Connect with us
Gary Neville: "Cancelo poteva giocare nello United"

Flash News

Gary Neville: “Cancelo poteva giocare nello United”

Pubblicato

:

Se mai doveste cercare la definizione di “danno e beffa”, chiedete pure al Manchester United. Il perché lo spiega Gary Neville in un intervista rilasciata a Sky Sport dopo il derby di Manchester di Sabato. Joao Cancelo, dice l’ex difensore inglese, poteva essere un giocatore dei Red Devils, e invece ad oggi la realtà è ben diversa. Il portoghese infatti è stato l’uomo partita nel match giocato contro il Manchester City di Guardiola (perso per 2 a 0). Non solo, in entrambi i goal messi a segno dai citizens c’è il suo zampino. Suo infatti è il cross che porta all’autogoal di Bailly ed è sempre lui a disegnare l’assist per il goal di Bernardo Silva. Che beffa.

E il danno? Semplice: come spiega Neville, Cancelo poteva approdare a Manchester, sponda Red, già diversi anni fa. Era la stagione 2015/16 e il portoghese era un ragazzino di poco più di vent’anni tra le fila del Valencia. Neville invece era alla guida degli spagnoli (con risultati decisamente deludenti). La breve parentesi in Spagna però era bastata all’ex United per notare il talento cristallino di Cancelo. Ad un occhio come il suo certe cose non sfuggono.

Prontamente dunque Neville aveva segnalato il giovane Joao alla dirigenza dei Red Devils, ma evidentemente non gli è stato dato ascolto. La storia di Cancelo poi la conoscono tutti: dopo Valencia l’approdo a Milano, successivamente l’anno alla Juventus e infine il Manchester e Guardiola. Ad oggi è uno dei migliori terzini al mondo, e la prestazione di sabato scorso ne è la lampante dimostrazione. Il danno e la beffa, Manchester United docet.

Continue Reading
Commenta

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Calcio Internazionale

Le ufficiali del derby di Manchester: ten Hag schiera Evans in difesa

Pubblicato

:

Ten Hag

Alle ore 16.30 va in scena Manchester City-Manchester United, uno dei derby più accesi e sentiti d’Inghilterra. Due squadre in altitudini di classifica molto diverse, ma che offriranno comunque uno spettacolo degno della sua storia ed importanza.

Il City di Guardiola cerca i tre punti per inseguire il Liverpool, che mantiene dai citizens 4 punti di distacco e vanta il primato in classifica.

Lo United si ritrova invece in una situazione sicuramente più complessa rispetto ai rivali, sia dal punto di vista della classifica (ad oggi sesti a più di 10 punti dal quarto posto), e con uno spogliatoio fragile ed in evidente difficoltà.

Nonostante ciò, il derby di oggi promette comunque grandi colpi di scena, anche e sopratutto per via del delicato momento del campionato e per la grande esigenza delle due compagini di agguantare i tre punti.

LE FORMAZIONI UFFICIALI

MANCHESTER CITY (4-3-3): Ederson; Walker, Stones, Dias, Ake; Rodri, de Bruyne; Bernardo, Foden, Doku; Haaland. Allenatore: Guardiola.

MANCHESTER UNITED (4-3-3): Onana; Dalot, Varane, Lindelof, Evans; McTominay, Casemiro, Bruno Fernandes; Mainoo, Rashford, Garnacho. Allenatore: ten Hag.

Continua a leggere

Flash News

Ballardini post Hellas Verona-Sassuolo: “Possiamo giocarcela fino alla fine”

Pubblicato

:

Ballardini

BALLARDINI POST VERONA-SASSUOLO – Ai microfoni di DAZN, il tecnico del Sassuolo Davide Ballardini ha commentato la bruciante sconfitta rimediata nello scontro salvezza col Verona, in cui gli emiliani hanno rimediato inoltre l’ennesimo infortunio di Domenico Berardi.

L’allenatore ex Cremonese ha però cercato di rassicurare l’ambiente e ha caricato la squadra per i prossimi impegni, tutti decisivi per raggiungere l’obiettivo salvezza.

LA PARTITA – “Oggi il Sassuolo è sempre stato dentro la partita, concedendo poco o nulla a una squadra fisica e dinamica con buoni giocatori. Abbiamo giocato con personalità, non credo che il Verona meritasse di vincere ma se siamo in questa situazione non è solo sfortuna. Abbiamo le capacità per fare meglio”.

SUL GRUPPO – “Ho trovato un gruppo che proprio perché è così serio accusa di più la situazione, non essendocisi mai trovato, ma abbiamo le possibilità per uscirne. Il gruppo ha capito benissimo, anche troppo la situazione. Non devi avere la testa così pesante, bisogna allenarsi bene con la giusta energie e il furore per giocarsela fino alla fine. Voglio vedere ragazzi sereni, consapevoli del momento. Bisogna giocarcela fino alla fine perché abbiamo le qualità. Sono certo che possiamo farlo”.

L’INFORTUNIO DI BERARDI – “Sono molto dispiaciuto per il ragazzo, che è importante per il Sassuolo ma per tutto il calcio italiano. In due giorni ho potuto vedere che grande giocatore è, da qui in avanti faremo quello che questi giocatori con le loro qualità e capacità possono fare. Vedremo un Sassuolo molto competitivo, questo mi conforta”.

 

Continua a leggere

Flash News

Baroni dopo Hellas Verona-Sassuolo: “Oggi contava solo vincere”

Pubblicato

:

Baroni

Tre punti che ne valgono nove quelli che l’Hellas Verona ha raccolto oggi nella sfida salvezza contro il Sassuolo. A decidere il match contro i neroverdi è Swiderski, che a 11 minuti dalla fine ha battuto Consigli con il gol del definitivo 1-0. Gli scaligeri sono ora diciassettesimi in classifica, a -2 dal terzultimo posto del Cagliari, ora impegnato nel match in trasferta contro l’Empoli. Il lavoro, ovviamente, non è finito e l’Hellas Verona dovrà ancora racimolare diversi punti prima di considerarsi salvo, ma di certo il periodo di forma è positivo e la vittoria di oggi dà morale. Nel consueto post partita, il tecnico veronese Baroni ha commentato la gara ai microfoni di DAZN.

LA PARTITA – “Oggi sapevamo che era una partita difficile, sofferta, contro una squadra che ha grande qualità e colpi nel repertorio. C’era stato il cambio di allenatore, c’erano delle difficoltà ma la squadra è stata brava. Oggi era fondamentale vincere, siamo contenti. Chiaro che non abbiamo fatto niente, c’è tanto lavoro ma la squadra è viva e ci crede. Oggi chi è entrato ci ha dato risposte importanti, avanti tutta con questa determinazione e compattezza che è quello che ci serve”.

LA FORZA DEL GRUPPO – “C’è stato un momento difficile nel quale abbiamo cercato di vedere delle opportunità, ho la fortuna di avere un gruppo molto ricettivo. Non avevamo tempo, cerchiamo di accelerare l’integrazione dei nuovi dentro la squadra anche a livello mentale visto che vengono da un calcio diverso. Dobbiamo mantenere e rafforzare questa mentalità, anche in una partita di oggi con un carico nervoso importante la squadra è rimasta attenta. Siamo veramente contenti del risultato”.

SALVEZZA – “L’annata è sempre lunga, questa squadra ha sbagliato quattro rigori che ci hanno tolto tanto, ma io non abbasso mai la testa cercando ogni volta occasioni per crescere. Abbiamo portato dentro i nostri valori e la squadra ha capito che la strada è questa”.

SWIDERSKI – “Sicuramente chiunque va in campo dà tutto, da questo punto di vista ce la lotteremo con tutti. Per arrivare in fondo dobbiamo superare momento difficili come le sconfitte, cercando di tenere la barra dritta. Ci godiamo questa vittoria ma ci aspettano partite molto difficili, abbassare la tensione sarebbe mortifero. Dobbiamo incrementare assolutamente”.

Continua a leggere

Flash News

Il Cagliari perde Luvumbo: al suo posto entra Zappa

Pubblicato

:

Luvumbo, giocatore del Cagliari, Serie A, Coppa Italia

Il Cagliari, al 32′ del match contro l’Empoli, è stato costretto a cambiare Zito Luvumbo per Zappa a causa di un infortunio. Al 29′ del match, dopo un lancio lungo di Jankto, l’attaccante del Cagliari corre per prendere il pallone, ma, dopo che questo è uscito in rimessa laterale, il calciatore si ferma e si sdraia a terra. Per il giocatore di Ranieri si teme un infortunio di tipo muscolare, dato che prima di buttarsi a terra si è toccato la coscia sinistra. Tuttavia l’attaccante rossoblù è uscito dal campo con le sue gambe, accompagnato dallo staff medico, che lo ha prontamente soccorso. Non è il primo infortunio stagionale per l’angolano, che, seppur brevi, ha già subito due stop in questo campionato.

Al suo posto è entrato Gabriele Zappa, che non è un attaccante, bensì un terzino. Ora il Cagliari schiera in campo il solo Lapadula come attaccante puro. Il match, fondamentale in chiave salvezza, è ancora fermo sullo 0-0, anche se l’Empoli ha avuto le occasioni più importanti con Cambiaghi prima e Maleh poi, dove Scuffet si è superato con una parata chiave ai fini del risultato. Tuttavia, allo scadere del primo tempo, anche il Cagliari si è fatto sentire con un grande movimento d Lapadula, che ha colpito in maniera ottima la palla di testa. Ad ogni modo ha dovuto fare i conti con uno strepitoso Caprile, che ha blindato la porta con una gran parata.

Continua a leggere

I nostri approfondimenti

Giovani per il futuro

Esclusive

Fantacalcio

Serie A

Trending

Scarica L'App

Copyright © 2022 | Testata giornalistica n.63 registrata presso il Tribunale di Milano il 7 Febbraio 2017 | numero-diez.com | Applicazione e testata gestita da Número Diez SRL 12106070969