L’Atalanta di Gianpiero Gasperini è molto vicina a chiudere l’accordo per un nuovo rinforzo. Si tratta di Gianluca Frabotta, esterno classe ’99 di proprietà della Juventus.

UN’ALTERNATIVA DI SPESSORE

L’Atalanta è attesa da un’altra stagione fitta di impegni e la società vuol cercare di consegnare a Gasp una rosa pronta per competere su tutti i fronti. Per questo motivo Frabotta può rappresentare un valido innesto. Dopo una buona esperienza con la Juventus Under-23, in serie C, nel corso della passata stagione Frabotta ha saputo ritagliarsi il proprio spazio con la prima squadra allenata da Andrea Pirlo. L’esterno romano ha collezionato 17 presenze complessiva tra campionato, Coppa Italia e Champions League.

La trattativa tra la Dea e la Juve sembra essere in una fase molto avanzata. La formula è quella del prestito con diritto di riscatto e la fumata bianca potrebbe arrivare già nei prossimi giorni.

L’ipotetico approdo di Frabotta in maglia neroazzurra potrebbe rappresentare una buona alternativa sulla corsia sinistra al titolare indiscusso Robin Gosens. Frabotta, oltre a essere dotato di una buona velocità, ha una struttura fisica non comune, essendo alto quasi 190 cm. Due caratteristiche, la rapidità e la forza fisica, essenziali nel gioco di Gasperini.

L’esterno juventino andrà a riempire numericamente il buco lasciato da Ruggeri il quale è stato girato in prestito alla Salernitana.

Fonte: Gianlucadimarzio.com

DUBBI E CERTEZZE

Sempre sul fronte riguardante le corsie laterali in casa Dea, resta ancora da definire cosa ne sarà di Hateboer. L’olandese, un anno fa, aveva espresso la volontà di voler fare nuove esperienze. Su di lui, nelle scorse settimane, si era informata l’Inter, che lo aveva valutato come uno dei possibili sostituti del partente Hakimi. Infine, nonostante gli occhi vigili di diversi top club d’Europa, sembra più certa la permanenza di Maehle e Gosens. I due rappresentano due pedine fondamentali nello scacchiere del Gasp e, a meno di offerte irrinunciabili, resteranno in neroazzurro.