Dove trovarci

Gabigol meglio di Mbappé e André Silva

Gabigol prima di Mbappé, André Silva e Gabriel Jesus: è questo il dato disarmante che emerge dalla classifica stilata dal giornalista brasiliano Rafael Reis nella quale ha raccolto i dati dei goal siglati da giocatori under 23 nei venti principali campionati del globo. Gabigol è così il leader di questa speciale classifica, grazie ai suoi 111 goal messi a segno tra la nazionale maggiore e i club in Brasile, Portogallo e Italia.

LA CLASSIFICA

1 – Gabriel Barbosa (BRA, 22, Flamengo) – 111 gol

2 – Moussa Dembélé (FRA, 23, Lyon) – 104

3 – Kylian Mbappé (FRA, 20, Paris Saint-Germain) – 102

4 – Gabriel Jesus (BRA, 22, Manchester City) – 91

5 – Timo Werner (ALE, 23, RB Leipzig) – 86

6 – André Silva (POR, 23, Milan) – 84

7 – Dele Alli (ING, 23, Tottenham) – 80

8 – Bertrand Traoré (BUR, 23, Lyon) – 73

9 – Alberth Elis (HON, 23, Houston Dynamo) – 63

10 – Maxi Gómez (URU, 23, Valencia) – 62

IL MONDO AI SUOI PIEDI

Dal Messico alla Francia passando per il Portogallo, il Brasile, l’Italia e la Russia; poi ancora gli Stati Uniti, la Spagna, l’Inghilterra, il Qatar e la Cina. Questo il giro del mondo teorico che il giornalista Rafael Reis ha compiuto per stilare una classifica che da ragione a un ragazzo brasiliano classe ’96 che ha fallito con la maglia dell’Inter e che oggi in patria sta tornando a fare tutto ciò che ha sempre fatto: segnare goal a grappoli caricandosi sulle spalle il destino di una squadra storica come il Flamengo. Dietro di lui mostri sacri come Moussa Dembélé (104), oggi protagonista assoluto nella rinascita del Lione (sul quale pare ci sia anche la Juventus), Kylian Mbappé che di presentazioni ne ha bisogno ben poche con 102 goal, poi Gabriel Jesus (91) e Timo Werner (86), il primo ormai centrale nel progetto di Guardiola e il secondo assurto alle vette del calcio tedesco a suon di goal e prestazioni monstre.

ANDRÉ SILVA

Al sesto posto, prima di Dele Alli (80), Bertrand Traoré (73, anche lui al Lione), Elis (63) e Maxi Gomez (62), un ragazzo portoghese che da due anni non trova una collocazione a lui congeniale. È il caso di André Silva, sesto in classifica con 83 goal a referto, e fermo alla stazione di Milano Centrale senza conoscere il suo destino: il Milan non sembra volerlo trattenere e, anzi, starebbe cercando di piazzarlo altrove per poter finanziare il suo colpo in attacco, quell’Ángel Correa che ormai da mesi gravita attorno al mondo milanista: l’idea principato di Monaco è naufragata in breve tempo, mentre in Spagna nicchiano in attesa che il prezzo scenda. Il portoghese è ormai un potenziale craque finito in un labirinto di cui non si conosce l’uscita, aspettando che il mercato suggerisca la via. E pensare che soltanto due stagioni fa è stato pagato 38 milioni di euro.

Fonte immagine di copertina: profilo Instagram ufficiale @gabigol

Lascia un commento

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Altro in Generico