Connect with us

Calcio Internazionale

Qual è stato l’XI titolare dell’ultimo match europeo della Fiorentina?

Pubblicato

:

Fiorentina

Stasera, alle ore 21:00, si disputerà il match Fiorentina-Twente, valido per l’andata dei playoff di UEFA Europa Conference League.

L’ultima stagione che ha visto la Viola disputare una competizione europea, 2016-17, ha visto i gigilati protagonisti in UEFA Europa League. La squadra, ai tempi al timone di Paulo Sousa, superò da prima il girone composto da: PAOK, Qarabag e Slovan Liberec. Nel turno intermedio, i viola pescarono poi il Borussia Monchengladbach, retrocesso dalla Champions League.

L’andata si concluse con uno 0-1 a favore dei toscani, grazie ad una punizione magnifica di Federico Bernardeschi. Al ritorno, il match sembrava virtualmente chiuso, grazie ai gol di Nikola Kalinic e Borja Valero, ma un rigore a fine primo tempo e altre tre reti in un quarto d’ora nel secondo tempo, portano i tedeschi sul 2-4, eliminando così la Fiorentina.

L’XI TITOLARE DELL’ULTIMO MATCH EUROPEO DELLA FIORENTINA

L’ultimo undici schierato dai viola, è proprio quello messo in campo nella disfatta contro i tedeschi. Paulo Sousa schiera un 3-4-2-1:

In porta, Ciprian Tatarusanu, ai tempi una certezza tra i pali della squadra di Paulo Sousa. Il portiere rumeno, dopo quella stagione lasciò i viola. Il Nantes lo acquistò per 2.5 milioni di euro. Dopo due stagioni da titolare in Francia, viene acquistato dal Lione, dove diventa il secondo portiere di Anthony Lopes. Un anno dopo lo acquista il Milan e diventa il secondo di Gianluigi Donnarumma e successivamente di Mike Maignan.

Il primo centrale di difesa era Gonzalo Rodrìguez. Anche lui, insieme al portiere rumeno, lascia i viola dopo quella stagione, per fare rientro in Argentina dove lo accoglie il San Lorenzo a titolo gratuito, per poi ritirarsi dopo 3 stagioni, nel 2019-20.

Il secondo centrale di difesa era Davide Astori, capitano di quella squadra. La tragica fine di Davide, purtroppo, la conosciamo tutti. Viene a mancare il 4 marzo 2018, nella sua camera di albergo.

Il terzo difensore centrale della Fiorentina era Carlos Sanchez. Il colombiano lascia poi i viola nel gennaio del 2018, per andare in prestito all’Espanyol, Lì comincia la discesa della sua carriera, che lo porta a far panchina a Watford e West Ham. Oggi gioca al Santa Fé, in Colombia.

L’esterno destro di centrocampo era Federico Chiesa. La sua storia la conosciamo tutti, ha lasciato Firenze da poco per accasarsi, tra le critiche, alla Juventus, dove ha fatto innamorare i tifosi bianconeri.

Matias Vecino il centrocampista centrale di destra. Dopo quella stagione ottima a Firenze, si trasferisce all’Inter, per poi passare alla Lazio questa estate dopo 5 anni in nerazzurro.

Il compagno di reparto dell’uruguaiano, era Milan Badelj, che oggi gioca in Serie B con la maglia del Genoa.

L’esterno di sinistra era Maximiliano Olivera, che oggi gioca in Messico, al Juarez, dopo continue deludenti stagioni con i gigliati e il prestito all’Olimpia Asuncion, club del Paraguay.

Il primo trequartista era Federico Bernardeschi, che ha fatto il percorso di Chiesa con una netta differenza. L’esterno italiano non ha mai convinto i tifosi della Juventus e a contratto scaduto si è accasato al Toronto, in MLS, dove ha già segnato 4 gol e fornito 2 assist in 5 presenze.

Il secondo trequartista era Borja Valero, andato poi all’Inter e tornato nel capoluogo toscano 3 anni dopo. Al termine della sua seconda esperienza in viola, sceglie di giocare in Eccellenza con il Lebowski. Parentesi durata pochissimo, adesso lavora per DAZN.

La punta di diamante, Nikola Kalinic. Dopo quella stagione lascia i viola per accasarsi al Milan. Comincia una striscia di stagioni disastrose con i rossoneri prima e con Atletico Madrid, Roma, Hellas Verona poi. Da ormai 2 anni, gioca in Croazia con l’Hajduk Spalato.

 

FIORENTINA (3-4-2-1): Tatarusanu; Rodriguez, Astori, Sanchez; Chiesa, Vecino, Badelj, Olivera; Bernardeschi, B.Valero; Kalinic. Allenatore: Paulo Sousa

 

Continue Reading
Commenta

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Calcio Internazionale

Messi come Maradona: ventunesima presenza al Mondiale

Pubblicato

:

Messi

Lionel Messi si appresta a giocare contro il Messico la partita più importante del Mondiale. In caso di sconfitta arriverebbe l’eliminazione ma il fenomeno del PSG può contare su una coincidenza non da poco. Partendo titolare, oggi, raggiunge le 21 presenze a un Mondiale raggiungendo Diego Maradona come il calciatore argentino più presente.

Questo traguardo arriva il giorno dopo il secondo anniversario della morte del Diez eterno. Una coincidenza non da poco che chissà non possa rappresentare il passaggio di consegne tanto atteso con una prestazione stellare di Messi. L’ex stella del Barcellona è al suo ultimo Mondiale e vincerlo lo metterebbe finalmente e per sempre sullo stesso piano del grande Maradona.

Continua a leggere

Calcio Internazionale

La Francia supera il girone e sconfigge la maledizione

Pubblicato

:

Francia

La Francia vince anche contro la Danimarca negli ultimi minuti per 2-1 e ottiene il pass per gli ottavi di finale. Nonostante la relativa superiorità nel raggruppamento non era per nulla scontato questo risultato per i transalpini. Gli ultimi campioni del Mondo in carica a passare il girone sono stati i giocatori del Brasile nel 2006, quando raggiunsero i quarti di finale.

La Francia riesce così a sfatare il tabù della maledizione dei campioni del Mondo, vincendo e convincendo, cosa che Italia, Spagna e Germania non sono riusciti a fare. Adesso la squadra di Deschamps dovrà pensare a mantenere il primo posto. Basta un punto contro la Tunisia o comunque un Australia non vincente contro la Danimarca. La Francia potrebbe anche perdere e l’Australia vincere ma servirebbe un miracolo dei Socceroos per ribaltare la differenza reti.

Continua a leggere

Calcio Internazionale

Theo Hernandez decisivo anche in Nazionale: la statistica

Pubblicato

:

Theo

La Francia ha segnato ancora al Mondiale e lo ha fatto con Mbappe, assistito dal solito Theo Hernandez. Quella che ha preso forma è una della fasce sinistre più esplosive e decisive della storia dei Mondiali. Il terzino del Milan nello specifico ha fornito un assist per la seconda partita consecutiva.

Dal 1966, Mondiale dal quale è presente questo dato, mai nessun terzino aveva fatto due assistenze consecutive a una Coppa del Mondo. Lui insieme a Mbappe ha creato il gol del momentaneo vantaggio contro la Danimarca, dopo che nella prima partita aveva servito il suo compagno al Milan, Olivier Giroud, per un semplice gol di testa.

Continua a leggere

Calcio Internazionale

Mbappe da record: con la Francia nessuno come lui a 23 anni

Pubblicato

:

Mbappe

Kylian Mbappe continua a sorprendere. Ora al Mondiale con la Francia ha già segnato tre gol in due partite. Gli ultimi due con la Danimarca gli hanno fatto raggiungere i 31 gol in Nazionale. Se Giroud ha da poco raggiunto Henry come miglior marcatore della storia della Francia a 51, il giovane gioiello del PSG li supererà a breve entrambi.

A 23 anni e 340 giorni nessuno aveva segnato come il classe ’98. Mbappe sta avendo un rendimento straordinario tanto che a quest’età, il centravanti che nella storia aveva segnato di più era David Trezeguet, fermo però a 16. Avendo già vinto un Mondiale da teenager, l’ex Monaco ha tutte le credenziali per poter diventare il miglior attaccante francese di sempre un giorno. Mbappe, inoltre, è l’unico giocatore ad avere raggiunto i 7 gol ai Mondiali prima dei 24 anni insieme a Pele, il fenomeno brasiliano unico a vincere tre campionati del Mondo.

Continua a leggere
Advertisement
Advertisement

I nostri approfondimenti

Giovani per il futuro

Esclusive

Fantacalcio

Serie A

Trending

Scarica L'App

Copyright © 2022 | Testata giornalistica n.63 registrata presso il Tribunale di Milano il 7 Febbraio 2017 | numero-diez.com | Applicazione e testata gestita da Número Diez SRL 12106070969