Dove trovarci

Gol e spettacolo nel Boxing Day inglese

Nessun allenatore ha problemi a giocare a Santo Stefano, ma giocare il 26 e il 28 dicembre è un crimine. Nessuno è d’accordo, ma va ancora così.

Queste le dure parole di Jürgen Klopp riguardo il fitto calendario di Premier, che a detta del tedesco non concede ai giocatori un fisiologico riposo a seguito dell’impegno sportivo. Proprio ieri in Inghilterra è andato infatti in scena il famoso “Boxing Day“, rituale che ormai prosegue molti anni e che implica una giornata di campionato nel giorno di Santo Stefano. Non poche sono state le sorprese nella giornata di ieri, con Chelsea e Arsenal che continuano a non trovare una vera e propria continuità di gioco, mentre Manchester United e Tottenham che rispondono alle critiche accorse nell’ultimo periodo. Da non dimenticare, inoltre, la reboante vittoria del Liverpool ed un Norwich sempre più vicino alla retrocessione in Championship.

MOURINHO E SOLSKJÆR DA CONFERMA

Prosegue il periodo positivo di Mourinho sulla panchina del Tottenham. In sette partite disputate, sono state infatti cinque le vittorie conseguite, uno score che ha permesso alla squadra londinese di riavvicinarsi prepotentemente al quarto posto. Gli Spurs nella giornata di ieri sono anche momentaneamente passati in svantaggio, complice la rete di Adam Webster. Nonostante ciò, dopo il gol del Brighton, i ragazzi del mister portoghese sono stati bravi a ricompattarsi e ad opporre un contrattacco fluido. Il pallino del gioco era quasi sempre in mano a Harry Kane e compagni e dunque sono state abbastanza logiche le conseguenti reti proprio di Harry Kane e di Dele Alli, che hanno regalato i tre punti al tecnico di Setúbal. Un Tottenham che ha rischiato e che presenta ancora ampi margini di miglioramento. Con una soglia di attenzione difensiva maggiore le partite potrebbero mettersi subito in discesa per loro.

Prosegue invece il campionato estremamente altalenante del Manchester United, che dopo aver perso 2-0 contro il fanalino di coda Watford, riesce ad imporsi per 4-1 contro il Newcastle. Una vittoria che fa salire i Red Devils al settimo posto, a quattro lunghezze dal Chelsea quarto. Una partita che, come testimonia il risultato, mai è stata in discussione. Anche la squadra del tecnico norvegese era andata in svantaggio con la rete di Matthew Longstaff, ma un evidente errore di Martin Dubravka sulla conclusione di Anthony Martial ha consegnato il pareggio allo United. United che si è ripetuto circa dieci minuti dopo con una grande conclusione da fuori area di Mason Greenwood, gioiellino della cantera inglese. Al 41′, Aaron Wan-Bissaka da posizione laterale lascia partire un bel cross, sul quale si avventa Marcus Rashford, che da vero centravanti sigla il 3-1. Nel secondo tempo ci sarà per altro spazio per la doppietta di giornata di Martial, che fa concludere l’incontro sul 4-1 definitivo.

Animated GIF

La splendida conclusione del 2-0 targato Mason Greenwood

CROLLO ARSENAL E CHELSEA

Cambia la guida tecnica dell’Arsenal, ma i risultati continuano a non variare. Ieri un deludente pareggio contro il Bournemouth per i ragazzi di Arteta, che ha consegnato alla squadra molte meno consapevolezze di quanto già ne avessero precedentemente. Un team che appare alla costante ricerca di sé stesso, con davvero pochi interpreti in grado di fare una differenza netta. Ieri, addirittura, l’Arsenal era anche passato in svantaggio sotto i colpi insistenti degli avversari, con la rete di Dan Gosling. Anche a seguito del gol incassato c’è stata una reazione, ma molto futile, non concretamente focalizzata ad una vittoria finale. Infatti, a seguito del pareggio del solito Aubameyang, il force finale non è sembrato così deciso come sostanzialmente doveva essere. Arsenal che adesso si ritrova in undicesima posizione, piazzamento desolante per una realtà abituata a ben altri obiettivi.

Segue a ruota il Chelsea di Frank Lampard, che dopo un iniziale periodo positivo adesso sembra non riuscire più a vincere in maniera continua. Dopo un convincente successo contro il Tottenham nella precedente giornata, i Blues crollano in casa contro il Southampton alla disperata ricerca di punti salvezza (ad oggi a più tre sul diciottesimo posto). Anche i ragazzini di Lampard sembrano aver perso quell’entusiasmo iniziale, crogiolandosi spesso in un possesso palla sterile, mai finalizzato ad una veloce verticalizzazione offensiva. Merito comunque anche del Southampton di Ralph Hasenhüttl, che ha disputato una gara assai ordinata, soprattutto a livello difensivo. Molto bello il primo gol di Michael Obafemi a cui è seguita, nel secondo tempo, la rete di Nathan Redmond in contropiede. Problema della società di Abramovich sicuramente una molto più che penetrabile difesa a tre, che ha letteralmente danzato per tutto l’arco della sfida.

Animated GIF

Seconda rete in contropiede del Southampton, siglata da Nathan Redmond

BUONA LA PRIMA PER ANCELOTTI, LIVERPOOL IMBATTIBILE

Sorridono le due compagini di Liverpool. Carlo Ancelotti, alla prima da allenatore, raggiunge una complessa vittoria in casa contro il Burnley. In un match predominato dai Toffees, il gol è arrivato solamente all’80’ con Dominic Calvert-Lewin, centravanti della squadra. Il mister di Reggiolo ha deciso di affidarsi ad un 3-4-1-2 con Richarlison dietro Bernard e Calvert-Lewin. Modulo che gli ha concesso senza dubbio un controllo territoriale maggiore, soprattutto a centrocampo, ma rivedibile sia in fase arretrata che nell’inserimento a turno delle mezzali. Buono anche il quarto d’ora disputato da Moise Kean, subentrato a Bernard. Si è particolarmente visto come il ragazzo italiano voglia impressionare il tecnico, suo connazionale, per guadagnare un minutaggio maggiore rispetto a quello avuto sino ad ora.

Anche in un match in cui fisiologicamente si poteva concedere qualcosa, soprattutto considerato anche l’impegno del 29 contro il Wolverhampton, il Liverpool non fa sconti e regola con un secco 4-0 il Leicester per ora secondo in classifica, in attesa del match di questa sera del Manchester City. Un Liverpool detonante, che attesta una stato di forma da miglior squadra del mondo. Il risultato, addirittura, sembra non dare completa giustizia alla gara dei Reds, che hanno controllato il match dal primo all’ultimo minuto, non concedendo nemmeno un tiro in porta agli avversari. Apre le danze Roberto Firmino al 31′ su ottima assistenza di Alexander-Arnold. Al 71′ Soyuncu tocca il pallone di mano in area di rigore. Dal dischetto Milner non sbaglia. Tre minuti dopo ancora Roberto Firmino cala la doppietta personale. C’è tempo inoltre per il meritato 4-0 di Alexander-Arnold, che dopo due assist si prende di diritto la sua seconda marcatura stagionale.

Animated GIF

La prima rete di Roberto Firmino

LONTANO DAI RIFLETTORI

Lontano dalle luci dei riflettori, ci sono state altre conferme importanti, come l’importantissima vittoria dell’Aston Villa che dopo quattro sconfitte in campionato riesce a vincere lo scontro salvezza contro un Norwich sempre più in basso. Decide la gara la rete di Conor Hourihane, alla sua settima realizzazione stagionale. Match che tuttavia ha visto il Norwich prevalere, senza però essere in grado di finalizzare a dovere. Buono anche il pareggio del Watford, che dopo la vittoria sorprendente contro il Chelsea riesce ad ottenere un altro punto con lo Sheffield, staccandosi completamente dall’ultimo posto. A segnare, per gli Hornets, ci ha pensato Deulofeu. Watford che poi naturalmente è andato incontro a ingenti difficoltà contro uno Sheffield che continua ad esprimere un calcio estremamente fluido e propositivo. Logico quindi il pareggio di Oliver Norwood su calcio di rigore. Per ultima, la bella vittoria del Crystal Palace contro il West Ham giunta per altro al 90′. La squadra di Pellegrini si porta in vantaggio con gol di Robert Snodgrass a cui risponde Cheikhou Kouyate, ex di giornata. Come detto precedentemente, al 90′ la decide Jordan Ayew con un’azione personale incredibile, conclusa con un leggero scavetto a Roberto Jiménez.

Animated GIF

L’incredibile azione personale di Jordan Ayew

 

(Fonte immagine copertina: profilo IG @mrancelotti)

Lascia un commento

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Altro in Archivio generico