Connect with us

Generico

Francesca Schiavone: l’ultimo ruggito della leonessa?

Pubblicato

:

Quello che si direbbe il canto del cigno della carriera di Francesca Schiavone arriva dalla Colombia, dove sabato scorso, a quasi 37 anni, si è aggiudicata il suo ottavo titolo. Non si tratta certo del titolo più importante della sua carriera, ma le permette di scalare molte posizioni in classifica, 64 per la precisione, arrivando al 102esimo posto. Classifica attuale che le permette anche di partecipare al Roland Garros senza passare dalle qualificazioni.

PARTECIPAZIONE AL ROLAND GARROS AL VELENO

Partecipazione al Roland Garros che per la leonessa non era certa data la sua situazione di classifica e soprattutto viste le polemiche delle settimane scorse. Pare infatti che l’organizzazione dello Slam parigino non sarebbe stata propensa a concedere una wild card ad una ex campionessa del torneo quale è Francesca, ma che ne avrebbe già accordata a Maria Sharapova. Scelta discutibile visto che la russa è rientrante da una squalifica per doping, anche se Masha è sicuramente un nome molto più appetibile per il pubblico rispetto a Francesca.

I GRANDI RICORDI DI PARIGI

Il Roland Garros porta subito grandi ricordi nella mente di Francesca che a Parigi ha raggiunto il punto più alto della sua carriera. Non possiamo infatti dimenticare l’edizione del 2010 quando la leonessa ruggì sulla terra rossa parigina riuscendo ad aggiudicarsi un titolo impensabile, battendo l’australiana Sam Stosur in finale. Francesca con quel titolo divenne la prima italiana ad aggiudicarsi uno Slam, raggiunta poi dall’amica Pennetta nel 2015. Ricordi meno belli porta l’edizione successiva, quando nel 2011, raggiunse nuovamente la finale a Parigi ma venne sconfitta dalla cinese Li.

NON PARLIAMO DI ROMA

Oltre alle polemiche internazionali del Roland Garros, Francesca è protagonista anche di polemiche in casa azzurra. La direzione degli Internazionali d’Italia, con a capo il numero uno della FIT Binaghi, ha deciso di non assegnare una wild card alla leonessa. Una notizia che ha fatto indignare non poco gli appassionati di tennis, oltre alla stessa Francesca, che meriterebbe un po’ più di riconoscimento dalle autorità sportive per quanto fatto in carriera.

CUORE E GRINTA, LA SINTESI SUA CARRIERA

Come sappiamo bene, si tratta dell’ultimo anno di Francesca e la vittoria di ieri racchiude tutto quello che ci ha fatto vedere nella sua carriera. La Schiavone, poco dotata fisicamente, ha costantemente sopperito a questa sua mancanza con la sua grinta e la voglia di non mollare mai un punto. Marchio di fabbrica dell’azzurra è sempre stata la sua imprevedibilità nel gioco sia nel cambio di rotazioni che nelle sue discese a rete. Punti di forza che l’hanno ancora di più distinta da apprezzare maggiormente in un’epoca tennistica in cui la potenza e la forza fisica la fanno da padrone.

UNA CARRIERA LUNGA CHE FA BENE AL TENNIS ITALIANO?

Questa vittoria di Francesca però può essere considerata un’arma a doppio taglio per il tennis italiano. Se da un lato la vittoria di un torneo fa sempre piacere, dall’altro la domanda lecita è: “E’ normale che le nostre speranze tennistiche siano tutte rivolte su una 37enne?”. Il punto è proprio questo, il tennis italiano a livello femminile urge di un ricambio generazionale, non si può più fare affidamento sull’esperienza di Francesca, Errani o Vinci. Emblematica è la situazione in cui si trova la squadra di Fed Cup. Dopo i fasti del decennio passato, con ben 3 vittorie proprio grazie alla generazione d’oro Schiavone, Pennetta, Vinci, Errani, senza dimenticare Mara Santangelo, ora la squadra azzurra si ritrova a doversi giocare lo spareggio per rimanere nel World Group II (la serie B per intenderci). Purtroppo la situazione non sembra rosea perché la sola Giorgi, tra alti e bassi, sembra essere in grado di poter tenere alta la bandiera azzurra.

UNA BANDIERA PRONTA A SALUTARE

Come detto questo si tratta dell’ultimo anno di Francesca, una campionessa che ha portato in alto il tennis italiano come non mai grazie ai suoi risultati sia singoli che di squadra e che sembrava essere pronta a salutare senza troppo rumore. Così non sarà dopo la vittoria di Bogotá perché vincere un titolo dopo 2 anni, alla soglia del 37esimo compleanno, non è da tutti. Giocare senza pressioni non può che fare bene alla Schiavone che può togliersi altre soddisfazioni da qui alla fine dell’anno. Noi non pretendiamo nessun acuto dalla nostra leonessa, anzi la possiamo solo ringraziare per le gioie che ci ha regalato nella sua lunga carriera.

 

 

 

Continue Reading
Commenta

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Generico

Salernitana, Iervolino a sorpresa: “Saremmo felicissimi se il Napoli vincesse il campionato”

Pubblicato

:

Salernitana

Ospite della trasmissione Si gonfia la rete su Radio CRC, è intervenuto il presidente della Salernitana Danilo Iervolino. Il patron dei campani, tra le varie domande, riportate da SalernoSport24, ha espresso il proprio parere sul cammino della squadra e sul campionato di Serie A.

Sulla Salernitana

“Non vorrei essere troppo mieloso, ma penso che il nostro campionato sia straordinario, ricordo che quando ero piccolo vi era un grande dislivello mentre oggi anche le squadre meno facoltose si scontrano a viso aperto con le prime della classe. Dobbiamo continuare su questa strada, cercando di ottenere punti anche con le big”.

Sul campionato

“Penso che non si debba perdere la concentrazione e l’impegno, e al riguardo la sosta sicuramente non avrà tale effetto. Le squadre che hanno fatto bene continueranno a fare bene. Noi saremmo contenti come Salernitana, di avviare il progetto della città della Sport a Salerno. L’obiettivo è quello di creare una vera e propria cittadella dello sport salernitano. Non ci cambierebbe l’entusiasmo, arrivare decimi o dodicesimi, ci importa fare bel gioco e saremmo felicissimi se il Napoli vincesse il campionato“.

Continua a leggere

Generico

Gabbiadini verso il ritorno in campo: le ultime

Pubblicato

:

Gabbiadini

Manolo Gabbiadini, attaccante della Sampdoria, è uno dei grandi attesi ritorni dalla tifoseria blucerchiata. Con una sola rete all’attivo, il 31enne non sembra aver mai recuperato al 100% dopo il grave infortunio al crociato.

Nonostante le assenze rimediate prima della sosta di Qatar 2022, l’attaccante originario di Calcinate in questa prima parte di campionato si è rivelato fondamentale in occasioni importanti. Ricorderete sicuramente il gol che ha siglato contro la Lazio per acciuffare il pareggio importante. In quindici giornate però è un po’ poco ed i dubbi legati al numero 23 si sono fatti sempre più insistenti, intrinsechi all’altalenante condizione fisica.

Il ritiro di questi giorni della compagine blucerchiata sarà fondamentale per capire se l’attaccante potrà essere impiegato con costanza per tutti i novanta minuti. Tra una seduta d’allenamento e l’altra, Gabbiadini punterebbe ad una maglia da titolare in occasione di  Sassuolo-Sampdoria.

Continua a leggere

Generico

Le partite del giorno – Mercoledì 7 dicembre 2022

Pubblicato

:

Il calcio, si sa, non si ferma mai: ogni giorno, da ogni angolo del pianeta, giocatori di tutto il mondo sono pronti, con le proprie giocate sul rettangolo verde, a regalare emozioni ai tifosi. Numero Diez vi presenta quindi le principali gare che ci attendono nella giornata di oggi.

ITALIA – SERIE B

Ore 20:30 Ternana-Cagliari (Sky/DAZN)

AMICHEVOLI INTERNAZIONALI

Ore 18:00 Fiorentina-Always Ready (DAZN)

Ore 18:00 Inter-Salisburgo (pagina FB Inter)

Ore 18:45 Antalyaspor-Napoli (Sky)

 

Continua a leggere

Flash News

Spalletti: “Per noi sarà un vantaggio lavorare durante la sosta”

Pubblicato

:

Napoli

Luciano Spalletti, allenatore del Napoli durante un’intervista rilasciata alla stampa turca dal ritiro di Antalya, ha parlato della sosta che sta coinvolgendo anche il campionato di Serie A: “In momenti come questi, squadre come la nostra hanno l’opportunità di lavorare in modo più dettagliato. Non puoi andare sempre forte per tutto il tempo. La pausa offrirà l’opportunità di lavorare sui dettagli. Siamo molto contenti della forma che abbiamo raggiunto. Sarà un grande vantaggio per una squadra come la nostra poter lavorare e mantenere le nostre prestazioni in questo periodo. Abbiamo iniziato molto bene la stagione. è stato un vantaggio aver iniziato bene, abbiamo in squadra calciatori giovani molto forti. Abbiamo grande qualità ma abbiamo anche dei punti deboli.

Quindi mi congratulo con i miei giocatori per l’ottimo inizio. Faremo del nostro meglio per continuare così“.

Continua a leggere
Advertisement
Advertisement

I nostri approfondimenti

Giovani per il futuro

Esclusive

Fantacalcio

Serie A

Trending

Scarica L'App

Copyright © 2022 | Testata giornalistica n.63 registrata presso il Tribunale di Milano il 7 Febbraio 2017 | numero-diez.com | Applicazione e testata gestita da Número Diez SRL 12106070969