Dove trovarci
Ikonè

Generico

I giudizi finali di Numero Diez: Fiorentina, stagione anonima

I giudizi finali di Numero Diez: Fiorentina, stagione anonima

“Sono felicissimo di restare. C’è il desiderio di migliorare”.

Il 7 maggio 2016 Paulo Sousa commentava così la decisione della Fiorentina di confermarlo anche per la stagione successiva. E’ difficile credere, a un anno esatto di distanza, che l’idea del tecnico portoghese sia rimasta ancora la stessa. E lo stesso dicasi per i tifosi, viola nell’umore, delusi da una stagione largamente al di sotto delle aspettative.

ASPETTATIVE, GIUDIZIO E REALTÀ

Il momento ci impone un giudizio preciso sul campionato della Fiorentina. Ai nastri di partenza, i gigliati partivano con le giuste ambizioni, dettate dal quinto posto dello scorso anno, quando chiusero a soli 3 punti dall’Inter quarta. Le proiezioni vedevano i viola in piena corsa per un posto in Europa League, con un pensiero anche ai preliminari di Champions League. Soprattutto, ci si aspettava la definitiva esplosione o conferma di alcuni giocatori chiave dello scacchiere di Sousa, oltre che del tecnico stesso, chiamato a una grande stagione – tra campionato e coppa – prima di tentare il salto in una grande squadra.

Quarantasei partite dopo, non si può fare altro che dare un voto negativo all’annata viola. La condizione societaria, con i fratelli Della Valle apparsi demotivati in alcune fasi della stagione, e quella del tecnico stesso, costantemente al centro di voci di mercato, hanno reso la vita difficile a una squadra che ha mancato l’appuntamento con il passo in avanti. In termini di numeri, i punti in meno rispetto all’anno scorso sono solo 4, ma la classifica si è allungata e la competitività del campionato è aumentata. La viola ha perso il treno dell prime ed è stata risucchiata all’ottavo posto, un risultato anonimo.

Nel finale di stagione è stata protagonista della non-corsa al sesto posto, alla fine andato al Milan, sfumato per tre punti. 63 i gol fatti, ben 57 subiti, tantissimi. Ma tralasciando i numeri e i dati, quel che maggiormente sorprende (in negativo) della stagione della Fiorentina è la mancanza di verve e di voglia emersa in molte partite e l’atteggiamento di molti giocatori, apparsi passivi e non all’altezza della situazione: da Ilicic a Gonzalo Rodriguez, da Kalinic a Borja Valero. Tutti calciatori protagonisti di un chiaro calo di rendimento.

C’è poi il capitolo legato agli acquisti: Cristoforo, Olivera, Salcedo, Sportiello e Milic sono giocatori impiegati sporadicamente, mai in grado di dimostrare il proprio valore. Più o meno lo stesso discorso vale per Saponara, acquistato a gennaio ma autore di una seconda parte di stagione quasi fantasma. Nell’anonimato, spunta il nome di Federico Bernardeschi. Insieme a Vecino, Chiesa e Babacar (soprattutto nel girone di ritorno) è stato uno dei migliori. Non a caso, le sue quotazioni aumentano e l’eventualità di una cessione è sempre maggiore.

Ora, la nebbia sul futuro di società e area tecnica va diradata nel più breve tempo possibile. L’obiettivo per la prossima stagione è ripartire, con qualche ambizione in meno e tentare di sorprendere tutti.

I VOTI ALLA FIORENTINA 2016-2017

PORTIERI: Tatarusanu 5,5 – Sportiello 5,5 – Dragowski S.V

DIFENSORI: Astori 6 – Tomovic 5,5 – Gonzalo Rodriguez 5 – Salcedo 5 – De Maio 5,5 – Milic 5.5 – Olivera 5

CENTROCAMPISTI: Sanchez 6 – Borja Valero 5,5 – Vecino 6,5 – Badelj 5,5 – Cristoforo 5 – Chiesa 6,5 – Ilicic 5,5 – Saponara 5,5

ATTACCANTI: Kalinic 6 – Babacar 6 – Tello 6 – Bernardeschi 6,5

ALLENATORE: Paulo Sousa 5,5

 

Lascia un commento

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Altro in Generico