Connect with us

Generico

I 5 talenti più interessanti della MLS

Pubblicato

:

Molti credono che sia il solito campionato dove i giocatori vengono a svernare. In tanti pensano che negli USA si giochi a calcio soltanto per una questione di business, che non ci sia interesse per la crescita dei giocatori ma che la volontà sia solo quella di acquistare ex fenomeni e portarli in America per accrescere la fama del campionato.

In realtà la MLS non è soltanto Ibra, Villa, Giovinco. Certo, noi ci ricordiamo dei giocatori forti, quelli che sono venuti nel Nuovo Mondo per chiudere la carriera: uno dei primi fu David Beckham, ma anche i vari Henry, Kakà e ultimo tra i top Wayne Rooney. Ma il campionato a stelle e strisce è anche gioventù, talento (potenziale) e speranza: in generale per la Lega, ma in alcuni casi anche per la nazionale americana, che sta cercando di risorgere con tanti giovani ragazzi che vengono dopo la generazione dei vari Donovan, Dempsey e Tim Howard.

Ne vediamo cinque, più o meno giovani.

MIGUEL ALMIRON – 1994 – Atlanta United – Trequartista

Il nome più chiacchierato degli ultimi mesi di calcio americano. Non contiamo Ibra, che vince sempre con ampio scarto. Il paraguayano di 24 anni sta illuminando con giocate brillanti gli stadi statunitensi: fisico longilineo e piede mancino educato, ama giocare tra le linee. Ha capacità realizzative importanti, ma come la maggior parte dei numeri 10 è il più classico dei giocatori da “ultimo passaggio”; 12 le marcature, 13 le assistenze in questa stagione, che hanno aiutato anche l’ex Torino Josef Martinez a risultare uno dei migliori attaccanti della lega. Alterna conclusioni potenti ad altre più precise e delicate, senza disdegnare alcune scorribande palla al piede (non ha grande fisicità, ma i suoi 175 cm gli permettono di reggere discretamente i contatti).

Il suo nome ultimamente è uscito sui grandi giornali sportivi, dato che su di lui si è riversato l’interesse di diversi top club europei: in estate si era parlato di Inter, ma la valutazione spaventò i nerazzurri. Si è fatto avanti l’Arsenal, che pare averlo praticamente acquistato per ben 13 milioni di euro, molti per un giocatore degli USA. Almiron, dopo il passato al Lanus ed il presente ad Atlanta, è pronto all’avventura inglese.

Perchè normalmente negli USA si sceglie di andare a fine carriera, ma in altri casi si parte dagli Stati Uniti per svoltare la propria avventura calcistica.

ALPHONSO DAVIES – 2000 – Vancouver Whitecaps – Esterno

Millennial, ma già detentore di alcuni record: giocatore più giovane ad aver esordito, segnato e preso un cartellino rosso con la nazionale canadese. A soli 18 anni. Esterno d’attacco tutta tecnica e velocità dei Vancouver Whitecaps, nasce in Liberia ma si trasferisce prestissimo in Canada a causa della guerra; è dotato di grande fisicità, ma il giovane Davies ha impressionato un po’ tutti per le sue qualità da funambolo: controllo e conduzione palla da giocatore sopra la media, ha grande forza nelle gambe (il che gli permette di essere esplosivo nel breve) e personalità da vendere, dato che a 18 anni già si prende responsabilità che in pochi si assumerebbero.

Qualcuno già lo vede come potenziale fenomeno del calcio mondiale, e non è un caso che una delle società più organizzate e lungimiranti d’Europa abbia anticipato la concorrenza: 10 milioni per strappare il piccolo – per modo di dire – Alphonso alle altre grandi del Vecchio Continente, ed ecco che il giovane canadese a gennaio diventerà un nuovo giocatore del Bayern Monaco. Di certo non per essere subito protagonista, ma crescere in un ambiente come quello bavarese gli darà sicuramente tanto.

E visto che nel suo ruolo potrà imparare da due mostri sacri come Robben e Ribery, ci sarà solo da divertirsi.

WIL TRAPP – 1993 – Columbus Crew – Centrocampista

Non è giovanissimo come Davies, ma è il classico usato sicuro che può far comodo a tante squadre europee. Trapp – non è ovviamente parente dell’ex portiere tedesco del PSG – è il centrocampista centrale dei Columbus Crew, dei quali è pure il capitano. Non solo, è anche il capitano della nuova nazionale degli USA, che ha scelto il carisma e la leadership di questo centrocampista centrale di 25 anni per guidare The Yanks. 

Destro di piede, ha tecnica da vendere e una capacità di verticalizzare il gioco che può far gola a tanti club: non sono molti i giocatori che cercano l’imbucata con facilità nel calcio di oggi, motivo per il quale il nome di Trapp può entrare nei taccuini di molti club. Ha la faccia sveglia, quasi furba verrebbe da dire, ma rispecchia perfettamente il suo modo di giocare; svelto, rapido mentalmente e soprattutto sicuro di sé quando si tratta di prendere una scelta.

Se a 25 anni sei già leader indiscusso della tua nazionale – qualunque essa sia – un motivo ci deve essere. Per caratteristiche fisiche e tecniche potremmo definirlo un “Verratti” della MLS, ma adesso c’è da capire se continuerà la sua avventura negli USA o se tenterà il grande salto in uno dei principali campionati europei.

TYLER ADAMS – 1999 – New York Red Bulls – Centrocampista

Insieme a Timothy Weah è il talento più scintillante della nazionale statunitense. Il più classico dei giocatori moderni, che nasce centrocampista centrale ma all’occorrenza occupa anche il ruolo di terzino, senza alcun problema sia a destra che a sinistra. Un giocatore alla Joshua Kimmich, di quelli che hanno gamba e anche un discreto fisico ma con una tecnica tale da poter giocare anche nelle zone centrali e più calde del terreno di gioco; come detto è già uno dei punti fissi della nazionale degli USA, ma soprattutto è uno dei leader tecnici dei NY Red Bulls, che hanno cresciuto nella loro Academy questo ragazzino di soli 19 anni.

Tanti giocatori del passato degli USA ne hanno tessuto le lodi, e tanti lo danno già nel breve termine come possibile partente, con ovvia destinazione: Europa. Vista e considerata la società che pubblicizza la prima squadra di New York, pare ovvia la sua prossima città.

Anche in Germania c’è una squadra pubblicizzata Red Bull, ed è l’ambizioso Lipsia. L’occhio è già stato buttato nella Grande Mela, e Tyler Adams potrebbe finire proprio a Lipsia, dove i giovani sono sempre protagonisti e dove potrebbe continuare a sviluppare le sue enormi doti. Ha ancora limiti tattici – che sono sicuramente migliorabili in Europa – e alcune pecche tecniche, ma i ritmi del calcio europeo gli permetteranno un (quasi) ovvio salto di qualità.

DIEGO ROSSI – 1998 – Los Angeles FC – Attaccante

Oggi va di moda la definizione di garra charrua, ed in effetti un po’ la si vede in questo ragazzo uruguaiano di chiare origini italiane. Diego Rossi, 20 anni, attaccante della seconda squadra di Los Angeles, è arrivato in punta di piedi in California dal glorioso Peñarol; è un attaccante minuto, molto veloce e dotato tecnicamente, che ama partire dall’esterno: piede destro, sa giocare su entrambe le fasce – il che gli permette sia di assistere i compagni dal fondo che di concludere in porta rientrando – ma ha sviluppato, a dispetto del suo fisico, una notevole capacità realizzativa anche partendo dentro l’area di rigore. Rapace, nonostante i suoi 170 cm che non gli permettono di svettare tra i centrali avversari.

Tra i giocatori citati probabilmente non è il più talentuoso, ma nonostante tutto la sua voglia di emergere e la sua cattiveria agonistica gli permettono di emergere anche tra i colossi – come storia e come fisico – del calcio made in USA. Se in Uruguay aveva colpito per velocità e assist, in America si sta facendo vedere anche in zona gol (10 gol nella stagione passata), il che potrebbe dargli la possibilità di mettersi in mostra.

Garra o non garra, Diego Rossi sta attirando l’attenzione.

Continue Reading
Commenta

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Flash News

Lecce favorito per la retrocessione? La risposta dell’ad Mencucci

Pubblicato

:

Lecce

In occasione della presentazione della squadra femminile del Lecce Sandro Mencucci, amministratore delegato della società giallorossa, ha rilasciato dichiarazioni inerenti al momento stagionale della formazione di Marco Baroni. 

LE DICHIARAZIONI DI BARONI

I bookmakers continuano ad indicarci come come una delle due principali indiziate alla retrocessione, ma per me questo è un fatto positivo. E’ sempre meglio essere un underdog, ci considerino anche così. Mi tengo la mia squadra e quello che di buono sta facendo, andiamo avanti per la nostra strada”.

Baroni, oltre a dimostrarsi noncurante delle quotazioni che pongono il Lecce tra le indiziate per un’eventuale retrocessione, ha riferito belle parole nei confronti del proprio direttore tecnico: “Corvino è il migliore nel suo ruolo, non solo in Italia ma in Europa. Il presidente è una persona straordinaria con delle qualità importanti che ha sempre messo a disposizione tutto per il bene del Lecce”. 

Continua a leggere

Flash News

Orgoglio De Zerbi, senti Klopp: “Allenatore esaltante”

Pubblicato

:

De Zerbi

Attestato di stima nei confronti di Roberto De Zerbi da parte dell’allenatore del Liverpool Jurgen Klopp. Il tecnico tedesco ha infatti parlato in conferenza stampa alla vigilia del match di Premier ad Anfield contro il Brighton, sulla cui panchina si è appena seduto l’italiano ex Shakhtar. Ecco cosa ha detto Klopp sul neo tecnico dei Seagulls.

ALLENATORE INFLUENTE, OTTIMA SQUADRA

Il Brighton ha fatto benissimo finora e ora hanno un allenatore davvero esaltante. Un allenatore davvero coraggioso, influente, che ha un’idea di calcio che si adatta al Brighton. Non sappiamo cosa aspettarci a parte un’ottima squadra“.

Continua a leggere

Flash News

Si svuota l’infermeria del Napoli: c’è il comunicato ufficiale

Pubblicato

:

Napoli

Il Napoli si prepara per la sfida contro il Torino. Alle ore 15:00 di sabato 1 ottobre allo stadio Diego Armando Maradona andrà in onda la prima sfida dell’ottavo turno di Serie A, la prima partita dal rientro dalle nazionali. In vista di questa importante gara, Luciano Spalletti potrà fare affidamento su un’ampia gamma di scelte.

Infatti, è proprio la società partenopea ad aver confermato il pieno recupero di tre pedine chiave nella scacchiera di Spalletti. Si tratta di Politano, Lozano e Amir Rrahmani, che sono nuovamente a disposizione pronti per il rientro in campo. È probabile che il difensore centrale, così come una delle due ali, figurerà direttamente nell’undici titolare.

Di seguito la nota divulgata dal Napoli tramite i propri canali ufficiali:

Seduta mattutina per il Napoli all’SSCN Konami Training Center. Gli azzurri preparano il match di domani contro il Torino in programma allo Stadio Maradona per l’ottava giornata di Serie A. Dopo una prima fase di attivazione in palestra, la squadra ha svolto esercizi atletici finalizzati alla rapidità e lavoro tattico. Successivamente partita a campo ridotto, possesso palla e chiusura con situazioni di gioco su palle inattive. Politano ha svolto l’intera seduta in gruppo. Osimhen ha svolto lavoro personalizzato in campo. Lozano è rientrato dall’impegno con la Nazionale e ha svolto allenamento in gruppo. Assente Gaetano per una sindrome para influenzale“.

Rimane indisponibile Osimhen, ancora alle prese con il problema muscolare accusato durante la sfida contro il Liverpool.

Continua a leggere

Flash News

Lecce-Cremonese, le probabili formazioni: c’è Strefezza, manca Chiriches

Pubblicato

:

Strefezza

Domani torna in campo la Serie A dopo la sosta delle nazionali e domenica alle 15 andrà in scena un match molto importante ai fini della salvezza: Lecce-Cremonese. Per Baroni sono due i dubbi di formazione. Al centro dell’attacco è apertissimo il ballottaggio tra Ceesay e Colombo, con il primo in vantaggio. Sulla sinistra Gallo è avanti a Pezzella. Davanti per la prima volta insieme da titolari Strefezza e Banda. Alvini invece deve registrare l’assenza di Chiriches, sostituito da Hendry. In dubbio anche Castagnetti. Confermata la coppia Dessers-Okereke in attacco.

Queste le probabili formazioni per il match tra le due neopromosse.

LECCE (4-3-3): Falcone; Gendrey, Baschirotto, Porgracic, Gallo; Gonzalez, Hjulmand, Askildsen; Strefezza, Ceesay, Di Francesco. All. Baroni squalificato (in panchina Del Rosso).

CREMONESE (3-4-1-2): Radu; Hendry, Bianchetti, Lochoshvili; Sernicola, Meité, Pickel, Valeri; Ascacibar; Dessers, Okereke. All. Alvini.

 

Continua a leggere
Advertisement
Advertisement

I nostri approfondimenti

Giovani per il futuro

Esclusive

Fantacalcio

Serie A

Trending

Scarica L'App

Copyright © 2022 | Testata giornalistica n.63 registrata presso il Tribunale di Milano il 7 Febbraio 2017 | numero-diez.com | Applicazione e testata gestita da Número Diez SRL 12106070969