Connect with us
Fiorentina, vertice tra Enrico Chiesa e Commisso

Flash News

Fiorentina, vertice tra Enrico Chiesa e Commisso

Pubblicato

:

La Fiorentina prova a fare chiarezza e riportare tutto alla normalità con Federico Chiesa. Nella giornata di oggi, infatti, c’è stato un vertice, in un hotel di Firenze, tra Enrico Chiesa, padre e agente del calciatore e Rocco Commisso, accompagnato da direttore sportivo Daniele Pradè e dal direttore generale Joe Barone. Un faccia a faccia per chiarirsi dopo le incomprensioni dell’ultimo periodo e per parlare, inevitabilmente, del futuro dell’italiano. La certezza è che Chiesa a gennaio non andrà da nessuna parte, eventualmente se ne riparlerà a giugno.

Al centro del colloquio, come riportato da Sky Sport, ci sono stati gli ultimi atteggiamenti del calciatore, che non sono piaciuti né alla società, né all’allenatore. Infatti, l’esterno classe ’97, è stato al centro di tante polemiche dopo la sfida contro il Verona, in cui non è stato schierato da Montella, per via di un problema muscolare accusato durante il riscaldamento pre-partita. Tuttavia, il tecnico ex-Milan ci ha tenuto a precisare che anche l’aspetto mentale, in questo momento, non è dei migliori. Chiesa non sarebbe del tutto concentrato sulla Fiorentina e questo ha fatto storcere il naso a tutto l’ambiente. La dirigenza viola, infatti, pretende un comportamento diverso da parte del proprio calciatore, a prescindere da ogni discorso legato al suo addio a fine stagione.

LE PAROLE DI JOE BARONE

A fare un quadro più chiaro della situazione, poi, ci sono le dichiarazioni del braccio destro di Commisso, Joe Barone, che ha parlato ai microfoni di FirenzeViola.it.

“Era un incontro già previsto da un paio di settimane e non organizzato ieri o oggi: abbiamo parlato del suo futuro. Noi stiamo comunicando e continuiamo a parlare, ho un ottimo rapporto con Federico, adesso deve recuperare, il nostro staff sta lavorando per farlo tornare al top della condizione, speriamo che recuperi la migliore forma il prima possibile. Federico ha altri due anni e mezzo di contratto, va lasciato in pace, lui è fatto per giocare nel campo, più tardi Pradè parlerà in conferenza stampa più chiaramente, ma noi siamo tutti contenti di lui, dobbiamo andare avanti. Ha un infortunio e deve recuperare, questa è la situazione”.

Fonte immagine di copertina: profilo Instagram ufficiale di Federico Chiesa

Continue Reading
Commenta

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Champions League

Simeone non si arrende e avvisa l’Inter per il ritorno, poi svela le condizioni di Morata: le dichiarazioni

Pubblicato

:

Atletico Madrid

Al termine dell’andata degli ottavi di Champions League persa dall’Atletico Madrid 1-0 contro l’Inter, Diego Simeone ha parlato ai microfoni di Mediaset. Il tecnico dei Colchoneros ha commentato la sconfitta arrivata per mano del gol di Marko Arnautovic, al primo gol in Europa con la maglia dell’Inter. L’obiettivo per gli spagnoli è ora quello di ribaltare il risultato nella sfida di ritorno al Civitas Metropolitano di Madrid il 13 marzo.

LE DICHIARAZIONI DI SIMEONE

OCCASIONI CONCESSE – “Abbiamo giocato contro una squadra forte a cui non possiamo lasciare nessuna occasione”, ha esordito Simeone. “L’Inter può approfittare del poco che gli lasci e stasera lo hanno fatto”.

OCCASIONI CREATE – “Abbiamo avuto delle buone occasioni, in particolare nel primo tempo, soprattutto con Llorente. Al ritorno partiamo dall’1-0 per loro e dobbiamo lavorare molto la sera del 13 marzo. L’Inter è una squadra forte che sa quello che deve fare in ogni parte del campo. Questo la rende molto pericolosa”, ha proseguito Simeone. “Al ritorno speriamo di giocare una partita migliore di oggi dopo averli già affrontati questa sera”.

MORATA – “Il suo recupero per il ritorno? Manca ancora tanto tempo e speriamo che sia Alvaro, ma anche gli altri come Depay, Correa e Griezmann siano tutti a disposizione. In questo modo potremo fare la partita che vogliamo”, ha concluso Simeone.

Continua a leggere

Champions League

Inzaghi svela le condizioni di Thuram dopo Inter-Atletico: le dichiarazioni a Mediaset

Pubblicato

:

inter atletico madrid

INTER ATLETICO MADRID – L’Inter si è portata a casa il primo round degli ottavi di finale di Champions League, battendo 1-0 l’Atletico Madrid nella gara di andata giocata a San Siro grazie al gol vittoria siglato da Marko Arnautovic al 79′ di gioco. Al termine del match, il tecnico nerazzurro Simone Inzaghi è intervenuto ai microfoni di Mediaset per commentare questo fondamentale successo. Di seguito, le sue dichiarazioni:

INTER ATLETICO MADRID, LE PAROLE DI INZAGHI

LA PRESTAZIONE – “Ho buonissime sensazioni per la partita che hanno fatto i ragazzi, sono stati grandiosi contro una squadra molto forte. Siamo un po’ rammaricati per non aver trovato un altro gol che avremmo meritato per quanto fatto vedere in campo. Siamo consapevoli che è solo il primo tempo, dobbiamo andare a Madrid e ci aspetta un secondo tempo difficile e intenso“.

SU ARNAUTOVIC – “Sono contento per lui, per come è entrato. Sia lui che Sanchez stanno lavorando benissimo e mi stanno piacendo per come sono entrati. Tutti quelli che sono entrati ci hanno dato una grandissima mano, ma sappiamo che c’è un ritorno ed è ancora tutta da giocare“.

L’INFORTUNIO DI THURAM – “Ha avuto un problemino su quello scatto con Witsel, poi ha tirato in porta e ha sentito indurirsi la coscia. Può capitare, speriamo di non perderlo per molto tempo“.

LA STAGIONE – “In questi sei mesi abbiamo fatto molto bene, ma i mesi più importanti in una stagione sono marzo e aprile. Dobbiamo continuare così sapendo che arriveranno momenti duri e dovremo essere bravi in quei momenti“.

SU BARELLA – “Barella ha fatto un’ottima partita, insieme a tutti gli altri. Io in questa Inter? Non sarebbe stato male giocare in una squadra così, mi sarei divertito molto“.

GLI ESTERNI – “Dumfries e Carlos Augusto sono entrati benissimo, hanno fatto bene quando sono entrati. Anche Dimarco e Darmian sono stati bravi, ma negli ultimi minuti del match avevamo bisogno di energie in più“.

SU BREHME – “È stata una serata importante, anche per il ricordo di Brehme: ero con il team manager Ferri che era stato suo compagno ai tempi dell’Inter, la notizia della sua scomparsa ci ha colpito molto. Non lo conoscevo personalmente ma sapevo fosse una buonissima persona molto legata alle vicende dell’Inter“.

Continua a leggere

Calcio Internazionale

Mkhitaryan è già concentrato sulla sfida di ritorno: cos’ha detto nel postpartita a Mediaset

Pubblicato

:

mkhitaryan roma-inter

Le parole di Henrik Mkhitaryan, centrocampista dell’Inter, dopo la vittoria per 1-0 contro l’Atletico Madrid nell’andata degli ottavi di finale di Champions. L’armeno ha parlato ai microfoni di Mediaset, dimostrando di essere già concentratissimo per la sfida di ritorno tra ventidue giorni.

VITTORIA – “Conta poco, c’è un’altra partita da giocare. Bello vincere, abbiamo provato a creare. Abbiamo giocato contro una squadra fortissima che sa giocare a calcio. Andremo a Madrid con questo 1-0 che è molto importante. Noi dobbiamo continuare su questo livello, vogliamo tornare in finale“.

DELUSIONE? – “Non sono deluso, sono felice. Sono consapevole che c’è un’altra partita da giocare e menomale che non ho preso l’ammonizione“.

Continua a leggere

Calcio Internazionale

Inter-Atletico Madrid 1-0, la decide Arnautovic: il resoconto

Pubblicato

:

Un gol di Arnautovic: è quanto basta all’Inter di Simone Inzaghi per battere l’Atletico Madrid nella gara d’andata degli ottavi di finale di Champions League.

INTER-ATLETICO MADRID: IL PRIMO TEMPO

Ritmi alti nella prima frazione di gioco per entrambe le compagini. Poche occasioni per l’Atletico, che si concentra più sull’attendere il gioco dell’Inter. Le maggiori chance da gol capitano proprio sui piedi dei nerazzurri e la più importante è per Lautaro Martinez. Al 38′ l’argentino viene servito da Thuram al limite dell’area, ma il tiro viene respinto dalla difesa dopo un controllo non impeccabile da parte del capitano nerazzurro. Verso la fine del primo tempo, Thuram si accascia per un problema muscolare.

INTER-ATLETICO MADRID: IL SECONDO TEMPO

Nel secondo tempo, Thuram viene sostituito da Arnautovic: per il francese si tratta di una contrattura all’adduttore destro. Al 49′, c’è una ripartenza in stile Inter: Dimarco mette una gran palla che aggira la linea avversaria e mette Arnautovic di fronte a Oblak. Tuttavia, la conclusione è sporca e finisce alta sopra la traversa. Tre minuti dopo, l’austriaco sbaglia ancora dinanzi al portiere sloveno: stacca bene di testa sovrastando Savic, ma non inquadra la porta. Al 57′, arriva un’occasione anche per l’Atletico Madrid: pericoloso inserimento di Llorente, che si presenta davanti a Sommer. Il portiere dell’Inter esce sicuro per intercettare il pallone. Al 63′, c’è un altro errore clamoroso da parte di Arnautovic. L’austriaco scambia con Lautaro ed entra in area. Witsel gli mette il pallone davanti, ma l’austriaco spara alto da pochi passi. Al 79′, l’ex giocatore del Bologna si fa perdonare. Un errore imperdonabile di Reinildo, che perde palla a centrocampo e manda Lautaro davanti a Oblak: il portiere dell’Atletico si salva, ma sulla ribattuta l’austriaco trova il tap-in che Lino non riesce a contenere. È il gol che porta l’Inter in vantaggio. E’ proprio la rete di Arnautovic che consegna la vittoria ai nerazzurri: a San Siro finisce 1-0 per l’Inter.

Continua a leggere

I nostri approfondimenti

Giovani per il futuro

Esclusive

Fantacalcio

Serie A

Trending

Scarica L'App

Copyright © 2022 | Testata giornalistica n.63 registrata presso il Tribunale di Milano il 7 Febbraio 2017 | numero-diez.com | Applicazione e testata gestita da Número Diez SRL 12106070969