Connect with us

Flash News

Gaucci, niente saluto di Perugia: sepolto a Santo Domingo

Pubblicato

:

La scomparsa di Gaucci, storico presidente del Perugia, ha scosso il mondo del calcio e in particolare i tifosi umbri che conservavano dolci ricordi dell’ex patron.

LA DECISIONE

Un’altra notizia non farà però piacere ai tifosi del Perugia: il corpo di Gaucci non verrà rimpatriato da Santo Domingo, luogo in cui si è spento sabato scorso all’età di 81 anni. A confermare questa voce di corridoio ci ha pensato il figlio di Gaucci, il quale ha accolto il desiderio del padre di essere seppellito nel luogo in cui si trovava:

“Con mio padre ci sentivamo quasi tutte le settimane. Negli ultimi tempi era stato evidente il suo aggravamento. D’accordo con mio fratello Riccardo, abbiamo constatato che aveva fatto la scelta, da uomo libero, di tornare a Santo Domingo, dove i suoi figli sono ancora piccoli e sono distrutti dal dolore per aver perso il papà. Abbiamo ritenuto giusto che resti lì e credo che il suo volere fosse quello di rimanere dove aveva scelto di vivere”.

Resta il rammarico per i tifosi del Perugia di non poter dare un ultimo saluto allo storico presidente ma certamente l’idea che Gaucci possa riposare nel luogo in cui desiderava rimanere avrà lenito la tristezza di tutti i seguaci del Perugia.

Continue Reading
Commenta

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Calcio Internazionale

La FIFA pensa alla modifica della fase a gironi del Mondiale del 2026

Pubblicato

:

Qatar 2022 sarà l’ultimo Mondiale a 32 squadre. Nel 2026, i posti per il torneo più importante al mondo a livello calcistico infatti saranno addirittura 48.

Proprio per la prossima rassegna iridata, la Fifa starebbe pensando a delle modifiche del format. Secondo il Guardian Sport, l’idea iniziale sarebbe stata quella di formare 16 gironi da 3 squadre ognuno, mentre starebbe prendendo piede l’ipotesi di organizzare il torneo con 12 gironi da 4.

Per un Mondiale che deve finire e che non ci sta privando di sorprese, uno nuovo sta per nascere.

 

Continua a leggere

Flash News

Il polacco Marciniak arbitrerà la sfida tra Argentina e Australia

Pubblicato

:

Argentina, Messi parla al termine della partita contro la Polonia

I designatori arbitrali della Fifa hanno selezionato Szymon Marciniak per l’ottavo di finale tra Argentina e Australia, in programma sabato sera alle ore 20:00.

Il polacco quest’anno ha già arbitrato diverse partite importanti tra cui il match della fase a gironi della Uefa Champions League tra Barcellona e Inter, andato in scena al Camp Nou. Ha già una discreta esperienza sulle spalle, infatti durante il Mondiale del 2018 in Russia ha diretto due gare della fase a a gironi, vale a dire Argentina-Islanda e Germania-Svezia.

In campo internazionale Marciniak inoltre ha arbitrato alcune partite di qualificazione per i  Mondiali del 2014 in Brasile, aggiungendo al suo curriculum di direttore di gara anche il Campionato Europeo di calcio Under 21 andato in scena nel 2015. Il polacco è stato anche designato dalla Uefa per l’Europeo svoltosi in Francia nel 2016, arbitrando due gare della fase a gironi e successivamente l’ottavo di finale tra Germania e Slovacchia.

Continua a leggere

Flash News

Spinazzola racconta: “Douglas Costa l’avversario peggiore mai affrontato”

Pubblicato

:

Spinazzola

Durante la pausa Mondiale, la Roma ha preso parte ad una tournée in Giappone, dove si è resa protagonista anche di due amichevoli.

Spinazzola, nell’occasione, si è concesso a delle domande da parte di giovani calciatori del Nagoya Grampus, club con cui i giallorossi hanno chiuso una partnership.

L’esterno azzurro è stato chiamato a rispondere ad alcune domande e curiosità, tra cui una riguardante il suo ruolo che lo può vedere coprire entrambe le fasce:

Penso che sia una doppia arma. Se sai usare anche il sinistro, puoi andare sia a destra, sia a sinistra, hai più giocate”.

Alla domanda in cui gli veniva chiesto l’avversario più forte incontrato, ha detto:

Douglas Costa. Ovviamente parliamo di attaccanti esterni, dato che gioco sulla fascia”.

Poi ha anche rivelato la sua personale parola chiave della vita:

“Equilibrio”.

Continua a leggere

Calcio Internazionale

Courtois rabbioso: “Non chiamateci «Generazione d’Oro»”

Pubblicato

:

Courtois

Non chiamateci «Generazione d’Oro», non abbiamo vinto niente“. Queste le dure parole del numero 1 belga Thibaut Courtois nel postpartita contro la Croazia.

Courtois ha espresso tutta la sua delusione e il rammarico: la cosiddetta «Generazione d’Oro», nei fatti, non ha mai portato a casa trofei. La partita con la Croazia ha sancito l’eliminazione dal Mondiale della Nazionale belga, che ha chiuso il girone al terzo posto a -1 proprio dagli avversari di oggi.

Sarebbe stata fondamentale una vittoria per il Belgio, ma il pareggio a reti bianche ha consegnato il pass per gli ottavi agli uomini di Zlatko Dalic.

Continua a leggere
Advertisement
Advertisement

I nostri approfondimenti

Giovani per il futuro

Esclusive

Fantacalcio

Serie A

Trending

Scarica L'App

Copyright © 2022 | Testata giornalistica n.63 registrata presso il Tribunale di Milano il 7 Febbraio 2017 | numero-diez.com | Applicazione e testata gestita da Número Diez SRL 12106070969