Connect with us

Calcio Internazionale

Fifa, al vaglio nuove proposte per il futuro del calcio: i pro e i contro

Pubblicato

:

Fifa

Nonostante i milioni di appassionati in giro per il mondo, secondo la Fifa, il calcio non tira più come un tempo. Questa è la premessa che sta spingendo i “grandi” del calcio a cercare una soluzione per riportare questo sport ai fasti di un tempo, coinvolgendo una fetta di pubblico sempre più ampia in tutti i continenti.

Questa motivazione, però, fa acqua da tutte le parti ed è chiaro che il vero problema sia soprattutto di natura economica. Con il passare del tempo il mondo del calcio, saturo di polemiche sterili e sempre più corrotto, è passato dall’essere uno sport del tutto democratico ad essere accessibile a pochi.

Il presidente della Fifa, Gianni infantino (Fonte immagine: diritto Google creative Commons)

Abbonamenti sempre più alti al fronte di una qualità sempre minore, prezzi alle stelle per assistere alle gare allo stadio, sono solo alcuni dei problemi che stanno affliggendo questo sport in cui la parte commerciale sta di gran lunga superando quella emozionale, allontanando soprattutto le nuove generazioni sempre più vicine alle nuove forme di intrattenimento digitale (vedi la popolarità alle stelle degli ESports).

Da anni i tavoli tecnici della Fifa propongo idee sempre più fantasiose per cercare di avviare questa “rivoluzione” senza mai riuscirci effettivamente. La pandemia ha scoperchiato il vaso di Pandora portando alla luce un sistema al collasso e non più gestibile, in primis dalle federazioni, le quali hanno sempre meno voce in capitolo, e i grandi club che chiedono a gran voce un cambio di rotta immediato (il progetto SuperLega è da inserire in questo contesto).

LE NUOVE PROPOSTE

In questo clima tutt’altro che amichevole, la Fifa con a capo Gianni Infantino e Arsene Wenger, storico tecnico dell’Arsenal e ora direttore dello sviluppo del calcio mondiale, hanno partorito due idee tanto controverse quanto interessanti creando un clima di campagna elettorale in cui la Uefa, e la stessa Fifa, cercano di portare acqua al proprio mulino.

Il presidente della Uefa, Alexander Ceferin (Fonte immagine: diritto Google creative Commons)

Le ultime due proposte balzate agli onori della cronaca sono: Mondiali ogni due anni con mondiale per club annuale a 24 squadre da svolgersi a gennaio e partite di qualificazione delle nazionali unicamente ad ottobre e marzo.

MONDIALE OGNI DUE ANNI E RIFORMA DEL CALENDIARIO INTERNAZIONALE

Partiamo dal primo. Il campionato mondiale è sicuramente la competizione che tra sponsor, diritti tv e vendita dei biglietti porta più introiti nelle casse della Fifa raggiungendo, in un mese di competizione, miliardi di persone in tutto il mondo. Ragion per cui è comprensibile come il massimo organo calcistico cerchi di dimezzare i tempi di attesa, dai canonici quattro ai due soli anni tra un’edizione e l’altra.

Proposta che oltre ad incidere sul numero di partite annue dei calciatori, i cui i periodi di fermo sono sempre più ridotti all’osso, non ha trovato per niente d’accordo la Uefa.

Se questa proposta si realizzasse, infatti, la federazione europea vedrebbe schiacciati i propri tornei dalla nuova riforma. La proposta della Fifa, inoltre, non riguarderebbe solo la Coppa del Mondo, ma punterebbe a rivoluzionare del tutto il calcio internazionale, dai calendari alle competizioni.

 

L’organo calcistico numero uno punta a spalmare l’intero calendario nell’arco di 10 mesi, ricchi di competizioni per club e nazionali, al termine dei quali i calciatori avranno un mese di riposo prima di riprendere la preparazione per la nuova stagione.

Ma va da sé che le grandi novità riguarderanno, appunto, la stagione invernale e quella estiva: a gennaio l’idea è quella di rivoluzionare completamente il mondiale per club portandolo a 24 squadre, rendendolo un vero e proprio torneo tra le squadre più forti dei cinque continenti mentre, l’estate, vedrà ogni anno Mondiali o Europei.

Cambiamenti che inevitabilmente incideranno sul calendario dei campionati nazionali e delle competizioni europee che avrebbero a disposizione soltanto 53 date a disposizione, 10 in meno rispetto all’attuale calendario. Un duro colpo per la Uefa che nel 2024 partirà con il nuovo format della Champions League che prevede l’aggiunta di quattro date in più rispetto a quello attuale.

Inoltre, rendere i grandi appuntamenti come il Campionato Mondiale la “normalità” farebbe perdere a queste competizioni l’aura quasi mistica che proprio l’attesa contribuisce a creare, così come accade per le Olimpiadi.

SLOT UNICO PER LE NAZIONALI

Da quando il calcio ha dovuto convivere con la pandemia, le soste per le nazionali sono diventate una vera e propria lotteria per i club. I calciatori viaggiano per migliaia di chilometri in giro per il mondo che, oltre ad incidere sulla propria forma fisica, moltiplicano di parecchio le probabilità di contagio.

L’attuale calendario non è sostenibile – spiega Wenger – A settembre c’è già una prima pausa, a ottobre la seconda, a novembre la terza e a marzo la quarta finestra. A giugno l’ultima finestra e a luglio inizia la nuova stagione. Tutto questo è troppo”.

Nell’ultimo anno e mezzo sono tantissimi i club che si sono visti la rosa dimezzata proprio a causa delle eccessive soste, costretti a mandare i propri calciatori (ipercontrollati nei club) in un contesto che, per forza di cose, non può essere sicuro.

Il direttore dello sviluppo del calcio mondiale, Arsene Wenger (Fonte immagine: diritto Google creative Commons)

In quest’ottica, l’idea di raggruppare tutti gli impegni internazionali in un unico slot ad ottobre e marzo potrebbe avere effetti positivi per club, nazionali (che avrebbero più tempo per lavorare) e per i calciatori stessi che dimezzerebbero le fatiche dovute ai continui viaggi.

Agosto e settembre sarebbero per il calcio di club – continua l’ex tecnico dell’Arsenal e ottobre per i turni di qualificazione. Da novembre di nuovo per il calcio dei club per il resto della stagione”.

Una proposta che potrebbe davvero essere presa in considerazione a patto che si trovi il giusto compromesso anche nel rispetto dei calciatori, mai chiamati realmente in causa in queste decisioni. Le partite durante la stagione sono diventate insostenibili, gli infortuni muscolari sono andati raddoppiando negli ultimi anni, segno che una suddivisione differente del calendario andrebbe realmente attuata.

I calciatori sono la vera mano d’opera di questo sport e, nel 2021, è assurdo che le istituzioni non interpellino i diretti interessati per cercare di trovare una soluzione che rilanci un mondo arrivato quasi al collasso.

(Fonte immagine in evidenza: diritto Google creative Commons)

Continue Reading
Commenta

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Calcio Internazionale

Salihamidzic su Musiala: “Parleremo del suo futuro al Bayern dopo il Mondiale”

Pubblicato

:

Calciomercato 2022

Uno dei gioielli più luccicanti del panorama europeo è certamente Jamal Musiala, centrocampista del Bayern Monaco e della nazionale tedesca. Il talento di Stoccarda, nonostante la precoce eliminazione della Germania, ha impressionato con le sue giocate al Mondiale, tanto da meritarsi una sempre più probabile conferma col club bavarese.

A tal proposito, il direttore sportivo del Bayern Hasan Salihamidzic ha confermato, in un’intervista alla Bild, la volontà di trattenere il classe 2003:

Abbiamo detto alla madre di Jamal e alla sua dirigenza che siamo molto contenti di Jamal. Vogliamo sederci con loro dopo la Coppa del Mondo per parlare dell’ulteriore futuro di Musiala al Bayern“.

Parole importanti e decise da parte del dirigente bosniaco che lasciano intendere l’estrema fiducia nei mezzi e nelle potenzialità del prodotto di Lehnerz.

Continua a leggere

Calcio Internazionale

Eden Hazard si ritira dalla Nazionale belga: l’annuncio

Pubblicato

:

hazard

Eden Hazard, il capitano del Belgio, ha annunciato il suo ritiro dalla Nazionale. Il flop dei Mondiali in Qatar l’ha spinto a lasciare i Diavoli Rossi, queste le sue parole scritte su Instagram.

“Oggi si volta pagina… Grazie per il vostro affetto. Grazie per il vostro impareggiabile sostegno. Grazie per tutta questa felicità condivisa dal 2008. Ho deciso di porre fine alla mia carriera internazionale. La nuova generazione è pronta. Mi mancherai”. 

Eden Hazard con la nazionale ha giocato 126 partite, collezionando 33 reti. La federazione belga l’ha ringraziato con un post sui social: “Grazie. I migliori auguri, capitano”.

Continua a leggere

Calcio Internazionale

Cristiano Ronaldo aspetta l’Europa, vuole ancora giocare la Champions

Pubblicato

:

Portogallo

Cristiano Ronaldo è in attesa di scoprire cosa gli riserverà il futuro. Secondo Nicolò Schira, prima di accettare la ricca offerta dell’Al Nassr, CR7 preferisce aspettare un’offerta da parte dei club europei che giocano la Champions League.

Proprio per accontentare le richieste del suo cliente, Jorge Mendes, è al lavoro per trovare una sistemazione europea all’ormai ex giocare del Manchester United. Mentre il suo agente cerca soluzioni per il suo futuro, Cristiano Ronaldo rimane in Qatar con il suo Portogallo. Ieri sera, dopo la vittoria della sua Nazionale contro la Svizzera, uscendo dallo stadio si è esposto sul suo futuro con poche parole ma efficaci: “Accordo con l’Al Nassr? No, non è vero“, queste le dichiarazioni riportate da Record. CR7 sta aspettando l’Europa.

Continua a leggere

Calcio Internazionale

“Paura Juve” – La Rassegna del Diez

Pubblicato

:

Rassegna

La rassegna stampa è senza alcun dubbio il miglior modo per iniziare la giornata. Ecco quindi le prime pagine dei principali quotidiani sportivi nazionali e internazionali per la giornata di oggi.

LA GAZZETTA DELLO SPORT

TUTTOSPORT

CORRIERE DELLO SPORT

 

MARCA

 

 

 

L’EQUIPE

MIRROR SPORT

L’ESPORTIU

 

 

Continua a leggere
Advertisement
Advertisement

I nostri approfondimenti

Giovani per il futuro

Esclusive

Fantacalcio

Serie A

Trending

Scarica L'App

Copyright © 2022 | Testata giornalistica n.63 registrata presso il Tribunale di Milano il 7 Febbraio 2017 | numero-diez.com | Applicazione e testata gestita da Número Diez SRL 12106070969