Connect with us

Calcio Internazionale

George Weah, il calciatore-presidente che ha cambiato la Liberia

Pubblicato

:

Baraccopoli di Monrovia, Liberia, il 1° ottobre di 54 anni fa nasce George Weah, un bambino destinato a cambiare le sorti del proprio paese. Fin da piccolo alterna la carriera scolastica, in cui dimostra doti superiori alla media, alla sua più grande passione: il calcio. George sviluppa da ragazzo capacità da velocista che, abbinate ad un buon dribbling ed un senso del gol da vera prima punta, lo portano a spiccare tra i coetanei e a raggiungere la massima serie liberiana – continuando però il lavoro come centralinista.
Dopo due stagioni in cui centra le vittorie in campionato e coppa segnando a raffica, il torneo di casa inizia a stargli stretto, e opta per proseguire la carriera prima in Costa d’Avorio e successivamente in Camerun, al Tonnere Yaoundé. Con la squadra della capitale Weah trionferà ancora, e al termine della stagione arriverà la grande chiamata: si va in Europa.

GLI INIZI NEL CALCIO CHE CONTA

Ad interessarsi a King George è subito il Monaco, squadra di primo ordine francese reduce dalla vittoria del quinto titolo nazionale. Un primo anno di buon livello sarà accompagnato successivamente da una stagione sfortunata, caratterizzata da infortuni che ne rallenteranno la crescita. Ristabilita la salute fisica, Weah riprende da dove aveva lasciato e trascina il club del principato alla conquista della Coppa di Francia nella stagione 90-91. Per George, però, non è ancora abbastanza.
L’anno seguente sarà, infatti, quello della definitiva consacrazione. I monegaschi non vincono ma il liberiano brilla, scaturendo l’interesse di un PSG in netta crescita e disposto a creare una rosa per competere su ogni livello.

(Fonte: profilo Instagram @mundialstyle)

Nelle 3 annate passate all’ombra della Tour Eiffel, Weah trova compagni come Raí, fratello minore del più noto Sócrates, e Ginola, giocatore di fascia nel giro della nazionale francese, che lo supportano verso il campionato francese messo in bacheca.
Al di là delle ottime prestazioni all’interno dei confini transalpini, King George dimostra di prediligere i palcoscenici internazionali. Rimarrà storica la cavalcata dei suoi nella Champions League 94-95, della quale Weah risulterà essere capocannoniere ed interrotta solamente in semifinale, come già successo nelle stagioni precedenti in altre competizioni contro Juventus e Arsenal, per mano del Milan di Fabio Capello.

LA CHIAMATA DEL DIAVOLO ED IL PALLONE D’ORO

(Fonte: profilo Instagram @romanzo_calcistico)

Nell’estate che segue la cavalcata parigina sono proprio i rossoneri a prelevare l’attaccante liberiano, identificato come l’erede di un indimenticabile Marco Van Basten, appena ritiratosi dopo anni di calvario a causa di una caviglia che non ha voluto saperne di guarire.
Appena approdato in Serie A al Milan, Weah viene insignito del Pallone d’oro, risultando il primo non europeo ed ancora oggi l’unico africano a poter vantare tale riconoscimento.
La sua avventura con il Diavolo, in particolare, tralasciando il palmarès, viene ricordata per la sensazionale rete realizzata ai danni dell’Hellas Verona. Un coast to coast di 90 metri palla al piede che a distanza di quasi 25 anni rimane una delle azioni più emblematiche del calcio italiano.

Il poco successo nelle competizioni continentali sarà compensato dai due scudetti vinti da assoluto protagonista, con gol pesanti che hanno contribuito all’arricchimento della sala trofei del Milan.

IL TRAMONTO DI UN CAMPIONE

La prima parte della stagione 99-00, coincidente con l’acquisto di Shevchenko, è l’ultima per King George in Italia. Il liberiano decide di intraprendere una nuova avventura oltremanica nel Chelsea di Gianluca Vialli. Il finale di stagione Blues ed una mezza annata al Manchester City regaleranno a Weah una Coppa d’Inghilterra, ma la nuova esperienza sarà caratterizzata da pochi lampi ed alcune difficoltà di adattamento.
Nel gennaio 2001, George fa ritorno in Francia, questa volta al Marsiglia. Il copione visto in Inghilterra si ripete: in 6 mesi le reti saranno cinque ed il liberiano, così, si avvia verso il finale di carriera.
Le ultime apparizioni su un campo da calcio sono datate al 2002, negli Emirati Arabi Uniti, dove giganteggia in un campionato decisamente inferiore al suo livello.

WEAH ED IL RUOLO DECISIVO PER LA LIBERIA

Una volta ritiratosi e indossato giacca e cravatta, King George cerca di farsi spazio in politica. Dopo due elezioni presidenziali non andate a buon fine, Weah ottiene nel gennaio 2015 la nomina di senatore della Contea di Monserrado e ricopre la carica per 3 anni. A cavallo tra il 2017 e il 2018, l’ormai ex attaccante rossonero decide di tentare nuovamente una candidatura per la massima carica statale. Al ballottaggio ottiene oltre il 60% dei voti, ed il 22 gennaio 2018 George Weah diviene il nuovo presidente della Repubblica della Liberia.

Termina, almeno per il momento, l’ascesa di un bambino cresciuto in una baraccopoli della periferia della capitale. La storia di un uomo che è realmente riuscito a cambiare le sorti di un paese e che verrà ricordato come un punto cardine nella storia del continente africano sia come sportivo che come politico.

(Fonte immagine in evidenza: profilo Instagram @frammentidicalcio)

Continue Reading
Commenta

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Calcio Internazionale

La FIFA apre un’indagine su quattro calciatori dell’Uruguay!

Pubblicato

:

Cavani attaccanti Juve

Una delle tante sorprese di questo Mondiale in Qatar è stata l’eliminazione dell’Uruguay. Al fischio finale della partita, in particolare quattro calciatori in maglia celeste (Muslera, Godin, Gimenez e Cavani) si sono avventati contro l’arbitro, reo di non essere stato impeccabile in alcune decisioni. In particolare Gimenez e Cavani, al fischio finale, sono andati dal direttore di gara e avrebbero rispettivamente dato una gomitata ad un membro della FIFA e aver ribaltato il monitor del VAR. La risposta della FIFA non si è fatta attendere, espressa tramite un comunicato ufficiale.

LA RISPOSTA DELLA FIFA

Di seguito le parole del comunicato:

La commissione disciplinare della FIFA ha avviato un procedimento contro l’AUF per potenziali violazioni degli articoli 11 (comportamento offensivo e violazione dei principi del fair play), 12 (cattiva condotta di giocatori e funzionari) e 13 (discriminazione) del codice disciplinare della FIFA in relazione agli incidenti durante la partita dei Mondiali tra Ghana e Uruguay del 2 dicembre. Sono stati aperti fascicoli separati contro i giocatori uruguaiani José María Giménez, Edinson Cavani, Fernando Muslera e Diego Godín per potenziali violazioni degli articoli 11 e 12 del Codice disciplinare FIFA in relazione agli incidenti verificatisi al termine della suddetta partita.”

Continua a leggere

Calcio Internazionale

Il messaggio di Pelé per il suo Brasile: “Siamo insieme in questo percorso”

Pubblicato

:

Pelé

Il Brasile, alle ore 20:00 italiane, si incontrerà con la Corea per una gara valida per un pass per i quarti di finale del Mondiale in Qatar. Pelè, ex fuoriclasse brasiliano, ha mandato un messaggio alla Seleçao in occasione del match di oggi.

“VI SEGUIRÒ DALL’OSPEDALE”

Di seguito il messaggio di Pelè su Instagram:

Nel 1958, in Svezia, camminavo per le strade pensando di mantenere la promessa fatta a mio padre. So che molti della Nazionale hanno fatto promesse simili e sono anche alla ricerca del loro primo mondiale. Voglio ispirarvi amici miei. Guarderò la partita da qui all’ospedale e farò il tifo per ognuno di voi. Siamo insieme in questo percorso. Buona fortuna al nostro Brasile!”.

Nonostante le pessime condizioni di Pelè, l’ex fuoriclasse non fa altro che pensare alla propria Nazionale e a seguirla anche direttamente dall’ospedale.

 

Continua a leggere

Calcio Internazionale

De Vrij si allena a parte con l’Olanda: le ultime

Pubblicato

:

Inter

Strano Mondiale quello di Stefan De Vrij con l’Olanda fino ad ora: il difensore dell’Inter non ha mai messo piede sul sintetico dei campi del Qatar e la sua condizione continua ad essere non proprio ottimale.

OLANDA, DE VRIJ ANCORA A PARTE

Secondo quanto riportato da De Teegraaf, De Vrij sta continuando a seguire un programma personalizzato e anche ieri non si è allenato nemmeno con le riserve della Nazionale Olandese. Causa una pessima condizione, il difensore olandese sarà costretto a saltare la partita contro l’Argentina, valida per un pass in semifinale del mondiale, che si giocherà venerdì.

Con ogni probabilità, Louis Van Gaal riproporrà la difesa a 3 composta da Timber, Van Dijk e Aké, con anche Matthijs de Ligt in panchina, oltre all’infortunato de Vrij.

Continua a leggere

Calcio Internazionale

Santos furioso con Ronaldo: “Deciderò all’ultimo se giocherà”

Pubblicato

:

Pronostico Portogallo-Spagna

L’uscita polemica di Cristiano Ronaldo durante Portogallo-Corea Del Sud non poteva certamente passare inosservato.
Il Ct portoghese, Fernando Santos, è tornato sulla questione oggi in conferenza stampa, con toni decisamente elevati:

“Non ho sentito cosa ha detto Ronaldo mentre usciva, ma ho rivisto la scena in tv e ho capito, è una cosa gravissima che non deve capitare più. Non voglio soffermarmi troppo sull’argomento, certe cose si risolvono nello spogliatoio. Non so ancora chi giocherà, la formazione la decido sempre all’ultimo momento, cercando di schierare il miglior Portogallo possibile, così sarà anche domani”.

Insomma, la situazione è molto delicata in casa Portogallo, inoltre le voci di un possibile approdo di CR7 in Arabia Saudita non migliorano certo la situazione, visto che la Nazionale è concentrata sul passaggio del turno.

Continua a leggere
Advertisement
Advertisement

I nostri approfondimenti

Giovani per il futuro

Esclusive

Fantacalcio

Serie A

Trending

Scarica L'App

Copyright © 2022 | Testata giornalistica n.63 registrata presso il Tribunale di Milano il 7 Febbraio 2017 | numero-diez.com | Applicazione e testata gestita da Número Diez SRL 12106070969