto il fronte d’attacco e si prende la scena con una straordinaria doppietta: primo gol da autentico rapinatore d’area, secondo da vero e proprio artista. Grinta, personalità, concretezza: è lui l’anima di una Sampdoria che non vuole mollare, nonostante le evidenti difficoltà strutturali ed una situazione di classifica ormai oggettivamente compromessa. Da vero leader, si carica la squadra sulle spalle e prova a scuotere il gruppo in vista dell’ultima parte di campionato.

Highlander.

ZACCAGNI: (voto 7.5)

Letteralmente incontenibile, semina il panico su tutto il fronte sinistro giallorosso ad ogni sortita offensiva. Non dà mai punti di riferimento e taglia costantemente a fette la difesa romanista, creando pericoli a ripetizione con guizzi e giocate di qualità. È l’uomo più in forma della banda di Sarri, sempre più determinante e consapevole; la prodezza con cui decide il match è soltanto la ciliegina sulla torta dell’ennesima prestazione da capogiro, che gli permette di arrivare a quota 9 reti in campionato e raggiungere il suo capitano Ciro Immobile in cima alla classifica dei marcatori di squadra. Migliore stagione di sempre per l’arciere.

Sontuoso.

FLOP

IBANEZ: (voto 4)

“Non c’è due senza tre!”. Il centrale giallorosso si riconferma protagonista in negativo del derby della Capitale, rimediando due cartellini gialli in mezz’ora e condizionando nettamente l’andamento della terza stracittadina consecutiva. Va palesemente in difficoltà nelle situazioni di 1 vs 1 e commette una sciocchezza colossale in occasione dell’espulsione, quando sbaglia uno stop elementare a centrocampo e travolge Milinkovic-Savic per bloccare la ripartenza biancoceleste. Falloso, disattento, ingenuo: per lui Lazio-Roma è diventata una vera e proprio maledizione.

Recidivo.

THIAW: (voto 4.5)

Dov’è finito l’irreprensibile difensore ammirato ad inizio 2023? Prestazione da horror quella del Friuli per il centrale tedesco, che si fa anticipare nettamente da Beto in occasione del 2 a 1 e risulta troppoleggero” nel corpo a corpo con Success sulla situazione che porta al 3 a 1. Lento, svagato e poco brillante, commette errori grossolani sia dal punto di vista del posizionamento, che in fase di impostazione. Sembra sbandare inesorabilmente insieme a tutta la retroguardia rossonera, incapace di ritrovare la solidità e l’attenzione che hanno da sempre contraddistinto la gestione Pioli.

Sconcertante.

GALLO: (voto 5)

Perennemente in affanno in fase di contenimento ed allo stesso tempo impreciso in quella di rifinitura. Il terzino giallorosso soffre le sgasate di Nico Gonzalez per tutto l’arco del match, sbaglia ripetutamente le scelte palla al piede e realizza il rocambolesco autogol che condanna il Lecce nella gara del Franchi contro la Fiorentina. Nonostante lo spirito di sacrificio ed il grande dinamismo, quella del classe 2000 è un’altra gara da dimenticare: rendimento in picchiata nell’ultimo periodo per lui, attualmente uno degli elementi più in difficoltà della compagine di Baroni.

Calante.

A cura della redazione Fanta__Boom

Continua a leggere

Fantacalcio

I consigli del fantacalcio per la 27ª giornata

Pubblicato

:

i consigli del fantacalcio per la 27ª giornata

I CONSIGLI DEL FANTACALCIO PER LA 27ª GIORNATA – Attenzione alla distrazione data dai sorteggi europei: oggi, alle 18:30, inizia un’altra giornata del fantacalcio, l’ultima prima della sosta.

Perciò è il momento di scoprire i consigli per questo 27° turno di campionato, che presenta il derby di Roma e il derby d’Italia. Una giornata dunque non facile per schierare la formazione al fantacalcio, i big match sono sempre un’incognita.

I CONSIGLI DEL FANTACALCIO PER LA 27ª GIORNATA: PORTIERI

CONSIGLIATI: Ochoa, Musso, Onana

Ochoa anche a San Siro contro il Milan si è confermato un portiere affidabile, in casa contro il Bologna potrebbe tirare fuori un’altra prestazione utile soprattutto in chiave modificatore. Musso potrebbe ritrovare il clean sheet (sarebbe il secondo di fila in casa) contro un Empoli che ultimamente sta faticando a segnare. Nonostante il big match con la Juve, Onana si può schierare, ha dimostrato di poter essere un portiere determinante.

SCONSIGLIATI: Falcone, Dragowski, Milinkovic-Savic

Falcone in casa di una Fiorentina che ha ritrovato smalto in zona gol potrebbe passare una giornata non proprio positiva. Lo Spezia è un po’ in emergenza in difesa e il Sassuolo è in buonissimo momento davanti, perciò Dragowski potrebbe ricevere qualche malus pesante. Milinkovic-Savic nelle ultime due ha mantenuto la porta inviolata, ma il Napoli sa sempre come colpire.

I CONSIGLI DEL FANTACALCIO PER LA 27ª GIORNATA: DIFENSORI

CONSIGLIATI: Scalvini, Dodô, Mario Rui

Scalvini potrebbe fare una grande partita contro gli attaccanti dell’Empoli, che non vivono un bel momento, e magari anche rendersi sui piazzati, che i toscani soffrono non poco. Dodô è uno dei difensori più in forma dell’ultimo periodo – tre 6.5 e un 7 con assist nelle ultime quattro -, contro il Lecce può fare ancora bene regalando almeno un bonus. Mario Rui rientra dopo i due turni di squalifica, chissà che non si faccia perdonare il rosso di Empoli con un assist.

SCONSIGLIATI: Doig, Buongiorno, De Vrij

Doig sta vivendo un calo fisiologico, ha perso la brillantezza di inizio anno: non va escluso a priori, ma se avete di meglio in difesa si può panchinare. Buongiorno potrebbe andare in difficoltà contro l’attacco del Napoli, lui spesso ricorre anche alle maniere forti (8 ammonizioni) e l’ipotesi che arrivi un -0.5 non è remota. De Vrij ha visto il campo con poca continuità nell’ultimo periodo, potrebbe peccare di lucidità in un match delicato.

I CONSIGLI DEL FANTACALCIO PER LA 27ª GIORNATA: CENTROCAMPISTI

CONSIGLIATI: Ciurria, Pasalic, Kostic

Ciurria potrebbe giocare ancora in posizione di trequartista, dove vede di più la porta: nel derby lombardo potrebbe regalare ancora bonus. Pasalic è fermo a 2 gol, nelle sue stagioni passate con l’Atalanta non ha mai chiuso sotto le 5 reti e Gasp ha bisogno che anche lui trovi la porta: la partita con l’Empoli sembra la partita giusta per sbloccarsi. Kostic è in formissima in questo periodo – 4 assist nelle ultime 4 partite – e non si può non confermare anche nel derby d’Italia, all’andata fece molto bene.

SCONSIGLIATI: Gonzalez, Bandinelli, Filippo Ranocchia

Anche Joan Gonzalez vive un momento di appannamento, normale per un giovane come lui: in casa della Fiorentina potete lasciarlo fuori. Bandinelli non è al meglio e contro una squadra intensa come l’Atalanta serve stare bene: meglio non rischiarlo. Filippo Ranocchia con il rientro di Sensi sta vedendo sempre meno il campo, anche in questa giornata potrebbe non prendere voto come nelle ultime due.

I CONSIGLI DEL FANTACALCIO PER LA 27ª GIORNATA: ATTACCANTI

CONSIGLIATI: Leao, Petagna, Pinamonti

Il ritorno di Ibra dal 1′ potrebbe dare la scossa e risvegliare Rafa Leao, che a Udine potrebbe ritrovare il gol dopo il lungo digiuno. Petagna ha fatto bene nelle ultime uscite, gli manca soltanto la rete: la Cremonese gli porta fortuna (all’andata oltre ai due assist trovò anche il gol), il +3 a questo giro potrebbe arrivare. Si è già sbloccato invece Andrea Pinamonti, che potrebbe giovare dei rifornimenti di Laurienté da una parte e Berardi dall’altra trovando ancora la rete.

SCONSIGLIATI: Pjaca, Rebic, Gaich

Zanetti ha parlato di un blocco mentale di Pjaca: il croato potrebbe trovare spazio, vista l’emergenza davanti degli azzurri, ma non sembra in grado di poter incidere al momento. Possibile un buon minutaggio a Udine per Rebic (Ibra non ha i 90′), che però è apparso tutt’altro che brillante di recente quando ha giocato. Gaich ha faticato nelle ultime partite, si possono schierare attaccanti migliori al momento.

Continua a leggere

Fantacalcio

Fantachicca statistica della 27ª giornata

Pubblicato

:

fantachicca statistica della 27ª

FANTACHICCA STATISTICA 27ª GIORNATA – Se ami il fantacalcio e sei appassionato di statistiche, questa è la rubrica perfetta per te.

È partito ufficialmente il countdown per la 27ª giornata di Serie A: start venerdì alle ore 18:30 con l’anticipo in programma al Mapei Stadium tra Sassuolo e Spezia.

Proviamo quindi ad analizzare, attraverso lo studio di precedenti e trend evidenziati, i 5 profili che potrebbero regalare più soddisfazioni nel corso del prossimo turno. Tra conferme, outsider e ritorni di fiamma, ecco le nostre nomination: vietato farne a meno.

FILIP KOSTIC

Primo tra i centrocampisti in Serie A per cross tentati (164), secondo per big chance create (10) e terzo per passaggi chiave effettuati (51). Non c’è manovra bianconera che non sfoci sulla fascia sinistra: la freccia serba è l’arma in più di questa Juventus, martello costante e pregevole rifinitore (già 9 assist all’attivo in stagione). Attualmente il numero 17 è l’uomo più in forma degli elementi della rosa di Allegri: a bonus in 4 delle ultime 6, è ormai impossibile fare a meno di lui (FM 6.65). Nella gara d’andata allo Stadium risultò pressoché inarrestabile, dando un contributo fondamentale per la conquista dei 3 punti. Riuscirà ad attestarsi come MVP anche domenica sera? Assolutamente da provare.

MARKO ARNAUTOVIC

La Salernitana è l’unica squadra contro cui l’attaccante austriaco ha realizzato almeno una rete in 3 differenti incontri di Serie A: praticamente una sentenza. Dopo un ottimo avvio di stagione caratterizzato da 8 gol e 1 assist nelle prime 15 (FM 7.83), l’ariete felsineo è totalmente sparito dai radar. Nelle ultime 10 giornate (causa infortunio e rapporto non proprio idilliaco con Thiago Motta) ha collezionato soltanto 2 presenze, per un totale di 115 minuti in campo. Situazione controversa la sua; tuttavia dopo l’incontro chiarificatore avvenuto in settimana, filtra cauto ottimismo circa l’impiego del classe ‘89. Pertanto, considerati i precedenti, quale occasione migliore per sbloccarsi e mettere finalmente a tacere le polemiche?

ANDREA PETAGNA

Il bomber brianzolo è reduce da ben 9 presenze consecutive ben oltre la sufficienza, in cui ha totalizzato 3 assist e un gol. Dopo aver attraversato una prima parte di stagione caratterizzata da prestazioni altalenanti e problemi fisici, sta finalmente trovando quella continuità di rendimento che da un centravanti del suo calibro ci si aspetta (FM 6.50). Tanto lavoro sporco, buona qualità in fase di manovra e soprattutto ritrovata precisione in fase di rifinitura: nella gara dello Zini fu decisivo, partecipando attivamente a 2 gol su 3 (servendo i due passaggi vincenti a Ciurria e Caprari). Sarà la volta buona per tornare al +3?

SIMONE VERDI

La Sampdoria è la vittima preferita in Serie A di Simone Verdi (4 reti), nonché la formazione contro cui ha partecipato attivamente a più gol nel massimo campionato (in totale 7, frutto anche di 3 assist). Stagione ambigua per il classe ‘92, che in 26 giornate ha raccolto soltanto 6 presenze da titolare (600 minuti in campo) e 2 gol (l’ultimo dei quali nel turno precedente contro il Monza). In un Verona disperatamente a caccia di punti e con alcune assenze nel reparto offensivo, toccherà a lui illuminare la scena con le sue giocate di qualità. L’avversario di giornata consente di assumersi rischi: è il momento giusto per fare la differenza.

RODRIGO BECAO

Agli occhi di molti potrebbe sembrare una scelta coraggiosa, un vero e proprio azzardo; tuttavia le statistiche non mentono. Quando Udinese e Milan si incrociano, il +3 di Becao è pressoché una garanzia. 3 dei suoi 6 gol realizzati in Serie A sono arrivati proprio contro i rossoneri, tutti di testa. Il centrale friulano sta disputando un’altra stagione da assoluto protagonista, rivelandosi ottimo elemento in ottica modificatore con ben 15 sufficienze raccolte in 20 presenze (FM 6.18). Nonostante le 8 ammonizioni già collezionate, è il sesto difensore della massima serie per duelli vinti (129). Dopo la rete da 3 punti siglata al Castellani una settimana fa, quali sarebbero i validi motivi per non dargli ulteriore fiducia?

A cura della redazione Fanta__Boom

Continua a leggere

I nostri approfondimenti

Giovani per il futuro

Esclusive

Fantacalcio

Serie A

Trending

Scarica L'App

Copyright © 2022 | Testata giornalistica n.63 registrata presso il Tribunale di Milano il 7 Febbraio 2017 | numero-diez.com | Applicazione e testata gestita da Número Diez SRL 12106070969