Un blackout di sette, rapidissimi minuti che hanno condannato il Barcellona alla terza sconfitta in campionato. Ancora una volta il blaugrana hanno mostrato una fragilità difensiva e mentale già rimproverata da Ter Stegen negli scorsi giorni. Ieri nel post partita, Griezmann ha provato a dare una spiegazione al pomeriggio di fuoco in quel di Valencia, in casa del sorprendente Levante:

 “Non c’è una spiegazione logica a quei sette minuti ed è questa la cosa più preoccupante. Bisogna vedere cosa abbiamo sbagliato e fare in modo di migliorare. Può dipendere da tanti fattori, ma alla fine il risultato è che abbiamo avuto un blackout, tre gol in neanche dieci minuti. Può essere una questione di gioco, ma anche di atteggiamento, sono cose che possono succedere durante una partita. Ma bisogna fare in modo che non accadano più”. 

Poi le Petit Diable si è soffermato sul proprio avvio di stagione, non particolarmente esaltante. Il francese è infatti spesso partito dalla panchina ma non ne fa un dramma e spiega:

“Mi vedo bene. Una cosa del genere mi è successa all’Atletico e mi sta succedendo anche qui. Non è che posso imparare la tattica in un secondo, ma sono abituato”. 

E proprio tornando a parlare del suo passato, Griezmann non perde occasione di ringraziare il Cholo, vero maestro dell’arte della difesa. L’attaccante francese infatti, mostra sempre in campo un atteggiamento di sacrificio ammirabile, appreso proprio da Simeone:

 “Grazie al Cholo, che mi ha insegnato tutto questo, a giocare più indietro o più avanti”. 

(Fonte immagine copertina: profilo Instagram Barcellona)