Dove trovarci

Finalmente il vero Osimhen

Non è facile trovare, nello straordinario inizio di stagione del Napoli, chi ha stupito maggiormente. Kalidou Koulibaly è tornato ad altissimi livelli, la rivelazione Zambo Anguissa ha aggiunto quantità e qualità non indifferenti a centrocampo, e Fabian Ruiz ha contribuito dando geometrie. Tuttavia, in questo contesto c’è chi è riuscito ad alzare l’asticella ancor di più, confermando le ottime premesse viste nella passata stagione ma alzandosi a vero leader, dentro e fuori dal campo. Stiamo parlando di Victor Osimhen. 

OSIMHEN: CAPITOLO 20/21

Arrivato fra l’entusiasmo dei tifosi del Napoli e altri scettici per l’incredibile cifra spesa ( 70 milioni di euro ) dal patron del club De Laurentiis per un giocatore che da poco aveva dimostrato il suo talento in Ligue 1, nel Lille, club abbastanza conosciuto anche in Europa per via dei tanti giovani che sono esplosi in questo club (Hazard, Leao, Pepè, Maignan etc.). Subito messo a servizio del suo allenatore Gennaro Gattuso, il nigeriano inizia a ricevere i primi complimenti per via della serietà e della professionalità mostrata negli allenamenti e nelle prime amichevoli.

I due trovano subito un grande feeling. Osimhen trova il primo gol nella terza giornata di Serie A e trova il secondo alla settima di campionato. Poi accade l’imprevedibile. Durante le partite con la nazionale un piccolo infortunio rimediato alla spalla porta il nigeriano ad uno stop di tre mesi ( sommati agli altri giorni di sosta per via della positività al covid-19 ). Quando però l’attaccante ritornerà in campo e ritroverà la forma mai acquisita anche ad inizio campionato, si trasforma in nuovo giocatore: dal suo rientro in campo metterà a segno 8 gol in 14 partite. Nonostante tutto, il Napoli non riesce a qualificarsi alla fase a gironi della Champions League e Gattuso è destinato i saluti.

Apprezzo molto tutto quello che hai fatto per me dentro e fuori dal campo, ti ho ammirato come giocatore e sono stato felice di poter lavorare con te e di poterti chiamare Boss. È qualcosa che non dimenticherò mai. Ti auguro tutto il meglio per la tua nuova avventura”.

IL NUOVO OSIMHEN

Ma ecco che si presenta il nuovo allenatore della società azzurra: Luciano Spalletti. L’ex tecnico della Roma e dell’Inter è sempre stato capace di raggiungere traguardi come la qualificazione in Champions da ambedue le parti ed ora, è pronto a farlo anche a Napoli.

Quello che in realtà ha dimostrato la sua squadra dopo 8 giornate è tutt’altro. 24 punti in classifica è già importanti punti di distacco sulle altre squadre che inseguono. Che l’obiettivo qualificazione Champions League possa trasformarsi quest’anno in qualcosa di più? Si scoprirà soltanto quando il Napoli ne uscirà dalle sfide contro le big del campionato…

Il segnale più importante? Aver trovato un giocatore dominante, che aiuta la squadra quando in difficoltà, soprattutto nel saper alzare la squadra quando schiacciata. Il gioco del tecnico toscano sembra super adatto ad un giocatore di queste incredibili doti fisiche, a partire dalla velocità sino al gioco aereo (esempi sono il secondo gol conttro il Leicester e l’ultimo contro il Torino per il deciso 1-0 ). D’altronde, se guardiamo gli altri score degli importanti attaccanti avuti nelle scorse stagioni da Spalletti non c’è tanto da srupirsi se Osimhen potrà fare altretanto. Dzeko 29 gol nella stagione 2016/2017, Icardi 29 gol nella stagione successiva.

Il nigeriano per ora ha trovato la rete per 5 volte in 8 presenze, più le altre 3 reti in Europa League. Potrà essere una stagione da record?

Per me è importante cominciare bene, questo mi dà fiducia per segnare altri gol. Sono felice delle mie prestazioni. Sono un po’ dispiaciuto per quanto accaduto lo scorso anno tra Covid-19 e infortunio. Mi ha aiutato anche Spalletti con la fiducia che mi ha dato e spero di ripagarla. Sono onorato di avere un allenatore come lui. Mi dà tanto, si ferma dopo gli allenamenti e insieme lavoriamo tanto“.

Lascia un commento

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Altro in Archivio generico